Svelata la selezione di Cannes 2014

Svelata la selezione di Cannes 2014

La selezione di Cannes mette in mostra un concorso di prestigio ma abitato quasi esclusivamente da nomi noti, da Assayas a Zvyagintsev. In Un certain regard c’è invece spazio per Lisandro Alonso, Mathieu Amalric e Jessica Hausner…

David Cronenberg, Olivier Assayas, Tommy Lee Jones, Ken Loach, i fratelli Dardenne… Come sempre, il primo sguardo ai nomi che concorreranno per la conquista della Palma d’Oro lascia una leggera sensazione di vertigine: il gotha del cinema mondiale sembra darsi appuntamento sulla Croisette con spaventosa regolarità. E non c’è dubbio che titoli come Deux jours, une nuit, The Homesman, e Maps to the Stars risultassero tra i più attesi dell’anno per buona parte della falange cinefila. Eppure mai come quest’anno si avverte un arroccamento su posizioni consolidate da parte dello staff capitanato da Thierry Frémaux: il concorso appare come materia a uso e consumo di nomi che difficilmente potrebbero essere mai considerati “scommesse”, a partire (in ordine meramente alfabetico) da Olivier Assayas per arrivare ad Andrey Zvyagintsev.
Non che si voglia aprire chissà quale processo su una tale scelta, che è in parte dettata anche dalla tradizione di un festival che ha sempre fatto della grandeur una delle sue prerogative irrinunciabili, eppure proprio l’unico film italiano in concorso, Le meraviglie di Alice Rohrwacher, rappresenta una delle poche anomalie rispetto alla prassi (insieme a Damián Szifron, il cui esordio al lungometraggio risale comunque a undici anni fa).

Al di là di questo, inutile sottolineare come le attese più spasmodiche si indirizzino verso Sommeil d’hiver di Nuri Bilge Ceylan, Timbuktu di Abderrahmame Sissako e soprattutto Adieu au langage di Jean-Luc Godard, il più anziano tra i registi in competizione eppure al tempo stesso uno dei pochi a considerare ancora la creazione cinematografica come un’epifania continua. In attesa di scoprire cosa regaleranno la Quinzaine des realisateurs e la Semaine de la critique, risvegliano sogni, desideri e ossessioni cinefile in Un certain regard Lisandro Alonso (Jauja), Mathieu Amalric (La chambre bleue), Jessica Hausner (Amour fou), la coppia Wenders/Ribeiro Salgado (The Salt of the Earth) e, perché no?, anche Incompresa di Asia Argento… In attesa di poter dire di più sui film dalla Croisette, eccovi l’elenco delle opere selezionate per il concorso:

Compétition
Sils Maria di Olivier Assayas
Saint Laurent di Bertrand Bonello
Sommeil d’hiver di Nuri Bilge Ceylan
Maps to the Stars di David Cronenberg
Grace de Monaco di Olivier Dahan
Deux jours, une nuit di Jean-Pierre e Luc Dardenne
Mommy di Xavier Dolan
Captive di Atom Egoyan
Adieu au langage di Jean-Luc Godard
The Search di Michel Hazanavicius
The Homesman di Tommy Lee Jones
Still the Water di Naomi Kawase
Mr. Turner di Mike Leigh
Jimmy’s Hall di Ken Loach
Foxcatcher di Bennett Miller
Le meraviglie di Alice Rohrwacher
Timbuktu di Abderrahmane Sissako
Relatos salvajes di Damián Szifron
Leviathan di Andrey Zvyagintsev

Per il resto della selezione di Un certain regard, Hors compétition, Séances de minuit e Séances spéciales vi rimandiamo alla pagina ufficiale del sito del festival.

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2013

    La Croisette è un luogo altro, almeno per una dozzina di giorni. È una dimensione parallela, splendente, aliena alla crisi, alla grigia quotidianità, alle polemiche provinciali...
  • Festival

    Cannes 2012

    Finita la 65a edizione, cerchiamo come sempre di tracciare un bilancio, di capire cosa resterà tra qualche mese o tra qualche anno. La Palma d'oro a Haneke era scritta nelle stelle...
  • Cannes 2014

    La selezione della Quinzaine des Réalisateurs

    La selezione della Quinzaine sfodera titoli fondamentali, come Kaguya-hime no monogatari di Isao Takahata, National Gallery di Frederick Wiseman e la versione restaurata di Non aprite quella porta.
  • Festival

    Cannes 2014

    Come ogni anno a maggio la Croisette diventa il cuore pulsante del cinema: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Cannes 2014.
  • In sala

    Grace di Monaco

    di Olivier Dahan firma il biopic dedicato a Grace Kelly, principessa di Monaco e musa, per alcuni anni, di Alfred Hitchcock. Film d'apertura a Cannes 2014.
  • In Sala

    Sils Maria

    di Olivier Assayas in Sils Maria racconta la crisi di un’attrice di mezza età costretta a tornare a ragionare sulla pièce con cui esordì da adolescente. In concorso a Cannes 2014.
  • Cannes 2014

    Saint Laurent

    di Anche Bertrand Bonello, dopo Jalil Lespert, cerca di ricostruire la vita di Yves Saint Laurent, il celebre stilista francese, ma il risultato non è dei migliori. In concorso a Cannes 2014.
  • Archivio

    maps-to-the-starsMaps to the Stars

    di Hollywood secondo David Cronenberg, un microcosmo attraversato da sensi di colpa, violenze segrete e stelle prive di luci. In concorso a Cannes 2014.
  • In Sala

    Due giorni, una notte

    di , I Dardenne mettono in scena un film altamente politico, capace di cogliere i crudeli paradossi del mondo del lavoro post-fordista. Lo spunto è straordinario, ma sviluppato in modo troppo rigido e schematico.
  • Festival

    Festival di Cannes 2014 – Presentazione

    La sessantasettesima edizione del Festival di Cannes, dal 14 al 25 maggio. Si apre con Grace di Monaco di Olivier Dahan, fuori concorso, e poi la consueta fiumana di pellicole in attesa della Palma d'Oro.
  • Cannes 2014

    Cannes 2014 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2014!
  • Cannes 2016

    Svelata la selezione di Cannes 2016

    Il secondo festival dell'era-Lescure conferma la solita parata di nomi imperdibili, per un concorso che tiene fuori dalla porta italiani e giapponesi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento