La selezione della Quinzaine des Réalisateurs

La selezione della Quinzaine des Réalisateurs

La selezione della Quinzaine des Réalisateurs 2014 sfodera titoli fondamentali, come Kaguya-hime no monogatari di Isao Takahata, National Gallery di Frederick Wiseman e la versione restaurata di Non aprite quella porta.

Come da tradizione, dopo l’annuncio del programma ufficiale del Festival di Cannes, tocca alle sezioni collaterali rendere pubbliche le proprie scelte. In questo senso l’attesa si rivolge soprattutto in direzione dei lavori della Quinzaine des Réalisateurs, dove spesso trovano collocazione alcuni dei cineasti più interessanti del panorama internazionale (negli ultimi anni lì è stato possibile rintracciare Sion Sono, Anurag Kashyap, Alejandro Jodorowsky e anche lo splendido Ernest et Célestine).

L’edizione 2014 della Quinzaine non tradisce le attese, a partire da Kaguya-hime no monogatari, il film di Isao Takahata che ogni festival bramava poter ospitare e che sembrava invece destinato – dopo l’annuncio dei titoli in concorso e fuori concorso – a un recupero tardivo da parte degli appassionati d’animazione e dello Studio Ghibli. A far ottima compagnia a Takahata saranno alcuni grandi “vecchi” della Settima Arte, come John Boorman (che porterà nella sala del Marriott Queen and Country, ideale seguito del suo Anni ’40) e Frederick Wiseman, che invece poserà il suo sguardo sulla National Gallery.

La Quinzaine apre le porte anche a due film che con ogni probabilità avrebbero potuto dire la loro anche nella corsa alla Palma d’Oro, vale a dire Gett – Le procès de Viviane Amsalem di Ronit e Shlomi Elkabetz e P’tit Quinquin di Bruno Dumont, capofila della truppa francofona che prevede anche Alleluia di Fabrice Du Welz, Mange tes morts di Jean-Charles Hue, Les Combattants di Thomas Cailley, il quebequienne Tu dors Nicole di Stéphane Lafleur e Bande de filles di Céline Sciamma, scelto come film d’apertura della sezione. Una certa trepidazione, infine, si avverte anche nei confronti di Whiplash, opera seconda dello statunitense Damien Chazelle, che sorprese con il suo esordio Guy and Madeline on a Park Bench.
Ma a illuminare gli occhi dei cinefili arriva anche la proiezione speciale di The Texas Chainsaw Massacre, capolavoro horror di Tobe Hooper restaurato a quarant’anni dalla sua creazione. Imperdibile!
Di seguito, l’elenco dei film selezionati.

Lungometraggi:
Alleluia di Fabrice Du Welza (Belgio, Francia)
Bande de filles di Céline Sciamma (Francia)
Catch Me Daddy di Daniel Wolfe (GB)
Cold in July di Jim Mickle (USA)
Les Combattants di Thomas Cailley (Francia)
Gett – Le procès de Viviane Amsalem di Ronit e Shlomi Elkabetz (Israele, Francia, Germania)
A Hard Day di Kim Seong-hun (Corea del Sud)
Kaguya-hime no monogatari di Isao Takahata (Giappone)
Mange tes morts di Jean-Charles Hue (Francia)
National Gallery di Frederick Wiseman (USA, Francia)
Next to Her di Asaf Korman (Israele)
P’tit Quinquin di Bruno Dumont (Francia)
Pride di Matthew Warchus (GB)
Queen and Country di John Boorman (Irlanda, GB)
Refugiado di Diego Lerman (Argentina, Francia, Germania)
The Texas Chainsaw Massacre di Tobe Hooper (USA, 1974) Proiezione speciale
These Final Hours di Zach Hilditch (Australia)
Tu dors Nicole di Stéphan Lafleur (Canada)
Whiplash di Damien Chazelle (USA)

Cortometraggi:
8 Balles di Frank Ternier (Francia)
Cambodia 2099 di Davy Chou (Francia)
En aout di Jenna Hasse (Svizzera)
Fragments di Aga Woszczynska (Polonia)
Guy Moquet di Demis Herenger (Francia)
Heartless di Nara Normande, Tiao Tiao (Brasile)
Jutra di Marie-Josée Saint-Pierre (Canada)
Man on the Chair di Jeong Dahee (Francia, Corea del Sud)
The Revolution Hunter di Margarida Rego (Portogallo)
Torn di Elmar Imanov, Engin Kundag (Azerbaijan)
It Can Pass Through the Wall di Radu Jude (Romania)

Info
Il sito della Quinzaine

Articoli correlati

  • Cannes 2014

    Svelata la selezione di Cannes 2014

    Un concorso di prestigio ma abitato quasi esclusivamente da nomi noti, da Assayas a Zvyagintsev. In Un certain regard c'è invece spazio per Lisandro Alonso, Mathieu Amalric e Jessica Hausner...
  • Festival

    Cannes 2014Cannes 2014

    Come ogni anno a maggio la Croisette diventa il cuore pulsante del cinema: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Cannes 2014.
  • Festival

    Festival di Cannes 2014Festival di Cannes 2014 – Presentazione

    La sessantasettesima edizione del Festival di Cannes, dal 14 al 25 maggio. Si apre con Grace di Monaco di Olivier Dahan, fuori concorso, e poi la consueta fiumana di pellicole in attesa della Palma d'Oro.
  • Cannes 2014

    Cannes 2014Cannes 2014 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2014!
  • Archivio

    National-GalleryNational Gallery

    di Il grande maestro del cinema documentario Frederick Wiseman porta a Cannes, alla Quinzaine, il suo nuovo film, dedicato al museo londinese. Disamina al solito complessa e polifonica sul funzionamento di una istituzione...
  • Cannes 2014

    Non aprite quella porta

    di Il capolavoro di Tobe Hooper, fondamentale punto di svolta del cinema dell'orrore, è stato proiettato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2014 nella versione restaurata.
  • Torino 2014

    P’tit Quinquin

    di La serie in quattro episodi scritta e diretta da Bruno Dumont e in grado di mescolare con sapienza il thriller morboso e la comicità slapstick. Presentato integralmente a Cannes 2014.
  • Archivio

    Whiplash RecensioneWhiplash

    di L'opera seconda di Damien Chazelle, dai successi a gennaio al Sundance alla Quinzaine a Cannes, al Torino Film Festival, finalmente nelle sale e poi agli Oscar...
  • Torino 2014

    Mange tes morts

    di Preziosa testimonianza del mondo della gens du voyage - il modo in cui vengono chiamati i nomadi in Francia. Presentato alla Quinzaine des Réalizateurs di Cannes 2014 e selezionato al TFF 2014.
  • Cannes 2016

    Svelata la selezione di Cannes 2016

    Il secondo festival dell'era-Lescure conferma la solita parata di nomi imperdibili, per un concorso che tiene fuori dalla porta italiani e giapponesi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento