Far East 2014 – Presentazione

Far East 2014 – Presentazione

La sedicesima edizione del festival che Udine dedica al cinema dell’estremo oriente. Il Far East 2014: otto giorni alla scoperta di meraviglie troppo spesso nascoste agli occhi dei cinefili.

Anche nel microcosmo cinefilo esistono luoghi che, come le vaghe stelle dell’Orsa di leopardiana memoria, viene naturale ritrovare ciclicamente, per poterle contemplare con occhi sempre nuovi eppur carichi di affetto. Il Far East Film Festival di Udine, primo e principale evento mondiale dedicato interamente alla cultura popolare asiatica, rientra di diritto tra le tappe indispensabili di qualsivoglia pellegrino della Settima Arte: da quando nacque, sotto le spoglie di Hong Kong Film Festival,  nell’oramai lontano 1998 (c’erano ancora la lira, Bill Clinton, l’Udinese lottava per non retrocedere… Insomma, altri tempi, non necessariamente migliori), il Far East ha avuto il merito, l’intelligenza e, perché no, anche la fortuna di scavare un solco nell’immaginario collettivo delle (piccole) falangi che ancora vivono il rapporto con il cinema con un misto di febbrile eccitazione e smisurata passione. Mancava al mondo un Far East, e il lavoro del CEC, capitanato ovviamente da Sabrina Baracetti e Thomas Bertacche, ha provveduto a riempire l’assenza con una settimana di fuochi pirotecnici ai quali è sempre difficile, se non vano, tentare di opporre resistenza.

Il Far East non è “solo” l’occasione per imbattersi in qualche ottimo film – e questa sedicesima edizione già promette molto in tal senso, vista la presenza di titoli irrinunciabili come Black Coal, Thin Ice, The Midnight After, Fuku-chan of Fukufuku Flats, tanto per citarne alcuni –, perché in un’epoca in cui la fruizione dei materiali e il loro recupero è sempre più facilitata dalle nuove tecnologie questo dettaglio, seppur essenziale, rischia di veder perdere parte del proprio valore. Il Far East permette al popolo udinese – e alle frotte che raggiungono la cittadina friulana durante il festival, muovendosi da ogni parte d’Italia e del mondo – di confrontarsi con un universo che troppo spesso per pigrizia, ignoranza o squallidi tornaconti politici, viene considerato “troppo distante” da noi, “incomprensibile”, tutt’al più ricevendo la gratifica di “esotico”.
Il Far East è ancora visto da molti (troppi) come la perfetta immagine speculare del Far West, wilderness dagli occhi a mandorla che si può visitare solo consapevoli di rischiare pericoli e agguati a ogni guado, a ogni svolta cieca. Ed è qui che la kermesse udinese svolge il suo ruolo di primaria importanza: in sedici anni di sogni, incubi, drammi, favole e commedie, il Far East ha raccontato sì l’eccentricità delle cinematografie orientali, ma anche la loro quotidianità, la loro assoluta normalità, la loro capacità di essere intellegibili anche al più ottuso, svogliato o in malafede degli spettatori. Aver reso registi come Dante Lam, Tetsuya Nakashima, Takashi Miike, Pang Ho-cheung, Chito S. Roño, Banjong Pisanthanakun pane quotidiano per il pubblico del Teatro Nuovo Giovanni da Udine è forse la più grande vittoria del Far East.

Un festival che ora, a sedici anni compiuti, nel cuore dell’adolescenza, ha anche la possibilità di allargare ulteriormente i propri orizzonti: già il successo sempre crescente della Tucker Film aveva ampliato le possibilità di movimento del cinema presentato nel corso del tempo al festival (sia per quel che concerne la distribuzione in sala e in home video, sia per l’accordo siglato con Rai4, che inserisce in palinsesto uno o due film asiatici a settimana), e ora si aggiungono anche i primi film in cui la Tucker, e i loro fondatori, risultano nelle vesti di produttori esecutivi.
Un passo ulteriore, forse quello definitivo, verso l’annullamento delle distanze (geografiche e culturali) che proiettano nelle menti di molti italiani un’idea distorta di “estremo oriente”. In attesa di aprire gli occhi meravigliati di fronte alle nuove perle che la sedicesima edizione del Far East ci regalerà, si tratta già di una grande, enorme conquista.

Info
Il sito ufficiale del Far East 2014

Articoli correlati

  • FEFF 2014

    The Raid 2 è il film a sorpresa del Far East

    Il Far East svela il titolo del film-sorpresa della sedicesima edizione: è The Raid 2 di Gareth Evan, atteso sequel del cult-movie del 2011
  • Notizie

    Thermae Romae II chiuderà il Far East 2014

    Il secondo capitolo dell'avventura tra fantasy, peplum e commedia è stato scelto come film di chiusura della sedicesima edizione del Far East.
  • Notizie

    Il trailer del Far East 2014Il trailer del Far East 2014 è di Matteo Oleotto

    Il regista di Zoran, il mio nipote scemo dirige il trailer del Far East 2014, disinnescando allegramente gli stereotipi che ancora gravano sul cinema orientale.
  • Archivio

    fuochi-dartificio-in-pieno-giornoFuochi d’artificio in pieno giorno

    di Orso d'Oro alla Berlinale 2014 e presentato in anteprima italiana al Far East di Udine, il film di Diao Yinan è un noir solido, affascinante, immerso nel substrato sociale ed economico della Cina contemporanea. Nelle sale con Movies Inspired.
  • FEFF 2014

    The Midnight After

    di Il genio anarcoide di Fruit Chan si mette al servizio di una storia a metà tra horror e fantascienza, dimostrando una volta di più la sua salvifica follia. Al Far East di Udine.
  • FEFF 2014

    To Live and Die in Ordos

    di La dimostrazione che in Cina ancora esiste il cinema di regime: un poliziotto si barcamena nella Mongolia Interna tra eroismi inusitati e repressioni di rivolte in nome di leggi non meglio identificate. Al FEFF 2014
  • FEFF 2014

    Personal Tailor

    di Il regista e attore cinese Feng Xiaogang racconta la Cina di oggi, tra desideri inespressi e crisi di identità, in una commedia che ambisce a diventare pamphlet politico, non sempre convincendo.
  • FEFF 2014

    Einstein and Einstein

    di Forse il capolavoro del Far East 2014: il terzo lungometraggio del regista cinese Cao Baoping racconta il passaggio all’età adulta di una tredicenne attraverso una serie di terribili prove, costruendo il ritratto impietoso della nuova piccola borghesia urbana.
  • Festival

    Far East 2014

    La sedicesima edizione del festival friulano dedicato al cinema popolare asiatico: tutte le nostre recensioni dal Teatro Nuovo Giovanni da Udine.
  • FEFF 2014

    Dynamite Fishing

    di Il regista filippino Chito S. Roño affronta il problema dei brogli elettorali in un teso thriller politico che sfocia nel dramma sociale. Al Far East 2014.
  • FEFF 2014

    Miss Granny

    di Hwang Dong-hyuk dirige una commedia piuttosto esile sulla vecchiaia e sul desiderio di rimanere eternamente giovani. Al Far East 2014.
  • FEFF 2014

    Soul

    di Al Far East il terzo lungometraggio di Chung Mong-hong: eleganza stilistica e densità di riferimenti finiscono per rincorrersi, in questo allucinante thriller psicologico che pone le sue radici nella cultura e nei territori più remoti di Taiwan.
  • FEFF 2014

    That Demon Within

    di Dante Lam nel bene e nel male: alla 16esima edizione del Far East, dopo il bel Unbeatable, è stato presentato l'action That Demon Within, che delude con una tendenza alla standardizzazione e al conformismo di genere.
  • FEFF 2014

    Tamako in Moratorium

    di Il nuovo film di Nobuhiro Yamashita conferma le indiscutibili qualità del cineasta giapponese. Al Far East 2104.
  • FEFF 2014

    Boundless

    di Presentato alla 16esima edizione del Far East, il documentario dedicato a Johnnie To e alla sua carriera cinematografica finisce per diventare un saggio sulle incolmabili distanze tra Hong Kong e la Cina continentale.
  • FEFF 2014

    Golden Chickensss

    di Demenzialità, sesso e nostalgia: un mix a tratti irrefrenabile, a tratti stucchevole, per questa commedia hongkonghese con protagonista Sandra Ng.
  • FEFF 2014

    May We Chat

    di Teen-movie hongkonghese drammatico e iper-tecnologico, violento e ottimamente girato ma in cui alla fine prevale un fastidioso retrogusto moralistico. Al Far East.
  • FEFF 2014

    Brontosaurus Love

    di Tra flirt post-adolescenziali ed esilaranti incursioni nella locale industria del cinema horror, il “teen movie” indonesiano diretto da Fajar Nugros e interpretato dal popolare scrittore Raditya Dika regala parecchi spunti divertenti.
  • Interviste

    Intervista a Thomas Bertacche

    Abbiamo approfittato delle giornate del Far East di Udine per intervistare Thomas Bertacche, per parlare non solo del festival che dirige con Sabrina Baracetti, ma anche della Tucker Film...
  • FEFF 2014

    Barber’s Tales

    di La violenza del regime di Marcos nelle Filippine fa capolino in un umile negozio di barbiere, propiziando così la graduale presa di coscienza della protagonista, donna battagliera e giusta.
  • Far East 2016

    Far East 2016 – Presentazione

    Inizia oggi il Far East 2016, diciottesima edizione del festival dedicato al cinema popolare dell'estremo oriente. Ospite d'eccezione Sammo Hung, maestro dell'action hongkonghese.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento