The Raid 2: Berandal

The Raid 2: Berandal

di

L’ambizione non tradisce Evans e così l’ora e quaranta dell’action The Raid si trasforma in un epico e fluviale gangster movie di centocinquanta minuti. The Raid 2 funzionerebbe anche senza l’apparato spettacolare, ma sono ovviamente la messa in scena dei combattimenti e la performance attoriale e fisica di Iko Uwais il plus valore difficilmente eguagliabile. Presentato al Far East di Udine, The Raid 2 è un film di scrittura, di calibrati piani sequenza, di certosina composizione delle inquadrature e di incredibile, tambureggiante e violentissima spettacolarità.

Kill Them All

Rama rintraccia un uomo di nome Bunawar, il poliziotto buono che il fratello gli aveva detto di trovare. Bunawar spiega a Rama che Tama (il boss malvagio del primo film) lavorava per il boss criminale Bangun. L’obiettivo vero è colpire Bangun e, soprattutto, scoprire quali sono gli alti funzionari e i poliziotti che stanno sul suo libro paga. Per raggiungere questo scopo Bunawar chiede a Rama di infiltrarsi nella banda di Bangun… [sinossi – catalogo FEFF2014]

Si è già ritagliato un piccolo spazio nella storia del cinema il giovane regista e sceneggiatore Gareth Evans, gallese che ha preso armi e bagagli e si è trasferito in Indonesia. Grande e grosso e innamorato delle arti marziali indonesiane [1], Evans ha inanellato una serie di action movie in inatteso e verticale crescendo. Dopo Merantau (2009) e soprattutto The Raid – Redenzione (2011), assurto rapidamente a cult movie, le aspettative per The Raid 2: Berandal erano elevate, come i timori.
Come replicare un oggetto filmico pressoché perfetto nella sua basilare e claustrofobica struttura? Lasciandosi alle spalle i corridoi e i piani del palazzo di The Raid, teatro di guerra che non richiedeva particolari svolazzi narrativi, Evans rischiava di appesantire il sequel con una sovrastruttura farraginosa e/o banale. E in invece è la scrittura la solida base d’appoggio di The Raid 2, con la moltiplicazione dei personaggi, l’allargamento dell’orizzonte narrativo, la complessità degli intrecci tra le organizzazioni criminali e le forze dell’ordine, in un dedalo di tradimenti e rovesciamenti di fronte. Evans amplia lo scenario, garantendosi già credibili sviluppi per il terzo capitolo: una delle chiavi di volta, a parte il recupero di alcuni personaggi del primo film (su tutti il magnetico Prakoso/Mad Dog, incarnato dal funambolico Yayan Ruhian), è la presenza della gang giapponese e la particolare cura nella caratterizzazione dei personaggi, nella scelta dei volti, degli stili di lotta, delle armi. Si pensi alla presenza silenziosa ma significativa di Ryūhei Matsuda o alla strepitosa coppia Hammer Girl (Julie Estelle) & Baseball Bat Man (Very Tri Yulisman), così convincenti da scatenare rumor su un possibile spin-off.

L’ambizione non tradisce Evans e così l’ora e quaranta dell’action The Raid si trasforma in un epico e fluviale gangster movie di centocinquanta minuti. The Raid 2 funzionerebbe anche senza l’apparato spettacolare, ma sono ovviamente la messa in scena dei combattimenti e la performance attoriale e fisica di Iko Uwais (Rama) il plus valore difficilmente eguagliabile. Uwais è una vera e propria rivelazione, manna dal cielo per i fan delle pellicole di arti marziali. Per rapidità di esecuzione dei colpi ed eleganza, nonché per le doti attoriali che non sempre accompagnano gli artisti marziali, ci piace accostarlo a Donnie Yen, nella speranza che successo e crescita artistica corrano di pari passo. Il regista gallese ne esalta le doti tecniche e atletiche, incorniciando spesso i combattimenti in luoghi chiusi (esemplare l’uno contro tutti con Rama arroccato in un bagno di due metri quadrati) e giocando sapientemente con l’attesa, con la tensione crescente (nuovamente la sequenza del bagno, con la furia dei nemici che monta dietro la porta chiusa).

Abbandonata l’unità di tempo/luogo/spazio, Evans spalma nell’arco di alcuni anni la narrazione, tra brevi flashback e ampie ellissi. In questo senso, è ammirevole la capacità di non accontentarsi di un episodio di passaggio, realizzando un film che ha uno sviluppo sia verticale che orizzontale, impreziosito dallo spessore e dal fascino di alcuni personaggi secondari – si veda la disperata lotta per la sopravvivenza di Prakoso/Mad Dog, o la caratterizzazione del killer silenzioso armato di micidiali karambìt, che avrà i suoi momenti di gloria nella sequenza del vicolo con Mad Dog e nel lungo vis-à-vis con Rama. The Raid 2 è un film di scrittura, di calibrati piani sequenza, di certosina composizione delle inquadrature e di incredibile, tambureggiante e violentissima spettacolarità.

Note
1. Dopo la boxe thailandese, aka muay thai (Ong-bak, Born to Fight, Chocolate), e il rilancio in grande stile del Wing Chun (Ip Man, The Grandmaster), è arrivato il momento del Pentjak Silat, l’arte marziale indonesiana. Brutale e raffinata. Tremendamente efficace. Tra le tante armi, segnaliamo il karambìt, il machete, il kriss e la sciabola dāo.
Info
Il sito ufficiale di The Raid 2.
The Raid 2 sul sito del Far East.
Il trailer di The Raid 2.
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-01.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-02.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-03.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-04.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-05.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-06.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-07.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-08.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-09.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-10.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-11.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-12.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-13.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-14.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-15.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-16.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-17.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-18.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-19.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-20.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-21.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-22.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-23.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-24.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-25.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-26.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-27.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-28.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-29.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-30.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-31.jpg
  • the-raid-2-berandal-2014-gareth-evans-32.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Far East 2014

    La sedicesima edizione del festival friulano dedicato al cinema popolare asiatico: tutte le nostre recensioni dal Teatro Nuovo Giovanni da Udine.
  • FEFF 2014

    The Raid 2 è il film a sorpresa del Far East

    Il Far East svela il titolo del film-sorpresa della sedicesima edizione: è The Raid 2 di Gareth Evan, atteso sequel del cult-movie del 2011
  • Archivio

    The Grandmaster RecensioneThe Grandmaster

    di La storia di due maestri di kung fu: lui viene dalla Cina del sud, lei dal nord. Lui si chiama Ip Man, lei Gong Er. I loro sentieri si incrociano a Foshan, la città in cui vive l'uomo, alla vigilia dell'invasione giapponese del 1936...
  • Blu-ray

    Ip Man RecensioneIp Man

    di Anni '30, la dominazione giapponese si appresta a schiacciare la Cina. In questo clima di tensione, il nome di un maestro di arti marziali comincia a echeggiare per tutto il continente...
  • AltreVisioni

    The Raid: Redenzione

    di Un palazzo inespugnabile per la polizia è un vero e proprio covo dove si nascondono ladri, assassini o stupratori. Una squadra di Swat deve irrompere nell'edificio per arrestarne il proprietario...
  • AltreVisioni

    legend-of-the-fist-the-return-of-chen-zhenLegend of the Fist: The Return of Chen Zhen

    di Legend of the Fist ci mostra ancora una volta l'elevato livello tecnico del cinema di Hong Kong, soprattutto nell'epico incipit in cui Lau lascia lo spettatore senza fiato, tra proiettili fischianti e acrobazie a tutta velocità di Donnie Yen.
  • Far East 2017

    Jailbreak

    di Presentato al Far East di Udine, l'action cambogiano Jailbreak prova a seguire il sentiero tracciato da Gareth Evans e Iko Uwais, ma la volenterosa messa in scena e le poderose acrobazie degli artisti marziali non sono sorrette da una scrittura all'altezza.
  • Far East 2009

    The Forbidden Door RecensioneThe Forbidden Door

    di The Forbidden Door, presentato al Far East Film Festival di Udine, conferma il talento del giovane Joko Anwar; un thriller non privo di difetti e di passaggi a vuoto ma che ha il coraggio di osare, e di cercare un immaginario proprio, personale e in grado di mescolare raffinatezza e violenza.
  • In sala

    Red Zone - 22 miglia di fuoco RecensioneRed Zone – 22 miglia di fuoco

    di C'è qualche verbosità di troppo in Red Zone, ma anche una struttura narrativa e una mano registica assai solide, senza dimenticare il valore aggiunto apportato dall'interprete-performer Iko Uwais, già protagonista della saga di The Raid.
  • DVD

    Born to Fight RecensioneBorn to Fight – Nati per combattere

    di Born to Fight ha bisogno di qualche minuto di rodaggio, il tempo necessario per far scorrere via la lunga scena iniziale del sequestro e dare il via alla liberazione del villaggio da parte della selezione di atleti capitanata dalla star numero uno dell’action movie tailandese...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento