FCAAAL 2014

FCAAAL 2014

Il FCAAAL 2014, ovvero la ventiquattresima edizione del festival milanese dedicato ad Africa, Asia e America Latina: tutte le nostre recensioni.

Ancora una volta la scelta per l’opening film della 24esima edizione del Festival Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina (FCAAAL) è caduta su una pellicola proveniente da una delle kermesse cinematografiche più importanti. Quest’anno, direttamente dal concorso della Berlinale 2014 arriva Two Men in Town, l’ultimo lavoro del regista franco-algerino Rachid Bouchareb, un habitué del festival diretto da Annamaria Gallone e Alessandra Speciale.
Di anno in anno questa manifestazione rinnova sempre più insistentemente questa domanda: è possibile realizzare un festival di qualità, amato e frequentato da tanti spettatori e non solo da addetti ai lavori senza ricorrere alle star con red carpet di rito? Forse ancor più con un budget molto ridotto rispetto allo scorso anno, i primi a fare i conti con questo interrogativo provocatorio e al contempo concreto sono gli organizzatori, che su oltre 700 film visti, ne han selezionati più di 50 tra cui due prime mondiali, sei prime europee e ventotto anteprime nazionali.

Dopo la scelta di spostarsi a maggio in vista dell’Expo 2015, dedicandogli una sezione speciale che ritroviamo anche quest’anno – Films that Feed -, ci sono delle novità che immaginiamo siano dovute sia a un problema di fondi, ma anche al desiderio di costruire sempre più una propria identità. La programmazione presenta, infatti, dei cambiamenti come l’unione di fiction e documentario in un’unica sezione – il Concorso Lungometraggi Finestre sul Mondo – e la scelta di ridurre il numero di titoli e sezioni per dare maggiore rilievo ai singoli film e agli eventi.
Tra i titoli più attesi vi segnaliamo il denso Matar a un hombre del cileno Alejandro Fernandez Almendras (film vincitore del World Cinema Grand Jury Prize al Sundance Film Festival 2014), Palestine Stereo di Rashid Masharawi, Einstein and Einstein di Cao Baoping (appena presentato al Far East di Udine) e il documentario An Inconsolable Memory del regista-artista sudafricano Aryan Kaganof.
Il FCAAAL si pone come vetrina sia dando voce ai cineasti provenienti dall’Asia, dall’Africa e dall’America Latina, sia dedicando una sezione, Concorso Extr’A, riservata alle opere di cineasti italiani ambientate in questi tre continenti o con temi che vi sono in qualche modo legati. Tra i vari titoli l’attenzione cade subito su Il futuro è troppo grande di Giusy Buccheri e Michele Citoni e su Il lago di Yukai Ebisuno e Raffaella Mantegazza, che si concentra su un microcosmo del Sol Levante in Piemonte. [continua a leggere]

Info
Il sito del FCAAAL 2014.

Articoli correlati

  • FCAAAL 2014

    Il futuro è troppo grande

    di , Il documentario di Giusy Buccheri e Michele Citoni, menzione speciale al Festival del Cinema Africano, Asia e America Latina di Milano. Una storia d'amore tra immigrati di seconda generazione.
  • FCAAL 2014

    Margelle

    di Dopo esser stato selezionato a diversi festival internazionali, il corto Margelle di Omar Mouldouira ha conquistato e commosso anche il pubblico della 24esima edizione del FCAAAL
  • FCAAL 2014

    Bastardo

    di Bastardo di Nejib Belkadhi vince come Miglior Lungometraggio Finestre sul Mondo alla 24esima edizione del Festival Cinema Africano, d'Asia e America Latina.
  • Documentari

    Scheherazade’s Diary

    di Dopo i due premi al Dubai International Film Festival 2013, l'ultimo lavoro della Daccache arriva in concorso alla 24. edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e d'America Latina.
  • FCAAL 2014

    Festival Cinema Africano, d’Asia e America Latina

    La 24esima edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina - in corso dal 6 al 12 maggio a Milano - si apre con Two Men in Town di Rachid Bouchareb. Una settimana per scoprire un mondo artistico sempre più in fermento, arricchita da diverse iniziative tra cui una sezione connessa con Expo 2015.
  • FEFF 2014

    Einstein and Einstein

    di Forse il capolavoro del Far East 2014: il terzo lungometraggio del regista cinese Cao Baoping racconta il passaggio all’età adulta di una tredicenne attraverso una serie di terribili prove, costruendo il ritratto impietoso della nuova piccola borghesia urbana.
  • Archivio

    fuochi-dartificio-in-pieno-giornoFuochi d’artificio in pieno giorno

    di Orso d'Oro alla Berlinale 2014 e presentato in anteprima italiana al Far East di Udine, il film di Diao Yinan è un noir solido, affascinante, immerso nel substrato sociale ed economico della Cina contemporanea. Nelle sale con Movies Inspired.
  • Berlinale 2014

    Two Men in Town RecensioneTwo Men in Town

    di In concorso alla sessantaquattresima edizione della Berlinale, Two Men in Town sembra quasi accontentarsi dell'idea di fondo, di un canovaccio comunque trito e ritrito, e di un cast sulla carta più che interessante.
  • Torino 2013

    Il lago

    di , In concorso a Italiana.doc al Festival di Torino, il documentario di Yukai Ebisuno e Raffaella Mantegazza è il ritratto partecipe ma un po' inerte del padre giapponese di uno dei due registi.
  • Torino 2013

    Rosarno

    di Girato nel 2004 e montato solo nove anni dopo, il film di Greta De Lazzaris - in concorso a Italiana.doc - è una preziosa e potente testimonianza sulle condizioni dei migranti, e non solo, in terra calabrese.
  • In Sala

    Striplife

    di , , , , La vita quotidiana nella Striscia di Gaza, ritratta in un lavoro visivamente convincente, ma appesantito da qualche metafora di troppo.
  • Festival

    Festival del Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina 2015

    La 25esima edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e d'America Latina prende il via con Taxi di Jafar Panahi, Orso d'Oro alla Berlinale 2015. Fino al 10 maggio, sette giorni in cui nutrirsi di film e non solo...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento