Still the Water

Still the Water

di

Sulla Croisette irrompe Naomi Kawase con il suo devastante Still the Water, elegia sull’amore, l’adolescenza, la vita e la morte. Tra le visioni più sconvolgenti di Cannes 2014.

L’isola

Sull’isola di Amami gli abitanti vivono in armonia con la natura, pensano che gli dei abitino ogni albero, ogni pietra o piante. Una sera d’estate il giovane Kaito scopre di un uomo annegato in mare, e la sua amica Kyoko la aiuta a indagare questo mistero. Insieme i due ragazzi apprendono il divenire adulti e scoprono il ciclo della vita, dell’amore e della morte… [sinossi]

Amami Ōshima come la giungla thailandese o come Nara, le feste tipiche dei ryukyuani  come la festa di Jizo. Nel corso degli anni il cinema di Naomi Kawase ha lavorato con coerenza e ferrea volontà sulla ricerca di un punto di contatto naturale e mai artefatto tra l’invenzione narrativa e la registrazione di culti, riti e abitudini popolari del popolo giapponese (e non solo, se si pensa alla processione che rappresenta il nucleo di un’opera come Nanayo); un vero e proprio approccio antropologico, che sotto lo sguardo della Kawase si fonde in armonia con l’introspezione autobiografica che da sempre ne caratterizza i film.
Non è da meno, ça va sans dire, Still the Water (titolo internazionale scelto per sostituire l’originale Futatsume no mado, traducibile letteralmente con “Le due finestre”), settimo lungometraggio della Kawase e quarto a concorrere per la Palma d’Oro, il riconoscimento che a detta della regista rappresenterebbe il punto di arrivo definitivo del suo cinema.

Facezie da competizione a parte, l’impressione è che Still the Water rappresenti realmente la summa artistica della quarantacinquenne regista nativa di Nara: fin dalle prime sequenze è possibile rendersi conto di come la storia del giovane Kaito che assiste all’annegamento di un uomo racchiuda al suo interno tutte le ossessioni, i corto circuiti e i motivi ricorrenti che contribuiscono a formare l’immaginario poetico della Kawase. Una volta in più Still the Water è un coming-of-age, romanzo di formazione e messa in scena dell’adolescenza, un fermo immagine sull’elaborazione del lutto, una riflessione mai banale sul rapporto genitori/figli e sul conflitto generazionale, il tutto inscenato in un universo distante dalle luci e dai rumori tonitruanti della metropoli – eccezion fatta per un breve frammento ambientato a Tokyo, e nel quale la Kawase riesce comunque a tratteggiare un atto d’amore nei confronti della megalopoli –, paradiso terrestre nel quale l’uomo e la natura hanno ancora tempo di confrontarsi, comprendersi e compenetrarsi l’uno nell’altra.
Non è certo un caso che la scelta della location sia caduta su Amami Ōshima, isola all’estremo sud del Giappone, tra Kyushu e Okinawa, che rappresenta una delle molte minoranze culturali della terra di Yamato di cui troppo spesso si ignora l’esistenza: è qui, tra le onde tumultuose dell’oceano, la foresta tropicale e le poche case di un villaggio che vivono i sedicenni Kaito e Kyoko. Il primo, nato a Tokyo e trasferitosi sull’isola insieme alla madre solo in seguito al divorzio dei genitori, è schivo, umbratile, e nasconde un segreto: ha assistito all’annegamento di un uomo. La seconda ha la madre minata da un male incurabile ed è innamorata proprio di Kaito.

Chiunque abbia dimestichezza con il cinema di Naomi Kawase può intuire quanto sarebbe ingiusto, per non dire completamente folle, pensare di “raccontare” la trama di Still the Water, esercizio di per sé privo di particolare interesse ma che finisce con il risultare parossistico di fronte a un’opera simile. Still the Water, come già Suzaku, Otaru, Shara, Mogari no mori, Nanayo e Hanezu, è un oggetto all’apparenza fragile e inclassificabile, che vive di sensazioni, sguardi, umori, tranche de vie individuali e collettivi.
Kaito e Kyoko vengono seguiti ma mai pedinati, perché la camera della Kawase non sente mai la pulsione a “spiare”, non esiste desiderio puramente scopico da soddisfare: sarebbe in tal senso grave interpretare male la macellazione della capra, per esempio – immagine su cui si apre il film e che torna in una delle sequenze più toccanti –, o non comprendere il valore della raffigurazione materiale del rapporto sessuale tra i due ragazzi.
Non si tratta di soddisfare il voyeurismo esasperato del pubblico, né c’è alcun intento di scioccare lo spettatore più naïf: è solo la registrazione dell’evolversi naturale dell’esistenza, la limpida messa in scena della vita, delle sue zone d’ombra e delle sue continue, infinite rivoluzioni. Ecco dunque che Still the Water si anima di corse in bicicletta lungo strade desolate, falò sulla spiaggia con anziani pescatori, una danza magica attorno al letto di una moribonda, canzoni suonate sullo shamisen, e un tuffo nelle profondità dell’oceano per perdersi una volta per tutte, e dunque ritrovarsi. Che riesca o meno ad aggiudicarsi la Palma d’oro Still the Water rimane il capolavoro di Naomi Kawase, la sua opera più lirica, coraggiosa e teneramente dolente. Cinema che vive ancora per e con l’Immagine, per fortuna.

Info
Il trailer di Still the Water.
  • still-the-water-naomi-kawase-07.jpg
  • still-the-water-naomi-kawase-06.jpg
  • still-the-water-naomi-kawase-05.jpg
  • still-the-water-naomi-kawase-04.jpg
  • still-the-water-naomi-kawase-03.jpg
  • still-the-water-naomi-kawase-02.jpg
  • still-the-water-naomi-kawase-01.jpg

Articoli correlati

  • AltreVisioni

    Hanezu

    di Hanezu, il film che Naomi Kawase portò in concorso al Festival di Cannes nel 2009. Forse la sua opera più personale e irrisolta.
  • AltreVisioni

    Nanayo

    di Con Nanayo la regista giapponese Naomi Kawase continua la propria ricerca cinematografica, unica e inimitabile. Al Torino Film Festival nel 2009.
  • Festival

    Cannes 2014Cannes 2014

    Come ogni anno a maggio la Croisette diventa il cuore pulsante del cinema: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Cannes 2014.
  • Festival

    Festival del Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina 2015

    La 25esima edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e d'America Latina prende il via con Taxi di Jafar Panahi, Orso d'Oro alla Berlinale 2015. Fino al 10 maggio, sette giorni in cui nutrirsi di film e non solo...
  • Cannes 2015

    Le-ricette-della-Signora-TokuLe ricette della Signora Toku

    di Pellicola di apertura di Un Certain Regard di Cannes 2015, Le ricette della Signora Toku è l’ennesimo tassello di un percorso autoriale raro e ammirevole. Il cinema umanista della Kawase, qui in una versione su piccolissima scala, continua a sondare le nostre vite.
  • Cannes 2017

    Radiance

    di Radiance segna il ritorno in concorso a Cannes di Naomi Kawase a tre anni di distanza da Still the Water, e ribadisce una volta di più la poetica della regista giapponese, a partire dall’elaborazione del lutto e dalla necessità di confrontarsi con la disabilità, e di condividerne le sofferenze.
  • Pesaro 2020

    cenote recensioneCenote

    di Presentato in concorso alla alla 56a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro Cenote è un lavoro della filmmaker giapponese Kaori Oda che ci porta in immersione nei cenote messicani, luoghi gravidi di storia, tradizioni e significati trascendentali.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento