Jimmy’s Hall

Jimmy’s Hall

di

Una storia sulla carta esemplare che scivola via senza lasciare traccia, raccontata con una cadenza meccanica, smaccatamente didascalica. Tra le pellicole presentate in concorso al Festival di Cannes 2014, Jimmy’s Hall è senza dubbio la più prevedibile, probabilmente la più esile.

La ballata triste

1932. Dopo dieci anni di esilio negli Stati Uniti, Jimmy Gralton rientra nel suo paese per aiutare la madre nella gestione della fattoria di famiglia. L’Irlanda che ritrova, una decina d’anni dopo guerra di indipendenza, ha un nuovo governo. Si respira aria di cambiamento. Sospinto dall’entusiasmo dei giovani della contea di Leitrim e malgrado la reticenza a provocare vecchi nemici come la Chiesa e i proprietari terrieri, Jimmy decide di rimettere in piedi la Pearse-Connolly Hall, uno spazio aperto a tutti, un ritrovo per danzare, suonare, studiare, confrontarsi, imparare la boxe. Il successo è immediato, ma l’influenza delle idee progressiste di Jimmy sulla popolazione scardinano i delicati equilibri della Contea… [sinossi]

Tra le pellicole presentate in concorso al Festival di Cannes 2014, Jimmy’s Hall è senza dubbio la più prevedibile, probabilmente la più esile. Una storia sulla carta esemplare che scivola via senza lasciare traccia, raccontata con una cadenza meccanica, smaccatamente didascalica.
Ancor più delle precedenti opere della sua corposa filmografia, Ken Loach sembra voler “parlare” al grande pubblico, smussando qualsiasi possibile asperità, banalizzando, tratteggiando personaggi monodimensionali. Jimmy’s Hall non è un film “sbagliato”, è esattamente quello che vorrebbe essere. Purtroppo è davvero troppo poco.

Non si può che volere bene a Ken Loach, cineasta da sempre politicamente impegnato, coerente, disponibile. Un uomo del popolo, il portavoce cinematografico della working class, in tutte le sue possibili declinazioni, a qualsiasi latitudine. Ma l’affetto, come il senso di gratitudine, comporta qualche responsabilità. In primis, almeno dal nostro punto di vista, il dovere di rilevare la progressiva e preoccupante deriva del suo cinema, di una poetica che sembra essersi impelagata da anni nelle sabbie mobili della retorica politica, della comunicazione didascalica, nella mappatura frettolosa delle ingiustizie sociali e storiche, nella beatificazione degli eroi di una lotta senza fine. In Jimmy’s Hall le vallate sono verdi, la colonna sonora è coinvolgente e onnipresente, gli eroi sono giovani e belli e i proprietari terrieri frustano le figlie ribelli, i fascisti digrignano i denti, i preti bacchettano e comandano, la polizia esegue gli ordini. Non c’è una crepa, una sfumatura. E alla fine c’è anche poca storia, poca narrazione, soffocata da una sceneggiatura che vorrebbe alternare lacrime e risate, buoni e cattivi, come nella macrosequenza della messa e della serata danzante al Pearse-Connolly Hall – da una parte l’irritante e scorretta predica politica dell’anziano prete conservatore, mentre dall’altra si vive di musica e grandi ideali. Tutto vero, ma non basta, non bastano buoni sentimenti e buoni propositi per fare un film. Soprattutto per un lungometraggio che concorre alla Palma d’oro – e qui torniamo a bomba, all’affetto per Loach, alla sgradevole sensazione che i premi regalati (l’incomprensibile Premio della Giuria a Cannes 2012 per La parte degli angeli) siano più dannosi che altro. Non sono le critiche dei nemici a far suonare il campanello d’allarme…

Rintracciamo una speranza nell’incipit di Jimmy’s Hall, nel bianco e nero sgranato e imperfetto delle immagini d’archivio. L’imperfezione è la nostra speranza. L’imperfezione degli eroi, dei lavoratori, del pensiero politico. Perché i compitini, come i buoni propositi, servono a poco o niente.

INFO
Jimmy’s Hall sul sito del Festival di Cannes.
Il trailer originale di Jimmy’s Hall.
Jimmy’s Hall su Twitter.
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-01.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-02.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-03.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-04.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-05.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-06.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-07.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-08.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-09.jpg
  • jimmys-hall-2014-ken-loach-10.jpg
  • ken-loach-01.jpg
  • ken-loach-02.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2014

    Cannes 2014Cannes 2014 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2014!
  • Festival

    Cannes 2014Cannes 2014

    Come ogni anno a maggio la Croisette diventa il cuore pulsante del cinema: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Cannes 2014.
  • Archivio

    La parte degli angeli RecensioneLa parte degli angeli

    di Presentato in concorso al Festival di Cannes 2012 e accolto con un certo entusiasmo dalla stampa internazionale, La parte degli angeli ha i contorni del mero intrattenimento, sicuramente gradevole, ma privo di mordente, di una reale ragion d'essere. Il Loach politico, arrabbiato e sincero era ben altro.
  • DVD

    Piovono pietre RecensionePiovono pietre

    di Ambientato a Manchester, città simbolo della rivoluzione industriale divenuta poi scenario di precarietà e degrado, Piovono pietre fotografa con realismo e oggettività, ma anche con ironia, le giornate di chi è costretto ad arrangiarsi per potersi garantire la sopravvivenza. In dvd con RaroVideo.
  • Cannes 2016

    io-daniel-blakeIo, Daniel Blake

    di Palma d'Oro al Festival di Cannes, Ken Loach ritrova quella verve politica e narrativa che sembrava smarrita. Una pellicola imperfetta, che Laverty sovraccarica con eccessi e sottolineature didascaliche, ma saldamente avvinghiata alla quotidianità, alle difficoltà della classe operaia, al perenne conflitto tra Stato e cittadino.
  • Buone feste!

    Looks and Smiles

    di Non tutti i film di Ken Loach sono arrivati in Italia, in particolar modo quelli diretti durante l'era Thatcher. Rientra in questo novero di titoli anche Looks and Smiles, cupa riflessione sulla gioventù mandata alla macelleria sociale dal liberismo.
  • In sala

    A Quiet Passion RecensioneA Quiet Passion

    di Il glorioso cineasta britannico Terence Davies racconta con A Quiet Passion la vita della celebrata poetessa Emily Dickinson in un biopic frastagliato e generoso, illuminato da una grazia neoclassica, ma con una confezione ammansita che di tanto in tanto indulge nel patinato e disinnesca il proprio potenziale.
  • Cannes 2019

    sorry we missed you recensioneSorry We Missed You

    di Resoconto dettagliato delle condizioni di vita di un lavoratore contemporaneo, Sorry We Missed You è l’ennesimo film “necessario” di Ken Loach, forse l’unico regista per il quale l’aggettivo “didattico” ha sempre un’accezione positiva. In concorso a Cannes 2019.
  • [DVD] Il mio amico Eric

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento