Terre battue

Terre battue

di

L’opera prima del francese Stéphane Demoustier, Terre battue, lucido e al tempo stesso appassionato ritratto di una crisi personale e sociale. In concorso alla Settimana della Critica 2014.

Nella terra di nessuno

Jérôme ha appena lasciato l’azienda in cui era dirigente. Determinato a non lavorare mai più per nessun altro, tenta di mettersi in proprio, costi quel che costi, perfino ignorando la riluttanza della moglie Laura. Il figlio Ugo, 11 anni, è una giovane promessa del tennis. Il suo obiettivo è essere ammesso al centro nazionale d’allenamento del Roland Garros. Proprio come suo padre, è disposto a tutto pur di farcela. Ma sia Jérôme che Ugo scopriranno che non tutte le regole possono essere infrante nella rincorsa al successo… [sinossi]

Torna sui campi da tennis, dopo il documentario Les petits joueurs (2014), il regista e sceneggiatore francese Stéphane Demoustier, classe 1977, di Lille. Il suo esordio al lungometraggio, Terre battue, co-prodotto dalla Les Films du Fleuve dei fratelli Dardenne, è tra le sette pellicole in concorso alla Settimana della Critica 2014. Un esordio più che interessante, capace di camminare con le proprie gambe e di non attingere pedissequamente dalla poetica dei celeberrimi Jean-Pierre e Luc [1].
Demoustier può contare su un convincente trio di attori: Olivier Gourmet (Jérôme), Valeria Bruni Tedeschi (Laura) e il piccolo Charles Mérienne (Ugo). Attori a loro volta sostenuti da una scrittura rigorosa ma appassionante, da una messa in scena elegante ma senza fronzoli. Terre battue possiede i tempi della vita reale, della quotidianità, tra frenesia e tempi morti. E, come nella vita reale, si sofferma su alcuni istanti, su alcune immagini, su piccoli quadri che ti restano dentro gli occhi, che scavano in profondità. Momenti che segnano e segneranno la vita di Jérôme, Laura e Ugo. Ugo, appunto, con la sua maglietta rossa, la racchetta in mano e quella rete che vorrebbe tanto superare.

Terre battue non è un film sportivo, eppure lo sport lo racconta perfettamente. Racconta la competizione, la lotta, i sacrifici, soprattutto i pericoli, quelle voragini che si aprono tra vittoria e sconfitta. Terre battue è un’operetta morale, mai didascalica, mai un millimetro sopra i propri personaggi. Lavoro, vita, famiglia, sport. E sogni, nonostante la crisi economica che ci attanaglia. Demoustier osserva da vicino la disgregazione di un nucleo familiare, lo smarrimento di un padre/lavoratore e, inevitabilmente, di un figlio.
La vita agiata a Villeneuve-d’Ascq (a due passi da Lille), come la carriera di Jérôme o il talento di Ugo, è un terreno cedevole, è lo specchio di un’instabilità che accompagna i nostri anni. Il desiderio di arrivare a tutto, subito, in qualsiasi modo. Un morbo dilagante.
Terre battue mette in scena una serie di sconfitte, si focalizza sulle debolezze di personaggi sostanzialmente positivi. Jérôme è un lavoratore serio, preparato; Laura è una madre premurosa, una donna sensibile, realizzata; Ugo è un ragazzino talentuoso, apparentemente cristallino. Tra le pieghe di questa apparenza si insinua il vero fallimento, la schiavitù del successo, della rapidità del successo.

Demoustier non cerca scorciatoie spettacolari, non drammatizza, ma fotografa con precisione le dinamiche che regolano la società odierna, che sfiniscono i (più) deboli, che ci strappano i sogni. E così restiamo lì, a due passi da quella rete, sognando demi-volée e passanti incrociati. Ma siamo solo (e anche soli) nella terra di nessuno.

Note
1. Prima di Les petits joueurs (la scheda sul sito di Année Zéro), Demoustier ha diretto alcuni cortometraggi, raccogliendo premi in diversi festival internazionali. Tra i suoi corti, Dans la jungle des villes (2009), Des noeuds dans la tête (2010), Bad Gones (2011) e Fille du calvaire (2012).
Info
Terre battue sul sito della Settimana della Critica.
Terre battue sul sito della casa di produzione Année Zéro.
  • Terre-battue-2014-Stephane-Demoustier-SIC2014-01.jpg
  • Terre-battue-2014-Stephane-Demoustier-SIC2014-03.jpg
  • Terre-battue-2014-Stephane-Demoustier-SIC2014-04.jpg
  • Terre-battue-2014-Stephane-Demoustier-SIC2014-05.jpg
  • Terre-battue-2014-Stephane-Demoustier-SIC2014-06.jpg
  • Terre-battue-2014-Stephane-Demoustier-SIC2014-07.jpg
  • Terre-battue-2014-Stephane-Demoustier-SIC2014-08.jpg
  • Terre-battue-2014-Stephane-Demoustier-SIC2014-09.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Venezia 2014Venezia 2014

    Per due settimane, a cavallo di settembre, il Lido si popola di film, registi e attori: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Venezia 2014.
  • Venezia 2014

    Venezia 2014 – Minuto per minuto

    La terza edizione del Barbera-bis: annotazioni sparse sui film, sulle ovazioni e i fischi, sulle tendenze, le voci, le piccole e grandi polemiche...
  • Venezia 2014

    settimana-della-critica-2014Settimana della Critica 2014 – Presentazione

    Sette film in concorso (più due fuori concorso) per spaziare dalla Cina alla Serbia, dal Vietnam alla Palestina, dalla Germania all'Iran. È il resoconto della presentazione della SIC, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Venezia 2014

    Flapping in the Middle of Nowhere

    di L'esordio alla regia della regista Nguyễn Hoàng Điệp sorprende per la maturità della messa in scena e la capacità di osservare in maniera lucida e spietata la società vietnamita. In concorso alla Settimana Internazionale della Critica.
  • Venezia 2014

    No One’s Child vince la Settimana Internazionale della Critica

    Va al serbo Vuk Ršumović la Settimana Internazionale della Critica 2014. La storia di un ragazzo selvaggio e del suo inserimento nella società juvoslava poco prima dello scoppio della guerra nei Balcani
  • Venezia 2014

    Intervista a Francesco Di Pace

    Abbiamo intervistato Francesco Di Pace, da dieci anni Delegato Generale della Settimana Internazionale della Critica di Venezia. Un modo per fare il punto sulla selezione, sul festival e sul sistema-cinema italiano.
  • Festival

    settimana-della-critica-2014Settimana della Critica 2014

    Sette film in concorso (più due fuori concorso) per spaziare dalla Cina alla Serbia, dal Vietnam alla Palestina, dalla Germania all’Iran. La Settimana della Critica 2014, giunta alla ventinovesima edizione, al Lido di Venezia dal 28 agosto.
  • Roma 2017

    Tonya RecensioneTonya

    di Presentato alla Festa del Cinema di Roma, il biopic sportivo di Gillespie è il vulcanico ritratto di una fantastica perdente, di un diamante grezzo che ha dovuto fare i conti – sempre – con un ambiente ostile. Memorabili performance di Margot Robbie e Allison Janney.
  • Torino 2017

    Kiss & Cry RecensioneKiss & Cry

    di , In concorso a Torino, il film di Mahieu e Pinell riesce a calarsi nella complicata dimensione di un gruppo di ragazzine divise tra aspirazioni sportive e turbamenti dell'adolescenza. Piglio documentaristico e adesione emotiva sorprendente.
  • Pesaro 2018

    L'empire de la perfection RecensioneJohn McEnroe – L’impero della perfezione

    di Vincitore a Pesaro 2018, L'impero della perfezione è uno straordinario e ipnotico film/saggio sul cinema e sul tennis. Sul cinema sportivo; sul gesto tecnico e atletico; su un microcosmo fatto di terra rossa. E su un campione irripetibile.
  • Venezia 2018

    I villeggianti RecensioneI villeggianti

    di Valeria Bruni Tedeschi, con I villeggianti, presentato fuori concorso a Venezia 75, aggiunge un nuovo capitolo a quella che lei definisce un'autobiografia immaginaria, raccontando storie inconcluse, solitudini, amori di un gruppo di persone che trascorre l'estate in una grande e lussuosa villa in Costa Azzurra.
  • In sala

    Cyrano, mon amour RecensioneCyrano mon amour

    di Una levigata ma piacevolissima ricostruzione della genesi del Cyrano de Bergerac, opera teatrale più rappresentata e amata di tutta la storia francese, il cui spirito rivive in un film garbato e divertente.
  • Documentari

    La maglietta rossaLa maglietta rossa

    di L’obiettivo de La maglietta rossa sembra più che altro un tentativo di usare il tennis come modo di ricordare l’Italia di allora, traghettato dal rapporto di Panatta, e lo sport in genere, con la cultura popolare.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento