Intervista a Nima Javidi

Intervista a Nima Javidi

Abbiamo incontrato Nima Javidi, regista di Melbourne, film d’apertura della ventinovesima edizione della Settimana Internazionale della Critica. Nella nostra chiacchierata abbiamo parlato della genesi del film, della sua complessa struttura narrativa, del sistema produttivo e del cinema popolare iraniano…

La ventinovesima edizione della Settimana della Critica ha mosso il primo deciso passo con Melbourne, opera d’esordio del regista e sceneggiatore iraniano Nima Javidi, classe 1980, già autore di due documentari (Person e An Ending to an Ancient Profession, entrambi del 2007), numerosi spot pubblicitari e sei cortometraggi. Un’opera prima in perfetto equilibrio tra dramma e suspense, una pellicola che poggia le proprie fondamenta su una scrittura attenta, certosina, e sulle performance dei due protagonisti Payman Maadi (Amir) e Negar Javaherian (Sara). Javidi costruisce questa sorta di thriller morale attorno alla morte inspiegabile di un neonato, imprigionando Amir e Sara in un appartamento che via via assume i connotati di un bivio esistenziale. Dopo la proiezione ufficiale di Melbourne, e la calorosa accoglienza del pubblico e della stampa, abbiamo incontrato Nima Javidi, simpatico, disponibile e comprensibilmente esausto.

Come è nata l’idea al centro del film?

Nima Javidi: Circa cinque o sei anni fa andai in montagna con un gruppo di amici, tra cui una giovane coppia con un bambino poco più che neonato, e a un certo punto fui lasciato in casa con il piccolo per un breve lasso di tempo. Nonostante io facessi un po’ di rumore, il bambino sembrava non farci caso e a un certo punto mi sono chiesto se fosse ancora vivo. A quel punto ho provato a fare ancora più rumore e quello per fortuna si è svegliato. Ma è stato allora che mi sono chiesto: cosa avrei fatto se il bambino fosse invece morto? E così è nata l’idea centrale del mio film.

Possiamo quindi pensare che la sequenza della scoperta della morte del bambino, con la porta che sbatte come sospinta da un forte vento, sia stata costruita in quella maniera così particolare perché influenzata dalla tua esperienza in montagna?

Nima Javidi: Sì, forse inconsciamente è stato così.

Melbourne è il tuo primo film, quale è stato il percorso produttivo che ti ha permesso di realizzarlo?

Nima Javidi: Non credo ci sia molta differenza tra il produrre un film in Iran o altrove, credo che il percorso cinematografico sia simile in quasi tutti i paesi. Quando un regista ha una sceneggiatura pronta da realizzare, va in cerca di un produttore e poi se il produttore accetta di fare il film, ci pensa lui a trovare i soldi necessari. In Iran ci sono produzioni che prendono i fondi dallo Stato e produzioni che prendono soldi da privati, il mio film, nel dettaglio, è stato finanziato da una banca.

La struttura del film, ambientato in un’unica location, è legata anche a questioni di budget?

Nima Javidi: Esatto, è proprio così, la scelta di ambientare tutto in interni e in un’unica location è legata al budget. Dal momento che io ero un regista al primo film non potevo presentarmi con un progetto costosissimo e sperare di trovare un produttore, e allora ho dovuto limitare il tutto a un interno pur sapendo che questo mi avrebbe causato delle difficoltà, perché è più difficile mantenere la tensione e l’attenzione dello spettatore con un film che si svolge tutto in un solo ambiente. Ho dovuto lavorare molto di più sulla sceneggiatura avendo fatto questa scelta, ma non avevo molte alternative.

L’appartamento così come lo vediamo è realmente esistente? E come l’avete trovato?

Nima Javidi: Keyvan Moghadam, il nostro scenografo, ha dovuto lavorare un po’ per riadattare lo spazio alle nostre esigenze perché quello che vedete nel film non era proprio un normale appartamento di un condominio. Si tratta di un ostello che noi abbiamo “trasformato” con poche modifiche in un condominio.

Come hai elaborato la regia del film e il lavoro con gli attori, c’è stata improvvisazione sul set?

Nima Javidi: Nell’esecuzione non abbiamo potuto improvvisare niente né cambiare niente perché tutto era scritto e la tensione sarebbe venuta meno se avessimo cambiato qualcosa. Rispetto alla sceneggiatura, però, all’inizio ho voluto cambiare una cosa importante: l’idea che avevo avuto era che la bambina aveva cinque anni e, una volta lasciata incustodita, moriva per aver messo il dito nella presa dell’elettricità. Ho cambiato questa cosa perché così quella morte avrebbe avuto un colpevole e poteva in qualche modo essere evitata, mentre il vero dramma della morte bianca è che non ha colpevoli ed è inevitabile.

Tra le cose che ci hanno impressionato di più di Melbourne c’è senz’altro l’equilibrio e la gestione della suspense e della componente drammatica: volevamo sapere come hai lavorato su questi aspetti e per quale dei due ti senti più portato, anche in prospettiva della direzione futura che vorrai dare alla tua carriera.

Nima Javidi: Prima rispondo alla seconda domanda. Così come ho fatto vedere nel film, il mio punto di vista sull’essere umano è quanto gli uomini siano imprevedibili e sia impossibile prevederne le scelte. Allo stesso modo io non ho ancora preso decisioni circa il mio futuro, è anch’esso imprevedibile.
Per quel che riguarda la prima domanda, io ho pensato che il mio interlocutore dovesse essere il più ampio possibile e che questo film deve poter essere visto sia da mio fratello che da un amico, da un uomo o una giovane donna così come da mia nonna, e per incollare lo spettatore allo schermo ho usato il grimaldello della tensione. Era l’arma più potente che avevo.

Vedendo il tuo film viene da pensare al cinema di Asghar Farhadi a quello di Roman Polanski e all’Hitchcock di Nodo alla gola: volevamo sapere se sono stati questi i suoi punti di riferimento.

Nima Javidi: Sì, Polanski e Hitchcock senza dubbio hanno influenzato la mia formazione e la scrittura della sceneggiatura di Melbourne. L’unica cosa che io ho fatto di diverso è stato cambiare il soggetto, perché mentre in un thriller di Hitchcock spesso era un ricco che veniva ammazzato, io ho voluto costruire tutto intorno a un innocente. Credo che questo si sposi meglio con la realtà odierna. Di solito nel genere thriller abbiamo un omicidio e tutti vogliono sapere il perché, ma in questo caso il morto è un neonato e non c’è un perché. Utilizzo lo stesso svolgimento di un mistery ma senza che in realtà ci sia poi una spiegazione.

Un altro tema centrale in Melbourne è quello dell’emigrazione, vista come un tentativo di evadere alle proprie responsabilità. Volevamo sapere se questo tema è presente nella società iraniana, e se chi va via è visto come qualcuno che rifiuta di assumersi una responsabilità.

Nima Javidi: Io credo che non solo in Iran, ma ovunque nel mondo, chi lascia il proprio paese rifiuta anche di assumersi delle responsabilità. L’emigrazione di suo ha il sentore della mancanza di responsabilità. Tu hai visto bene questo aspetto che io cercavo in realtà di nascondere.

Noi conosciamo e amiamo il cinema iraniano che vediamo nei festival, ovvero quello di autori come Kiarostami, Farhadi, Naderi. Ma qual è il cinema popolare iraniano? O forse questo cinema è anche popolare?

Nima Javidi: Quello che vedete voi non è tanto lontano dal cinema che da noi è popolare, perché quando esce un film di Farhadi in Iran arriva primo o secondo al box office e le sale sono piene. Io sono molto contento che il cinema che è più in contatto con il pubblico iraniano è proprio quello che viene presentato all’estero. Non era così qualche anno fa, quando a rappresentare il nostro cinema all’estero erano film che non venivano visti né erano sentiti dal popolo iraniano.

INFO
La scheda di Melbourne di Nima Javidi sul sito della SIC.
Melbourne sul sito del Qabe Aseman Art Institute.
  • Melbourne-2014-Nima-Javidi-SIC2014-06.jpg
  • Melbourne-2014-Nima-Javidi-SIC2014-08.jpg
  • Melbourne-2014-Nima-Javidi-SIC2014-05.jpg
  • Melbourne-2014-Nima-Javidi-SIC2014-04.jpg
  • Melbourne-2014-Nima-Javidi-SIC2014-03.jpg
  • Melbourne-2014-Nima-Javidi-SIC2014-02.jpg
  • Melbourne-2014-Nima-Javidi-SIC2014-07.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Melbourne

    di Opera prima e pellicola d'apertura della Settimana della Critica 2014, nelle sale con Microcinema Distribuzione, Melbourne ci pone presto di fronte a spinose questioni morali, a un vis-à-vis con noi stessi che non lascia vie di fuga.
  • Festival

    Venezia 2014Venezia 2014

    Per due settimane, a cavallo di settembre, il Lido si popola di film, registi e attori: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Venezia 2014.
  • Venezia 2014

    Venezia 2014 – Minuto per minuto

    La terza edizione del Barbera-bis: annotazioni sparse sui film, sulle ovazioni e i fischi, sulle tendenze, le voci, le piccole e grandi polemiche...
  • Venezia 2014

    settimana-della-critica-2014Settimana della Critica 2014 – Presentazione

    Sette film in concorso (più due fuori concorso) per spaziare dalla Cina alla Serbia, dal Vietnam alla Palestina, dalla Germania all'Iran. È il resoconto della presentazione della SIC, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Venezia 2014

    No One’s Child vince la Settimana Internazionale della Critica

    Va al serbo Vuk Ršumović la Settimana Internazionale della Critica 2014. La storia di un ragazzo selvaggio e del suo inserimento nella società juvoslava poco prima dello scoppio della guerra nei Balcani
  • Interviste

    Intervista a Vuk Rsumovic

    L'importanza del lavoro sulla sceneggiatura e di quello con gli attori, l'elaborazione della partitura fotografica e il progetto di un horror junghiano. Di questo e altro abbiamo parlato con Vuk Rsumovic, regista di Figlio di nessuno, film vincitore della 29. Settimana Internazionale della Critica e dal 16 aprile in sala.
  • Venezia 2014

    Intervista a Francesco Di Pace

    Abbiamo intervistato Francesco Di Pace, da dieci anni Delegato Generale della Settimana Internazionale della Critica di Venezia. Un modo per fare il punto sulla selezione, sul festival e sul sistema-cinema italiano.
  • Festival

    settimana-della-critica-2014Settimana della Critica 2014

    Sette film in concorso (più due fuori concorso) per spaziare dalla Cina alla Serbia, dal Vietnam alla Palestina, dalla Germania all’Iran. La Settimana della Critica 2014, giunta alla ventinovesima edizione, al Lido di Venezia dal 28 agosto.
  • Archivio

    About Elly RecensioneAbout Elly

    di La storia di Elly segue le orme di un thriller e tuttavia lo nega: i protagonisti della drammatica inchiesta, tre giovani coppie con figli al seguito, sembrano voler indagare su chi sia realmente la giovane ragazza scomparsa più che capire veramente che fine abbia fatto...
  • In sala

    Il dubbio - Un caso di coscienza RecensioneIl dubbio – Un caso di coscienza

    di Un film farhadiano fino al midollo, Il dubbio - Un caso di coscienza di Vahid Jalilvand, che si avvale di due ottime prove d’attori e di una riflessione sul dubbio e sulla colpevolezza come principi indispensabili per setacciare l’umanità e le sue implicazioni.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento