Flapping in the Middle of Nowhere

Flapping in the Middle of Nowhere

di

Flapping in the Middle of Nowhere, esordio alla regia della regista Nguyễn Hoàng Điệp sorprende per la maturità della messa in scena e la capacità di osservare in maniera lucida e spietata la società vietnamita. In concorso alla Settimana Internazionale della Critica.

Pesci vivi nei lampioni

L’adolescente Huyen rimane incinta di un giovane balordo ed è costretta a prostituirsi per mettere da parte i soldi necessari per un aborto. Ironia della sorte, l’unico cliente disposto a pagarla è un uomo ossessionato dalle donne in gravidanza. Ma la situazione diventa sempre più complicata, perché l’uomo rende Huyen talmente felice che lei quasi dimentica che un bimbo sta crescendo dentro di lei ogni giorno di più… [sinossi]

Uno dei tratti distintivi riscontrati nei titoli che compongono, all’interno della Mostra di Venezia 2014, la Settimana Internazionale della Critica, è senza dubbio la sorprendente maturità di sguardo (sulla società, ma ancor più sul cinema) dei registi impegnati nella bagarre per la conquista del premio del pubblico e, forse, del premio per l’opera prima messo in palio dalla kermesse lagunare. Autori esordienti come Nima Javidi (Melbourne), Stéphane Demoustier (Terre battue), Ivan Gergolet (Dancing with Maria) e Timm Kröger (Zerrumpelt Herz/The Council of Birds), sembrano avere già le idee molto chiare sul ciò che è legittimo fare – e su quel che bisogna con accuratezza evitare – quando ci si siede dietro la macchina da presa.
Ed è proprio la maturità espressiva a lasciare a bocca aperta fin dalle prime immagini di Flapping in the Middle of Nowhere (questo il titolo internazionale scelto per sostituire l’originale Đập cánh giữa không trung), esordio alla regia della trentaduenne vietnamita Nguyễn Hoàng Điệp, già produttrice ad appena ventisette anni, dell’interessante Bi, Don’t Be Afraid del connazionale Phan Dang Di. Per rendersi conto dell’originalità della cineasta basta con ogni probabilità la prima inquadratura, con la camera che segue lo sbalestrato ragazzo della protagonista Huyen, giovane addetto alla manutenzione delle strade, mentre si innalza fino a un lampione per liberare la plafoniera dall’acqua e scoprirvi all’interno, vivi e vegeti, due pesciolini. Un attestato di libertà creativa che non lascia dubbi sulle ambizioni di Nguyễn Hoàng Điệp.

Flapping in the Middle of Nowhere ha il coraggio di affrontare di petto tematiche tutt’altro che banali come l’identità sessuale, l’aborto, la prostituzione, senza accettare in maniera prona che queste condizionino il puro istinto cinematografico della regista: per quanto a prima vista l’intento della Nguyễn Hoàng Điệp possa sembrare quello di affiliarsi alla pletora di autori che sfruttano l’esotico e si affidano a qualche rapido cenno antropologico per farsi accettare dalle platee occidentali, in un’operazione di auto ghettizzazione e di terzomondismo insincero a dir poco preoccupante, Flapping in the Middle of Nowhere si muove invece in direzione di una ricreazione abbagliante dell’immaginario vietnamita, e non solo.
Tra deserti dal vago fascino lunare dove bande di piccoli criminali si danno appuntamento per i combattimenti illegali di galli, scenari urbani ai limiti dell’allucinazione – quel treno che passa rasente le case, con i bambini che giocano sui binari –, architetture quasi irrazionali che combattono con la rigida geometria delle case dei benestanti, Flapping in the Middle of Nowhere costringe lo sguardo dello spettatore a continue epifanie visive, in cui la realtà non viene mai smentita né esasperata, ma si trasfigura, mescolando la terracea ripresa del “vero” con il guizzo inatteso del surrealismo metaforico.

Ogni cosa, nel film della Nguyễn Hoàng Điệp, sembra contenere al suo interno piccoli universi di senso in grado di aprire la pota a prospettive inattese: eppure Flapping in the Middle of Nowhere vibra anche di una sincerità dolorosa nella messa in scena di questa metropoli fatiscente, sporca, quasi priva di speranza eppure carica di un’umanità straripante. Si potrà forse anche legittimamente trovare pedante il segmento che vede Huyen alle prese con l’uomo ricco che potrebbe cambiarle la vita, ma bisogna riconoscere alla giovane regista la capacità sorprendente di tratteggiare i propri personaggi senza giudicarli, ma evidenziando piuttosto l’aspetto più sincero della loro umanità.
Huyen, il suo ragazzo balordo, l’amico che si prostituisce e sogna di cambiare sesso, si istallano nella mente dello spettatore senza abbandonarla più, fragili esempi di una società che li mastica ed è già pronta a digerirli. Nguyễn Hoàng Điệp sembra destinata a un futuro radioso nel panorama cinematografico internazionale, e l’eleganza formale di Flapping in the Middle of Nowhere ne è testimonianza fedele, in attesa di ciò che porterà il futuro.

Info
Flapping in the Middle of Nowhere sul sito della Settimana della Critica.
Il trailer di Flapping in the Middle of Nowhere.
Flapping in the Middle of Nowhere su facebook.
  • Flapping-in-the-Middle-of-Nowhere-2014-Nguyen-Hoang-Diep-02.jpg
  • Flapping-in-the-Middle-of-Nowhere-2014-Nguyen-Hoang-Diep-03.jpg
  • Flapping-in-the-Middle-of-Nowhere-2014-Nguyen-Hoang-Diep-04.jpg
  • Flapping-in-the-Middle-of-Nowhere-2014-Nguyen-Hoang-Diep-05.jpg
  • Flapping-in-the-Middle-of-Nowhere-2014-Nguyen-Hoang-Diep-06.jpg
  • Flapping-in-the-Middle-of-Nowhere-2014-Nguyen-Hoang-Diep-07.jpg
  • Flapping-in-the-Middle-of-Nowhere-2014-Nguyen-Hoang-Diep-08.jpg
  • Flapping-in-the-Middle-of-Nowhere-2014-Nguyen-Hoang-Diep-09.jpg

Articoli correlati

  • In Sala

    Dancing with Maria

    di L'esordiente Ivan Gergolet tratteggia con mano ferma il ritratto composito di una danzatrice ostinatamente alla ricerca di nuove forme per esprimere la sua creatività, perché questa è, in fondo, la missione di ogni artista...
  • Venezia 2014

    Terre battue

    di L'opera prima del francese Stéphane Demoustier, Terre battue, lucido e al tempo stesso appassionato ritratto di una crisi personale e sociale. In concorso alla Settimana della Critica 2014.
  • Archivio

    Melbourne

    di Opera prima e pellicola d'apertura della Settimana della Critica 2014, nelle sale con Microcinema Distribuzione, Melbourne ci pone presto di fronte a spinose questioni morali, a un vis-à-vis con noi stessi che non lascia vie di fuga.
  • Festival

    Venezia 2014Venezia 2014

    Per due settimane, a cavallo di settembre, il Lido si popola di film, registi e attori: tutte le nostre recensioni e gli articoli da Venezia 2014.
  • Venezia 2014

    settimana-della-critica-2014Settimana della Critica 2014 – Presentazione

    Sette film in concorso (più due fuori concorso) per spaziare dalla Cina alla Serbia, dal Vietnam alla Palestina, dalla Germania all'Iran. È il resoconto della presentazione della SIC, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Venezia 2011

    Whores' Glory RecensioneWhores’ Glory

    di Michael Glawogger filma un trittico sulla prostituzione, attraversando tre nazioni, tre lingue e tre religioni. A Venezia 2011 nella sezione Orizzonti.
  • Venezia 2014

    No One’s Child vince la Settimana Internazionale della Critica

    Va al serbo Vuk Ršumović la Settimana Internazionale della Critica 2014. La storia di un ragazzo selvaggio e del suo inserimento nella società juvoslava poco prima dello scoppio della guerra nei Balcani
  • Venezia 2014

    Intervista a Francesco Di Pace

    Abbiamo intervistato Francesco Di Pace, da dieci anni Delegato Generale della Settimana Internazionale della Critica di Venezia. Un modo per fare il punto sulla selezione, sul festival e sul sistema-cinema italiano.
  • AltreVisioni

    Floating Lives

    di Di Floating Lives vanno sottolineate le ambizioni artistiche e produttive, segnale incoraggiante per una cinematografia e una generazione di cineasti in crescita. Presentato al Far East 2011.
  • Berlino 2015

    Cha và con và

    di Rapsodico ed ellittico, il vietnamita Cha và con và - in concorso alla 65esima edizione della Berlinale - avanza in maniera convincente e quasi ipnotica lungo la strada della sensualità e della violenza, con il delta del Mekong a fare da minaccioso e primordiale sfondo alla vicenda.
  • Festival

    settimana-della-critica-2014Settimana della Critica 2014

    Sette film in concorso (più due fuori concorso) per spaziare dalla Cina alla Serbia, dal Vietnam alla Palestina, dalla Germania all’Iran. La Settimana della Critica 2014, giunta alla ventinovesima edizione, al Lido di Venezia dal 28 agosto.
  • Festival

    Locarno 2019

    Dal 7 al 17 agosto, la 72esima edizione del Locarno Film Festival, che segna l'esordio alla direzione della quarantaduenne francese Lili Hinstin. Il concorso, la Piazza Grande, la retrospettiva che si focalizza sul cinema "black": tutti i nostri articoli dal Canton Ticino.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento