Early Japanese Cinema a Pordenone: i jidaigeki

Early Japanese Cinema a Pordenone: i jidaigeki

Il programma dedicato alle origini del cinema giapponese in cartellone alla 33esima edzione delle Giornate del Cinema Muto.

Il cinematografo ha appena emesso i suoi primi vagiti che già il Giappone se ne impossessa.

È il 1897, l’Era Meiji quella dell’apertura del paese all’esterno, dei traffici commerciali, del tentativo di colmare il gap tecnologico con un Occidente ormai assurto a modello, è iniziata da ormai trent’anni. L’industriale tessile Inabata Katsutaro torna da Lione con il nuovo marchingegno dei fratelli Lumière.
Siamo in quella fase di transizione tra il modello di rappresentazione primitivo, il cinema delle attrazioni, e il modello di rappresentazione istituzionale. Proprio a questa fase intermedia risalgono gli straordinari documenti presentati alle Giornate del Cinema Muto, pellicole appartenenti alla collezione del Museo del Teatro dell’Università Waseda, il più prestigioso ateneo nipponico (forse qualcuno ha presente l’inno dell’università cantato nei film di Ozu), e in particolare alla donazione Kushima, risalente al 1960 per merito di un collezionista, ex distributore cinematografico. Pellicole curate e conservate dal prezioso lavoro del docente Komatsu Hiroshi.
Il passaggio dai due sistemi di rappresentazione, come delineato da Noël Burch, vede il cinema prendere a modello, come forma di intrattenimento, il teatro, che in Giappone è rappresentato dagli antichi kabuki e Bunraku, il teatro di marionette, e dal nuovo shinpa che vuole attualizzare il repertorio degli spettacoli con drammi di ambientazione contemporanea. I primi registi giapponesi sono dei teatranti, come Makino Shozo, che vedono nel nuovo mezzo la possibilità di immortalare le proprie rappresentazioni. E dalla dicotomia teatro classico e teatro moderno nasce la suddivisione netta tra jidaigeki, film storici, e gendaigeki, film di ambientazione contemporanea.

Il programma presentato a Pordenone, è esemplare nel mostrare l’evoluzione di questo cinema degli albori in Giappone. Nel primo programma, dedicato al jidaigeki, si parte dal teatro filmato puro, a inquadratura rigorosamente fissa, di Asagao nikki (Il diario di un convolvolo, 1909), dramma risalente agli inizi del XIX secolo, sulla tipica pedana del kabuki, ai fondali palesemente bidimensionali con la neve finta di Sakurada chizome no yuki (Neve macchiata di sangue presso la Porta Sakurada, 1909), tratto da una novella del 1886, a sua volta ispirata da un fatto storico del 1860, l’assassinio del Granduca per mano di un gruppo di samurai. Questo film fu interpretato dagli attori della compagnia di Nakano Nobuchika, che collaborava con la prima casa di produzione nipponica, la Yoshizawa, specializzati in teatro shinpa, che si sono adattati a recitare nello stile diverso kyugeki, la vecchia scuola.
Troviamo geisha e samurai, combattimenti di chanbara (il genere giapponese di spadaccini) e un fondale in stile paravento nel film Matsuo shimoyashiki (La residenza di Matsuo, 1910), tratto da un’opera kabuki e Bunraku del 1746. Primi timidi movimenti laterali della mdp in Kamiya Jihei (Jihei, il mercante di carta, 1911) che è tratto dal celeberrimo dramma Shinjû Ten no Amijima, risalente al 1721, opera del grande scrittore Chikamatsu Monzaemon, che poi fu tradotto ancora al cinema nel 1969 da Shinoda Masahiro.

Con l’ultimo film presentato, Kaminarimon taika chizme no matōi (Il grande incendio presso la Porta Kaminarimon, 1916), più lungo degli altri frammenti, il teatro filmato lascia definitivamente posto al cinema con la sua specifica grammatica: girato in esterni, in tante location diverse, che sfociano in uno spettacolare combattimento con katana sugli scogli; un interno con inquadratura sghemba (diverso dalle linee perfettamente parallele e ortogonali del cinema di Ozu); ma anche dei trucchi, sparizioni, trasformazioni, in puro stile Méliès (il cinema delle attrazioni sopravvive). Si narra di una storia di rivalità tra due gruppi di pompieri. L’eroe è Senta, interpretato dal popolarissimo Onoe Matsunoke, che dopo interminabili combattimenti verrà imprigionato, secondo il concetto tipicamente nipponico di nobiltà nella sconfitta. La regia del film è attribuibile, con buona probabilità, a Makino Shozo.

Info
Il sito delle Giornate del Cinema Muto

Articoli correlati

  • Pordenone 2014

    The White Raven

    di Un melodramma d'amore, capitalismo e vendetta per un'eroina virile e volitiva: Ethel Barrymore risplende sul grande schermo delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone in The White Raven.
  • Pordenone 2014

    Chaplin e Keaton

    Alle Giornate del Cinema Muto la proiezione di The Immigrant di Charlie Chaplin e di The Boat di Buster Keaton ha permesso - anche per via di alcune similitudini tematiche e di gag - di intavolare un piccolo gioco di confronti tra i due film.
  • Pordenone 2014

    Mussolini hollywoodiano alle Giornate del Cinema Muto

    Quando Hollywood flirtava con il fascismo: nel video di oggi delle Giornate del Cinema Muto un estratto di The Eternal City del 1923, rivisitazione apologetica dell'ascesa al potere di Mussolini, che appare nella parte di se stesso.
  • Pordenone 2014

    Ben-Hur: A Tale of the Christ

    di I primi vagiti del Technicolor rifulgono sul grande schermo delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone 2014 con Ben-Hur: A Tale of the Christ di Fred Niblo.
  • Pordenone 2014

    Giornate del Cinema Muto: il Technicolor con Ben Hur

    Nel video dedicato al secondo giorno delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, alcune immagini del Ben Hur del 1926, uno dei primi kolossal in Technicolor.
  • Pordenone 2014

    When a Man Loves

    di Il film di apertura delle Giornate del Cinema Muto, When a Man Loves con protagonisti John Barrymore e Dolores Costello, è un melodramma ipertrofico e spericolato.
  • Pordenone 2014

    Giornate del Cinema Muto: Barrymore e il Vitaphone

    La proiezione di apertura delle Giornate del Cinema Muto è stata When a Man Loves, con protagonista John Barrymore. Il video realizzato dal festival.
  • Festival

    Giornate del Cinema Muto 2014

    Dal 4 all'11 ottobre si tiene a Pordenone la 33esima edizione delle Giornate del Cinema Muto con un programma che, come al solito, propone straordinari recuperi del cinema del passato, tra inediti, restauri e (ri)scoperte. Le nostre recensioni, interviste e approfondimenti.
  • Festival

    Giornate del Cinema Muto: da Barrymore a Chaplin

    Presentato il programma della 33esima edizione delle Giornate del Cinema Muto, di cui Quinlan è quest'anno media partner. Tra gli eventi: una retrospettiva sui Barrymore e una sugli albori del Technicolor, un omaggio a Chaplin per il centenario di Charlot.
  • Pordenone 2014

    Regeneration

    di Nella sezione Il Canone rivisitato delle Giornate del Cinema Muto di Pordenone, è stato presentato Regeneration, gangster movie "classico" sospeso tra criminalità e redenzione, che segnò l'esordio al lungometraggio di Raoul Walsh.
  • Pordenone 2014

    Pan

    di Prima e unica regia cinematografica per Harald Schwenzen, importante attore di cinema e teatro in Norvegia, che porta sullo schermo un romanzo dello scrittore nazionale Knut Hamsun, riuscendo a infondervi tutta quella mistica della natura, quel forte senso panico e romantico della concezione panteistica dell’autore.
  • Pordenone 2014

    Il benshi alle Giornate del Cinema Muto

    Nel video realizzato dal festival il benshi Ichiro Kataoka parla del suo lavoro di 'narratore cinematografico' che quest'anno alle Giornate del Cinema Muto lo ha portato a confrontarsi anche con alcuni film di Chaplin.
  • Pordenone 2014

    L’animazione ucraina a Pordenone

    Alle Giornate del Cinema Muto omaggiata anche l’animazione ucraina delle origini, con un programma di otto corti, il materiale sopravvissuto della produzione degli studi VUFKU di Kiev, Odessa e Kharkiv tra il 1927 e il 1931.
  • Pordenone 2014

    I Nibelunghi

    di Quando ha davvero senso parlare di un “classico senza tempo”: il sincretismo lungimirante de I Nibelunghi di Fritz Lang, riproposti sul grande schermo, in 35mm, alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone.
  • Pordenone 2014

    Early Japanese Cinema a Pordenone: i gendaigeki

    Seconda parte del programma delle Giornate di Pordenone dedicato alle opere della collezione dell’Università Waseda, questa volta dedicata ai film di ambientazione contemporanea, i gendaigeki.
  • Pordenone 2014

    La statua di carne

    di Un melodramma italiano old style, con tendaggi cui appendersi e un inquietante risvolto in stile La donna che visse due volte: La statua di carne di Mario Almirante, presentato alle Giornate del Cinema Muto.
  • Pordenone 2014

    Il capolavoro restaurato di Lang a Pordenone

    Nel video realizzato dalle Giornate del Cinema Muto immagini da I Nibelunghi di Fritz Lang e interviste al restauratore del film e a uno dei musicisti che ha accompagnato la proiezione dal vivo.
  • Pordenone 2014

    Intervista a Hiroshi Komatsu

    Docente all'Università Waseda di Tokyo, Hiroshi Komatsu ha portato alla 33esima edizione delle Giornate del Cinema Muto alcune rarità provenienti dalla collezione filmica dell'ateneo. Lo abbiamo incontrato per parlare con lui del cinema giapponese delle origini.
  • News

    Allarme per Le Giornate del Cinema Muto

    Dopo l'ennesimo taglio dei fondi, gli organizzatori delle Giornate del Cinema Muto lanciano l'allarme per la prossima edizione, il cui programma è sostanzialmente già pronto ma che allo stato attuale rischierebbe di essere eccessivamente ridimensionato. Previsto per metà gennaio un incontro con le istituzioni che sostengono il festival.
  • Pordenone 2015

    A Diary of Chuji’s Travels

    di Evento speciale alle Giornate del Cinema Muto, il terzo restauro di Chuji tabi nikki, un grande classico del jidaigeki, il cappa e spada nipponico, opera del regista pioniere Daisuke Ito, con la star Denjiro Okochi.
  • Pordenone 2015

    Intervista a Hisashi Okajima

    Chief curator del National Film Center di Tokyo dal 2005, Hisashi Okajima è stato un critico cinematografico e in passato ha ricoperto anche l’incarico di presidente della FIAF (International Federation of Film Archives). Lo abbiamo incontrato alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone dove è intervenuto per presentare l’ultimo restauro del film A Diary of Chuji’s Travels.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento