La cripta e l’incubo

La cripta e l’incubo

di

Visto al Festival di Roma in 35mm nella retrospettiva sul gotico italiano, La cripta e l’incubo è una delle due incursioni del regista di Totò Camillo Mastrocinque nel gotico italiano, insieme al successivo Un angelo per Satana.

Chi suona la campana?

Nell’antico castello dei Karnstein vivono il conte Ludwig e sua figlia Laura, preda di continui incubi. Per allontanare da sé il sospetto che in sua figlia si sia reincarnata un’antenata dei Karnstein, il conte chiama al castello un giovane studioso, Klauss, perché scopra i motivi che provocano ad ogni incubo di Laura la morte di una delle persone da lei sognate. Klauss si applica sulle antiche pergamene e sembra che abbia trovato una traccia; ma proprio quando sta per svelare il mistero, il conte Ludwig gli proibisce di continuare… [sinossi]

Con La cripta e l’incubo del 1964, presentato alla nona edizione del Festival di Roma all’interno della retrospettiva sul gotico italiano, Camillo Mastrocinque contribuisce all’horror italiano ispirandosi liberamente a uno dei tre capisaldi del romanzo gotico sui vampiri, vale a dire Carmilla di Sheridan Le Fanu (gli altri sono Il vampiro di John Polidori e Dracula di Bram Stoker). Ne consegue una buona dose di lesbismo che garantisce l’ingrediente erotico fondamentale nel cinema di vampiri. L’elemento vampiresco comunque non è preponderante, più alluso, ma non mancano i due classici buchi sul collo.

Il regista di Totò, pur non essendo Bava né Freda, svolge il compitino con diligenza. Usa, ma moderatamente, lo zoom come i maestri del genere. Confeziona in un elegante bianco e nero un’opera che contiene una serie di archetipi del gotico. Il castello in cima a una rupe dove il conte padrone di casa, dalle pompose vestaglie di seta, invita un ospite. Conte che poi è nientemeno che Christopher Lee, il Dracula della Hammer. Un maniero che rispetta tutti i cliché, lunghe file di armature ai lati dei corridoi, biblioteche colme di volumi impolverati, pergamene. Poi il passato, vicende dell’antichità legate a una strega, che si ripercuote nel presente, come la strega Asa del baviano La maschera del demonio.

E poi gli elementi naturali, il vento impetuoso e minaccioso che apre le finestre, che fa suonare le campane di un campanile che si erge tra le vestigia di una antica costruzione. E se non c’è vento, chi è che suona la campana? E poi ancora i nightmare, gli incubi di chi sogna persone che poi puntualmente muoiono. E ancora pugnalate in silhouette come in Psycho, carrozze che viaggiano nella notte, arrivando dal Nosferatu e attraversando La maschera del demonio, specchi, ombre e dipinti intercambiabili. Un film che si pone come crocevia, come ponte tra i classici del cinema gotico e l’horror a venire.

Info
Il trailer francese de La cripta e l’incubo.
La cripta e l’incubo in dvd.
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-10.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-11.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-12.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-07.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-13.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-01.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-02.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-03.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-04.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-05.jpg
  • La-cripta-e-lincubo-1964-Camillo-Mastrocinque-06.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2014

    La maschera del demonio RecensioneLa maschera del demonio

    di Il capolavoro di Mario Bava, punto di riferimento per il cinema gotico italiano (e non solo), rivive sugli schermi dell'Auditorium durante la nona edizione del Festival di Roma.
  • Festival

    Roma 2014 – Minuto per minuto

    Annotazioni, pensieri, piccole e grandi polemiche: il resoconto della vita quotidiana nei fatidici giorni della nona edizione Festival del Film di Roma, dal 16 al 25 ottobre 2014.
  • Festival

    Roma 2014

    Il Festival del Film di Roma 2014, dal 16 al 25 ottobre, giunto alla nona edizione, l’ultima (forse) diretta da Marco Müller. Si torna all’idea di Festa, in attesa di capire cosa proporrà il futuro…
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: Bibliografia e filmografia

    Una bibliografia e una filmografia ragionate della letteratura e del cinema dedicati ai vampiri, suddivisa per generi e con riferimento alla data di prima pubblicazione, o di realizzazione. Una serie di consigli per la lettura e per la visione, più che altro.
  • Saggi

    Innocent Blood – I vampiri al cinema: L’appetito (sessuale) vien mordendo

    La figura del vampiro ha sempre rappresentato una metafora della dominazione sessuale, a partire dalla Carmilla di Le Fanu fino agli incroci con cinema horror ed erotico.
  • Speciali

    Vampiri al cinema: Innocent Blood - Un viaggio nell'oscuritàVampiri al cinema – Innocent Blood

    Un viaggio nell'oscurità: il mito del vampiro illuminato dalla luce della macchina da presa. Cento e più anni di succhiasangue sul grande schermo.
  • Archivio

    Crimson Peak RecensioneCrimson Peak

    di Il rosso del sangue e della passione, lo splendore della profondità di campo, le performance di Mia Wasikowska, Jessica Chastain, Tom Hiddleston. Crimson Peak intreccia suggestioni gotiche e (iper)melodrammatiche, scenografie lussuose e una messa in scena abbacinante.
  • Cult

    La città dei mostri

    di La città dei mostri, venduto all'epoca dell'uscita nelle sale come uno dei molti adattamenti di Roger Corman dei racconti di Edgar Allan Poe, trae al contrario ispirazione da un altro maestro dell'orrore letterario statunitense, Howard Phillips Lovecraft.
  • In sala

    The Lodgers RecensioneThe Lodgers – Non infrangere le regole

    di Due gemelli costretti a vivere reclusi in una vecchia magione, nell'Irlanda degli anni Venti del Ventesimo Secolo per via di una maledizione che da sempre grava sulla loro famiglia. Ecco The Lodgers di Brian O’Malley, sinuoso racconto gotico che non riesce ad andare molto al di là della fascinosa ambientazione.
  • Classici

    nosferatu il vampiro recensioneNosferatu il vampiro

    di Nosferatu il vampiro ha quasi cento anni. Un secolo che ha cercato di dissezionare il corpo non-morto del film di Murnau, tra letture politiche e analisi del linguaggio, metafore e cronache del "reale". Un capolavoro senza tempo, che rilegge il tempo e lo spazio, e il senso del perturbante.
  • AltreVisioni

    Vampires RecensioneVampires

    di Il più imprevedibile tra i film presentati al TFF28: un horror sui generis che sfrutta le potenzialità (ancora forse non espresse in forma totalmente compiuta) del mockumentary per raccontare la nostra contemporaneità e farsene allegramente beffe.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento