Fase IV: distruzione Terra

Fase IV: distruzione Terra

di

Tra i risultati più alti della fantascienza degli anni Settanta, con un fertile intreccio di suggestioni distopiche e apocalittiche, Fase IV: distruzione Terra mette in scena la genesi di un nuovo equilibrio planetario, di una nuova forma di convivenza tra uomo e natura, ipotizzando una possibile forma di socialismo globale. Intenso, lucidissimo, il primo e purtroppo unico film diretto da Saul Bass riesce a essere rigoroso come un testo scientifico quanto ipnotico e lisergico.

Welcome our new insect overlords

Misteriose energie e campi magnetici provenienti dallo spazio hanno causato delle mutazioni nelle formiche di una colonia in Arizona. Le nuove formiche sembrano estremamente intelligenti e si adattano rapidamente. Sono aggressive e dominanti. Due studiosi sono inviati dall’Istituto nazionale di ricerca a studiare questo preoccupante fenomeno. L’equipe è composta da James R. Lesko e Ernest D. Hubbs, arroccati in un laboratorio tra computer e provette, costretti ben presto a confrontarsi con l’incredibile balzo evolutivo delle formiche… [sinossi]
In quanto a me, darò il benvenuto ai nostri insetti signori supremi!
Vorrei comunicare loro che, come personaggio televisivo fidato,
posso aiutarli a reclutare i terrestri per sgobbare nelle cave di zucchero sotterranee!
Kent Brockman

Designer di assoluto valore, entrato di diritto nella storia del cinema grazie alle collaborazioni con Preminger, Hitchcock, Kubrick e Scorsese, il newyorkese Saul Bass non ha avuto molta fortuna come regista, nonostante l’Oscar per il documentario breve Why Man Creates (1968) e le nomination per i cortometraggi Notes on the Popular Arts (1978) e The Solar Film (1980). L’insuccesso commerciale di Fase IV: distruzione Terra ne ha limitato le ampie potenzialità estetiche e narrative, costringendolo a ripiegare verso lidi creativi più sicuri. La sua opera prima, rimasta purtroppo anche unica, era ed è probabilmente troppo autoriale, matura, visivamente raffinata, fin dalla scelta di avvalersi delle riprese dal taglio documentaristico e via via visionario di Ken Middleham.

Tra i risultati più alti della fantascienza degli anni Settanta, con un fertile intreccio di suggestioni distopiche e apocalittiche, Fase IV: distruzione Terra mette in scena la genesi di un nuovo equilibrio planetario, di una nuova forma di convivenza tra uomo e natura, ipotizzando una possibile forma di socialismo globale. Parente strettissimo della science fiction ambiziosa di 2001: Odissea nello spazio, il film di Bass rielabora le psicosi della fantascienza cinematografica degli anni Cinquanta, liberandosi dalle prevedibili e spesso grossolane dinamiche dei mostri giganti, delle invasioni aliene, dello spauracchio comunista, della spettacolarità spassosa e un po’ baraccona dei nuclear monster movie.
Impossibile non pensare ad Assalto alla Terra (1954) di Gordon Douglas, un classico dei big bug film. Fase IV cambia totalmente prospettiva, scegliendo il punto di vista dei minuscoli insetti, caratterizzando “positivamente” la loro mutazione, affidando a queste nuove e senzienti formiche le sorti di un pianeta probabilmente migliore, finalmente liberato dal giogo di un’umanità cieca e sorda alle necessità della Natura, della sopravvivenza di chi è altro.

Rielaborando e rovesciando il punto di vista sui consueti contenuti politici di molta fantascienza statunitense, Bass e lo sceneggiatore Mayo Simon (Abbandonati nello spazio, Futureworld – 2000 anni nel futuro) teorizzano una definitiva vittoria del socialismo, affidando agli insetti e alla loro presa di coscienza un ruolo altrimenti impossibile per l’uomo. Alla flebile intensificazione tecnologica del genere umano, rappresentato dai poli opposti Hubbs (Nigel Davenport) e Lesko (Michael Murphy), Fase IV contrappone lo sviluppo esponenziale e inarrestabile degli insetti: sono le formiche il veicolo della “mente alveare” de I figli di Medusa di Sturgeon, mentre a Lesko e alla giovane Kendra è riservato il ruolo di novelli Adamo ed Eva.

Il grido rabbioso e disperato di George Taylor/Charlton Heston nel finale de Il pianeta delle scimmie, l’ultimo uomo come mostro/leggenda di 1975: occhi bianchi sul pianeta Terra, l’impassibilità inquietante e terribile del pistolero Yul Brynner ne Il mondo dei robot, il tracollo psicologico dello scienziato Ernest D. Hubbs e la lucidita della formica gialla in Fase IV: distruzione Terra: Bass e Simon riassumono perfettamente, condensandole in soli ottantaquattro minuti, le speculazioni politiche e filosofiche della fantascienza distopica e apocalittica, scegliendo un registro antispettacolare e sposando suggestioni visive e cromatismi affini alla videoarte. Le sonorità elettroniche e strumentali e la ricerca costante di forme geometriche, asettiche e rigorose, hanno probabilmente contribuito all’insuccesso commerciale di Phase IV, ma hanno ulteriormente impreziosito la magistrale opera prima di Saul Bass.

INFO
La scheda di Fase IV. distruzione Terra sul sito del TFF2014.
Il trailer originale di Fase IV: distruzione Terra.
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-01.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-02.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-03.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-04.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-05.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-06.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-08.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-09.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-10.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-14.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-15.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-16.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-17.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-18.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-19.jpg
  • fase-iv-distruzione-terra-1974phase-4-saul-bass-20.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Torino Film Festival 2014Torino 2014 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2014, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte...
  • Festival

    Torino 2014

    Il Torino Film Festival 2014, dal 21 al 29 novembre. La trentaduesima edizione del festival sabaudo, tra esordi, New Hollywood, documentari e film di ricerca. Tutte le nostre recensioni.
  • Torino 2014

    The Jericho Mile

    di Due anni prima dell’esordio cinematografico con Strade violente, Mann realizza una pellicola sportivo-carceraria di rara potenza emotiva, capace di lasciarsi alle spalle i limiti produttivi, narrativi ed estetici del piccolo schermo.
  • Torino 2015

    Luomo-che-visse-nel-futuroL’uomo che visse nel futuro

    di Resistono allo scorrere del tempo i colori accesi e i fondali dipinti de L'uomo che visse nel futuro, uno dei titoli che il Torino Film Festival ha scelto per la retrospettiva sul cinema di fantascienza “Cose che verranno”. Tra avventura e buoni sentimenti, incombono l'olocausto nucleare e mai sopiti scontri di classe.
  • TFF 2015

    Cose che verrannoCose che verranno. Utopie e distopie sul grande schermo

    Le strade di New York sono cimiteri di macchine, un vuoto spettrale avvolge la Grande Mela. Londra è in fiamme. A Roma, all'Eur, si aggira l'ultimo sopravvissuto, bramato e assediato dai vampiri. Nell'802.701 gli apatici Eloi si fanno sgranocchiare dai mostruosi Morlock...
  • Trieste S+F 2018

    Il mondo dei robot RecensioneIl mondo dei robot

    di Riproposto dal Trieste Science+Fiction Festival, Il mondo dei robot è uno dei classici della fantascienza distopica degli anni Settanta, invecchiato un po' a fatica, non privo di qualche ingenuità, ma ancora terribilmente affascinante.
  • Trieste S+F 2018

    2002: la seconda odissea Recensione2002: la seconda odissea

    di Riproposto dal Trieste Science+Fiction Festival per l'omaggio a Douglas Trumbull, 2002: la seconda odissea è il primo film da regista dello storico mago degli effetti visivi. Fantascienza distopica che riflette la sensibilità ecologica e lo spirito di ribellione dei primi anni Settanta.
  • Cannes 2019

    Little Joe RecensioneLittle Joe

    di Volutamente trattenuto e anticlimatico, Little Joe di Jessica Hausner è sci-fi del presente, impreziosita da un certosino rigore geometrico e cromatico, pervasa da sonorità sottilmente disturbanti. Presentato in concorso al Festival di Cannes 2019.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento