Intervista a Dario Argento

Intervista a Dario Argento

Profondo rosso, il montaggio subliminale, la brutalità, l’uso dei flashback, la colonna sonora, la creazione di un immaginario. Ne abbiamo parlato con Dario Argento durante il Torino Film Festival.

A Torino è stata presentato il restauro digitale di Profondo rosso, capolavoro insuperato di Dario Argento e punto di svolta per l’intera produzione thriller e horror mondiale. Il giorno successivo alla proiezione abbiamo avuto l’occasione di incontrare Argento all’Albergo Principi di Piemonte, per parlare del film e del suo cinema nel complesso.

Ieri è stato possibile godere della visione di Profondo rosso sul grande schermo, restaurato in digitale dalla Cineteca Nazionale insieme a RTI nel laboratorio de L’Immagine Ritrovata. Prima della proiezione hai detto di essere curioso della resa finale, dato che non avevi avuto modo di vedere la copia. Cosa ne pensi del risultato?

Dario Argento: Mi sembra davvero eccellente. Sono riusciti a recuperare perfino i colori originali, anche se il digitale non può riprodurre in maniera perfetta la resa della pellicola… La pellicola era fatta con la gelatina, con materiali organici, invece nel digitale tutto diventa una pura questione elettronica, quindi non riuscirà mai a ottenere gli stessi colori. Ma devo dire che la copia di ieri si avvicinava davvero molto all’originale.

Giustamente nella presentazione di ieri si è citato il ruolo svolto da Torino nella lavorazione del film, con l’utilizzo della Piazza del C.L.N. e di altri luoghi della città, ma Profondo rosso ricompone in realtà una città immaginaria, con sequenze girate a Perugia e a Roma. Perché hai scelto questo tipo di spaesamento geografico?

Dario Argento: Già nei film precedenti, per esempio ne Il gatto a nove code e Quattro mosche di velluto grigio, avevo composto una città immaginaria, che esiste solo nella mia immaginazione, in cui ci sono una strada di Torino, una piazza milanese, e via discorrendo. Non mi ha mai interessato il realismo nel raccontare un luogo, una città; ciò che mi interessa è solo raccontare una storia. In Profondo rosso c’è una città che io ho immaginato, tutto qui.

Una città in cui svolge un ruolo dominante la metafisica, per non parlare del bar con i suoi rimandi hopperiani…

Dario Argento: Sì, con tutte le persone ferme, immobili…

Sì, i figuranti immobili.

Dario Argento: Nighthawks di Edward Hopper è un quadro iperrealista, e mi piaceva che questo tipo di pittura indicasse una strada anche per l’interpretazione estetica del film, che volevo a mia volta che rientrasse nei canoni dell’iperrealismo. Il quadro di Hopper mi permetteva di donare una possibile chiave di lettura allo spettatore senza risultare pedissequo o senza affidarmi a una spiegazione troppo retorica.

Rivedendo il film l’attenzione si è focalizzata per gli inserti da screwball comedy tra David Hammings e Daria Nicolodi. Non esiste passaggio tra loro e il resto del film, con la sua brutalità. Ad esempio nella sequenza del cimitero…

Dario Argento: Sì, quel piano sequenza al cimitero mi è sempre piaciuto molto. Il discorso sugli inserti più leggeri è giusto, perché ogni elemento del film è intessuto nel corpo della storia; sì, è vero, trovo che questo aspetto sia venuto abbastanza magicamente…

Ma era previsto così già in scrittura?

Dario Argento: Sì, certo, faceva parte della sceneggiatura di partenza.

Ci sono due sequenze, quella iniziale in cui Marc Daly parla ai suoi musicisti, e quella in teatro, quando viene rievocata la visione di Helga Ullmann, in cui la scena è tagliata mentre i personaggi stanno ancora parlando, andando a sfumare in maniera netta il dialogo. Come avevi lavorato su questo?

Dario Argento: Si è trattato in entrambi i casi di una scelta voluta fin dall’inizio. È un modo per ricordare al pubblico che il narratore, in ogni caso, sono sempre io: a un certo punto, quando ne ho voglia, mi allontano da ciò su cui sembro essere concentrato e me ne vado per raccontare altri aspetti della storia. È un modo di raccontare volutamente sgrammaticato, che credo funzioni piuttosto bene in Profondo rosso.

In un film come Profondo rosso il sonoro acquista in maniera inevitabile un ruolo di primaria importanza, sia per quel che concerne l’uso delle musiche che per l’audio in quanto tale. Che valore volevi dare alla tessitura sonora?

Dario Argento: Credo che Profondo rosso da questo punto di vista rappresenti un punto di svolta fondamentale, per la mia carriera; si tratta di una rottura netta sia rispetto alla prassi del genere che per quel che riguarda i miei film. In precedenza, per esempio, avevo lavorato con Ennio Morricone, che ha composto per L’uccello dalle piume di cristallo, Il gatto a nove code e Quattro mosche di velluto grigio delle musiche splendide; ma per Profondo rosso mi interessava esplorare universi diversi, approfondendo dei temi legati al rock progressive, che dessero al film le tonalità musicali che mi sembravano più consone al tipo di racconto. Ho avuto la fortuna di imbattermi in un gruppo di giovani, praticamente debuttanti, e per istinto ho capito che sarebbero stati perfetti per il film.

Tornando al discorso sul montaggio, nel film c’è un utilizzo del flashback che è di totale rottura rispetto al genere. Il passaggio dal passato al presente è brutale, di una nettezza quasi scioccante. È come se il flashback fosse una sorte di ponte…

Dario Argento: Sì, perché attraverso il flashback lo spettatore viene portato in una zona franca, quasi al sicuro, come se tornando indietro nel tempo gli elementi potessero calmare la realtà, rilassarla. L’atmosfera sembra distendersi, e poi come una furia ritorna la realtà, che aggredisce il protagonista con furia, lasciando senza fiato lo spettatore.

Si può quasi affermare che Profondo rosso sia un film che anticipa l’avvento dell’home video, poiché porta lo spettatore a interagire attivamente con il film, riavvolgendolo nella memoria (e nel nastro) per tornare alla scena degli specchi e capire se e cosa si vede, uno dei temi portanti della tua poetica. Nei giorni scorsi, parlando con Giulio Questi, ci ha raccontato che il montaggio di Se sei vivo spara era stato pensato da lui e da Kim Arcalli con l’inserimento di immagini quasi subliminali. Hai voluto qualcosa di simile per Profondo rosso?

Dario Argento: Sì, il mio lavoro è abbastanza simile, volevo (e voglio) che le immagini possano arrivare allo spettatore anche se lui non ne è completamente cosciente. Cerco di dimostrare in questo modo quanto la verità sia qualcosa di fallace, perché ognuno in fin dei conti se la immagina come vuole, secondo la propria cultura, le proprie inclinazioni, il proprio immaginario. La realtà dunque sarà vista sempre in mille modi diversi dagli occhi di chi vi assiste. Volevo raccontare come la memoria potesse a volte metterti anche su delle false piste, suggerendoti soluzioni sbagliate.

E suggerendole anche alla memoria dello stesso spettatore…

Dario Argento: Certo! La memoria dei protagonisti, ma anche (anzi, ancor più) degli spettatori.

Profondo rosso segna una un punto di svolta anche nella messa in scena dell’omicidio, nell’estetica dell’atto dell’uccisione. In Profondo rosso quest’estetica della morte si lega a un contesto sociale instabile, in subbuglio, in lotta perenne.

Dario Argento: Nella messa in scena della brutalità e dell’omicidio risiedono mie memorie profonde, dei miei incubi ricorrenti, certi sogni. Penso si tratti di qualcosa di freudiano, che viene da lontano, che neanche io so sondare con precisione. Ovvio che questo si unisca anche a una serie di sensazioni che vivevo quotidianamente all’epoca in cui scrivevo il film. L’estetica dell’omicidio nel mio cinema è forte perché la elaboro in continuazione, incessantemente.

Info
Il sito del Torino Film Festival.

Articoli correlati

  • Torino 2014

    Profondo rosso RecensioneProfondo rosso

    di Al Torino Film Festival è stata presentata la versione restaurata in digitale del capolavoro di Dario Argento. L'occasione per aprire nuovamente gli occhi su uno dei titoli fondamentali del cinema thriller e horror degli ultimi quarant'anni.
  • Festival

    Torino Film Festival 2014Torino 2014 – Minuto per minuto

    Eccoci nuovamente all'ombra della Mole per il Torino Film Festival 2014, all'inseguimento di opere prime (seconde e terze), documentari italiani e internazionali, retrospettive, omaggi, (ri)scoperte...
  • Festival

    Torino 2014

    Il Torino Film Festival 2014, dal 21 al 29 novembre. La trentaduesima edizione del festival sabaudo, tra esordi, New Hollywood, documentari e film di ricerca. Tutte le nostre recensioni.
  • DVD

    4 mosche di velluto grigio

    di Dario Argento dirige l'ultimo capitolo della trilogia animale, raggiungendo picchi visionari difficili da eguagliare.
  • Cannes 2012

    Dracula 3D RecensioneDracula 3D

    di Dario Argento sperimenta la stereoscopia, immergendo il romanzo di Bram Stoker in un universo fascinoso e retrò, senza preoccuparsi di sfiorare il ridicolo.
  • Archivio

    Giallo/Argento

    di Il cinema di Dario Argento tocca, con ogni probabilità, il suo nadir. Un'opera senza capo né coda, diretta con la mano sinistra e abbandonata ben presto al suo destino.
  • Cult

    Dark Waters

    di L'horror cult diretto nel 1993 dal napoletano Mariano Baino è ancora pressoché sconosciuto. Riscoprirlo a oltre venti anni dalla sua realizzazione permette di coglierne l'assoluta unicità, anche nel rispetto dei canoni del genere.
  • AltreVisioni

    La progenie del diavolo

    di , I giovani registi Giuliano Giacomelli e Lorenzo Giovenga firmano un horror a basso costo che guarda con insistenza dalle parti di Pupi Avati e Lorenzo Bianchini.
  • Archivio

    The Boy

    di Cosa succede se a una babysitter viene chiesto di prendersi cura di una bambola? Prova a svelarlo il nuovo horror diretto da William Brent Bell. A maggio nelle sale italiane.
  • Cult

    Suspiria RecensioneSuspiria

    di Uno dei capolavori di Dario Argento, Suspiria, festeggerà tra pochi mesi i quaranta anni; un'occasione ideale per tornare a ragionare su uno dei capisaldi del fantastico, italiano e mondiale.
  • Venezia 2016

    Legend of the Mountain RecensioneLegend of the Mountain

    di Recuperato in Venezia Classici grazie a un ottimo restauro, Legend of the Mountain permette allo spettatore di accedere al mondo del fantastico di King Hu, tra spiriti tentatori, maledizioni, spettri che si aggirano tra i boschi.
  • Trieste S+F 2016

    La casa dalle finestre che ridono

    di La casa dalle finestre che ridono, la più celebre incursione nel thriller e nell'horror di Pupi Avati, viene ospitato sullo schermo del Trieste Science+Fiction, nell'omaggio a Fant'Italia.
  • Trieste S+F 2016

    Il gatto a nove code RecensioneIl gatto a nove code

    di Della tetralogia animale Il gatto a nove code è forse il titolo più rimosso, eppure dimostra al di là di ogni fraintendimento l'acume cinefilo e teorico di Dario Argento. Il Trieste Science+Fiction l'ha proiettato in 35mm.
  • Trieste S+F 2016

    Intervista a Luigi Cozzi

    Nome storico della fantascienza in Italia, a lungo collaboratore di Dario Argento, ora gestisce il negozio a Roma Profondo Rosso Store. Proprio da quegli spazi parte l'avventura del suo Blood on Méliès' Moon – La porta sui mondi. Abbiamo incontrato Luigi Cozzi al Trieste Science+Fiction.
  • Buone feste!

    Zeder

    di Il meglio della sua filmografia Pupi Avati l'ha dato nella messa in scena del deforme e dell'horror. Prova ne è Zeder, che immerge Lovecraft nella bassa padana...
  • Archivio

    Shadow

    di Shadow mette in chiaro fin da subito l'alta ambizione di Federico Zampaglione, quella di riscoprire il cinema dell'orrore narrando una storia di persecuzione e redenzione, di mostruosità reali e artificiali, di mondi impossibili, e per questo ancor più spaventosi.
  • FFF 2017

    Custodes Bestiae

    di Il secondo lungometraggio dell'udinese Lorenzo Bianchini, Custodes Bestiae, continua nell'esplorazione dell'archetipo della paura e nella fusione tra retaggio (e linguaggio) popolare e cinema di genere. In Apocalissi a basso costo al Future Film Festival 2017.
  • DVD

    Lo strano vizio della signora Wardh

    di Giallo erotico all'italiana di fama proverbiale con Edwige Fenech come protagonista pressoché assoluta, Lo strano vizio della signora Wardh di Sergio Martino mescola varie declinazioni del cinema di genere con una buona gestione della suspense. In uscita in dvd il 6 marzo per Federal/Cinekult e CG.
  • Bologna 2018

    C'era una volta il West RecensioneC’era una volta il West

    di Summa dei primi film di Sergio Leone della Trilogia del dollaro, summa di un genere cinematografico e al contempo suo epitaffio, epopea della nascita di una nazione, con la violenza e il sangue, nel completamento del suo sistema ferroviario...
  • Cult

    Sotto il vestito niente RecensioneSotto il vestito niente

    di Al crocevia tra il cinema di De Palma, il giallo italiano di lunga tradizione e uno sguardo rapidamente sociologico, Sotto il vestito niente di Carlo Vanzina si riconferma oggi tra le opere migliori dell'autore romano, prematuramente scomparso pochi giorni fa.
  • Venezia 2018

    Suspiria RecensioneSuspiria

    di Era uno dei titoli più attesi della Mostra di Venezia, Suspiria di Luca Guadagnino, e forse anche per questo le reazioni sono state così nettamente polarizzate. Il remake del capolavoro di Dario Argento mette molta carne al fuoco, forse anche troppa.
  • DVD

    Due occhi diabolici RecensioneDue occhi diabolici

    di , George A. Romero e Dario Argento alle prese con l'universo narrativo di Edgar Allan Poe. Due occhi diabolici è orrore e beffa, doppio racconto di ossessioni e materializzazioni di stati di coscienza. In dvd per Mustang e CG.
  • DVD

    Gente di rispetto RecensioneGente di rispetto

    di Mafia-movie sui generis, che costeggia anche melodramma, commedia e giallo all'italiana, Gente di rispetto di Luigi Zampa mostra un autore attento ai mutamenti di gusto dell'Italia coeva. In dvd per Surf Film e CG.
  • Roma 2018

    Halloween RecensioneHalloween

    di Per i suoi primi quarant'anni, Halloween di John Carpenter viene nuovamente re-innestato in un nuovo film. Ma, come tutti i precedenti remake/sequel, anche l'Halloween di David Gordon Green è ben al di sotto delle aspettative, tra citazionismo e oggettività della messa in scena, tralasciando quasi del tutto il gioco dei punti di vista dell'originale.
  • Cult

    Tenebre RecensioneTenebre

    di Autoriflessivo, metanarrativo, catartico, Tenebre di Dario Argento rappresenta probabilmente il più teorico tra i film del maestro del giallo nostrano.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento