Storie di cavalli e di uomini

Storie di cavalli e di uomini

di

Mostrato alla 26esima edizione del Trieste Film Festival, l’islandese Storie di cavalli e di uomini costruisce, attraverso il rapporto uomo-cavallo, una sardonica e cupa descrizione quasi antropologica dell’umano e della sua ontologica bestialità. In sala dal 19 novembre con PFA Films.

Il mio regno per un cavallo

L’uomo ama il cavallo più di se stesso o, forse, lo considera semplicemente un prolungamento del suo corpo, una parte di sé. La primavera sta arrivando e, con essa, l’impetuosa forza della natura. Non può andare a finire bene. In una valle isolata in Islanda, in cui gli abitanti si tengono sempre d’occhio, amore e morte si intrecciano con inaudite conseguenze per l’intera comunità. [sinossi]

All’interno della già ampia e variegata proposta del Trieste Film Festival si è aggiunta per questa 26esima edizione anche una nuova sezione, Born in Trieste, in cui sono stati selezionati i film che hanno iniziato il loro percorso produttivo proprio qui, nell’ambito degli incontri di co-produzione When East Meets West (iniziativa omologa a quella di altri festival internazionali, tra cui il Torino Film Festival e il suo Torino Film Lab). È un segno inequivocabile dell’importanza e della vitalità di questa manifestazione che ha compreso per tempo come oggi i festival debbano ampliare il concetto di programmazione, includendo in esso non solo la scelta di una rosa di titoli da mostrare, ma anche il sostegno alla nascita di nuovi film e di nuovi autori.
Tra i Born in Trieste c’è anche un curioso ed eccentrico film islandese, Storie di cavalli e di uomini, che sotto forma di parabola sardonica e amara mette in scena il rapporto simbiotico e primigenio tra uomo e cavallo.

Diretto dall’esordiente Benedikt Erlingsson, Storie di cavalli e di uomini costruisce, tassello dopo tassello, un mosaico di racconti brevi, di episodi grotteschi e mostruosi in cui a morire sono ora gli uomini, ora i cavalli. Ma se il cavallo cade sempre per mano umana, il contrario non accade mai. Anzi, l’autolesionismo – forse innato – dell’essere umano emerge in Storie di cavalli e di uomini con chiarezza allo stesso tempo lampante, lancinante e delirante. Valga su tutti, in tal senso, l’episodio di un isolano che si lancia col suo cavallo in pieno mare pur di raggiungere una nave russa in cerca di una soddisfazione superalcolica.
Al contrario di quel che spesso accade nei cosiddetti film da festival, realizzati appositamente per essere apprezzati nella breve congiuntura di una manifestazione cinefila e dunque pieni di simpatico ma innocuo humour nero, Storie di cavalli e di uomini finge di fare l’occhiolino allo spettatore e di farsi benvolere, si traveste da film “carino”, quando poi d’improvviso fa sprofondare i suoi protagonisti (umani ed equini) in una nera e cupa brutalità, in un primitivismo che vale quasi da saggio di antropologia fortemente autocritico sugli abitanti di un paese tanto isolato quale è l’Islanda. Prova ne sia, di un tale radicale approccio, l’austerità della messa in scena che preferisce i campi lunghi ai primi piani, le sequenze mute a quelle dialogate e una circolarità del racconto che contribuisce a dare il senso dell’inanità dei personaggi. In tal senso, la parola arriva addirittura a far parte dello sfondo e perde il suo valore di logos per diventare suono tra i suoni, verso gutturale simil-animalesco più che sintomo e segno di razionalità.

Non solo, Storie di cavalli e di uomini che, forse volutamente si contrappone al lezioso e moralista Des hommes et des dieux ragionando al contrario in termini terragni, assurge in effetti alla statura di riflessione complessiva sull’umano e sulle sue debolezze, sull’insensatezza ontologica delle sue azioni e su come ogni singolo gesto possa trasformarsi in un batter d’occhio in una banale e ridicola catastrofe. Il trionfo della morte in Storie di cavalli e di uomini non ha nulla di eroico né di romantico, quanto piuttosto di beffardo e – in tutta la sua stranezza – di quotidiano.

Info
Il trailer di Storie di cavalli e di uomini su Youtube.
Storie di cavalli e di uomini su facebook.
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-001.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-002.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-003.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-004.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-005.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-006.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-007.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-008.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-009.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-010.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-011.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-012.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-013.jpg
  • storie-di-cavalli-e-di-uomini-2013-Benedikt-Erlingsson-014.jpg

Articoli correlati

  • Trieste 2015

    Viktoria

    di Un racconto di formazione, libero e surreale, che attraversa un'ampia porzione della storia della Bulgaria, affrontando i temi della maternità e del potere. In concorso al Trieste Film Festival 2015.
  • Archivio

    Corn Island

    di Un’elegia panteista funestata dalla forza incontrollabile della natura, da un’adolescenza sul punto di esplodere e da questioni geopolitiche irrisolte: Corn Island del georgiano George Ovashvili. Film vincitore del Trieste Film Festival 2015 e ora in sala.
  • Trieste 2015

    In the Crosswind

    di Affascinante e suggestivo, In the Crosswind (Risttuules) di Martti Helde racconta le deportazioni sovietiche della popolazione estone attraverso una serie di tableaux vivants. In concorso al Trieste Film Festival 2015.
  • Trieste 2015

    Two Women

    di Le dinamiche del desiderio amoroso intraprendono derive incontrollabili in Two Women di Vera Glagoleva, tratto da un testo teatrale di Turgenev, e apertura impeccabile del Trieste Film Festival 2015, kermesse proiettata verso l'Europa dell'Est.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2015Trieste Film Festival 2015

    Il Trieste Film Festival, dal 16 al 22 gennaio, principale appuntamento italiano dedicato al cinema dell’Europa centro-orientale. Tantissimi i film in anteprima, tra concorsi ed eventi speciali. Apertura affidata a Two Women di Vera Glagoleva.
  • Trieste 2015

    Free Fall

    di In Free Fall la vena dissacrante di György Pálfi si coagula intorno a immagini grottesche, estreme, a loro modo seducenti, che vengono così a comporre un mosaico di situazioni irresistibilmente surreali.
  • Trieste 2015

    The Lesson – Scuola di vita

    di , I bulgari Kristina Grozheva e Petar Valchanov hanno preso spunto per The Lesson da un singolare caso di cronaca, ma il disagio etico e sociale, pur presente nelle premesse, sembra annacquarsi strada facendo.
  • Trieste 2015

    Tigers

    di Cinema di impegno civile realizzato sollecitando parimenti testa e cuore, Tigers di Danis Tanović si serve di una particolare cornice narrativa per mettere in scena (e aggirare) le stesse insidie legali, messe in atto da una nota multinazionale: operazione quindi lodevole e coraggiosa.
  • In sala

    Rams

    di Il regista islandese Grímur Hákonarson torna al cinema narrativo con Rams, una commedia drammatica dal sapore tipicamente e convenzionalmente scandinavo. Vincitore a Cannes di Un Certain Regard, in concorso al Festival di Zurigo e ora in sala.
  • Festival

    trieste-film-festival-2016Trieste Film Festival 2016 – Presentazione

    Presentato il programma della 27esima edizione del Trieste Film Festival che si terrà dal 22 al 30 gennaio e di cui da quest'anno Quinlan è media partner: apertura con Sole alto di Dalibor Matanić, e poi Chant d'hiver di Iosseliani, Cosmos di Żuławski, il già annunciato omaggio a Kieślowski, uno speciale sul nuovo cinema rumeno...
  • In sala

    Passeri

    di Dalla lontana Islanda e grazie alla Lab80 arriva nelle nostre sale Passeri di Rùnar Rùnarsson, un convenzionale bildungsroman dotato di uno sguardo tenero e delicato ma anche troppo prigioniero di luoghi comuni narrativi.
  • In sala

    Petit paysan – Un eroe singolare

    di Un tema sentito a livello comunitario - l'allevamento del bestiame nel Terzo millennio - e un pizzico di thriller: Petit paysan, esordio del francese Hubert Charuel, è la perfetta esemplificazione di un film 'all'europea' pensato col bilancino, concentrato sul contenutismo e inerte dal punto di vista cinematografico.
  • Cannes 2018

    La donna elettrica RecensioneLa donna elettrica

    di Una galleria di personaggi grotteschi eppure umanissimi, cieli e volti battuti dal vento, tante pecore ad animare il paesaggio: torna la comicità surreale dell’islandese Benedikt Erlingsson con La donna elettrica. Alla Semaine.
  • TFF 2018

    Vultures RecensioneVultures

    di Thriller nordeuropeo teso e tetro Vultures (Vargur) di Börkur Sigþórsson solleva interessanti questioni etiche, ma, sospeso com’è tra film di genere e dramma sociale, resta troppo a lungo incerto sulla strada da seguire. In concorso al TFF 2018.
  • Cannes 2019

    A White, White Day RecensioneA White, White Day

    di Melodramma con vedovanza corredato di scoperta dell’infedeltà della defunta, A White, White Day dell’islandese Hlynur Pàlmason non costruisce alcuna empatia con il suo protagonista, al punto che, quando la tragedia esplode, risulta tutto assai gratuito e grossolano. Alla Semaine.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento