The Lesson – Scuola di vita

The Lesson – Scuola di vita

di ,

I bulgari Kristina Grozheva e Petar Valchanov hanno preso spunto per The Lesson da un singolare caso di cronaca, ma il disagio etico e sociale, pur presente nelle premesse, sembra annacquarsi strada facendo.

Un colpo da maestra

In una piccola città della Bulgaria una giovane insegnante, Nadežda, sta rimproverando un ragazzo per aver rubato in classe. Ma quando sarà lei a indebitarsi con degli usurai, riuscirà a tener fede ai suoi valori? Con un occhio al cinema dei Dardenne, questo film d’esordio offre uno sguardo spassionato sul confronto tra onestà e una realtà economica brutale… [sinossi]

Un po’ come nel caso del greco At Home (Sto spiti) di Athanasios Karanikolas, anche per quanto riguarda il film diretto a quattro mani da Kristina Grozheva e Petar Valchanov non abbiamo trovato corrispondenza tra la bontà dell’intuizione iniziale e una resa filmica, che nel caso del lungometraggio bulgaro ci è parsa grossolana, superficiale, più attenta a guidare le emozioni degli spettatori che a farli realmente ragionare sulle situazioni determinate dal racconto. Eppure le intenzioni di fondo sarebbero state tutt’altro che disprezzabili. Davvero utile, in tal senso, riportare le dichiarazioni dei due cineasti, riguardo all’episodio reale che pare abbia ispirato il soggetto del film:

“Qualche anno fa la televisione mostrò un servizio su una donna che aveva fatto una rapina nella banca di una città di provincia bulgara. Tutti pensavano che fosse una poco di buono, una criminale… Nessuno sospettava che fosse una brava insegnante con due lauree… Questo episodio preso dalla realtà ci ha molto impressionato e ci ha fatto chiedere: cosa spinge una persona per bene a diventare un criminale?”

Se tali sono le premesse, perché allora questo The Lesson (Urok, in bulgaro) è risultato a nostro avviso una delle proposte più deboli e discutibili, in quel Concorso Lungometraggi del 26° Trieste Film Festival che ha saputo regalare, per il resto, visioni molto più confortanti?
Volendo rapportarci dialetticamente a quanto dichiarato dagli autori, cominciamo col dire che a convincerci poco è proprio il taglio dato, in fase di scrittura, alla rielaborazione dello spunto iniziale. Il film sembra funzionare per compartimenti stagni. La parte scolastica, per esempio, è di una debolezza assoluta. L’insegnante impersonata con una certa legnosità da Margita Gosheva, schiacciata com’è da problemi di natura economica, tenta al contempo di impartire una lezione di vita alla sua classe, dove c’è chi ruba nell’indifferenza generale. Proprio questo è il punto: la protagonista resta il fulcro di una situazione, in cui gli alunni figurano come attanti svuotati di una qualsiasi personalità. Gli autori puntavano evidentemente ad altro. Ma, col ricordo tutto sommato recente di opere come La classe (Entre les murs, 2008) di Laurent Cantet o Class Enemy (2013) di Rok Bicek, una scelta del genere può anche risultare stridente.

Sta di fatto che la sceneggiatura propone un punto di vista diverso, lo potremmo anche sintetizzare nella volontà di pedinare l’insegnante protagonista nell’attività scolastica come anche nelle sue disavventure finanziare, negli altri lavoretti intrapresi per arrotondare, nel rebus costituito poi da una famiglia con parecchi squilibri. Fino al fatidico incontro con gli strozzini di turno. Se a tratti il modello sembra essere un “cinéma vérité” alla maniera dei fratelli Dardenne, l’applicazione di simili schemi concede troppo all’ulteriore drammatizzazione di un quadro già piuttosto problematico, poco all’esplorazione più coerente dei meccanismi che hanno creato tale problema. Intendiamoci, la ricerca disperata di quel denaro che per Nadežda, la protagonista, vuol dire esattamente questo, risolvere i problemi con la banca e salvare la propria casa, possiede di suo una suspance che tiene sulle corde lo spettatore fino alla fine. Ma questo bonus emozionale viene giocato in malo modo. Contrariamente ai personaggi di certo cinema francese politicamente impegnato (mettiamoci pure l’eccelso Guédiguian, a questo punto), la nostra Nadežda non appare del tutto con le spalle al muro. Il suo rifiutare un aiuto economico da figure che la potrebbero sostenere, ma che lei critica sul piano della condotta personale, morale (essenzialmente il padre, messosi con una donna molto più giovane), falsa e non di poco il discorso, lasciando che certi dialoghi famigliari scadano al livello di un’insulsa sit-com. Davvero un peccato. Perché procedendo in questo modo il film mantiene viva una certa curiosità per l’esito finale della vicenda, ma riduce notevolmente il livello dell’empatia, nei confronti di una protagonista le cui decisioni da un certo punto in poi possono apparire eccessivamente brusche, nonché evitabili e in fin dei conti poco motivate.

Info
La scheda di The Lesson sul sito del Trieste Film Festival.

Articoli correlati

  • Trieste 2015

    Free Fall

    di In Free Fall la vena dissacrante di György Pálfi si coagula intorno a immagini grottesche, estreme, a loro modo seducenti, che vengono così a comporre un mosaico di situazioni irresistibilmente surreali.
  • In Sala

    storie-di-cavalli-e-di-uominiStorie di cavalli e di uomini

    di Mostrato alla 26esima edizione del Trieste Film Festival, l'islandese Storie di cavalli e di uomini costruisce, attraverso il rapporto uomo-cavallo, una sardonica e cupa descrizione quasi antropologica dell'umano e della sua ontologica bestialità.
  • Trieste 2015

    Varvari

    di Impietoso ritratto della gioventù serba ambientato al momento della dichiarazione d'indipendenza del Kosovo: Varvari di Ivan Ikić evita la strada del didascalismo grazie a un'ottima regia e a un buon cast di attori non professionisti. In concorso al Trieste Film Festival.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2015

    Il Trieste Film Festival, dal 16 al 22 gennaio, principale appuntamento italiano dedicato al cinema dell’Europa centro-orientale. Tantissimi i film in anteprima, tra concorsi ed eventi speciali. Apertura affidata a Two Women di Vera Glagoleva.
  • Archivio

    Class Enemy

    di Il sorprendente esordio di Rok Bicek, regista sloveno ventottenne, raggiunge finalmente le sale italiane grazie alla Tucker Film.
  • Festival

    Trieste-Film-Festival-2016Trieste Film Festival 2016

    Il Trieste Film Festival 2016, dal 22 al 30 gennaio. La 27esima edizione apre con Sole alto di Dalibor Matanić, poi Chant d'hiver di Iosseliani, Cosmos di Żuławski, il già annunciato omaggio a Kieślowski, uno speciale sul nuovo cinema rumeno, i tre concorsi internazionali...
  • Trieste 2015

    Tigers

    di Cinema di impegno civile realizzato sollecitando parimenti testa e cuore, Tigers di Danis Tanović si serve di una particolare cornice narrativa per mettere in scena (e aggirare) le stesse insidie legali, messe in atto da una nota multinazionale: operazione quindi lodevole e coraggiosa.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2017 – Presentazione

    Torna il Trieste Film Festival, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner. Il programma della 28esima edizione, che si terrà dal 20 al 29 gennaio, è stato presentato oggi.
  • Trieste 2017

    The Teacher

    di Film d’apertura del Trieste Film Festival, The Teacher del regista ceco Jan Hřebejk torna a parlare della società precedente al crollo del muro, in un microcosmo scolastico turbato dai metodi anomali di una nuova insegnante, che riflette il clima che si respirava all’epoca.
  • Trieste 2017

    Glory

    di , La strumentalizzazione a fini mediatici di un ferroviere balbuziente si fa in Glory strumento di analisi, un po' schematico, dei mali della società bulgara. Nel concorso lungometraggi al Trieste Film Festival.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento