Under Electric Clouds

Under Electric Clouds

di

Presentato alla Berlinale l’ultimo film di Aleksey German jr., Under Electric Clouds, opera di estrema complessità visiva, contemplativa e meditativa che si pone, in un futuro immediatamente prossimo, a raccogliere le ceneri di un’utopia storica e di quello che avrebbe dovuto risolverla.

Le ceneri del tempo

Un bizzarro argine di nebbia e neve. Manufatti di acciaio e cemento sono sparsi tutt’attorno. Lo scheletro di un grattacielo. Cavalcavia mai finiti in un paesaggio piatto. La gigantesca figura di un cavallo di metallo. E una statua di Lenin le cui braccia tese sono rivolte verso il nulla. Una fredda, fossilizzata ‘no man’s land’ dove il passato incontra un immaginario futuro. La gente è allo sbando, senza meta, in questo mondo surreale. Le vecchie certezze non contano più, amici e parenti sono scomparsi, gli ideali sono stati soffiati via dal vento. Ritornando a casa dall’estero, Sasha – il cui padre morto era proprietario di questo sito in costruzione – ora deve occuparsi della sua eredità: un lavoratore kirghiso che sta cercando i suoi colleghi; un architetto dalla carnagione rossiccia in fronte; una guida turistica che stava accanto a Eltsin sulle barricate durante il colpo di stato del 1991. Alcuni di loro hanno delle inspiegabili perdite di sangue dal naso. Un giovane studente chiede: “Noi chi siamo? Chi sono io? Tutto è nel caos”. In sette episodi il regista condensa lo stato spirituale del suo paese… [sinossi]

Under Electric Clouds si apre con una citazione da Cezanne, relativa al colore e al bianco e nero. Una citazione programmatica, un’enunciazione su dove si muoverà il film. Il tentativo di German figlio è quello dichiarato di costruire un impressionismo cinematografico, dai colori artificiali piatti e monocordi, un colore che funziona come il bianco e nero. Se gli impressionisti volevano creare una pittura non oggettiva, distinguendosi così dalla fotografia appena inventata, German costruisce un cinema con una tavolozza di pochi colori, sganciandosi da ogni forma residua di naturalismo.

Alle ninfee e ai soli che sorgono però il regista sostituisce un paesaggio nevoso e nebbioso dove si stagliano manufatti artificiali, di grandi scheletri, di statue di cavalli e di Lenin, oltreché ombrelloni da spiaggia. Sono le macerie della storia, la disgregazione di una civiltà e le promesse incompiute di un’altra che avrebbe dovuto sostituirla. In questo spazio, in questa scenografia si muove un teatrino dell’assurdo, fatto di personaggi che escono ed entrano lateralmente dall’inquadratura e dalla scena, come nei testi teatrali di Čekhov. Un’umanità alla deriva, una città dove regna la burocrazia, dove i sentimenti umani sono delle reazioni chimiche. Il film funziona come un elenco, nutrito, che viene snocciolato di citazioni di scrittori e artisti, da quel filosofo che rivaluta Hitler e Stalin a una serie di autori di fantascienza, come Roger Zelazny. La fantascienza appare come un’ulteriore coordinata in cui si muove German. Under Electric Clouds è ambientato in un futuro prossimo, il 2017, anno gravido di significato in quanto centenario della Rivoluzione d’Ottobre. E’ una fantascienza solo di nome, legata alla collocazione temporale, una fantascienza che non si vede. E soprattutto, in Under Electric Clouds c’è un’ambientazione futura che è funzionale a parlare del passato. A scandagliare cento anni di storia di quello che è stato un grande paese, costruito anche con l’assimilazione forzata di etnie molto diverse, come appunto quella dei Kirgisi. In ciò è evidente una somiglianza stretta con È difficile essere un Dio, l’ultima opera del padre Aleksey German, alla cui morte anche German jr. stesso aveva messo mano. Alcune battute di Under Electric Clouds, come per esempio “In venti anni è diventato un Dio”, sembrano quasi porre una risonanza tra le due opere, cercare un dialogo tra i due film. E se German jr. fa incontrare in questo suo lavoro, Anghelopulos, Tarkovsky e Fellini, non c’è dubbio che il suo cinéma de papa, in senso letterale, rappresenti la fonte prima d’ispirazione.

Info
Under Electric Clouds sul sito della Berlinale.
  • Under-Electric-Clouds-2015-Aleksey-German-01.jpg
  • Under-Electric-Clouds-2015-Aleksey-German-02.jpg
  • Under-Electric-Clouds-2015-Aleksey-German-03.jpg
  • Under-Electric-Clouds-2015-Aleksey-German-04.jpg
  • Under-Electric-Clouds-2015-Aleksey-German-05.jpg
  • Under-Electric-Clouds-2015-Aleksey-German-06.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2015

    Da Malick a Panahi, passando per Pablo Larrain, per il Greenaway sulle tracce di Ėjzenštejn e per il ritorno in cattedra di Werner Herzog e di Wim Wenders, anche Orso d'oro alla carriera: la Berlinale 2015, 65esima edizione, dal 5 al 15 febbraio...
  • Roma 2013

    Hard to be a God RecensioneHard to be a God

    di L’opera postuma di Aleksej J. German è un capolavoro destinato a riscrivere la storia del cinema nei prossimi anni.
  • AltreVisioni

    Paper Soldier RecensionePaper Soldier

    di Paper Soldier si dimostra da subito non la ricostruzione di un evento storico, bensì l’analisi della rivoluzione (apparente) che sconquassò l’URSS a ridosso della morte di Stalin: per un pugno di febbrili anni, l’intellighenzia sovietica si convinse di aver trovato la vera, definitiva, via al socialismo...
  • Interviste

    Intervista ad Aleksei German Jr.

    Conosciuto grazie alla Mostra di Venezia, dove ha presentato The Last Train nel 2003, Garpastum nel 2005 e Paper Soldier nel 2008, Aleksei German Jr. porta avanti un cinema che, in maniera personale e filosofica, riflette sulla storia della Russia. Lo abbiamo incontrato per parlare del suo nuovo film, Under Electric Clouds, in concorso alla Berlinale 2015.
  • Festival

    Torino 2015

    Il Torino Film Festival 2015, dal 20 al 28 novembre. La trentatreesima edizione del festival sabaudo, tra opere prime, sci-fi, documentari, film di ricerca, passato e futuro. Tutte le nostre recensioni.
  • Archivio

    Silent Souls RecensioneSilent Souls

    di L'impressione è che Silent Souls segni un punto fondamentale all'interno della carriera di Fedorchenko, che riesce a coniugare una sceneggiatura ispirata, tratta da Sergeyev, a una messa in scena rigorosa e straordinariamente "altra" rispetto alla prassi.
  • Berlinale 2018

    Dovlatov RecensioneDovlatov

    di German Jr. torna alla Berlinale con un biopic sullo scrittore e giornalista Sergei Dovlatov, uno degli autori più popolari del ventesimo secolo, che però subì l'ostracismo sovietico. Una storia in cui si riflette quella del padre del regista, Aleksei Yuryevich German.
  • Venezia 2009

    Crush RecensioneCrush

    di , , , , Presentato nella sezione Orizzonti a Venezia, Crush è un film a episodi sul tema dell'amore che mette insieme alcuni dei più talentuosi registi russi di oggi, da Aleksej German jr. a Kirill Serebrennikov, fino a Ivan Vyrypayev. Un'opera a tratti altalenante ma anche esaltante, e piena di sana vitalità.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento