Il Far East omaggia le arti marziali di Hong Kong

Il Far East omaggia le arti marziali di Hong Kong

Arrivano le prime anticipazioni sulla diciassettesima edizione del Far East: un omaggio al microcosmo delle arti marziali di Hong Kong, da Bruce Lee a Jackie Chan, passando per Tsui Hark. Il Far East si svolgerà a Udine dal 23 aprile al 2 maggio.

Chiunque si sia trovato a partecipare anche solo a una edizione del Far East Film Festival di Udine, sa quanto sia stretto il rapporto tra la kermesse udinese dedicata al cinema popolare dell’estremo oriente e la produzione di Hong Kong. Fu infatti proprio dalla piccola città-stato che nacque l’idea di trasportare in terra friulana le esperienze pop più deliranti, appassionate e divertenti del “Far East”…
Nulla di che stupirsi, dunque, se le prime indiscrezioni riguardo la diciassettesima edizione, che si svolgerà al Teatro Nuovo Giovanni da Udine e al cinema Visionario dal 23 aprile al 2 maggio, si muovano proprio in direzione di Hong Kong. Il manifesto realizzato dal grafico goriziano Roberto Rosolin, prende ispirazione dal kung fu e da Bruce Lee, inguainato in quella tutina gialla che catturò anche l’occhio di Quentin Tarantino quando si trovò a dover far combattere Uma Thurman contro gli 88 folli nel primo dei due capitoli di Kill Bill.

Bruce Lee, ma anche Jackie Chan, Tsui Hark, Sammo Hung, Corey Yuen, per un focus che fin da ora fa pregustare nottate di pura adrenalina per tutti i cultori del genere e gli spettatori che da sempre affollano il festival. Il Far East dopotutto è un evento che fa del pop(oular) la propria essenza primigenia, e le arti marziali a Hong Kong sono uno degli spettacoli più stratificati del pop.
L’idea di omaggiare Hong Kong si muove anche in direzione di uno sviluppo naturale del progetto messo a punto dall’Hong Kong Economic Trade Office (HKETO) per celebrare il cinquantesimo anniversario della propria sede di Bruxelles.

A Udine il pubblico potrà imbattersi in classici immortali come The Way of the Dragon (noto in Italia con il titolo L’urlo di Chen terrorizza anche l’occidente) di Bruce Lee, The Young Master di Jackie Chan, Spooky Encounters di Sammo Hung, Righting Wrongs di Corey Yuen e Once Upon a Time in China 2 di Tsui Hark. A questo fitto programma di visioni si aggiunge anche una Hong Kong Night a cui prenderanno parte le grandi star dell’ex colonia britannica. Il lancio di questa avventura in celluloide (o in dcp) il Far East lo affida alle parole di Bruce Lee: «Non essere un’unica forma: adattala su te stesso e lasciala crescere: sii come l’acqua. Libera la tua mente, sii informe, senza limiti, come l’acqua. Se metti l’acqua in una tazza, lei diventa una tazza. Se la metti in una bottiglia, lei diventa una bottiglia. Se la metti in una teiera, lei diventa una teiera. L’acqua può fluire o può distruggere. Sii acqua, amico mio». A presto, Far East!

Info
Il sito del Far East Film Festival.

Articoli correlati

  • Festival

    Far East 2014

    La sedicesima edizione del festival friulano dedicato al cinema popolare asiatico: tutte le nostre recensioni dal Teatro Nuovo Giovanni da Udine.

Leave a comment