Bergamo Film Meeting 2015

Bergamo Film Meeting 2015

Classici, cinema di genere, documentari, film di registi indipendenti contemporanei e cinematografie inesplorate in una prospettiva in prevalenza europea, per un totale di 120 film in 9 giorni. Questi gli ingredienti del Bergamo Film Meeting 2015, la cui trentatreesima edizione si svolgerà dal 7 al 15 marzo prossimi.

Centoventi film in nove giorni, intervallando classici con filmmaker indipendenti contemporanei, esordienti o quasi, cinema di genere e documentari, sguardi al femminile e animazione, cinematografie inesplorate in una prospettiva in prevalenza europea, film sull’arte e film sul teatro, anteprime. Sono gli ingredienti del Bergamo Film Meeting 2015, del tutto coerenti con la filosofia di questa manifestazione giunta al traguardo della trentatreesima edizione, che si svolgerà dal 7 al 15 marzo prossimi, nel ricordo del suo ideatore e fondatore, Sandro Zambetti, scomparso lo scorso giugno.
La mostra concorso prevede sette opere, tutte del vecchio continente eccetto un film colombiano, Gente de bien, con spazio al cinema di genere: tre commedie, un thriller, e con un’opera che contamina generi diversi, l’ungherese Utóélet che tratta il tema dell’elaborazione del lutto attraverso la presenza di un fantasma e altre bizzarre situazioni. E incuriosisce un film turco, Nedem Tarkovski olamiyorum… che racconta di un regista di film spazzatura che sogna di diventare come il grande Tarkovski (cui peraltro il BFM dedicò una memorabile retrospettiva).
Non anglosassone quest’anno la retrospettiva principale ma dedicata al cinema francese, che pure il BFM ha omaggiato più volte nella sua storia. Il polar, il noir d’oltralpe, con ben venti titoli, tanti capolavori come Il buco, che vanno dagli anni quaranta ai sessanta, di autori noti, Clouzot, Becker, e ovviamente Melville, e meno noti.
Più classici hollywoodiani, ma non solo quelli, nella seconda retrospettiva, “Dopo la prova: schermi e palcoscenico” su quando il cinema incontra il teatro, con storie che vedono una continua interferenza tra vita e messa in scena.
E, in un festival dove le varie sezioni non sono a compartimenti stagni, il teatro tornerà nella abituale Fantamaratona notturna, che quest’anno cade proprio nella notte di un venerdì 13, dove troveremo un Vincent Price attore shakespeariano in Oscar insanguinato, che uccide uno per uno i critici che l’hanno stroncato ricreando le scene più cruente delle opere di Shakespeare… [continua a leggere]

INFO
Il sito del Bergamo Film Meeting 2015.
I film del Bergamo Film Meeting 2015.

Articoli correlati

  • Bergamo 2015

    Intervista a Pavel Koutský

    L’apporto dato dalla scuola ceca al cinema d’animazione è stato fondamentale. Degno rappresentante di questo movimento è Pavel Koutský, omaggiato dal Bergamo Film Meeting con una retrospettiva e una mostra di suoi disegni e storyboard. Lo abbiamo incontrato per parlare del suo cinema e della tradizione in cui si è formato.
  • Bergamo 2015

    Gli assassini vanno all’inferno

    di Un film di Robert Hossein, sull'evasione da un carcere, che si conclude con una lunga parte edenica dove si scatenano dinamiche primordiali. Gli assassini vanno all'inferno, presentato al Bergamo Film Meeting nella retrospettiva sul polar.
  • Bergamo 2015

    Afterlife

    di Opera prima dell’ungherese Virág Zomborácz, Afterlife affronta il tema della morte, del lutto e della sua elaborazione, con surreale leggerezza. Vincitore del Bergamo Film Meeting 2015.
  • Bergamo 2015

    L’assassino abita al 21

    di Primo lungometraggio di Henri-Georges Clouzot, L’assassino abita al 21 è un polar che utilizza gli stilemi della detection classica, alla Agatha Christie, virata però in chiave ironica. Presentato nella retrospettiva Il polar – Nascita e formazione di un genere del Bergamo Film Meeting.
  • Bergamo 2015

    Un revenant

    di La retrospettiva sul polar polarizza il Bergamo Film Meeting con buona pace del cinema contemporaneo. Oggi vi parliamo di Un revenant (in italiano Lo spettro del passato), sorta di fantasma dell’opera diretto nel 1946 da Christian-Jaque...
  • Bergamo 2015

    Gli amanti del Tago

    di La retrospettiva Il polar – Nascita e formazione di un genere, del Bergamo Film Meeting, come nella tradizione di questo festival, presenta i grandi classici del genere ma anche opere meno viste, facendo riscoprire film inediti spesso straordinari. Abbiamo deciso di segnalare questo curioso polar di ambientazione portoghese.
  • Bergamo 2015

    Modris

    di Esordio alla regia del lettone Juris Kursietis, un ritratto impietoso della società nella repubblica baltica, e un racconto di gioventù bruciata che fa molto Dardenne. Un buon lavoro che cade però spesso in facili stereotipi. In concorso al Bergamo Film Meeting.
  • Bergamo 2015

    Il figlio di Hamas – The Green Prince

    di Vincitore del premio del pubblico della sezione World Cinema Documentary del Sundance, arriva in Italia il documentario sulla storia incredibile del palestinese Mosab Hassan Yousef, figlio di un dirigente di Hamas che collabora con i servizi segreti israeliani. Presentato in anteprima al Bergamo Film Meeting.
  • Festival

    Bergamo Film Meeting 2015 – Presentazione

    Centoventi film in nove giorni, intervallando classici, cinema di genere, documentari, film di registi indipendenti contemporanei e cinematografie inesplorate in una prospettiva in prevalenza europea. Questi gli ingredienti del Bergamo Film Meeting, la cui trentatreesima edizione si svolgerà dal 7 al 15 marzo prossimi.
  • Torino 2014

    Waiting for August

    di In concorso ad Internazionale.doc, Waiting for August di Teodora Ana Mihai è un film intimista e commovente, quasi lacerante nel mettere in scena la vita quotidiana di sei bambini, costretti a rimanere in Romania da soli, separati dalla madre impegnata con il lavoro in Italia.
  • Archivio

    diamante-neroDiamante nero

    di L’opera terza di Céline Sciamma conferma il talento della regista transalpina nel cogliere pulsioni e ambiguità dell’adolescenza.
  • Archivio

    Buon anno Sarajevo

    di Con Buon anno Sarajevo la regista Aida Begic racconta la difficile vita per una coppia di orfani di guerra nella Bosnia contemporanea.
  • AltreVisioni

    Wuthering Heights

    di Un contadino dello Yorkshire in visita a Liverpool incontra per la strada Heathcliff, un ragazzo senzatetto. Decide di accoglierlo in famiglia, portandolo con sé tra le sperdute colline dello Yorkshire, dove il ragazzo instaura una relazione ossessiva con Catherine, la figlia del contadino...
  • Animazione

    Un gatto a Parigi

    di , Il gatto Dino ha una doppia vita. Di giorno vive con la piccola Zoé, l'unica figlia di Jeanne, un commissario di polizia. La notte scala i tetti di Parigi in compagnia di Nico, un ladro di grande talento. Tutto si complica quando il nemico pubblico numero uno...
  • Archivio

    Fish-TankFish Tank

    di Mia ha 15 anni, un carattere impetuoso, nessuna amica, una madre coetanea, eccetto per l’anagrafe, una sorellina specializzata in turpiloquio e una grande passione per l'hip hop. Ogni giorno è uguale all’altro, fin quando arriva Connor, il giovane amante della madre...
  • Festival

    Bergamo Film Meeting 2017

    La trentacinquesima edizione del Bergamo Film Meeting, che si tiene dall’11 al 19 marzo, si apre con la versione director’s cut di tre ore di Amadeus di Miloš Forman, proiettato nella cornice del Teatro Donizetti.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento