Addio Ciro

Addio Ciro

Il nostro ricordo di Ciro Giorgini, scomparso il 6 aprile. Autore di Fuori orario, massimo esperto del cinema di Orson Welles.

Per noi Ciro Giorgini era l’unico che sapesse interpretare l’autentica eredità di Orson Welles. Lui, infatti, al contrario di tutti gli altri, non si compiaceva nel rileggere il cinema wellesiano secondo il classico e limitante schema del gioco di specchi in cui tutto sembra essere stato già previsto dall’autore stesso (compreso lo smarrimento del teorico), ma anzi – con spirito empirico – superava questa inerzia dedicandosi con passione inesausta alla ricerca della materia stessa di quelle pellicole, di quei fotogrammi scomparsi, perduti o rubati, da scovare in un magazzino o un albergo, o un deposito abbandonato.
Per anni abbiamo mitizzato Ciro Giorgini perché lui ci aveva permesso di vedere a Fuori Orario “cose wellesiane mai viste”, dalla sequenza del cinema del Don Chisciotte alle sette ore e mezza di montaggio “a fisarmonica” di Mr. Arkadin / Rapporto confidenziale.
E quel che potevamo solamente intuire prima di incontrarlo, é diventato concreto nel momento in cui davvero abbiamo conosciuto Ciro Giorgini, nell’ottobre del 2013 a Pordenone, quando abbiamo avuto finalmente il coraggio di avvicinarlo per chiedergli del Too Much Johnson ritrovato.
Così abbiamo potuto capire che colui che per anni avevamo imparato a mitizzare, perché parte dell’alveo ristretto di chi era a conoscenza dei mille segreti wellesiani, era in realtà una persona che per sua stessa natura si poneva in modo “antimitico”, spontaneamente familiare e dotata sopratutto di un ardente desiderio di condividere con gli altri ciò che amava.
Ciro ci ha subito accolto a casa sua, a Roma, e ci ha illustrato il suo lungo percorso wellesiano, ce ne ha fatto dono, trasmettendoci una metodologia che partiva dal dettaglio di un’inquadratura, dalla direzione di uno sguardo, da un residuo sul fotogramma. Il cinema come arte materica, prima della sua smaterializzazione digitale. Questo ci insegnava Ciro. E questo ci ha insegnato nell’arco di tempo troppo breve della nostra amicizia. Troppo breve. E non dimenticheremo mai, non solo i suoi insegnamenti, ma anche la generosità con cui li trasmetteva, che non ha eguali in questo campo.
Adesso non ci resta che cercare di prendere a esempio la sua tenacia nel perseguire una ricerca infaticabile intorno al cinema di Welles e al corpus di un’opera in cui i film non-finiti sono quasi equivalenti, per durata e per numero, a quelli finiti e celebrati. L’incompiuto wellesiano è il mistero di una filmografia, il suo gorgo profondo e oscuro, che solo grazie a Ciro ci è apparso meno inaccessibile.

La nostra intervista a Ciro Giorgini, pubblicata il 2 gennaio del 2014.

Articoli correlati

  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini – parte terza

    Come salvare dall'oblio il Don Chisciotte di Orson Welles? Ne abbiamo parlato con Ciro Giorgini nella terza parte dell'intervista che ci ha concesso.
  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini – parte seconda

    Percorsi e diatribe intorno alla "magnifica ossessione" wellesiana: la seconda parte dell'intervista a Ciro Giorgini, incentrata sulle versioni multiple di Mr. Arkadin e sull'esperienza di Fuori orario.
  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini

    Tra gli autori di Fuori Orario, Ciro Giorgini è anche uno dei massimi esperti del cinema di Welles. Lo abbiamo incontrato per parlare con lui di tutte le questioni ancora aperte intorno al cinema wellesiano...
  • Saggi

    Don Chisciotte, l’enigma

    di Proiettata lo scorso 29 giugno a Parigi, alla Cinémathèque, la "copia lavoro" del Don Chisciotte: un'occasione imperdibile per visionare uno dei capolavori incompiuti di Orson Welles, la cui ultima proiezione pubblica risaliva al Festival di Cannes del 1986.
  • Libri

    A pranzo con Orson

    Pubblicato nel 2013 negli USA, è uscito nei mesi scorsi anche in Italia A pranzo con Orson, volume di conversazioni tra Welles ed Henry Jaglom, da cui traspare con ogni evidenza il sentore del tradimento nei confronti dell'autore di Quarto potere. A partire dalla constatazione - facilmente arguibile e testimoniata da più parti - che Welles non sapeva che Jaglom registrasse quanto si dicevano a tavola.
  • Rassegne

    Too Much Ciro

    Si terrà a Roma, dal tre all'otto maggio, un omaggio a Ciro Giorgini e alle sue passioni cinematografiche, da Welles a John Ford. In programma anche la proiezione di Too Much Johnson.
  • Rassegne

    Welles alla Cinémathèque

    Un altro corposo omaggio, oltre a quello di Monaco, è previsto quest'anno per il centenario della nascita di Welles: dal 17 giugno al 2 agosto la Cinémathèque française mette in cartellone tutti i suoi film, inclusa una selezione di quelli in cui ha recitato. Ma l'evento fondamentale sarà la proiezione della copia-lavoro del Don Chisciotte, che non viene più mostrata dal 1986.
  • Interviste

    Intervista a Jonathan Rosenbaum

    Jonathan Rosenbaum è tra i più importanti studiosi del cinema di Orson Welles, curatore della versione integrale de L’infernale Quinlan e del libro-intervista di Bogdanovich. Lo abbiamo incontrato alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato per parlare con lui di Don Chisciotte, di The Other Side of the Wind e delle altre questioni irrisolte intorno all’opera di Welles.
  • Venezia 2015

    Sul ritrovamento del Mercante di Venezia di Welles

    Dopo Too Much Johnson, l’associazione friulana Cinemazero ha annunciato il ritrovamento di un altro dei misteriosi incompiuti di Welles, Il mercante di Venezia, risalente al 1969. Il film verrà proiettato al Lido il primo settembre, in prima mondiale.
  • Venezia 2015

    Il mercante di Venezia: un altro restauro è possibile?

    di Forse non si poteva fare di meglio, ma sicuramente si poteva fare di meno: il restauro del Mercante di Venezia presentato al Lido non lo si può definire un perfetto esempio di operazione filologica, pieno com'è di elementi aggiuntivi ed estranei al film stesso. Lo si potrà vedere in futuro senza alcun orpello?
  • Festival

    I Mille Occhi 2015 – Presentazione

    Si tiene a Trieste dal 18 al 23 settembre la quattordicesima edizione di I Mille Occhi - Festival internazionale del cinema e delle arti. Diretto da Sergio M. Germani, il festival prevede anche un'anteprima romana, alla Sala Trevi, in programma oggi - 15 settembre - e domani. In cartellone, tra gli altri, omaggi a Ermanno Olmi, Ciro Giorgini, Raffaele Andreassi e al cineasta tedesco Frank Wysbar.
  • I Mille Occhi 2015

    Intervista a Sergio M. Germani

    "Credo che il modo più giusto per realizzare un festival sia il fatto di essere disponibili ad accogliere delle cose che ti arrivano, che è anche il modo migliore - come ci insegna Rossellini - per fare il cinema". Abbiamo intervistato Sergio M. Germani, direttore del festival I Mille Occhi, la cui 14esima edizione si è chiusa lo scorso 23 settembre a Trieste.
  • In sala

    Il mago – L’incredibile vita di Orson Welles

    di Tra i tanti film recenti dedicati a Welles, Il mago - L'incredibile vita di Orson Welles è il più completo e documentato, anche se rischia di apparire una sorta di bignami con troppe informazioni. In sala per due giorni.
  • Interviste

    Enrico Ghezzi: “La verità è il primo inganno”

    Verità e finzione, F for Fake. Welles, Ciro Giorgini, Adriano Aprà e la critica. Fuori Orario e le dicotomie Rossellini/Lang, Truffaut/Godard, Lumière/Méliès. Abbiamo intervistato Enrico Ghezzi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento