Festival del Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina 2015

Festival del Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina 2015

La 25esima edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina (FCAAAL 2015) prende il via con Taxi di Jafar Panahi, Orso d’Oro alla Berlinale 2015. Fino al 10 maggio, sette giorni in cui nutrirsi di film e andare alla scoperta delle più diverse culture cinematografiche.

Tracciando quasi un fil rouge con l’edizione scorsa che si era aperta con Two Men in Town di Bouchareb, anche quest’anno il Festival del Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina (FCAAAL 2015, 4 al 10 maggio) attinge dalla Berlinale optando per il vincitore dell’Orso d’Oro di quest’anno come film d’apertura: Taxi di Jafar Panahi.
Nel corso della conferenza stampa di presentazione, che si è tenuta lo scorso 28 aprile, le direttrici artistiche del festival, Annamaria Gallone e Alessandra Speciale, hanno espresso il loro rammarico «di fronte al dileguarsi degli sponsor e del contributo delle istituzioni» mettendo così a repentaglio l’esistenza stessa della manifestazione. Allo stesso tempo, però, sia per rispetto verso gli spettatori affezionati e sia per la forza di volontà di tutti – delle stesse direttrici e dello staff di selezione, oltre che dell’associazione che organizza il festival, l’Associazione Centro Orientamento Educativo – si è deciso di continuare questa esperienza, nonostante le enormi difficoltà; merito anche di quei sostenitori che, invece, non li hanno abbandonati, come ad esempio il Comune di Milano.
In odore di Expo, tre anni fa la kermesse si era spostata da marzo a maggio ed è proprio sull’onda dell’esposizione universale apertasi da poco che si rinnova la sezione tematica “Films that Feed” che vede protagonisti film sull’alimentazione in tutte le sue declinazioni (dalle eccellenze della gastronomia alla promozione di nuovi modelli e sistemi agroalimentari). Spesso le pellicole sono accompagnate da dibattiti e degustazioni, presentate in calendario con la formula simpatica dei menu… [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale del FCAAAL 2015, Festival del Cinema Africano, d’Asia e d’America Latina.

Articoli correlati

  • FCAAL 2015

    Letters from Al Yarmouk

    di Il regista palestinese Rashid Masharawi offre con Letters from Al Yarmouk un affresco umano e realistico del campo profughi palestinese in Siria prima dell'assalto dell'ISIS. In concorso alla 25esima edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e d'America Latina.
  • FCAAL 2015

    Le challat de Tunis

    di La regista tunisina Kaouther Ben Hania volge con ironia e originalità il drammatico tema della violenza alle donne, realizzando uno spiazzante mockumentary: Le Challat de Tunis, premiato come miglior lungometraggio alla 25esima edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e d'America Latina.
  • FCAAL 2015

    The Storm Makers : ceux qui amènent la tempête

    di Guillaume Suon sceglie di raccontare con The Storm Makers: ceux qui amènent la tempête la drammatica situazione delle giovani cambogiane vendute ai reclutatori chiamati “coloro che portano la tempesta”. Vincitore della 25esima edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e d'America Latina.
  • FCAAL 2015

    L’oeil du cyclone

    di Raccontando la vicenda di un bambino soldato ormai diventato adulto e macchiatosi di crimini orribili, Sékou Traoré in L'oeil du cyclone evita le facili condanne e scava piuttosto nella psicologia dei personaggi fino a far emergere verità tutt'altro che scontate.
  • FCAAL 2015

    Festival Cinema Africano, d’Asia e America Latina 2015

    La 25esima edizione del Festival del Cinema Africano, d'Asia e d'America Latina prende il via con Taxi di Jafar Panahi, Orso d'Oro alla Berlinale 2015. Fino al 10 maggio, sette giorni in cui nutrirsi di film (e non solo) per andare alla scoperta delle più diverse culture cinematografiche.
  • In Sala

    Taxi Teheran

    di Jafar Panahi continua con Taxi Teheran il suo percorso di protesta nei confronti del regime iraniano, che gli proibisce di girare e di muoversi liberamente. Però, stavolta, l'ispirazione dolente di This is Not a Film e di Closed Curtain sembra essersi arenata di fronte all'auto-compiacimento.
  • Cannes 2014

    Still the Water

    di Sulla Croisette irrompe Naomi Kawase con il suo devastante Still the Water, elegia sull'amore, l'adolescenza, la vita e la morte. Tra le visioni più sconvolgenti di Cannes 2014.
  • Festival

    FCAAAL 2014

    La ventiquattresima edizione del festival milanese dedicato ad Africa, Asia e America Latina: tutte le nostre recensioni.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento