Future Film Festival 2015

Future Film Festival 2015

Dal 5 al 10 maggio, alla Cineteca di Bologna, il Future Film Festival 2015, kermesse giunta alla diciassettesima edizione: una preziosa occasione per confrontarsi col cinema d’animazione nipponico, sudcoreano, ungherese, francese, finlandese, italiano, estone, irlandese, statunitense…

La crisi dei festival italiani è oramai evidente e i motivi principali sono semplici: pochi soldi pubblici, pochi soldi dagli sponsor. Il Future Film Festival 2015 di Bologna, ospitato come da qualche anno dalla Cineteca, resiste fieramente, proponendo una stimolante selezione di lungometraggi, come i due sudcoreani The Satellite Girl and Milk Cow di Chang Hyung-Yun e The Road Called Life di Ahn Jae-hoon e Han Hye-jin-I, l’irlandese Song of the Sea del talentuoso Tomm Moore, il nipponico Giovanni’s Island di Mizuho Nishikubo, l’estone Rocks in My Pockets di Signe Baumane, lo spagnolo Possessed di Sam.

Oltre ai lungometraggi, divisi tra Concorso e Première (Last Hijack di Tommy Pallotta, Index 0 di Lorenzo Sportiello, ManiEggs – Revenge of the Hard Egg di Zoltàn Miklòsy…), il programma del Future Film Festival 2015 offre incontri, workshop, la sezione Follie notturne (imperdibile Tokyo Tribe di Sion Sono), le presentazioni di tre nuovi libri sul cinema d’animazione (Hayao Miyazaki. Un mondo incantato di Valeria Arnaldi, Animerama. Storia del cinema d’animazione giapponese di Roberta Novelli e Studio Ghibli. L’animazione utopica e meravigliosa di Miyazaki e Takahata di Enrico Azzano e Andrea Fontana.), il convegno Bande à Part. Graphic novel, fumetto e letteratura, le selezioni dei cortometraggi, l’omaggio ad Ari Folman (Valzer con Bashir, The Congress), la piccola retrospettiva Eat the Future (Stuff – Il gelato che uccide di Larry Cohen, Horror in Bowery Street di Jim Muro, 2022: I sopravvissuti di Richard Fleischer). Seppur in tono minore rispetto agli anni d’oro e alle stagioni delle retrospettive dedicate a Osamu Tezuka, Jiří Trnka e alla Toei Dōga, il Future Film Festival continua a rappresentare l’unica vera occasione per immergersi nel cinema d’animazione internazionale.

INFO
Il sito ufficiale del Future Film Festival 2015.
Il programma del Future Film Festival 2015.

Articoli correlati

  • Torino 2014

    Tokyo Tribe

    di Sion Sono firma un folle musical-rap che rimanda ai "warriors" di Walter Hill, confermandosi come uno dei registi più eretici in circolazione. Al Torino Film Festival 2014.
  • Roma 2014

    Index Zero

    di Fantascienza distopica made in Italy, con scenari post-apocalittici e cast internazionale, Index Zero di Lorenzo Sportiello è stata una delle scoperte più interessanti del Festival di Roma 2014.
  • Animazione

    La canzone del mare

    di Presentato al Festival di Roma nella sezione Alice nella città, Song of the Sea conferma il talento visivo e narrativo dell’irlandese Tomm Moore. Un altro piccolo miracolo dopo il sorprendente The Secret of Kells.
  • Firenze 2014

    Last Hijack

    di , Il documentario di Tommy Pallotta e Femke Wolting, che mescola anche elementi di finzione e segmenti animati, non riesce però a convincere. Nella sezione Panorama alla Berlinale 2014 e al Festival dei Popoli di Firenze.
  • Animazione

    The Congress

    di Robin Wright riceve dalla Miramount la proposta di essere scannerizzata: la sua controparte digitale potrà essere liberamente utilizzata nei film...
  • Animazione

    Valzer con Bashir

    di Passato in concorso al Festival di Cannes 2008, Valzer con Bashir è uno stupefacente e riuscito connubio tra animazione e documentario, che rilegge la tragedia del massacro di Sabra e Chatila.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento