Il Cinema Ritrovato 2015

Il Cinema Ritrovato 2015

427 film, realizzati dal 1895 a oggi, sei sale, due piazze – una grande e una piazzetta – il teatro comunale. Questi i numeri del Cinema Ritrovato 2015, giunto alla ventinovesima edizione, pronto ad aprire i battenti, dal 27 giugno al 4 luglio, e ad accogliere, cinefili e studiosi da tutto il mondo, incuranti dell’afosa estate bolognese.

Il Cinema Ritrovato 2015 è pronto ad accogliere, dal 27 giugno al 4 luglio, cinefili e studiosi da tutto il mondo. Si tratta della ventinovesima edizione, da quest’anno orfana del suo storico direttore artistico, Peter von Bagh, venuto a mancare lo scorso settembre, cui saranno tributati numerosi omaggi. Il ladro di Bagdad, quello di Michael Powell, nel grande schermo dell’Arlecchino, una commedia anni trenta di Leo McCarey, un raro film televisivo tratto da Sartre di Kaurismäki da lui stesso presentato come omaggio all’amico von Bagh. Già i primi appuntamenti in programma, in contemporanea, preludono dolorose e difficili scelte: sarà dura la vita dei frequentatori del Ritrovato. Il ladro di Bagdad rientra in un omaggio al Technicolor con copie in 35mm che arriva fino a La sottile linea rossa, e che si abbina alla tradizionale rassegna sul Giappone che quest’anno prevede la fase del passaggio al colore con i scintillanti effetti cromatici di La porta dell’inferno con i suoi gialli o quelli di Shin heike monogatari (Nuova storia del clan Taira) di Mizoguchi, uno dei due approdi al colore del grande regista.

Punto forte sarà poi l’omaggio a Leo McCarey, con un excursus tra slapstick e screwball comedy, ma anche sulle opere a tema religioso del regista di Cupo tramonto, già passato al Ritrovato e nuovamente proposto.
Come Cannes anche Il Cinema Ritrovato 2015 rende omaggio a Ingrid Bergman, pure effigiata nella locandina del festival, con una meravigliosa immagine dell’epoca di Casablanca, prima che il tempo passasse via. Della divina, di cui ricorre il centenario della nascita, verranno proposti i film degli esordi, ancora in Svezia, ma non mancheranno Casablanca, in Piazza Maggiore, ed Europa ’51… [continua a leggere]

Info
Il sito de Il Cinema Ritrovato 2015.

Articoli correlati

  • Interviste

    Intervista a Renato Berta

    "La luce non sta lì solo per impressionare la pellicola o il sensore di una macchina digitale. La luce, in una maniera o nell’altra, deve narrare." In occasione della 29esima edizione del Cinema Ritrovato, abbiamo intervistato Renato Berta, direttore della fotografia per - tra gli altri - de Oliveira, Straub e Huillet, Godard, Resnais e Martone.
  • Interviste

    Intervista a Jonathan Rosenbaum

    Jonathan Rosenbaum è tra i più importanti studiosi del cinema di Orson Welles, curatore della versione integrale de L’infernale Quinlan e del libro-intervista di Bogdanovich. Lo abbiamo incontrato alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato per parlare con lui di Don Chisciotte, di The Other Side of the Wind e delle altre questioni irrisolte intorno all’opera di Welles.
  • Bologna 2015

    Love Affair

    di Caposaldo del romanticismo punitivo della Hollywood anni Trenta, Love Affair è la dimostrazione del brillante eclettismo di un regista spesso trascurato, Leo McCarey, cui la 29esima edizione del Cinema Ritrovato ha dedicato un corposo omaggio.
  • Bologna 2015

    Night of the Hunchback

    di Presentato nella sezione A Simple Event a Il Cinema Ritrovato il film che segna la nascita della nouvelle vague iraniana e che si distingue dalla concezione neorealista del cinema d’autore dell’epoca, per la sua freschezza narrativa e il ritmo scanzonato.
  • Bologna 2015

    A Night in June

    di Per il centenario della nascita di Ingrid Bergman, il Cinema Ritrovato omaggia l'interprete di Europa '51 con una selezione dei film dei suoi esordi. A Night in June, realizzato da Per Lindberg nel 1940, è l'ultimo film svedese dell'attrice prima della partenza per Hollywood: un dramma sociale tutto incentrato sulla sua figura divistica.
  • Bologna 2015

    Carnival Night

    di Presentato nella retrospettiva Tarda primavera – un nuovo sguardo sul cinema del Disgelo del Cinema Ritrovato, Carnival Night è una commedia scintillante che colpisce per la sua vena anarchica e libertaria e per i suoi sberleffi al potere sovietico.
  • Bologna 2015

    Baciami Kate

    di Brillante esempio di stereoscopia anni Cinquanta, Baciami Kate è un musical shakespeariano con canzoni di Cole Porter. Più pop del pop, quasi metafisico. Presentato in versione restaurata alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato.
  • Bologna 2015

    Il brigante

    di Melodramma storico che Renato Castellani diresse tra il '60 e il '61, Il brigante è un film dalla disarmante e commovente lucidità politica e di messa in scena, in cui si raccontano i millenari soprusi subiti dal popolo calabrese. Presentato alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato.
  • Bologna 2015

    La canzone del paese natio

    di Il primo film conservato di Mizoguchi, in un restauro che ha perfettamente recuperato i colori originali di viraggi e imbibizioni, inaugura la sezione Armoniosa ricchezza, il cinema a colori in Giappone del Cinema Ritrovato 2015.
  • Bologna 2015

    Les Mains sales

    di Il Cinema Ritrovato rende omaggio al suo storico direttore, Peter von Bagh, scomparso di recente, iniziando la retrospettiva a lui dedicata (e il festival) con un’opera rara di Aki Kaurismäki, film televisivo tratto da Sartre.
  • Festival

    Il Cinema Ritrovato 2015 – Presentazione

    427 film, realizzati dal 1895 a oggi, sei sale, due piazze, il teatro comunale. Questi i numeri della ventinovesima edizione del Cinema Ritrovato che è pronta ad aprire i battenti, dal 27 giugno al 4 luglio, e ad accogliere, cinefili e studiosi da tutto il mondo.
  • Cannes 2015

    A Touch of Zen – La fanciulla cavaliere errante

    di Il capolavoro di King Hu, tra i fondamenti del wuxia, rinasce a nuova vita sulla Croisette. Un modo per riscoprire una gemma purissima, in cui si mescolano azione e filosofia, colto e popolare.
  • Cannes 2016

    Intervista a Frédéric Bonnaud

    In occasione della presentazione a Cannes del restauro di Adieu Bonaparte di Youssef Chahine, abbiamo intervistato il nuovo direttore della Cinémathèque française, Frédéric Bonnaud, per parlare con lui di una delle istituzioni cinetecarie più importanti al mondo e della sua posizione a proposito di pellicola e digitale.
  • Festival

    Il Cinema Ritrovato 2016 – Presentazione

    Trenta candeline per il Cinema Ritrovato di Bologna che si appresta ad accogliere ancora per otto giorni, dal 25 giugno al 2 luglio, i capolavori della storia del cinema.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento