Les Mains sales

Les Mains sales

di

Il Cinema Ritrovato rende omaggio al suo storico direttore, Peter von Bagh, scomparso di recente, iniziando la retrospettiva a lui dedicata (e il festival) con un’opera rara di Aki Kaurismäki, Likaiset kädet (Les Mains sales), film televisivo tratto da Sartre.

Le mani sporche si lavano al cinema

Hugo è appena stato rilasciato di prigione. Prima di entrarvi lavorava come giornalista in una testata di partito. Timido vorrebbe avanzare in carriera e trova la sua possibilità quando Hoederer, il leader del partito, deve essere eliminato. [sinossi]

Il Cinema Ritrovato rende omaggio al suo storico direttore, Peter von Bagh, scomparso di recente, iniziando la retrospettiva a lui dedicata, e il festival, con un’opera rara di Aki Kaurismäki, Likaiset kädet (il titolo internazionale è Les Mains sales), film televisivo tratto da Sartre in cui compare in un ruolo cammeo un giovanissimo von Bagh, oltre che allo stesso regista. Kaurismäki ha presentato la proiezione omaggiando il suo vecchio amico.
Tra le opere dimenticate di Kaurismäki, Les Mains sales è un film per la televisione finlandese realizzato nel 1989 – anno in cui il regista cominciava a farsi conoscere con Leningrad Cowboys Go America – tratto dal testo teatrale di Sartre Le mani sporche, messo in scena per la tv anche in Italia, nel 1978, da Elio Petri. Girato in soli sette giorni e in 16mm, per l’esclusione del regista a utilizzare il formato video. Troviamo gli attori feticcio Matti Pellonpää e Kati Outinen, che accompagneranno il regista in tutta la sua carriera, nonché il suo amico fraterno, il critico Peter von Bagh, giovanissimo, che interpreta uno dei due bodyguard (anche lo stesso regista si ritaglia una particina nel film).

Hugo, il protagonista, torna a casa dopo essere uscito dal carcere. Kaurismäki intorpidisce l’atmosfera di questo incipit, ammantandola di suspense con una musica da thriller, ma inserendo subito elementi ironici: l’accompagnamento musicale da thriller si rivela diegetico nel momento in cui Jessica-Kati Outinen spegne la radio. La donna apre alla porta con la pistola in mano, già un segnale di inquietudine.
La narrazione del film avviene in un lungo flashback, che toglie ogni sorpresa, sappiamo già come la vicenda andrà a finire, Hugo commetterà il delitto e subirà il carcere. E Kaurismäki partendo da Sartre infarcisce il film di citazioni letterarie varie. I cioccolatini avvelenati che fanno pensare al finale dell’Amleto, opera che il regista finlandese aveva appena trasposto in chiave satirica in Amleto si mette in affari. E Hugo viene soprannominato, all’interno della società segreta di cui fa parte, Raskol’nikov, nome dostoevskijano, che prelude al suo destino inevitabile: lui deve uccidere.

Kaurismäki gioca a costruire l’immagine come Josef von Sternberg ne L’imperatrice Caterina, giocando e intersecando figure pittoriche, in questo caso il grande quadro che raffigura Napoleone Bonaparte che campeggia sopra il personaggio che rappresenta l’autorità, ma filtrando il tutto con una connotazione ironica.
Troviamo già in questo film tutto il sarcasmo, lo spirito caustico, il cinismo – vedi le battute sulla morte del padre – del regista finlandese, che costruisce scene, come quella in cui viene buttata la dinamite dalla finestra in una stanza, i cui occupanti rimangono impassibili, che hanno il sapore surreale da gag di un classico cartoon. Fa uso di dialoghi asettici, pacati nonostante la gravità del loro assunto, de-drammatizzati. Kaurismäki racconta la storia sartriana di un attentato, di un omicidio compiuto per ideali politici, e il tradimento di questi stessi ideali.

Info
Les Mains sales sul sito de Il Cinema Ritrovato.

Articoli correlati

  • Festival

    Il Cinema Ritrovato 2015 – Presentazione

    427 film, realizzati dal 1895 a oggi, sei sale, due piazze, il teatro comunale. Questi i numeri della ventinovesima edizione del Cinema Ritrovato che è pronta ad aprire i battenti, dal 27 giugno al 4 luglio, e ad accogliere, cinefili e studiosi da tutto il mondo.
  • AltreVisioni

    Centro histórico RecensioneCentro histórico

    di , , , Con la firma di quattro grandi registi (Aki Kaurismäki, Pedro Costa, Víctor Erice e Manoel de Oliveira) si delinea in Centro histórico un ritratto multiforme dell'uomo e del suo rapporto con lo scorrere del tempo, con le sue rivoluzioni, le sue conquiste, le sue piccole e grandi battaglie quotidiane.
  • Festival

    il-cinema-ritrovato-2015Il Cinema Ritrovato 2015

    427 film, realizzati dal 1895 a oggi, sei sale, due piazze, il teatro comunale. Questi i numeri della ventinovesima edizione del Cinema Ritrovato che è pronta ad aprire i battenti, dal 27 giugno al 4 luglio, e ad accogliere, cinefili e studiosi da tutto il mondo.
  • Archivio

    Miracolo a Le Havre RecensioneMiracolo a Le Havre

    di Aki Kaurismäki torna in concorso al Festival di Cannes con un melodramma in bilico tra tragedia e fiaba, in attesa di un miracolo forse non poi così impossibile...
  • DVD

    Calamari Union

    di Il secondo lungometraggio diretto da Aki Kaurismäki è anche il primo di una lunga lista di capolavori. In dvd con la Dolmen.
  • Buone feste!

    Leningrad Cowboys Go America

    di Il primo incontro tra la musica dei Leningrad Cowboys e il cinema Aki Kaurismäki è questo folle road-movie che attraversa il mito americano facendosene beffe.
  • Buone feste!

    Leningrad Cowboys Meet Moses

    di Di nuovo i folli musicisti della tundra incontrano Aki Kaurismäki, per un viaggio a ritroso alla (ri)scoperta dell'Europa. Il muro è crollato, o no?
  • Speciali

    Aki KaurismäkiElegia della fuga – Il cinema di Aki Kaurismäki

    Un viaggio nel cinema di Aki Kaurismäki, tra alienati e band stralunate, luci della sera e nuvole in movimento, miracoli e sogni di fughe impossibili nell'est sovietico. Nel tentativo di penetrare la corazza di un autore fondamentale per il cinema europeo dell'ultimo trentennio.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Gli alien(at)i sono tra noi

    I protagonisti dei film di Aki Kaurismäki, alla ricerca di un posto in cui (soprav)vivere, sono perdenti e proletari, eroi del nuovo mondo, chiusi come tutti nella prigione della società. Ma loro, per lo meno, consapevolmente.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Tra New York e Mosca

    Aki Kaurismäki ha spesso messa in scena, contrapponendoli, il mito americano e quello sovietico, tra ipotesi di fughe verso est e il fascino degli oggetti del Capitale.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Leningrad Cowboys Meet Kaurismäki

    Il momento cruciale dell'intera carriera di Aki Kaurismäki, l'incontro con i Leningrad Cowboys, la peggiore band del pianeta, persa tra standard statunitensi e cori russi.
  • In sala

    L'altro volto della speranza RecensioneL’altro volto della speranza

    di In concorso alla Berlinale il nuovo lavoro di Aki Kaurismäki, L'altro volto della speranza: tra colori pastello e musica country la storia di un rifugiato siriano e la satira di una società che vede le culture diverse solo come cibo etnico.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Rock the Tundra

    Il rock, nel cinema di Aki Kaurismäki, si muove sottopelle, attraversando l'intera filmografia del regista finlandese e penetrando in profondità, là dove è difficile fermarsi davvero ad ascoltare. Un percorso amoroso e vitale, che acquista un senso culturale forte, e dunque inevitabilmente politico.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Matti e i suoi fratelli

    Aki Kaurismäki non è "solo" un grande autore del cinema europeo contemporaneo; nel corso della sua carriera ha avuto la capacità di costruire attorno a sé una factory o, meglio, una famiglia in grado di seguirlo di set in set, senza abbandonarlo mai.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Dedicato a…

    Il cinema di Aki Kaurismäki, pur così riconoscibile e dotato di un immaginario difficile da confondere con altro, non nasce certo dal nulla. Quali sono i riferimenti culturali - cinematografici, certo, ma non solo - del regista finlandese? E in che modo questa comunione d'amorosi sensi prende corpo sullo schermo?
  • Saggi

    Elegia della fuga – Kaurismäki/Jarmusch: come in uno specchio

    Tra Orimattila e Akron, nell'Ohio, corre una distanza di quasi settemila chilometri. Una distanza completamente annullata dall'esperienza autoriale di Kaurismäki e di Jim Jarmusch, che sembrano protesi in un infinito dialogo a distanza tra pellicole.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Per un cinema europeo

    Cos'è l'Europa per Aki Kaurismäki? Quale volto e ruolo assume il Vecchio Continente nelle pieghe del cinema del regista finlandese? E in prospettiva quali sono le utopie, se esistono ancora, rintracciabili nel suo sguardo prospettico?
  • Saggi

    Elegia della fuga – La fine (?)

    In quale direzione si muoverà d'ora in avanti il cinema di Aki Kaurismäki? Quale storie lo interesseranno maggiormente, e perché? Anche l'incontro con uno dei più importanti autori europei degli ultimi decenni volge al termine...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento