Predestination

Predestination

di ,

Nella science fiction di Predestination l’intensificazione tecnologica è praticamente invisibile, messa in disparte: i viaggi nel tempo e i paradossi temporali, alla maniera del fisico russo Igor Dmitriyevich Novikov, si dipanano tra flashback, racconti e confessioni, tratteggiando una fantascienza apparentemente cerebrale, eppure pervasa da una crescente tensione intima, sentimentale, melodrammatica.

L’autoconsistenza

Tratto da un racconto di Robert A. Heinlein, Predestination racconta la vita di un singolare agente che deve affrontare una serie intricata di viaggi spazio temporali, progettati per garantire l’applicazione della legge per l’eternità. Ora, al suo ultimo incarico, l’agente è all’inseguimento di un criminale che da sempre continua a sfuggirgli: l’obiettivo è salvare migliaia di vite messe in pericolo dai piani di questo terribile assassino… [sinossi]

È ambizioso il cinema dei fratelli Michael e Peter Spierig, gemelli australiani che cercano, come i più celebri Wachowski, di rivitalizzare il filone fantascientifico, intrecciandolo con altri generi e con suggestioni minimaliste. Un’ambizione crescente, purtroppo spalmata in un arco temporale troppo ampio (lo zombie movie Undead è del 2003, mentre l’opera seconda Daybreakers – L’ultimo vampiro, in equilibrio tra horror e fantascienza, è datata 2009), e indubbiamente rischiosa, vista la struttura narrativa di Predestination: un fertile groviglio di paradossi temporali, delle scatole cinesi che lentamente si dischiudono, rivelando la centralità e la supremazia del côté umanista sulla componente sci-fi.
Ed è più che interessante osservare questa sovrastruttura fantascientifica innestata su un tempo passato, in un viaggio a ritroso che “comincia” negli anni Quaranta e che si apre con una sequenza dai contorni noir, immersa tra buio e ombre, con cappelli d’antan, armi da fuoco e una misteriosa custodia di violino. Nella science fiction di Predestination l’intensificazione tecnologica è praticamente invisibile, messa in disparte: i viaggi nel tempo e i relativi paradossi, alla maniera del fisico russo Igor Dmitriyevich Novikov, si dipanano tra flashback, racconti e confessioni, tratteggiando una fantascienza apparentemente cerebrale, eppure pervasa da una crescente tensione intima, sentimentale, melodrammatica.

Lo sviluppo narrativo di Predestination, figlio di un racconto di Robert A. Heinlein (Tutti i miei fantasmi, aka All You Zombies…, 1959), non si limita al puntuale e geometrico rompicapo, da ricostruire post-visione come un cubo di Rubik, magari alla ricerca di qualche falla spazio-temporale, ma cerca di sondare la mente e l’animo umano, le dinamiche che determinano identità e personalità. Ambizioso, appunto, sulla scia dei vari Looper, Inception, L’esercito delle 12 scimmie, Cloud Atlas e, tra i mistery/thriller, Memento. Così ambizioso, e coerente, da rinunciare all’apparato spettacolare, all’action, alle possibili esplosioni, agli attentati dell’inafferrabile bombarolo. Sono i dialoghi, il fiume di parole, a costituire l’asse portante e il motore di Predestination: gli Spierig Brothers mettono in scena un vero e proprio flusso di coscienza, un confronto dialettico ed emotivo che riserva sorprese quantomai attuali. Destino, natura, gender. E il peso delle scelte e delle vicende umane.

Infine, oltre a sottolineare le ottime performance attoriali di Ethan Hawke (insomma, non solo progetti autoriali à la Boyhood, ma anche sanissimo cinema di genere, magari cattivello come Sinister e La notte del giudizio), del volto nuovo Sarah Snook e del sempre magnetico Noah Taylor, vale la pena spendere due righe per il cinema australiano che arriva nelle nostre sale: oltre a Predestination, meritano la visione gli horror Wolf Creek 2 di Greg McLean e Babadook di Jennifer Kent. Senza dimenticare la forza dirompente di Mad Max: Fury Road del redivivo e pimpante George Miller.

Info
Il sito ufficiale di Predestination.
Il trailer italiano di Predestination.
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-01.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-02.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-03.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-04.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-05.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-06.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-07.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-08.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-09.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-10.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-11.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-12.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-13.jpg
  • Predestination-2014-Spierig-Bros-14.jpg

Articoli correlati

  • In Sala

    Wolf-Creek-2Wolf Creek 2 – La preda sei tu

    di Ironia, scrittura, sangue e budella costituiscono le solide fondamenta di Wolf Creek 2, raro esempio di sequel capace di rinnovare e superare l'originale. Una boccata d'ossigeno per il genere horror, che riabbraccia lo spietato serial killer Mick Taylor.
  • Cannes 2015

    Mad Max: Fury Road RecensioneMad Max: Fury Road

    di Tornato dopo un trentennio al suo universo, George Miller dirige con un reboot convincente, dal grande ritmo e dalla straripante fisicità, aprendo la strada per un possibile nuovo franchise.
  • Archivio

    Babadook RecensioneBabadook

    di L'esordio alla regia dell'australiana Jennifer Kent è un horror familiare intelligente e non privo di sorprese. In concorso a Torino 2014 e ora in sala.
  • Archivio

    Looper RecensioneLooper – In fuga dal passato

    di Nell'anno 2044 esiste un gruppo di killer chiamato "Loopers": questi assassini lavorano per conto della mafia, e il loro compito consiste nell'uccidere le persone che i capi della cosca inviano indietro nel tempo dal 2074...
  • Archivio

    Cloud Atlas RecensioneCloud Atlas

    di , , Azione, dramma, mistero e amore eterno si fondono in un'unica storia che procede attraverso epoche diverse nell'arco di cinquecento anni. I personaggi si incontrano e si riuniscono passando da una vita all'altra...
  • Archivio

    Inception RecensioneInception

    di La deflagrazione ultima e irrefrenabile dell'immateriale, l'apologia del cinema come macchinario teso all'accumulo di immaginario, prima ancora che alla sua spiegazione.
  • Archivio

    Daybreakers – L’ultimo vampiro

    di , Daybreakers, diretto dai fratelli Michael e Peter Spierig, è un horror fantascientifico non perfettamente compiuto ma ammaliante, dimostrazione di una vitalità visionaria non sempre supportata dalla sceneggiatura.
  • Archivio

    Sinister

    di Il found footage (e questa volta è in super8) torna a fare paura in Sinister di Scott Derrickson. Con Protagonista Ethan Hawke.
  • Archivio

    RegressionRegression

    di Amenábar intreccia generi, realtà e sogno/incubo, rovesciando più volte prospettiva e cercando di trarre in inganno lo spettatore. Regression funziona discretamente nell'accumulare suggestioni ma crolla come un castello di carta quando deve sciogliere tutti i nodi narrativi e psicologici.
  • In sala

    La vedova Winchester RecensioneLa vedova Winchester

    di , La vedova Winchester è il nuovo film diretto dai fratelli Michael e Peter Spierig; un horror che prende spunto dalla vicenda tragica e folle di Sarah Winchester e che, nonostante si rifugi ogni tanto nei pertugi più comodi, dimostra una certa classe e la volontà di ragionare sul concetto di pazzia, e di orrore.
  • Trieste S+F 2018

    Man Divided RecensioneMan Divided

    di Presentato e premiato al Trieste Science+Fiction Festival 2018, Man Divided è la prima opera di finzione del documentarista danese Max Kestner, perfettamente a proprio agio tra gli intricati meccanismi e paradossi dei viaggi nel tempo.
  • Archivio

    The Vanishing - Il Mistero del Faro RecensioneThe Vanishing – Il Mistero del Faro

    di Nonostante qualche convenzione narrativa poco originale, The Vanishing – Il mistero del faro è un teso mistery che cucina a fuoco lento e con indubbia efficacia, forte di location suggestive, interpreti impeccabili e una regia ben orchestrata.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento