Green Room

Green Room

di

Il regista di Blue Ruin torna dietro la macchina da presa con Green Room, un altro grandissimo thriller carico di tensione, sangue e risate nerissime.

Nazis vs. Rockers

Un gruppo punk rock si reca in un locale nella provincia americana per un concerto. Si ritrovano, loro malgrado, testimoni di un delitto commesso dai gestori del locale, tutti affiliati ad un gruppo di neonazisti. Chiusi dentro il loro camerino, senza via di scampo, i musicisti devono trovare un modo per sopravvivere all’assalto implacabile… [sinossi]

Chi conosce Jeremy Saulnier, autore della commedia horror Murder Party e del thriller Blue Ruin, quest’ultimo molto ben accolto a festival come Cannes, Locarno e Torino, potrebbe farsi trarre in inganno al cospetto di Green Room (selezionato, come il suo predecessore, nella Quinzaine cannense), un film che in apparenza segna il passaggio del suo regista al mainstream, almeno a giudicare dal cast: tra gli “eroi” ci sono Anton Yelchin (il Chekhov della nuova saga di Star Trek), Alia Shawkat (Arrested Development) e Imogen Poots (She’s Funny That Way), mentre nei panni del temibile Darcy, narcotrafficante e leader del gruppo neonazista che costituisce la minaccia principale all’incolumità dei protagonisti, c’è un mostro sacro come Patrick Stewart, la cui formazione shakespeariana dà al suo personaggio una dignità e un carisma che trascendono la potenziale caricatura. Al suo fianco ritroviamo Macon Blair, il bravissimo protagonista di Blue Ruin.

Una selezione di prim’ordine che, come dicevamo, potrebbe trarre in inganno circa le intenzioni di Saulnier. Il quale, fedele alla propria poetica, non si trattiene dalla brutalità e dall’humour nero che caratterizzavano i suoi film precedenti. Dopo la rilettura personale e inedita del linguaggio del revenge movie all’interno di Blue Ruin, il cineasta newyorkese si dà ora al film di guerra, trasformando il camerino – la stanza verde del titolo – in un bunker e reinterpretando, con un simbolismo alquanto beffardo, il conflitto fra americani e (neo)nazisti. L’operazione riesce grazie all’energia incontenibile di Saulnier, che non si ferma neanche per un secondo dopo aver innescato lo scontro, e ad un’economia di scrittura che tratteggia dei personaggi semplici, per non dire archetipici, ma comunque completi e lontani anni luce da possibili stereotipi legati all’ambientazione o ai cliché di genere (si veda, ancora una volta, la performance di Stewart, nazista che predilige il verbo all’azione e mantiene una calma infernale per tutta la durata della pellicola).

E in mezzo al sangue scorre anche un fiume (in piena) di comicità nerissima, strumento fondamentale per i personaggi (per alleviare la tensione fra una sparatoria e l’altra) e per il pubblico (per evitare una visione che avrebbe potuto essere troppo cupa e insostenibile). Un susseguirsi di risate macabre che continuano fino all’apoteosi conclusiva, dove vita e morte si ibridano in un epilogo esilarante e beffardo, il punchline perfetto per una delle barzellette più cruente dell’anno.

Info
Il trailer di Green Room.
  • green-room-2015-jeremy-saulnier-02.jpg
  • green-room-2015-jeremy-saulnier-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Neuchâtel 2015 – Presentazione

    Dal 3 all’11 luglio, la città svizzera di Neuchâtel diviene il luogo imprescindibile per le nuove tendenze del cinema fantastico e asiatico. Tra recuperi del passato e visioni sul futuro.
  • Torino 2013

    Blue Ruin

    di Dwight conduce un’esistenza misera e solitaria: senza una casa in cui vivere, dorme in una vecchia Pontiac e si accontenta del cibo che riesce a recuperare...
  • Festival

    Cannes 2015Cannes 2015

    Il Festival di Cannes 2015: le mille luci della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... La sessantottesima edizione, dal 13 al 24 maggio.
  • Festival

    Neuchatel-2015Neuchâtel 2015

    Dal 3 all’11 luglio, la città svizzera di Neuchâtel diviene il luogo imprescindibile per le nuove tendenze del cinema fantastico e asiatico. Tra recuperi del passato e visioni sul futuro.
  • Festival

    Festival di Zurigo 2015 – Presentazione

    Dal 24 settembre al 4 ottobre, la kermesse zurighese combina scoperte, classici e grandi anteprime, per soddisfare ogni tipo di spettatore.
  • Festival

    Rotterdam-2016Rotterdam 2016

    La quarantacinquesima edizione del Festival di Rotterdam, primo grande appuntamento europeo dell’anno con il Cinema. Un caleidoscopio di visioni provenienti da ogni angolo del globo. Tutte le nostre recensioni.
  • In sala

    shut in recensioneShut In

    di Esordio cinematografico per Farren Blackburn, Shut In è un thriller/horror scontato e prevedibile su una donna sola e isolata, interpretata da una affannata Naomi Watts.
  • Archivio

    scusa, mi piace tuo padre recensioneScusa, mi piace tuo padre

    di Scusa, mi piace tuo padre è l'ennesimo film che ragiona sul concetto di indipendenza come si trattasse di materia puramente estetica e narrativa, ingranaggio bizzarro dell'industria dello spettacolo. Certo, ci sono in scena ottimi interpreti: ma perché dovrebbe essere normale accontentarsi?

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento