Settimana della Critica 2015 – Presentazione

Settimana della Critica 2015 – Presentazione

L’edizione del trentennale, l’ultima con Francesco Di Pace in qualità di delegato generale. Tra Peter Mullan, il racconto espanso di una famiglia cinese e molto altro. Il resoconto della presentazione della Settimana della Critica 2015, svoltasi come da tradizione a Roma.

La Settimana Internazionale della Critica, la più antica e prestigiosa tra le sezioni collaterali che animano i lavori della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, compie trent’anni. Una cifra non indifferente, con la quale la SIC esce dalla giovinezza per entrare in maniera definitiva e compiuta in quella che viene chiamata “età adulta”. Un passaggio che viene affrontato senza particolari scossoni, visto che lo schema che si presenta agli occhi degli addetti ai lavori è più o meno sempre lo stesso. O quasi… Al canonico concorso di sette opere prime, introdotto e chiuso da due film fuori concorso, si aggiunge quest’anno un titolo che svolgerà la funzione di “pre-apertura”. Il perché è presto detto, e non usa mezzi termini Di Pace per spiegarlo: quando gli occhi del comitato di selezione (composto ancora una volta, l’ultima, da Nicola Falcinella, Giuseppe Gariazzo, Anna Maria Pasetti e Luca Pellegrini) si sono posati su Jia, vale a dire The Family del cinese Liu Shumin, la folgorazione è stata immediata. Il programma però era praticamente chiuso, e per di più – dettaglio da non sottostimare per una sezione che deve combattere ogni anno con uno spazio esiguo a disposizione, e fare la conta degli slot a disposizione – l’esordio di Liu dura addirittura quattro ore e quaranta minuti (ed è girato in 35mm).
Si è così deciso di selezionare in ogni caso il film, ma di regalargli l’inedito compito di “pre-aprire” la SIC. Una scelta che mantiene anche una logica all’interno della storia recente della Settimana della Critica, visto che la Cina nel corso degli ultimi anni si è dimostrata una delle realtà più indagate e affascinanti, come dimostrano The Coffin in the Mountain di Xin Yukun e Trap Street di Vivian Qu.

Sui sette film in concorso, come d’abitudine, sarebbe azzardato e privo di fondamenta lanciarsi in letture che dovrebbero in maniera inevitabile avvicinarsi alla divinazione pura. Restano come sempre le sinossi della cartella stampa ad aprire squarci nell’immaginario cinefilo, che si affida per ora ai luoghi: l’Anatolia di Senem Tüzen e del suo Motherland, il Nepal di The Black Hen di Min Bahadur Bham, l’Inghilterra fotografata da Esther May Campbell in Light Years. E ancora la Lisbona raccontata da João Salaviza in Montanha, la Singapore dittatoriale e anticomunista di Green Zeng (The Return), l’isolotto delle Vanuatu in cui è ambientato Tanna di Martin Butler e Bentley Dean, la Romania descritta da Adriano Valerio in Banat.
Sette esordienti (otto, considerato che Tanna ha una regia a quattro mani) pronti a darsi battaglia nella speranza di accaparrarsi il premio del pubblico o di ottenere il Leone del Futuro. Ma soprattutto speranzosi di vincere il trofeo più importante: una carriera cinematografica. In attesa di scoprire se tra di loro vi è qualcuno già in possesso di uno sguardo autonomo, indipendente, autoriale. Lo sguardo che hanno mostrato, fin dai primi film, i due registi scelti come numi tutelari, e a cui sono state affidate le chiavi dell’apertura e della chiusura. Peter Mullan riporterà al Lido Orphans, con cui trionfò nella Settimana della Critica del 1998, mentre Antonio Capuano presenterà il suo nuovo parto creativo, Bagnoli Jungle, a ventiquattro anni di distanza da Vito e gli altri, con cui sbalordì il pubblico della SIC 1991. Corsi e ricorsi storici di una sezione sempre più viva, combattiva, pronta a scontrarsi e incontrarsi con il reale. Come sempre, da trenta anni a questa parte.

Info
Il sito ufficiale della Settimana della Critica.

Articoli correlati

  • Venezia 2014

    settimana-della-critica-2014Settimana della Critica 2014 – Presentazione

    Sette film in concorso (più due fuori concorso) per spaziare dalla Cina alla Serbia, dal Vietnam alla Palestina, dalla Germania all'Iran. È il resoconto della presentazione della SIC, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Venezia 2015

    Venezia 2015 – Presentazione

    Presentato a Roma il programma ufficiale della settantaduesima edizione della Mostra, la quarta dopo il ritorno di Alberto Barbera, che sembra proseguire nel solco scavato dalle annate precedenti...
  • Venezia 2015

    light-yearsLight Years

    di Presentato alla Settimana della Critica di Venezia 2015, Light Years dell’inglese Esther Campbell è un’immersione fin troppo levigata ed estetizzante tra le pieghe dell’infanzia e dell’adolescenza. Echi della Arnold, più di un dubbio, ma da tenere d’occhio.
  • Venezia 2015

    Montanha

    di Presentato alla Settimana della Critica di Venezia 2015, l’opera prima Montanha è un coming of age dal ritmo genuinamente indolente, spesso immerso nella penombra, affidato a dei volti che riescono a farsi paesaggio culturale dell’adolescenza.
  • Venezia 2015

    The-ReturnThe Return

    di Nel concorso della Settimana della Critica è stato presentato anche il film del regista singaporegno Green Zeng, un viaggio mesto nella Singapore degli ultimi decenni, tempio dell'economia mondiale e della repressione anticomunista.
  • In Sala

    Banat (Il viaggio)

    di Anche se cede a momenti di silente rarefazione figli di un’autorialità ancora acerba, Banat (Il viaggio) racconta senza mezzi termini le difficoltà professionali ed esistenziali di due trentenni di oggi. Alla SIC 2015.
  • Venezia 2015

    MotherlandMotherland

    di Nuove riletture di neorealismo mediorientale all'insegna dell'inquietudine, del mistero e del dramma espressionista. Oscure e melmose profondità in un rapporto madre-figlia: Motherland è l'opera prima della turca Senem Tüzen. Alla Settimana Internazionale della Critica.
  • Venezia 2015

    The-Black-HenThe Black Hen

    di Primo film nepalese nella storia del Festival di Venezia, The Black Hen è un racconto di formazione che cerca di unire la vicenda di due giovani protagonisti con quella del proprio Paese, non sempre riuscendoci. Presentato alla Settimana della Critica.
  • Venezia 2015

    the-familyThe Family

    di Il quarantunenne Liu Shumin realizza con The Family una minimalista epopea familiare, feroce e intima. Ottima pre-apertura della 30esima edizione della Settimana Internazionale della Critica.
  • In sala

    TannaTanna

    di , Il primo film della storia parlato in lingua bislama è un melò che si rifà alle basi della letteratura occidentale (Giulietta e Romeo) per arrivare a mostrare la vita quotidiana delle tribù che popolano Tanna, un’isola dell’arcipelago Vanuatu.
  • Venezia 2015

    Bagnoli-JungleBagnoli Jungle

    di È un’umanità frenetica e nichilista, tenera e carnale quella raccontata in Bagnoli Jungle da Antonio Capuano che, vincitore nel 1991 con Vito e gli altri, torna fuori concorso alla Settimana della Critica per il trentennale della sezione.
  • Festival

    mostra-del-cinema-di-venezia-2015Venezia 2015

    La Mostra del Cinema di Venezia 2015, dalla preapertura in omaggio a Orson Welles alla cerimonia di premiazione di sabato 12 settembre: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori... fino al Leone d'oro.
  • Venezia 2015

    liu-shumin-intervistaIntervista a Liu Shumin

    Abbiamo incontrato al Lido l'esordiente regista di The Family, film che ha aperto fuori concorso la trentesima edizione della Settimana Internazionale della Critica, per parlare di piano sequenza, 35mm e cinema cinese contemporaneo...
  • Venezia 2015

    Intervista a Bahadur Bham Min

    Primo film nepalese presentato alla Mostra di Venezia, The Black Hen rievoca gli anni della guerra civile tra maoisti e regime scoppiata nel Paese tra il 1996 e il 2006. Abbiamo intervistato il regista Bahadur Bham Min per parlare del film e della situazione del cinema nepalese. Alla Settimana Internazionale della Critica.
  • Classici

    Vito e gli altri

    di Antonio Capuano esordiva nel 1991 con Vito e gli altri: disturbante, violento, episodico e quasi sperimentale. Un film che vinceva quell'edizione della Settimana della Critica a Venezia e dava il via alla stagione della New Wave napoletana.
  • Venezia 2015

    Tanna vince la Settimana Internazionale della Critica

    Va al film di Vanuatu diretto da Martin Butler e Bentley Dean la Settimana Internazionale della Critica 2015. Un Romeo e Giulietta immerso negli splendidi paesaggi dell'oceano Pacifico.
  • Venezia 2015

    Intervista a João Salaviza

    Abbiamo incontrato a Venezia il giovane regista portoghese João Salaviza, già autore di cortometraggi premiati a Cannes e alla Berlinale, all’esordio al lungometraggio con Montanha, presentato alla 30a edizione della Settimana della Critica.
  • Venezia 2015

    Intervista a Francesco Di Pace

    Abbiamo intervistato Francesco Di Pace, che ha concluso con questa edizione l'impegno come Delegato Generale della Settimana Internazionale della Critica di Venezia. Un modo per fare il punto sulla selezione, sul festival e sul sistema-cinema italiano.
  • Festival

    settimana-della-critica-2015Settimana della Critica 2015

    La Settimana Internazionale della Critica, la più antica e prestigiosa tra le sezioni collaterali che animano i lavori della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, compie trent'anni...
  • Ca' Foscari Short

    Under the Sun

    di Il giovane regista cinese Qiu Yang mette in scena una guerra fra poveri, in una nazione sempre protesa verso il futuro e incapace di leggere il proprio presente.
  • Venezia 2016

    Settimana-della-Critica-2016-PresentazioneSettimana della Critica 2016 – Presentazione

    Dopo l'edizione del trentennale si riparte da Giona Nazzaro, nuovo delegato generale, e da un gruppo di esordi anarcoidi e furiosi. Il resoconto della presentazione della Settimana della Critica 2016, svoltasi come da tradizione a Roma.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento