Locarno 2015

Locarno 2015

Dal 5 al 15 agosto, Locarno 2015, la 68esima edizione del Festival per la terza volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Ancora una kermesse di grandissimo livello che porterà sul Lago Maggiore nomi del calibro di Andrzej Zulawski, Chantal Akerman, Marlen Khutsiev, Michael Cimino, Otar Iosseliani. E su tutti campeggia la retrospettiva integrale su Sam Peckinpah.

C’è un leopardo nascosto in tutti noi, in fondo, sotto la nostra pelle. Locarno 2015 si presta a tagliare i nastri della 68a edizione con questa rinnovata consapevolezza. I manifesti quest’anno infatti, in luogo del tradizionale pardo, il felino simbolo del festival, ritratto in varie pose, portano i ritratti degli ospiti dell’anno scorso con il volto reso maculato da una fotografia ad alta risoluzione togliendo il filtro degli ultravioletti. E tanti nuovi ospiti pardi arriveranno quest’anno sul territorio del festival elvetico, come nemmeno i neutrini della Gelmini potevano fare.

La terza edizione firmata da Carlo Chatrian partirà in pompa magna con il nuovo film di Jonathan Demme Ricki and the Flash, proiettato in Piazza Grande, che vedrà grande interprete Meryl Streep nel ruolo di una cantante. Un ritratto femminile che inaugura un festival dove il tema della donna sarà un filo conduttore. Tutto al femminile sarà anche il film presentato il giorno successivo in Piazza, La belle saison di Catherine Corsini che racconta di una storia d’amore lesbica sullo sfondo della Parigi anni Settanta. E, ancora, quello che si annuncia come il film lunghissimo di quest’anno, il giapponese Happy Hour del giovane filmmaker Ryusuke Hamaguchi, racconta delle confessioni di quattro amiche. Se l’anno scorso qualche sciocco giornalista scrisse, a proposito del Pardo d’oro 2014 a From What Is Before di Lav Diaz, “vince il film di cinque ore e mezza”, quest’anno si potrà dire… [continua a leggere]

Info
Il sito del Festival di Locarno 2015.
Il programma del Festival di Locarno 2015.

Articoli correlati

  • In Sala

    Genitori

    di Dopo i riconoscimenti per Tir, Alberto Fasulo torna al documentario puro con un'opera tanto rischiosa (per il tema, e il registro scelto per raccontarlo) quanto preziosa nella sua riuscita.
  • Locarno 2015

    Intervista a Ryusuke Hamaguchi

    Ryusuke Hamaguchi, classe 1978, ha portato a Locarno il suo terzo lungometraggio, Happy Hour, opera fiume sulla condizione femminile in Giappone, che ha ottenuto un buon successo nel palmarès. Si è infatti aggiudicato il Pardo per la migliore interpretazione femminile, in ex aequo alle quattro attrici protagoniste, e una menzione per la sceneggiatura. Abbiamo incontrato Ryusuke Hamaguchi al festival svizzero.
  • Locarno 2015

    Intervista-a-Georges-SchwizgebelIntervista a Georges Schwizgebel

    Autore di ventuno cortometraggi d’animazione, dal 1971 a oggi, lo svizzero-francese Georges Schwizgebel è fautore di una tecnica originale, artigianale, che consiste nel dipingere a mano ogni fotogramma. Lo abbiamo intervistato a Locarno, dove ha presentato il suo nuovo film, Erlkönig.
  • Locarno 2015

    Intervista ad Anurag Kashyap

    A Locarno abbiamo intervistato Anurag Kashyap, che in Svizzera presentava il suo ultimo film, Bombay Velvet. Un'occasione per parlare di cinema, di Bollywood, di Bombay e... di Thelma Schoonmaker.
  • Locarno 2015

    Intervista a Walter Murch

    Cosa hanno in comune film così lontani tra loro come Apocalypse Now, Ghost, Il paziente inglese e la versione restaurata di L'infernale Quinlan? Semplice: il montaggio curato da un signore che si chiama Walter Murch. Lo abbiamo incontrato al Festival di Locarno.
  • Locarno 2015

    Intervista-a-Otar-IosselianiIntervista a Otar Iosseliani

    Otar Iosseliani, il “chantrapas”, secondo un termine mutuato da una sua precedente opera, ma anche l’escluso, ovvero l’artista che ha subito l’ostracismo in patria ed è stato costretto a migrare per altri lidi. A Locarno ha presentato il suo nuovo film, Chant d'hiver. L'abbiamo incontrato per parlare del suo cinema e della sua visione del mondo.
  • Locarno 2015

    intervista-a-hong-sangsooIntervista a Hong Sangsoo

    "L’intenzione per me è sempre qualcosa di non interessante. Se dovessi lavorare seguendo le intenzioni non lavorerei, è noioso. Ho bisogno che qualcosa di nuovo e inaspettato mi succeda ogni giorno, per sentirmi vivo e per voler lavorare." Hong Sangsoo, vincitore del Festival di Locarno con Right Now, Wrong Then, ci spiega i segreti della sua prassi registica.
  • Locarno 2015

    Kaili Blues

    di Capita di scoprire, tra le pieghe di sezioni secondarie di grandi festival, dei veri e propri gioielli. È il caso di Kaili Blues, presentato a Locarno nella sezione Cineasti del presente, in cui si è aggiudicato il Premio per il miglior regista emergente, bissato anche da una menzione speciale della giuria trasversale First Feature.
  • Locarno 2015

    Amnesia

    di Il regista francese Barbet Schroeder, con la sua ultima fatica, porta in Piazza Grande a Locarno un dramma intimo e sincero sulla memoria, sull'intima vergogna e sulla complessità della Storia, lucida riflessione sulle implicazioni psicologiche derivate dal nazionalsocialismo. Impreziosito da un magistrale cameo di Bruno Ganz.
  • Locarno 2015

    The Sky Trembles and the Earth Is Afraid and the Two Eyes Are Not Brothers

    di Presentato a Locarno , l’ultimo lavoro del cineasta sperimentale inglese Ben Rivers, un’opera in cui incontra e dialoga con la poetica dello scrittore Paul Bowles. Nei paesaggi maestosi del deserto del Marocco si confrontano le diverse concezioni con cui l’uomo bianco guarda i popoli non industrializzati: il mito del buon selvaggio e la crudeltà dei semplici.
  • Locarno 2015

    Tikkun

    di Presentato a Locarno in concorso, è un film israeliano ambientato nel mondo dei religiosi ultraortodossi. Con uno stile di ricerca, in bianco e nero sporco, il regista Avishai Sivan esplora questo ambiente, con le sue contraddizioni, seguendo la storia di un ragazzo esemplare e la sua deriva.
  • Locarno 2015

    Right Now, Wrong Then

    di Pardo d'Oro a Locarno, Right Now, Wrong Then è il nuovo film di Hong Sangsoo, abituato a sfornare opere almeno due volte l’anno. Ancora un protagonista che viene dal mondo del cinema, ancora tanti cliché cui l’autore sudcoreano ci ha abituato… E stavolta il minimalismo e la leggerezza di Hong sfiorano il sublime.
  • Locarno 2015

    Happy-HourHappy Hour

    di Presentato a Locarno in concorso, Happy Hour è un film di oltre cinque ore, opera del giovane regista Ryūsuke Hamaguchi. Incentrato su quattro figure femminili, quattro amiche, alle prese con uomini prepotenti e dispotici. Un film sulla donna, sulla condizione femminile debole, anche in un paese moderno come il Giappone.
  • Locarno 2015

    Chevalier

    di Nuovo lavoro di Athina Rachel Tsangari in concorso a Locarno, Chevalier è una flebile metafora della situazione ellenica che segue la rotta del pulpito e del giudizio, tentando di legittimare e anzi esaltando tutti i limiti etici di una cinematografia troppo spesso ammiccante, spocchiosa e sterile.
  • In sala

    Florida

    di Tratto da un testo teatrale di Florian Zeller, Florida è una commedia che riflette sull’amarezza della senilità. Incentrato su un superlativo Jean Rochefort, il film, presentato in Piazza Grande a Locarno, funziona con una solida sceneggiatura a incastro.
  • Locarno 2015

    Bombay Velvet

    di Presentato in Piazza Grande a Locarno, Bombay Velvet è il risultato dell’incontro tra il regista indiano Anurag Kashyap, che si è fatto conoscere nei festival per Gangs of Wasseypur e Ugly, con la grande montatrice Thelma Schoonmaker. Le aspettative non sono per nulla deluse.
  • Locarno 2015

    No Home Movie

    di Presentato a Locarno in concorso l’ultimo lavoro di Chantal Akerman, che arriva al grado zero della grammatica cinematografica, utilizzando i dialoghi via skype della regista con la propria madre che è da poco mancata. Un modo per esorcizzare la morte e il lutto che si rivela in definitiva sterile.
  • Locarno 2015

    Schneider-vs-BaxSchneider vs. Bax

    di Il nuovo film dell'olandese Alex van Warmerdam in concorso a Locarno 2015, è una dark comedy su predatori, prede e il gioco perverso di un oscuro burattinaio, ma si adagia ben presto sui binari dei cliché e della prevedibilità.
  • In Sala

    Bella-e-perdutaBella e perduta

    di Presentata in concorso al 68° Festival di Locarno, Bella e perduta di Pietro Marcello è una favola e un’opera di impegno civile allo stesso tempo, che ha come protagonisti la maschera di Pulcinella, un bufalo e un pastore realmente esistito ma non per questo meno fiabesco.
  • Locarno 2015

    Chant d’hiver

    di L’ultima fatica del grande cineasta georgiano naturalizzato francese Otar Iosseliani, presentata in concorso al 68° Festival di Locarno. Chant d'hiver è un’opera di grande lievità e dal gusto spiccatamente grottesco cui il regista ci ha abituati.
  • Locarno 2015

    Dark in the White Light

    di Opera quarta di Vimukthi Jayasundara, Dark in the White Light è un viaggio all'interno della morte e della perdizione, un oggetto multiforme e quasi impenetrabile, che cede però a soluzioni ora già viste e collaudate, ora esagerate e smaccatamente provocatorie.
  • Locarno 2015

    Cosmos

    di Tra i film più attesi dell’anno, la nuova opera di Andrzej Zulawski dopo quindici anni di assenza dalle scene: Cosmos è un’opera complessa che si traduce in un surreale teatro dell’assurdo. Miglior regia a Locarno 2015 ed evento speciale al Trieste Film Festival 2016.
  • In sala

    L’infinita fabbrica del Duomo

    di , I sei secoli di storia del Duomo di Milano come occasione per riflettere sull'essere umano, la finitezza, l'infinito e l'immortalità. D'Anolfi e Parenti presentano con L'infinita fabbrica del Duomo una nuova riflessione filosofica per immagini.
  • Locarno 2015

    Brother Dejan

    di Fra interminabili silenzi introspettivi e vive fiammelle di inaspettata umanità, l'opera terza del georgiano Bakur Bakuradze si interroga sulla senilità, sulla solitudine e sulla gracilità del confine fra vittima e carnefice. In concorso a Locarno 2015.
  • Locarno 2015

    La belle saison

    di Presentato in Piazza Grande a Locarno, La belle saison è l’ultimo lavoro di Catherine Corsini. Un racconto d’estate, un racconto di omosessualità femminile tra la Parigi del post-maggio e la campagna francese, un racconto femminile e femminista.
  • In Sala

    Dove eravamo rimasti

    di Il nuovo film di Jonathan Demme, Dove eravamo rimasti (Ricki and the Flash), un ritratto dell’America profonda, che ruota attorno a una grande Meryl Streep che incarna una mamma che suona l’hard rock. Buona confezione, grandi interpreti ma nulla di più.
  • Festival

    locarno-2015Locarno 2015 – Presentazione

    Dal 5 al 15 agosto si terrà la 68esima edizione del Festival di Locarno, per la terza volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Ancora una kermesse di grandissimo livello che porterà sul Lago Maggiore nomi del calibro di Andrzej Zulawski, Chantal Akerman, Marlen Khutsiev, Michael Cimino, Otar Iosseliani.
  • Torino 2015

    Keeper

    di Vincitore del Torino Film Festival 2015, Keeper di Guillaume Senez è un teen-drama interessante, che sceglie però con troppa continuità la via più facile e, a tratti, ricattatoria.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento