Sul ritrovamento del Mercante di Venezia di Welles

Sul ritrovamento del Mercante di Venezia di Welles

Dopo Too Much Johnson, l’associazione friulana Cinemazero ha annunciato il ritrovamento di un altro dei misteriosi incompiuti di Welles, Il mercante di Venezia, risalente al 1969. Il film verrà proiettato al Lido il primo settembre, in prima mondiale.

I misteri intorno all’opera incompiuta di Welles continuano ad essere ben lungi dal diradarsi. Almeno però, rispetto a pochi anni fa, qualcosa di questo materiale sta venendo pian piano alla luce. Dopo l’importantissima scoperta del Too Much Johnson, Cinemazero ha ritrovato nei suoi archivi anche buona parte del materiale del Mercante di Venezia, un mediometraggio che Welles concepì tra il 1968 e il 1969 quale episodio di uno special televisivo per la televisione americana CBS, intitolato Orson’s Bag. Uno special che prevedeva episodi ambientati a Vienna, a Londra e in altre città europee.
Finora, della versione wellesiana del Mercante di Venezia si erano visti in occasioni pubbliche – per esempio nel 2005 al Festival di Locarno – solo pochi minuti, depositati al Munich Film Museum. E, oltre ad ammirare in questi frammenti Welles nei panni di Shylock, era comunque tecnicamente impossibile potersi fare un’idea precisa del progetto.
Ma ora, grazie al ritrovamento nell’archivio di Cinemazero, si potranno vedere 30 minuti su un totale di 40 (durata complessiva che viene indicata nell’appendice del volume Io, Orson Welles, a cura di Jonathan Rosenbaum) e dunque si potrà – e si dovrà – contestualizzare meglio la portata di questo mediometraggio all’interno della filmografia di Welles. Siamo infatti convinti che l’importanza del Mercante non sia da sottovalutare, anche perché si tratta tecnicamente dell’ultimo – quantomeno in ordine cronologico – adattamento shakespeariano dell’autore di Quarto potere, dopo il Macbeth, l’Othello e il Falstaff.

Dunque, in accordo con la Cineteca del Friuli, Cinemazero – insieme al Munich Film Museum e con la collaborazione della Cineteca di Bologna e della Cinémathèque Française (nei cui archivi sono stati ritrovati altri frammenti del film) – ha promosso il restauro della pellicola, che verrà proiettata in prima mondiale alla 72esima edizione del Festival di Venezia. E, del resto, quale miglior occasione e location per vedere per la prima volta questo materiale?
Eppure, anche se concepito, dopo l’Othello (di cui, sempre al Lido, verrà proiettata per la prima volta la versione originale italiana) come un nuovo omaggio a Venezia, il Mercante è un episodio del tutto eccentrico all’interno dello special della CBS. Negli altri episodi, infatti, Welles è in scena soprattutto nei panni di se stesso e parla in macchina con l’obiettivo di illustrare e spiegare al pubblico caratteristiche, vizi e virtù di ogni singola città che si trovava a visitare. È costruito così, ad esempio, l’episodio Spying in Vienna.
La stessa cosa invece non succede ne Il Mercante di Venezia, in cui prevale nettamente l’aspetto fictionale rispetto a quello documentaristico e/o di “inchiesta” televisiva. Tuttavia, in base a quanto ci ha raccontato Mauro Bonanni che, oltre al Don Chisciotte, montò anche delle parti di questo special per la CBS, Welles nelle primissime inquadrature del film entrerebbe in scena nei suoi panni, per poi trasformarsi in Shylock davanti ai nostri occhi. Sembra infatti – sempre stando alle parole di Bonanni – che, proprio all’inizio del Mercante, Welles arrivi in un calle veneziano in cui è allestito una specie di camerino improvvisato all’aperto e che qui indossi la maschera di Shylock, mentre ci parla dell’importanza di questo personaggio e delle sue caratteristiche all’interno dell’opera shakespeariana. Da quel momento in poi si dovrebbe quindi entrare nella finzione, con l’usurario ebreo Shylock che pretende la libbra di carne del mercante Antonio e che, nel frattempo, si lascia ingannare da sua figlia Jessica.

Detto questo, trattandosi pur sempre di un mediometraggio, è assolutamente certo che Welles abbia drasticamente tagliato alcune parti dell’opera teatrale originale. Sembra in particolare che sia stato eliminato il personaggio di Porzia e che con lei siano spariti tutti i momenti da commedia degli equivoci. Non sappiamo se una siffatta rivisitazione del testo sia stata operata da Welles per necessità o per scelta (stando a quanto riportato su Wikipedia inglese sembra ad esempio che Oja Kodar non se la fosse sentita di indossare i panni di Porzia, perché all’epoca non conosceva abbastanza bene la lingua del Bardo), fatto sta che in questo modo il Mercante di Venezia wellesiano – anche in base ai pochi minuti visti in passato grazie al Munich Film Museum – dovrebbe essersi trasformato radicalmente, passando così dallo status di commedia, come concepita da Shakespeare, a quello di tragedia, al cui centro c’è proprio Shylock. Un’operazione che, forse, potrebbe non discostarsi troppo da quella che Welles aveva fatto in precedenza al cospetto del personaggio di Falstaff, diventato il protagonista del film omonimo.
Ma tutto questo lo verificheremo alla prossima edizione del Festival di Venezia, alla pre-apertura quando, il primo settembre Il mercante di Venezia verrà proiettato, prima dell’Othello.

Vai allo Speciale Orson Welles.

Info
Il comunicato a proposito del Mercante di Venezia sul sito della Biennale

Articoli correlati

  • Interviste

    Intervista a Jonathan Rosenbaum

    Jonathan Rosenbaum è tra i più importanti studiosi del cinema di Orson Welles, curatore della versione integrale de L’infernale Quinlan e del libro-intervista di Bogdanovich. Lo abbiamo incontrato alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato per parlare con lui di Don Chisciotte, di The Other Side of the Wind e delle altre questioni irrisolte intorno all’opera di Welles.
  • Saggi

    Don Chisciotte, l’enigma

    di Proiettata lo scorso 29 giugno a Parigi, alla Cinémathèque, la "copia lavoro" del Don Chisciotte: un'occasione imperdibile per visionare uno dei capolavori incompiuti di Orson Welles, la cui ultima proiezione pubblica risaliva al Festival di Cannes del 1986.
  • Interviste

    mauro-bonanniIntervista a Mauro Bonanni

    Tra gli incompiuti di Welles il Don Chisciotte è il suo progetto più personale e anche quello che, per una serie di questioni irrisolte, rischia seriamente di finire nell’oblio. Ne abbiamo parlato con Mauro Bonanni, che ha lavorato al montaggio del film dall’aprile del 1969 al marzo del ’70. Questa intervista è dedicata a Ciro Giorgini.
  • Rassegne

    Welles alla Cinémathèque

    Un altro corposo omaggio, oltre a quello di Monaco, è previsto quest'anno per il centenario della nascita di Welles: dal 17 giugno al 2 agosto la Cinémathèque française mette in cartellone tutti i suoi film, inclusa una selezione di quelli in cui ha recitato. Ma l'evento fondamentale sarà la proiezione della copia-lavoro del Don Chisciotte, che non viene più mostrata dal 1986.
  • Cannes 2015

    This is Orson Welles

    di , Welles come l’abbiamo sempre visto. Il secondo documentario dedicato all’autore di Quarto potere presentato a Cannes Classics, This is Orson Welles, ripropone i temi tipici (dallo scandalo di La guerra dei mondi al trasferimento in Europa) senza aggiungere nulla di nuovo.
  • Cannes 2015

    Orson Welles, autopsie d’une légende

    di Per il centenario della nascita di Welles, Cannes Classics dedica una serie di omaggi all'autore di Quarto potere. Si è cominciato con il documentario francese, Orson Welles, autospie d'une légende, in cui si ripropongono stancamente i cliché che hanno attraversato tutta la sua carriera.
  • Rassegne

    Too Much Ciro

    Si terrà a Roma, dal tre all'otto maggio, un omaggio a Ciro Giorgini e alle sue passioni cinematografiche, da Welles a John Ford. In programma anche la proiezione di Too Much Johnson.
  • Notizie

    Addio Ciro

    Il nostro ricordo di Ciro Giorgini, scomparso il 6 aprile. Autore di Fuori orario, massimo esperto del cinema di Orson Welles.
  • Rassegne

    Welles a Monaco nel centenario della nascita

    A cento anni dalla nascita di Orson Welles (e a trenta dalla morte), il Munich Film Musem dedica una retrospettiva completa al cineasta americano, mettendo in cartellone anche i suoi film incompiuti, da The Deep a The Other Side of the Wind. Dal sette luglio al due agosto a a Monaco, un mese con Orson Welles.
  • News

    Un premio per Too Much Johnson

    L'Associazione dei Critici Cinematografici statunitensi premia l'Associazione Cinemazero e la Cineteca del Friuli per il ritrovamento di Too Much Johnson, pellicola di Orson Welles a lungo ritenuta perduta.
  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini – parte terza

    Come salvare dall'oblio il Don Chisciotte di Orson Welles? Ne abbiamo parlato con Ciro Giorgini nella terza parte dell'intervista che ci ha concesso.
  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini – parte seconda

    Percorsi e diatribe intorno alla "magnifica ossessione" wellesiana: la seconda parte dell'intervista a Ciro Giorgini, incentrata sulle versioni multiple di Mr. Arkadin e sull'esperienza di Fuori orario.
  • Interviste

    Intervista a Ciro Giorgini

    Tra gli autori di Fuori Orario, Ciro Giorgini è anche uno dei massimi esperti del cinema di Welles. Lo abbiamo incontrato per parlare con lui di tutte le questioni ancora aperte intorno al cinema wellesiano...
  • Classici & Cult

    Too Much Johnson RecensioneToo Much Johnson

    di Operazione manierista ante litteram: è il film del '38 di Welles, Too Much Johnson, dato per perso e ritrovato da Le Giornate del Cinema Muto. Sessantasei minuti di slapstick comedy che rifanno il verso alle comiche anni '20.
  • Interviste

    Intervista a Piero Colussi

    La storia del fortunoso ritrovamento di "Too Much Johnson" raccontata da Piero Colussi che si è ritrovato la copia del film nel magazzino di Cinemazero, associazione co-organizzatrice delle Giornate del Cinema Muto...
  • Interviste

    Intervista a Paolo Cherchi Usai

    Tra bobine deteriorate e solventi chimici, il percorso che ha portato Too Much Johnson di Orson Welles sul grande schermo alle 32/esime Giornate del Cinema Muto di Pordenone. Ce lo ha raccontato, in un’intervista, Paolo Cherchi Usai, promotore del restauro della pellicola.
  • Libri

    A pranzo con Orson

    Pubblicato nel 2013 negli USA, è uscito nei mesi scorsi anche in Italia A pranzo con Orson, volume di conversazioni tra Welles ed Henry Jaglom, da cui traspare con ogni evidenza il sentore del tradimento nei confronti dell'autore di Quarto potere.
  • Locarno 2015

    Intervista a Walter Murch

    Cosa hanno in comune film così lontani tra loro come Apocalypse Now, Ghost, Il paziente inglese e la versione restaurata di L'infernale Quinlan? Semplice: il montaggio curato da un signore che si chiama Walter Murch. Lo abbiamo incontrato al Festival di Locarno.
  • Festival

    Venezia 2015Venezia 2015

    La Mostra del Cinema di Venezia 2015, dalla preapertura in omaggio a Orson Welles alla cerimonia di premiazione di sabato 12 settembre: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori... fino al Leone d'oro.
  • Venezia 2015

    Il mercante di Venezia: un altro restauro è possibile?

    di Forse non si poteva fare di meglio, ma sicuramente si poteva fare di meno: il restauro del Mercante di Venezia presentato al Lido non lo si può definire un perfetto esempio di operazione filologica, pieno com'è di elementi aggiuntivi ed estranei al film stesso. Lo si potrà vedere in futuro senza alcun orpello?
  • Venezia 2015

    Aleksandr Nevskij

    di Tra i restauri digitali di Venezia Classici c'è anche il capolavoro di Sergej Ejzenstejn, che ritorna a vivere sul grande schermo grazie alla Mosfil'm; l'occasione per godere di una delle visioni indispensabili della storia del cinema.
  • In sala

    Il mago – L’incredibile vita di Orson Welles

    di Tra i tanti film recenti dedicati a Welles, Il mago - L'incredibile vita di Orson Welles è il più completo e documentato, anche se rischia di apparire una sorta di bignami con troppe informazioni. In sala per due giorni.
  • Bologna 2016

    Intervista a Esteve Riambau

    Ha dedicato a Orson Welles un documentario, uno spettacolo teatrale e quattro libri. Esteve Riambau, direttore della Filmoteca della Catalogna, è uno dei più importanti studiosi del cineasta americano. Lo abbiamo incontrato nel corso della trentesima edizione del Cinema Ritrovato.
  • Dvd

    Falstaff RecensioneFalstaff

    di Spesso ammaliato dalla sfida con il materiale shakespeariano, mai vissuta in maniera prona, Welles trova nel personaggio di John Falstaff una figura a lui singolarmente congeniale. In dvd con Sinister e CG.
  • Torino 2017

    Riccardo va all’inferno

    di Riccardo va all'inferno è la rilettura in salsa borgatara (il supposto regno è quello del 'Tiburtino Terzo') del Riccardo III di Shakespeare; tra musical e grottesco iperreale Roberta Torre firma un'opera non priva di ambizioni e di fascino, ma troppo sbrindellata sotto il profilo narrativo.
  • News

    Un archivio Welles a TorinoUn archivio Welles a Torino

    Da più di vent’anni nella biblioteca del Museo Nazionale del Cinema di Torino è sepolto un amplissimo archivio cartaceo appartenuto a Orson Welles. Un ennesimo pezzo del complicato puzzle wellesiano che sarebbe necessario studiare e che finora non ha ricevuto sufficiente attenzione.
  • Venezia 2020

    HOPPER/WELLES RecensioneHOPPER/WELLES

    di HOPPER/WELLES è una preziosa conversazione tra due registi che si trasforma progressivamente in uno smascheramento da parte di Welles delle ipocrisie e delle contraddizioni della generazione della New Hollywood. Fuori concorso a Venezia 77.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento