Bombay Velvet

Bombay Velvet

di

Presentato in Piazza Grande a Locarno, Bombay Velvet è il risultato dell’incontro tra il regista indiano Anurag Kashyap, che si è fatto conoscere nei festival per Gangs of Wasseypur e Ugly, con la grande montatrice Thelma Schoonmaker. Le aspettative non sono per nulla deluse.

Bollywood o morte!

La storia di un uomo che, contro ogni aspettativa, forgia il suo destino per diventare un «pezzo grosso». Il mondo dei jazz club, una storia d’amore appassionata, una metropoli in crescita e una gran voglia di vivere la bella vita. Benvenuti nella Città dei sogni. Benvenuti a Bombay Velvet. [sinossi]

Come in Gangs of Wasseypur, in questo film la storia inizia a ridosso di un anno fatidico, il 1947, che segna l’indipendenza della Repubblica d’India, la liberazione della nazione dal giogo coloniale. La storia moderna del paese comincia da lì e ancora Anurag Kashyap ci torna, dopo il precedente film che funzionava come una sorta di Heimat bollywoodiana di genere gangsteristico, la storia di un paese vista attraverso le storie di clan famigliari in conflitto nella perenne ricerca di una vendetta. Ma ora il regista, nel suo affresco storico, rivela una sacca ancora in mano europea, Goa che rimarrà una colonia portoghese fino al 1961. La ricostruzione, sontuosa, dei differenti contesti storici è percorsa da un conflitto anche estetico tra la società indiana e quella cattolica dell’enclave portoghese. E il finale, con i tanti babbi Natale e gli alberi di Natale che pervadono le strade e le piazze indiane, suona come il monito per un colonialismo culturale che persiste.

La storia per Anurag Kashyap è anche, e ancora come in Gangs of Wasseypur, una storia urbanistica. Quella della trasformazione in grande metropoli di Bombay – chiamata sempre così con il suo nome occidentale in un film che racconta i parallelismi e analogie con vicende occidentali –, la trasformazione del suo assetto fino ad arrivare allo skyline attuale. Una trasformazione che è stata plasmata dalle mani sulla città, da interessi malavitosi e dalla corruzione politica. Il richiamo cinematografico evidente, nell’ultima scena che documenta i palazzoni attuali della città, è quello con la Las Vegas di Casinò. E la presenza feticcio di Martin Scorsese è incarnata nel montaggio di Bombay Velvet curato nientemeno che da Thelma Schoonmaker, la montatrice musa del grande cineasta.
Bombay Velvet è in tutto e per tutto un film che ricrea gli schemi e le atmosfere del noir americano classico, configurandosi come un’operazione di omaggio a quel glorioso cinema, come lo sono stati per esempio Black Dahlia o Chinatown – ancora un film legato a una città e a un suo quartiere – e alla corruzione dei piani alti della municipalità. Il cinema di gangster classico è espressamente richiamato da un film che si vede con protagonista James Cagney, I ruggenti anni venti, mentre più avanti si vedrà un quadretto a un muro con la foto di Clark Gable. E Bombay Velvet è la ricostruzione estetizzante di un mondo dai colori seppia, corrispettivo in India del vintage di una Chicago, o una Los Angeles, anni venti. Grandi locali di music-hall, lustrini e pailettes, con un pubblico elegante che arriva su sontuosi macchinoni, con cantanti elegantissime che si esibiscono con microfoni con asta d’epoca. Il titolo stesso del film prende il nome dal locale Bombay Velvet, punto di snodo delle vicende narrate. I momenti musicali fanno convergere le istanze del film con quelle di Bollywood, ma Kashyap mantiene le canzoni, così come i pochi momenti di ballo, su un piano diegetico. Le esibizioni sono quelle dei personaggi del film.

Sempre come ingrediente del cinema americano classico, è la presenza del giornalismo, il quarto potere, che ha un ruolo di rilievo nella vicenda. Caporedattori in bretelle, le prime pagine di un quotidiano, il Torrent, spesso esibite così come le rotative (lungo sarebbe l’elenco dei modelli). E ancora da quel genere classico deriva un mondo sordido, cinico dove i personaggi sono impegnati in una lotta per la sopravvivenza. Dove nessuno, o quasi, si salva. Vedi in questo senso la scena del ragazzo che rimane impassibile mentre sente i colpi di arma da fuoco con cui viene ucciso il sindacalista. Un mondo di intrighi, di vicende contorte, di rampantismo malavitoso, di donne che vissero due volte.
L’impronta al montaggio di Thelma Schoonmaker è esibita. Fa palpitare il film con un ritmo mozzafiato, con momenti ipercinetici. E costruisce l’incipit narrativo con l’accumularsi di tantissime microstorie, presentazioni di personaggi, scene veloci e tra loro scollegate i cui fili narrativi si rivelano solo al dipanarsi graduale della storia.
Bombay Velvet, presentato in Piazza Grande a Locarno, è l’ulteriore conferma di una New Bollywood, di un fermento, di autori innovativi, che pervade il cinema indiano, che si è ormai scrollata dagli schemi naïf di una volta.

Info
Il trailer di Bombay Velvet.
  • bombay-velvet-2015-anurag-kashyap-india-locarno-01.jpg
  • bombay-velvet-2015-anurag-kashyap-india-locarno-02.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    locarno-2015Locarno 2015

    Dal 5 al 15 agosto, la 68esima edizione del Locarno Film Festival, per la terza volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Ancora una kermesse di grandissimo livello che porterà sul Lago Maggiore nomi del calibro di Andrzej Zulawski, Chantal Akerman, Marlen Khutsiev, Michael Cimino, Otar Iosseliani...
  • Festival

    locarno-2015Locarno 2015 – Presentazione

    Dal 5 al 15 agosto si terrà la 68esima edizione del Festival di Locarno, per la terza volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Ancora una kermesse di grandissimo livello che porterà sul Lago Maggiore nomi del calibro di Andrzej Zulawski, Chantal Akerman, Marlen Khutsiev, Michael Cimino, Otar Iosseliani.
  • Venezia 2014

    Venezia 2014 – Minuto per minuto

    La terza edizione del Barbera-bis: annotazioni sparse sui film, sulle ovazioni e i fischi, sulle tendenze, le voci, le piccole e grandi polemiche...
  • Archivio

    The Wolf of Wall Street RecensioneThe Wolf of Wall Street

    di The Wolf of Wall Street segna la quinta collaborazione tra Martin Scorsese e Leonardo Di Caprio. Una pellicola delirante e afrodisiaca, amara ed esilarante, ricolma di allettanti controindicazioni.
  • AltreVisioni

    Ugly

    di Rahul e Shalini, i genitori di Kali, 10 anni, sono divorziati. Un sabato, giorno che Kali deve passare con suo padre, la piccola scompare… Il teso thriller di Anurag Kashyap.
  • AltreVisioni

    raavanRaavan

    di Squilibrato ma irresisitibile, Raavan meriterebbe una degna distribuzione italiana: nonostante l’inevitabile compressione narrativa, la storia d’amore è intensa e coinvolgente, sostenuta dagli ottimi Aishwarya Rai e Abhishek Bachchan, mentre la parte action regala uno spettacolare duello su un ponte sospeso.
  • Locarno 2015

    Intervista ad Anurag Kashyap

    A Locarno abbiamo intervistato Anurag Kashyap, che in Svizzera presentava il suo ultimo film, Bombay Velvet. Un'occasione per parlare di cinema, di Bollywood, di Bombay e... di Thelma Schoonmaker.
  • Cannes 2016

    Psycho Raman

    di Anurag Kashyap torna sulla Croisette per approfondire ulteriormente il discorso sul peccato e il crimine nella società indiana, dove tutto è meticciato e bene e male si specchiano l'uno nell'altro.
  • Venezia 2018

    Tumbbad RecensioneTumbbad

    di , Sorprendente opera prima che si muove nel terreno del fantastico e dell'orrore per narrare la tensione antisociale di un'intera nazione (e del mondo intero) Tumbbad apre le danze della trentatreesima edizione della Settimana della Critica a Venezia.
  • AltreVisioni

    The Land of Cards RecensioneThe Land of Cards

    di Q pone la firma in calce a un’opera orgogliosamente post-punk. Spiazzante ed esaltante allo stesso tempo, The Land of Cards rammenta a coloro che ne avessero smarrito la memoria quanto il cinema possa essere rivoluzionario nell’utilizzo stesso delle tecniche e degli stili.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento