Right Now, Wrong Then

Right Now, Wrong Then

di

Pardo d’Oro a Locarno, Right Now, Wrong Then è il nuovo film di Hong Sangsoo, abituato a sfornare opere almeno due volte l’anno. E stavolta due film in uno. Ancora un protagonista che viene dal mondo del cinema, ancora tanti cliché cui l’autore sudcoreano ci ha abituato, e in film in due parti che raccontano la stessa storia con qualche variazione. Il minimalismo e la leggerezza di Hong Sangsoo sfiorano il sublime.

La mia notte con Heejung

Il regista Ham Chunsu si trova a Suwon per una proiezione con dibattito che dovrà tenere l’indomani. Visitando un antico palazzo conosce una pittrice, Yoon Heejung, che gli mostra i suoi dipinti. Dopo aver visitato l’atelier della ragazza, vanno a mangiare sushi e a bere soju, per poi trascorrere la serata in compagnia di amiche di lei. Nella seconda parte del film, una storia simile di incontro e separazione, stessi protagonisti, stesse situazioni con qualche variante. [sinossi]

Il cinema di Hong Sangsoo scivola da tempo inesorabilmente verso la rarefazione e il minimalismo. Nella reiterazione ossessiva e affannosa – il regista è capace di realizzare due film all’anno e di portarli ai grandi festival internazionali – di storie tra loro molto simili, legate tra loro da simmetrie con variazioni, che vedono protagonisti personaggi del mondo del cinema, registi, attori, critici, che contemplano il rapporto tra i due sessi (La donna è il futuro dell’uomo recita il titolo di uno dei suoi primi film). Dove le storie si snodano tra lunghe chiacchierate ai tavoli di bar e ristoranti, bevendo e mangiando, con una grammatica cinematografica ridotta semplicemente a inquadrature fisse e zoom. Se poi, come già in The Day He Arrives, il film è fatto di parti quasi uguali, non possiamo che concepire la filmografia dell’autore come un unico macrotesto, di cui ogni singola opera rappresenta un tassello. “La routine è importante” sostiene proprio il protagonista Ham Chunsu.

Il film, che ha vinto il Pardo d’Oro alla 68esima edizione del Festival di Locarno, comincia come “Right Then, Wrong Now” ed è, come si diceva sopra, un ennesimo Stardust Memory narcisista del regista, invitato a tenere incontri che non ha molta voglia di fare, moderati da critici che non sopporta. La ragazza con cui esce, Yoon Heejung, dirà alla madre di aver conosciuto un regista di “film artistici”.
“Vedendo i tuoi film, ho realizzato che la vita non è poi così male”, gli dice invece un’altra ragazza, Yum Bora, che in realtà si vuole proporre come sua futura assistente.
La seconda parte del film è invece “Right Now Wrong Then”. Ancora il regista viene invitato dalla pittrice nel suo atelier, si ripete la scena in cui lei dà un tocco di pennello al quadro che sta dipingendo. Il colore stavolta però è verde, mentre nella prima scena arancione. Lei ancora lo rimira per capire come stia venendo, ancora una composizione astratta. I colori, le pennellate della vita possono cambiare, variare a seconda delle situazioni che si presentano, degli incontri che ci capitano, a seconda del caso, a seconda delle infinite possibilità di un gesto. Ci si può dichiarare o meno a una donna, e anche proporre subito il matrimonio, a seconda delle circostanze, di come sta andando la cena e la serata, di come questa reagisce, del carattere che manifesta, di quanto si è ubriachi.

La seconda parte di Right Now, Wrong Then sembra ripetere un copione, con le sue tappe, stanze, gli elementi demarcatori come la grande statua del Buddha. Ma le differenze sono tante. Yoon Heejung mostra un carattere un po’ diverso almeno all’inizio, più timida e remissiva. Manca la parte iniziale con Yum Bora, stavolta lui ha l’anello che prima aveva dimenticato, lui l’accompagna fino a casa ma lei non vuole che lo veda sua madre, che prima l’accoglieva da sola. La scena della serata con gli amici vede un numero di partecipanti più ridotto e si conclude con l’improvviso spogliarello del regista. Non si vede il Q&A e i due entreranno in sala a film già iniziato, sedendosi nelle ultime file con lei che prometterà di vedere tutti i suoi film.
“Gli eventi casuali accadono senza alcun motivo nelle nostre vite, ma noi ne selezioniamo alcuni per comporre una linea di pensiero: questo è quello che noi chiamiamo ragione” dice uno dei protagonisti di un film precedente dell’autore sudcoreano, The Day He Arrives. “Quel giorno, lunedì 21 dicembre, mi è venuta l’idea, improvvisa, precisa, definitiva, che Françoise sarebbe stata mia moglie” dice Jean Louis in La mia notte con Maude. Pensiero analogo provato da Ham Chunsu cenando a sushi con Yoon Heejung, mentre lei dice “Ci saremmo dovuti conoscere prima, eri anche più carino”. Ancora in un filo con la Nouvelle Vague, Hong Sangsoo costruisce, con Right Now, Wrong Then una storia imperniata su causalità e casualità, probabilità e scommessa pascaliana.

Info
La scheda di Right Now, Wrong Then sul sito del Festival di Locarno.
  • right-now-wrong-then-2015-hong-sang-soo001.jpg
  • right-now-wrong-then-2015-hong-sang-soo002.jpg
  • right-now-wrong-then-2015-hong-sang-soo003.jpg
  • right-now-wrong-then-2015-hong-sang-soo004.jpg
  • right-now-wrong-then-2015-hong-sang-soo005.jpg
  • right-now-wrong-then-2015-hong-sang-soo006.jpg
  • right-now-wrong-then-2015-hong-sang-soo007.jpg
  • right-now-wrong-then-2015-hong-sang-soo008.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    locarno-2015Locarno 2015

    Dal 5 al 15 agosto, la 68esima edizione del Locarno Film Festival, per la terza volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Ancora una kermesse di grandissimo livello che porterà sul Lago Maggiore nomi del calibro di Andrzej Zulawski, Chantal Akerman, Marlen Khutsiev, Michael Cimino, Otar Iosseliani...
  • Festival

    locarno-2015Locarno 2015 – Presentazione

    Dal 5 al 15 agosto si terrà la 68esima edizione del Festival di Locarno, per la terza volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Ancora una kermesse di grandissimo livello che porterà sul Lago Maggiore nomi del calibro di Andrzej Zulawski, Chantal Akerman, Marlen Khutsiev, Michael Cimino, Otar Iosseliani.
  • Venezia 2014

    Hill of Freedom

    di Presentato nella sezione Orizzonti di Venezia 71 il nuovo lavoro del sudcoreano Hong Sangsoo, un film di poco più di un’ora in cui il regista si riconferma massimo alfiere di un cinema leggero e delicato, in grado di restituire il tempo della vita con rinnovata grazia.
  • DVD

    In Another Country

    di In un dvd targato CGHV e Tucker Film il delizioso e inevitabile incontro tra Isabelle Huppert e il sudcoreano Hong Sangsoo, rohmeriano per scelta e per talento.
  • AltreVisioni

    Nobody’s Daughter Haewon

    di Haewon, una giovane studentessa, si sente abbandonata: la madre sta per emigrare in Canada e la storia clandestina col suo professore è destinata a finire... Presentato al Festival di Berlino 2013.
  • Archivio

    In Another Country

    di Tre donne, tutte chiamate Anne, visitano una dopo l'altra una piccola stazione balneare di Mohang e dormono nello stesso piccolo hotel sulla costa. Incontreranno, tra l'altro, sempre le stesse persone, tra le quali un bagnino che continua a camminare avanti e indietro...
  • Venezia 2010

    Oki’s Movie

    di A pochi mesi da Ha ha ha, presentato al Festival di Cannes, il cineasta sudcoreano Hong Sangsoo arriva a Venezia con un altro mirabile film, Oki's Movie, che è allo stesso tempo un perfetto saggio meta-cinematografico.
  • AltreVisioni

    The-Day-He-ArrivesThe Day He Arrives

    di Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con l’opera di Hong, ritroverà le coordinate necessarie per entrarvi in relazione già nei primi cinque minuti di The Day He Arrives: Sang-joon fa ritorno a Seoul e cammina per strada, dove incrocia un’aspirante attrice che ha lavorato con lui anni prima...
  • AltreVisioni

    Night and Day

    di Hong Sangsoo compie finalmente il passaggio definitivo e arriva ad ambientare un suo film a Parigi, nel cuore di quella Francia alla quale ha sempre di fatto guardato come a una patria artistica ideale...
  • Locarno 2015

    intervista-a-hong-sangsooIntervista a Hong Sangsoo

    "L’intenzione per me è sempre qualcosa di non interessante. Se dovessi lavorare seguendo le intenzioni non lavorerei, è noioso. Ho bisogno che qualcosa di nuovo e inaspettato mi succeda ogni giorno, per sentirmi vivo e per voler lavorare." Hong Sangsoo, vincitore del Festival di Locarno con Right Now, Wrong Then, ci spiega i segreti della sua prassi registica.
  • Festival

    Rotterdam-2016Rotterdam 2016

    La quarantacinquesima edizione del Festival di Rotterdam, primo grande appuntamento europeo dell’anno con il Cinema. Un caleidoscopio di visioni provenienti da ogni angolo del globo. Tutte le nostre recensioni.
  • Saggi

    Il saluto a Éric Rohmer

    Un ricordo di Éric Rohmer, tra gli esponenti più splendenti e complessi di quel microcosmo francese che prese il nome di Nouvelle Vague.
  • Rotterdam 2017

    Yourself and Yours

    di Presentato al Festival di Rotterdam, Yourself and Yours di Hong Sangsoo che passa per omaggi a Buñuel e all’alcol per raccontare ancora di schermaglie tra i sessi, friabili rapporti di coppia tra sospetti e maldicenze, rotture e nuovi incontri.
  • Berlinale 2017

    On the Beach at Night Alone

    di Nel nuovo film di Hong Sangsoo, On the Beach at Night Alone, il doppio vita-arte è quantomai esplicito visto che ripercorre le vicende sentimentali dell'attrice Kim Minhee, premiata come miglior interprete, con il regista stesso.
  • Cannes 2017

    The Day After

    di The Day After porta Hong Sangsoo in concorso alla settantesima edizione del Festival di Cannes, dopo aver presentato fuori dalla competizione il sublime La caméra de Claire. Tornato in Corea il regista torna anche alle sue abitudini, riproponendo schemi già strutturati in precedenza senza per questo cedere alla noia della ripetitività.
  • Cannes 2017

    La caméra de Claire

    di Dopo In Another Country, Isabelle Huppert torna a recitare per Hong Sangsoo: La caméra de Claire è una riflessione sulla chiarezza dell'immagine e del discorso meta-cinematografico del cineasta coreano.
  • Berlinale 2018

    Grass RecensioneGrass

    di L'ormai annuale appuntamento festivaliero con Hong Sangsoo avviene quest'anno alla Berlinale, al Forum, dove presenta Grass, ennesimo film sui rapporti uomo-donna che si snoda tra bevute nei tavolini di un bar, tra personaggi del mondo del cinema. Ma ora fa capolino anche la morte...
  • Far East 2018

    Intervista a Moon So-riIntervista a Moon So-ri

    Tra le più popolari attrici sudcoreane, Moon So-ri ha lavorato con i grandi cineasti sudcoreani, come Im Sang-soo, Hong Sangsoo, Park Chan-wook. Approda ora alla regia con The Running Actress, opera autobiografica presentata al Far East Film Festival 20. Abbiamo incontrato Moon So-ri in questa occasione.
  • Locarno 2018

    Hotel by the River RecensioneHotel by the River

    di Secondo film dell'anno di Hong Sangsoo, Hotel by the River, in concorso a Locarno dopo Grass al Forum della Berlinale. Contemplando un fiume d'inverno, in bianco e nero, il regista sudcoreano supera le sue abituali schermaglie tra i sessi per approdare alla poesia, alla natura, alla vita e alla morte.
  • Berlinale 2020

    The Woman Who Ran (2020) di Hong Sangsoo - Recensione | Quinlan.itThe Woman Who Ran

    di Presentato in concorso alla 70 Berlinale, The Woman Who Ran è l'ultima opera di Hong Sangsoo, interprete di un cinema sempre più rarefatto e minimalista, un cinema femminile dove il punto di vista maschile del regista fa più di un passo indietro e la donna si è lascia l'uomo alle spalle.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento