Equals

Equals

di

Dopo un paio di pellicole sentimentali abbastanza fortunate, Doremus alza il tiro e mescola fantascienza e romanticismo in Equals, young-adult estetizzante che si affida ai volti e ai corpi di Kristen Stewart e Nicholas Hoult e che lavora di sottrazione narrativa. Più banalizzazione che sottrazione. Derivativo in ogni suo aspetto, a partire dalle facili scelte di design, Equals trova sorprendentemente posto nel concorso veneziano.

L’amore ai tempi della distopia

La storia si svolge in una società del futuro in cui le emozioni più profonde sono state geneticamente disattivate per promuovere una cultura di stabilità e non violenza. Una parte della popolazione – inclusi i protagonisti del film – è però immune alla manipolazione genetica e può ancora, di conseguenza, innamorarsi… [sinossi]

Selezionato per il Concorso della Mostra del Cinema di Venezia 2015, Equals di Drake Doremus sembra ignorare volutamente la fiumana di pellicole di fantascienza distopica che hanno invaso le sale negli ultimi anni. E non distopie qualsiasi, ma una serie di sbiaditi cloni adattati al terribile target young-adult. Ma Doremus non deve essere l’unico ad aver fatto spallucce di fronte ai vari Divergent, The Host, Hunger Games, Maze Runner e The Giver – Il mondo di Jonas, vista la prestigiosa collocazione lidense. Ci si potrebbe spingere persino più in là, fino agli anni Settanta e alla gloriosa stagione della sci-fi distopica, ma in fin dei conti non serve tirare in ballo le suggestioni sociologiche e politiche di Zardoz o de La fuga di Logan per rapportarsi all’operazione di Doremus.

Dopo un paio di pellicole sentimentali abbastanza fortunate (Like Crazy, Breathe In), Doremus alza il tiro e mescola fantascienza e romanticismo, confezionando uno young-adult estetizzante che si affida ai volti e ai corpi di Kristen Stewart e Nicholas Hoult e che lavora di sottrazione narrativa. Più banalizzazione che sottrazione. Derivativo in ogni suo aspetto, a partire dalle facili scelte di design (il bianco, le linee essenziali, gli spazi asettici), Equals immagina una società futura privata delle naturali emozioni, meccanica e geometrica. Uomini e donne, geneticamente privati della loro scintilla emotiva, lavorano, producono, vivono tranquillamente. Non tutti, ovviamente, e così assistiamo fino dall’incipit al risveglio di Silas (Hoult) e alla sua condivisibile attrazione per Nia (Stewart). L’amore sboccia e la società mostra delle falle organizzative. Insomma, una sorta di fascismo all’acqua di rose e con i treni che arrivano anche in ritardo.

Doremus e lo sceneggiatore Nathan Parker (l’ottimo Moon, l’action-thriller Blitz) riducono al minimo indispensabile l’intreccio, lasciano poco spazio ai personaggi secondari (Bess e Jonas, rispettivamente Jacki Weaver e Guy Pearce) e aprono un’ampia parentesi amorosa, visivamente ambiziosa più nelle premesse che nei risultati. I timidi approcci, i primi baci e gli amplessi tra Silas e Nia, immersi in una luce azzurrina, riecheggiano in tono decisamente minore alcune suggestioni malickiane. Ed è questa scelta (o deriva) estetica, peraltro eccessivamente reiterata, l’unico scarto tra Equals e gli altri cloni distopici – i primi piani sfocati, i movimenti di macchina, i tagli dell’inquadratura e tutta questa mise-en-scène all’insegna del sensoriale finiscono per cannibalizzare la già esile idea di partenza.

Il paradosso di Equals, che illustra sommariamente una società ossessionata dal controllo, dalla genetica, dall’azzeramento dei sentimenti, è di essere anch’esso un clone, ancorato a un design futuribile trito e ritrito. Gli uguali e i difettosi, la cura Eni o la Atmos, pur declinati con altri nomi, non sono altro che il nucleo gravitazionale della fantascienza adolescenziale o giù di lì delle ultime stagioni cinematografiche. Doremus non diverge ma converge, svelandoci un futuro che abbiamo già visto troppe volte.
La clonazione ai tempi degli young-adult: ovvero, da Twilight a Equals, passando per Warm Bodies. A questo punto, meglio Lanthimos

Info
Equals sul sito della Mostra del Cinema di Venezia.
  • Equals-2015-Drake-Doremus-05.jpg
  • Equals-2015-Drake-Doremus-04.jpg
  • Equals-2015-Drake-Doremus-03.jpg
  • Equals-2015-Drake-Doremus-02.jpg
  • Equals-2015-Drake-Doremus-01.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2015

    venezia-2015-minuto-per-minutoVenezia 2015 – Minuto per minuto

    Sokurov e Bellocchio, Egoyan e Skolimowski, Barbera e Baratta, tutti i film, le news, le prime impressioni, gli innamoramenti folli e le ferali delusioni... Insomma, con la Mostra del Cinema di Venezia 2015 torna la nostra cronaca più o meno seria dal Lido. Il Minuto per Minuto, dal 2 al 12 settembre, fino ai premi o giù di lì.
  • Festival

    Venezia 2015Venezia 2015

    La Mostra del Cinema di Venezia 2015, dalla preapertura in omaggio a Orson Welles alla cerimonia di premiazione di sabato 12 settembre: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori... fino al Leone d'oro.
  • Archivio

    The Lobster

    di Ammiccante e reticente, The Lobster si diverte a sedurre lo spettatore, ma nel suo gioco metaforico troppo a lungo reiterato e persino ribaltato, finisce per svilire proprio i suoi ingredienti migliori.
  • In sala

    Hunger Games: il canto della rivolta – Parte 1

    di Sempre più lontano dal meccanismo semplice ed efficace del primo capitolo, il terzo Hunger Games cerca di guadagnare tempo, di aggiungere sostanza alla narrazione, ma cade sotto i colpi di un nemico invisibile e letale: la tetralogia...
  • Archivio

    Maze Runner – Il labirinto

    di Primo capitolo di un'ennesima saga per adolescenti, Maze Runner si accoda ai vari The Host, Divergent e Hunger Games, puntando su volti giovani, su una struttura narrativa semplice, su un linguaggio pericolosamente affine a quello televisivo.
  • Archivio

    Divergent

    di Il primo capitolo di una nuova saga sentimental-fantascientifica, un clone in tono minore di Hunger Games. Turbamenti amorosi e lotte di classe all'acqua di rose...
  • Archivio

    Hunger Games - La ragazza di fuoco RecensioneHunger Games – La ragazza di fuoco

    di Dopo aver vinto la 74esima edizione degli Hunger Games, Katniss Everdeen torna a casa assieme al suo compagno, il Tributo Peeta Mellark. Vincere però significa cambiare vita...
  • Archivio

    The Host

    di La Terra è stata colonizzata dalle Anime, una razza aliena che ha sfrattato gli umani dai loro corpi tramutandoli in dimore per viandanti interplanetari. Le Anime hanno trasformato il pianeta in un mondo pulito, sicuro e pacifico, ma a un costo incalcolabile...
  • Archivio

    Warm Bodies RecensioneWarm Bodies

    di R, giovane e bellissimo zombie, scopre l’amore per Julie, la ragazza di una delle sue vittime. Il calore del sentimento riscalderà il suo cuore freddo, trasformandolo in un “uomo” diverso...
  • DVD

    Zardoz RecensioneZardoz

    di L'edizione dvd ottimamente curata dalla Koch Media, in collaborazione con Filmaker’s Magazine, è non solo una valida occasione di rivedere la suggestiva opera di Boorman, ma propone anche altri sfiziosi contenuti speciali...
  • Torino 2016

    Kate Plays Christine

    di In Festa Mobile al Torino Film Festival il secondo film dedicato a Christine Chubbuck, la giornalista televisiva statunitense che si uccise in diretta. Con Kate Lyn Sheil.
  • TFF 2018

    Pity RecensioneMiserere

    di In concorso al Torino Film Festival, Miserere del greco Babis Makridis è una commedia nera, girata con un'austerità da poseur e costruita sull'idea che è meglio essere compatiti che vivere felici. Un assunto che resta tale, senza essere sviluppato, e finisce per apparire quasi barzellettistico.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento