Trieste Film Festival 2016 – Presentazione

Trieste Film Festival 2016 – Presentazione

​Presentato il programma del Trieste Film Festival 2016 che si terrà dal 22 al 30 gennaio e di cui da quest’anno Quinlan è media partner. Sole alto di Dalibor Matanić è il titolo di apertura della 27esima edizione, poi Chant d’hiver di Iosseliani, Cosmos di Żuławski, il già annunciato omaggio a Kieślowski, uno speciale sul nuovo cinema rumeno, i tre concorsi internazionali…

Torna dal 22 al 30 gennaio il Trieste Film Festival, fondamentale appuntamento con il cinema dell’Europa centro-orientale, giunto quest’anno alla 27esima edizione, diretta da Annamaria Percavassi e Fabrizio Grosoli. Il programma, che è stato presentato oggi, prevede al solito uno sguardo preciso e ampio su delle cinematografie, come quelle dell’Est Europa, troppo spesso colpevolmente trascurate dai nostri canali distributivi.
Ha per fortuna un distributore italiano, la Tucker Film, il film d’apertura di questa edizione del festival: Sole alto di Dalibor Matanić, premio della giuria della sezione Un certain regard al Festival di Cannes 2015. Il film, ambientato in tre decenni diversi (e precisamente negli anni 1991, 2001 e 2011), racconta la storia d’amore tra due ragazzi, un croato e una serba, moltiplicandola per tre volte e usando gli stessi attori, con l’obiettivo di leggere in filigrana i conflitti della ex-Jugoslavia. Altri due film importanti di autori imprescindibili del cinema europeo saranno mostrati a Trieste in anteprima italiana: Chant d’hiver di Otar Iosseliani (che sarà anche il film di chiusura del festival) e Cosmos di Andrzej Żuławski, entrambi presentati all’ultima edizione del Festival di Locarno.
E poi, due focus su due diverse cinematografie, quella polacca e quella rumena. Ne “La doppia vita del cinema polacco”, oltre al già annunciato omaggio a Krzysztof Kieślowski, con la presenza di Irène Jacob (e occasione per ricordare la compianta Annamaria Percavassi, recentemente scomparsa), è prevista anche la proiezione di 11 Minutes di Jerzy Skolimowski e un omaggio composto di sette film al documentarista Marcin Koszałka, quest’anno al festival anche con il suo primo lungometraggio di finzione (The Red Spider, in concorso). Con il “Nuovo cinema rumeno tra favola e realtà” si vuole invece ripercorrere la felicissima stagione di questa cinematografia che nell’ultimo decennio ha potuto contare su una sorta di “nouvelle vague”, culminata nel 2007 con la Palma d’oro a Cristian Mungiu per il suo 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni. Della selezione fanno parte Aferim! di Radu Jude, Box di Florin Şerban, The Treasure di Corneliu Porumboiu e One Floor Below di Radu Muntean.

Ma il nucleo centrale del Trieste Film Festival 2016 sarà al solito composto dai tre concorsi internazionali, dedicati a lungometraggi, cortometraggi e documentari, e in cui in particolare si potranno scovare i talenti emergenti di queste cinematografie (basti pensare, per tornare allo scorso anno, a un titolo potente come Viktoria, diretto dall’esordiente cineasta bulgara Maya Vitkova). Sono otto i film del concorso internazionale lungometraggi, con titoli come Dawn di Laila Pakalnina, riflessione sul passato sovietico della Lettonia, o The Wednesday Child dell’ungherese Lili Horváth, in cui si seguono le disavventure di una coppia nella periferia di Budapest per un dramma sociale sull’emarginazione, o ancora Homeland di Oleg Novković, seconda parte di una trilogia dedicata alla cosiddetta “generazione perduta” della ex-Jugoslavia.
Sono dieci invece i titoli del concorso internazionale documentari. Tra questi: Battles di Isabelle Tollenaere, che attraverso quattro archetipi – una bomba, un bunker, un carro armato, un soldato – ci riporta sui luoghi di alcune delle guerre più recenti combattute in Europa; Chuck Norris Vs. Communism di Ilinca Calugareanu, in cui si racconta l’incredibile storia vera della donna che nella Romania di Ceaucescu sfidò la censura violando l’embargo e doppiando decine di film americani; Cinema, mon amour di Alexandru Belc, storia dell’ex proiezionista e direttore del Dacia Panoramic Cinema, tra le ultime vecchie sale rimaste oggi in Romania.
Dei sei titoli fuori concorso della sezione documentari fanno parte invece anche l’italiano l’italiano Armenia! di Francesco Fei e Cinema, A Public Affair, film – già visto alle Giornate del Cinema Muto 2015 – dedicato alla figura di Naum Kleiman, ingiustamente rimosso dalla carica di direttore del Museo del Cinema di Mosca.
Inoltre, al di là dei 16 cortometraggi in concorso, si confermano anche quest’anno sia l’attenzione verso il cinema d’animazione che, accanto a molti esordienti, prevede anche la presentazione di Metamorphosis del bulgaro Andrey Tzvetkov, sia la sezione “TriesteFF Art&Sound” – dedicata alla contaminazione tra il cinema e le altri arti e realizzata in collaborazione con Sky Arte -, sia le “Sorprese di genere”, intesa alla scoperta e alla riscoperta del cinema più popolare, sia ancora la formula del Premio Corso Salani, che presenta cinque film italiani completati nel corso del 2015 e ancora in attesa di una distribuzione italiana e internazionale: i film in questione sono Banat (Il viaggio) di Adriano Valerio, Dal ritorno di Giovanni Cioni, La mia casa e i miei coinquilini (Il lungo viaggio di Joyce Lussu) di Marcella Piccinini, I ricordi del fiume di Gianluca e Massimiliano De Serio e Senza di voi di Chiara Cremaschi.

Da segnalare, infine, che per il secondo anno il Trieste Film Festival ospiterà sia le proiezioni dei film finalisti del Premio Lux, premio cinematografico ufficiale dell’Unione Europea (vinto quest’anno da Mustang), sia la sezione Born in Trieste, dedicata ai film che hanno iniziato il loro percorso produttivo proprio a Trieste, nell’ambito degli incontri professionali When East Meets West. All’interno di questa selezione lo scorso anno venne presentato ad esempio Storie di cavalli e di uomini, mentre quest’anno è il turno di Four Passports di Mihajlo Jevtić, Carso di Vladimir Todorović e Train to Adulthood di Klára Trencsényi, vincitore quest’ultimo al Festival di Lipsia.
Un programma, ricchissimo e che abbiamo indicato solo a grandi linee, con cui il Trieste Film Festival conferma una volta di più la capacità di svolgere un ruolo di collegamento indispensabile tra la cosiddetta Europa occidentale e quella centro-orientale. Una missione, volta a far incontrare culture ed esperienze differenti, che appare sempre più preziosa in questi tempi bui di fondamentalismi di varia natura.

Info
Il sito del Trieste Film Festival 2016.

Articoli correlati

  • Festival

    Omaggio a Kieślowski al Trieste Film Festival

    Nel ventennale della scomparsa di Krzysztof Kieślowski, il Trieste Film Festival – di cui da quest'anno Quinlan è media partner - gli dedica un omaggio alla presenza di Irène Jacob, con la proiezione del Decalogo, di La doppia vita di Veronica e di Film rosso. La 27esima edizione del festival si terrà dal 22 al 30 gennaio.
  • Venezia 2015

    Intervista a Gianluca e Massimiliano De Serio

    Con I ricordi del fiume, Gianluca e Massimiliano De Serio, partendo dalla documentazione degli ultimi mesi di vita del campo nomadi Plat di Torino, hanno realizzato un film che ragiona sull'universale concetto di casa/rifugio. Li abbiamo intervistati a Venezia.
  • Venezia 2015

    i-ricordi-del-fiumeI ricordi del fiume

    di , La documentazione del processo di smantellamento di una delle più grandi baraccopoli d'Europa dà luogo in I ricordi del fiume di Gianluca e Massimiliano De Serio a un dolente ritratto sulla fragilità dell'abitare. Fuori concorso a Venezia 2015.
  • In Sala

    Banat (Il viaggio)

    di Anche se cede a momenti di silente rarefazione figli di un’autorialità ancora acerba, Banat (Il viaggio) racconta senza mezzi termini le difficoltà professionali ed esistenziali di due trentenni di oggi. Alla SIC 2015.
  • Interviste

    Intervista ad Adriano Valerio

    In Banat (Il viaggio), Adriano Valerio affronta temi ponderosi, come la disoccupazione e il trasferimento all'estero di due trentenni nostrani. Lo abbiamo intervistato a Venezia per parlare di questo suo esordio, selezionato alla Settimana Internazionale della Critica.
  • Locarno 2015

    Intervista-a-Otar-IosselianiIntervista a Otar Iosseliani

    Otar Iosseliani, il “chantrapas”, secondo un termine mutuato da una sua precedente opera, ma anche l’escluso, ovvero l’artista che ha subito l’ostracismo in patria ed è stato costretto a migrare per altri lidi. A Locarno ha presentato il suo nuovo film, Chant d'hiver. L'abbiamo incontrato per parlare del suo cinema e della sua visione del mondo.
  • Locarno 2015

    Chant d’hiver

    di L’ultima fatica del grande cineasta georgiano naturalizzato francese Otar Iosseliani, presentata in concorso al 68° Festival di Locarno. Chant d'hiver è un’opera di grande lievità e dal gusto spiccatamente grottesco cui il regista ci ha abituati.
  • Locarno 2015

    Cosmos

    di Tra i film più attesi dell’anno, la nuova opera di Andrzej Zulawski dopo quindici anni di assenza dalle scene: Cosmos è un’opera complessa che si traduce in un surreale teatro dell’assurdo. Miglior regia a Locarno 2015 ed evento speciale al Trieste Film Festival 2016.
  • Cannes 2015

    The Treasure

    di Corneliu Porumboiu è uno dei nomi imprescindibili del cinema rumeno ed europeo contemporanei. Lo testimonia anche The Treasure, presentato in Un certain regard al Festival di Cannes 2015.
  • Cannes 2015

    One Floor Below

    di Il nuovo film di Radu Muntean, il ritratto di un uomo che diventa anche inevitabile fermo immagine su una Romania che è ancora alla ricerca di una propria "normalità". In Un certain regard a Cannes 2015.
  • Berlino 2015

    Aferim!

    di Orso d'argento alla 65esima edizione della Berlinale, Aferim! del regista rumeno Radu Jude ragiona sul passato del proprio paese e sulle sue contraddizioni che si trascinano nel presente.
  • In Sala

    storie-di-cavalli-e-di-uominiStorie di cavalli e di uomini

    di Mostrato alla 26esima edizione del Trieste Film Festival, l'islandese Storie di cavalli e di uomini costruisce, attraverso il rapporto uomo-cavallo, una sardonica e cupa descrizione quasi antropologica dell'umano e della sua ontologica bestialità.
  • Trieste 2015

    Viktoria

    di Un racconto di formazione, libero e surreale, che attraversa un'ampia porzione della storia della Bulgaria, affrontando i temi della maternità e del potere. In concorso al Trieste Film Festival 2015.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2015Trieste Film Festival 2015

    Il Trieste Film Festival, dal 16 al 22 gennaio, principale appuntamento italiano dedicato al cinema dell’Europa centro-orientale. Tantissimi i film in anteprima, tra concorsi ed eventi speciali. Apertura affidata a Two Women di Vera Glagoleva.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2015Trieste Film Festival 2015 – Presentazione

    Dal 16 al 22 gennaio si terrà la 26esima edizione del Trieste Film Festival, principale appuntamento italiano dedicato al cinema dell'Europa centro-orientale. Tantissimi i film in anteprima, tra concorsi ed eventi speciali. Apertura affidata a Two Women di Vera Glagoleva.
  • Festival

    Trieste-Film-Festival-2016Trieste Film Festival 2016

    Il Trieste Film Festival 2016, dal 22 al 30 gennaio. La 27esima edizione apre con Sole alto di Dalibor Matanić, poi Chant d'hiver di Iosseliani, Cosmos di Żuławski, il già annunciato omaggio a Kieślowski, uno speciale sul nuovo cinema rumeno, i tre concorsi internazionali...
  • In sala

    Sole alto

    di Film d'apertura della 27esima edizione del Trieste Film Festival, Sole alto di Dalibor Matanić è un melodramma a tre episodi sull'impossibilità dell'amore ai tempi della guerra nella ex-Jugoslavia.
  • Trieste 2016

    Chuck Norris vs Communism

    di Presentato nel concorso documentari del Trieste Film Festival, il film della giovane regista Iliaca Calugareanu racconta un capitolo del rapporto con il cinema nella storia rumena, gli ultimi anni della dittatura di Ceaușescu e la propagazione nel paese di vhs clandestine di film hollywoodiani. La tesi del film appare però alquanto forzata.
  • Trieste 2016

    Intervista a Irène Jacob

    Protagonista di La doppia vita di Veronica e di Film rosso, Irène Jacob per l’occasione dell’omaggio dedicato a Krzyszstof Kieślowski è stata ospite della 27esima edizione del Trieste Film Festival, quando le è stato consegnato anche il premio Eastern Star 2016.
  • Trieste 2016

    Battles

    di Sospeso tra il film-saggio e l'elegia, il documentario di Isabelle Tollenaere riflette su quanto possa essere lunga e devastante l'onda delle guerre. Qualche reiterazione e ingenuità non ne diminuiscono la portata emotiva. In concorso al Trieste Film Festival 2016.
  • Trieste 2016

    When We Talk About KGB

    di , Nel narrare vittime e carnefici dello spionaggio sovietico in Lituania, When We Talk About KGB si regge soprattutto sulla forza del suo oggetto d'attenzione, ma aggiunge in sostanza ben poco a ciò che già si sapeva. In concorso documentari al Trieste Film Festival.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento