Perfetti sconosciuti

Perfetti sconosciuti

di

Avvalendosi di un cast di star nostrane, Paolo Genovese in Perfetti sconosciuti prova finalmente a mandare all’aria la melassa della neo-commedia italiana e ci riesce anche. Solo che poi decide di aver osato troppo e si ritrae.

Poi all’improvviso mi ricordo di me, delle mie abitudini…

Un gruppo di amici si ritrova a cena. Un po’ annoiati dall’andamento della serata, decidono di fare un esperimento: mettere i rispettivi cellulari a disposizione di tutti per condividerne comunicazioni, chiamate, sms, messenger, ecc. Quali segreti verranno a galla? [sinossi]

L’andamento della neo-commedia italiana resta appiattito su vizi e cliché da poco costruiti – a partire quantomeno da Benvenuti al Sud – e già apparentemente immutabili. Serve un cast di attori noti (dove, ovviamente, non può mancare Giallini), qualche luogo deputato (meglio se l’interno di una casa borghese in cui si ‘sente’ il set), uno spunto labilissimo per permettere di far interagire gli attori, e a quel punto il meccanismo va da sé. Non serve una storia, non serve un racconto articolato – vade retro flashback o ellissi! -, non serve meno che mai la contestualizzazione storico-politica (al limite può tornare utile l’eterna e a-temporale contrapposizione Nord-Sud come insegna tutto il cinema di Luca Miniero). Gli attori devono apparire in scena principalmente come se stessi, perché il pubblico li deve riconoscere immediatamente come incarnazioni del genere. Tutto insomma deve andare come ci si aspetta, per una sorta di macro-testo che arriva a racchiudere ciascuno di questi film.

In un contesto siffatto Paolo Genovese cova sicuramente ambizioni superiori agli altri (rispetto a un Brizzi, ad esempio, ma anche rispetto all’ex sodale Luca Miniero), vale a dire che a volte – in maniera, in certo modo, molto efficace – prova a stratificare tutto ciò attraverso il teatro. Una famiglia perfetta, con il suo gioco di finzioni e di messe in scena, sta lì a testimoniarlo. Ma quel che mancava al suo film del 2012 era un elemento fondamentale del teatro: la carne degli attori, il loro corpo, e dunque la crudeltà. In Una famiglia perfetta tutto finiva per chiudersi su se stesso in un ciclico e anti-improvvissatorio gioco di specchi, fino a palesare l’horror vacui dell’esercizio di stile, dove tra l’altro in quel cosiddetto esercizio non poteva essere inclusa la regia, piatta e anzi fastidiosamente pubblicitaria.

Ci siamo soffermati su Una famiglia perfetta, perché il nuovo film di Genovese, Perfetti sconosciuti, vi si richiama in maniera quasi letterale. Anche qui l’idea del teatro è centrale: diamo a un gruppo di attori (Giallini per l’appunto, Mastandrea, Edoardo Leo, Battiston, la Smutniak, Anna Foglietta e un’insolita – e un po’ a disagio – Alba Rohrwacher) un palcoscenico (il solito appartamento alto-borghese) e, trovato uno spunto (mettere in condivisione i rispettivi cellulari, cercando di scovare i reciproci segreti), lasciamoli interagire.
È questo Perfetti sconosciuti. Non vi è null’altro. E allora può essere sorprendente che qualcosa di buono venga fuori. Ma è proprio quel che accade: i segreti vengono davvero a galla, emerge la cattiveria e l’ipocrisia dei vari personaggi, la sceneggiatura infila una serie di situazioni e di battute molto divertenti (eccellono, in tal senso, Mastandrea e Battiston), ma – proprio come in Una famiglia perfetta – tutto finisce per annullarsi. Infatti, ad un certo punto, in modo anche maldestro, Genovese pare voglia dirci: guardate cosa potrebbe venir fuori, solo volendo, però – perdonatemi – ho solo scherzato.

E allora Perfetti sconosciuti sembra diventare il paradigma, l’incarnazione impeccabile, di questa commedia italica contemporanea: il classico potrei ma non voglio, che non si riesce mai bene a distinguere dal vorrei ma non posso. In tal senso sembra addirittura che Perfetti sconosciuti sia vittima dello stesso limite di cui soffrivano in passato certi film della Hollywood classica che, vista l’imposizione dell’happy end, ribaltavano negli ultimi minuti tutto il coraggio mostrato nel corso del film. È possibile che sia così? È possibile che a Genovese sia stato imposto un finale posticcio? In realtà crediamo di no, crediamo anzi che tra Genovese e i suoi produttori – al contrario di quanto per l’appunto succedeva ai registi americani degli anni Quaranta – vi sia una totale condivisione d’intenti. L’idea cioè di un’auto-censura che debba tenere a bada gli istinti più bassi, con l’obbligo ontologico di salvaguardare un velo d’ipocrisia e facendo sì che lo spettatore esca sempre dalla sala con il sorriso. È il cinema italiano, bellezza!

Info
Il trailer di Perfetti sconosciuti.
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-039.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-038.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-037.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-036.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-035.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-030.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-031.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-032.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-033.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-034.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-025.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-026.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-027.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-028.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-029.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-024.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-023.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-021.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-022.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-020.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-015.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-016.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-017.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-018.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-019.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-010.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-011.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-012.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-013.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-014.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-005.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-006.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-007.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-008.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-009.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-001.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-002.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-003.jpg
  • perfetti-sconosciuti-2016-paolo-genovese-004.jpg

 

Articoli correlati

  • Interviste

    massimo-gaudiosoIntervista a Massimo Gaudioso

    Il racconto dei racconti di Garrone, il prossimo esordio in solitaria come regista, l’exploit quasi vent’anni fa con Il caricatore, la sceneggiatura del nuovo film di Verdone, lo stato delle cose nella commedia italiana. Di questo e di altro ancora abbiamo parlato con lo sceneggiatore e regista Massimo Gaudioso.
  • Archivio

    noi-e-la-giuliaNoi e la Giulia

    di Con il suo terzo film da regista, Noi e la Giulia, Edoardo Leo semina qualunquismo e raccoglie disastri: registici, narrativi e recitativi.
  • In sala

    La scuola più bella del mondo

    di Dopo il dittico di Benvenuti al Sud e dopo Un boss in salotto, Miniero continua imperterrito a raccontare il confronto/scontro tra Sud e Nord: La scuola più bella del mondo diventa allora un manufatto, raramente divertente e spesso sconclusionato, in cui il gioco del riciclo giunge alla sua saturazione.
  • Archivio

    Tutta colpa di Freud

    di Una commedia agrodolce garbata e levigata, cui manca il coraggio per andare contro le regole non scritte di un cinema medio italiano senza troppa personalità.
  • Archivio

    Un boss in salotto

    di L'eterno ritorno dell'annosa diatriba tra nord e sud della penisola. Con un cast brillante smorzato da una regia episodica.
  • Archivio

    Una famiglia perfetta RecensioneUna famiglia perfetta

    di Una commedia natalizia insolita, arricchita da un cast all star e da interessanti annotazioni sul ruolo dell'attore.
  • Archivio

    Immaturi RecensioneImmaturi

    di Una versione sbiadita de Il grande freddo, con un'idea di partenza forte, ma uno script fallace.
  • Archivio

    Forever Young RecensioneForever Young

    di Una satira di costume nostalgica e crudele che, nonostante qualche banalità iniziale, non risparmia feroci stilettate dirette al cuore e alle speranze infrante dei cinquantenni nostrani.
  • Festival

    Bif&st 2016

    Otto giorni di anteprime internazionali, esordi italiani, mostre, convegni e omaggi, tra cui quelli a Ettore Scola, Marcello Mastroianni e Cecilia Mangini: è di scena a Bari dal 2 al 9 aprile il Bif&st 2016.
  • Archivio

    Non c’è più religione

    di Provando a includere nell'usurato schema comico Nord/Sud anche la coabitazione tra italiani e arabi, Luca Miniero realizza con Non c'è più religione un film paternalista, maldestro e, soprattutto, mai divertente, ad eccezione di una fugace apparizione di Herlitzka.
  • Roma 2017

    The Place

    di Un intreccio intrigante per un epilogo deludente, con The Place Paolo Genovese riconferma i pregi e i difetti del suo marchio di fabbrica. Film di chiusura della Festa del Cinema di Roma.
  • In sala

    Sconnessi RecensioneSconnessi

    di Sbalestrata commedia che vorrebbe muoversi nel campo della pochade e allo stesso tempo mettere sul piatto tematiche contemporanee sulla mancanza di relazioni tra gli esseri umani per 'colpa' della tecnologia, Sconnessi di Christian Marazziti si rivela ben presto a corto di idee e narrative e visive.
  • In sala

    Benvenuti a casa mia RecensioneBenvenuti a casa mia

    di Facendo il verso, nel titolo italiano, alle nostre commedie “territoriali”, Benvenuti a casa mia inanella stereotipi e gag estemporanee, affrontando il confronto con la diversità in modo ipocrita e fintamente equidistante.
  • In sala

    Contromano RecensioneContromano

    di Commedia malinconica firmata e interpretata da Antonio Albanese, Contromano sfoggia una brillante idea di partenza, ma la declina con scarso acume.
  • Archivio

    Io c'è RecensioneIo c’è

    di Dopo i toni stralunati e minimali di Orecchie Alessandro Aronadio si trova a dover maneggiare con Io c'è una commedia mainstream, con un cast di prim'ordine e una produzione esigente; il risultato è un Frankenstein scombinato, che si agita tra atteggiamenti iconoclastici e scelte fin troppo banali e prevedibili.
  • In sala

    Quanto basta RecensioneQuanto basta

    di Francesco Falaschi, senza perdersi dietro facili ambizioni (che dieci anni fa per esempio resero indigeribile Si può fare di Giulio Manfredonia), dimostra con Quanto basta come sia possibile dirigere una commedia sulla disabilità - nel caso specifico la sindrome di Asperger - evitando il bozzettismo e la semplificazione.
  • In sala

    Cosa fai a Capodanno? RecensioneCosa fai a Capodanno?

    di Esordio alla regia di Filippo Bologna, tra gli sceneggiatori di Perfetti sconosciuti, Cosa fai a Capodanno? tenta la carta della commedia noir d'atmosfera natalizia - e dunque fuori stagione - ponendosi ambizioni smisurate (con echi perfino tarantiniani), ma facendo i conti con l'amarissima realtà di un film sconclusionato.
  • In sala

    Se son rose RecensioneSe son rose

    di Con Se son rose Leonardo Pieraccioni prova ad aggiornare la sua comicità ai tempi d'oggi, ma si assesta su trovate poco divertenti e sull'ennesimo ritratto dell'uomo medio italico.
  • In sala

    Modalità aereo

    di Torna Fausto Brizzi con Modalità aereo: una commedia cinica, sentimentale e venata da un autobiografismo brillantemente rielaborato.
  • In sala

    Ma cosa ci dice il cervello RecensioneMa cosa ci dice il cervello

    di Commedia, action spionistico, revenge movie. Corale eppure costruito attorno a un'indiscussa mattatrice, Paola Cortellesi. Ma cosa ci dice il cervello di Riccardo Milani gioca tutte le sue carte, ma sono troppe.
  • Far East 2019

    intimate strangers recensioneIntimate Strangers

    di Intimate Strangers è il remake coreano di Perfetti sconosciuti, la commedia corale diretta da Paolo Genovese. Lo spostamento da Roma a Seul non condiziona in alcun modo la sceneggiatura, dimostrando così la replicabilità del soggetto.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento