Uscite in Sala 07 aprile 2016

Uscite in Sala 07 aprile 2016

Una settimana di uscite a dir poco deprimente, nella quale si salva solo l’interessante dramma sportivo di Matteo Rovere e, in parte, l’opera prima di Adriano Valerio.

 

VELOCE COME IL VENTO
di Matteo Rovere

Il cinema di genere non è di certo la panacea di tutti i mali, ma una sana dose di popolare non ha mai fatto male a nessuno. Per questo non si può che accogliere con soddisfazione anche il nuovo film di Rovere, dopo il successo – anche al botteghino – di Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti. Il film di carattere sportivo mancava da tempo alla nostra produzione, e Rovere dimostra di saper maneggiare una materia di per sé non proprio semplice. Con uno Stefano Accorsi a pochi passi dal sublime.

La passione per i motori scorre da sempre nelle vene di Giulia De Martino. Viene da una famiglia che da generazioni sforna campioni di corse automobilistiche. Anche lei è un pilota, un talento che a soli diciassette anni partecipa al campionato GT, sotto la guida del padre Mario. Ma un giorno tutto cambia e spunta fuori suo fratello Loris, ormai completamente alla deriva… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=gBye1KgIblk[/youtube]

 

BANAT (IL VIAGGIO)
di Adriano Valerio

L’italiano in concorso all’ultima edizione della SIC veneziana arriva in sala, portando con sé i suoi pregi e difetti; un’opera interessante ma ancora acerba, ambiziosa e fragile allo stesso tempo.

Ivo è agronomo e la mancanza di opportunità lo spinge ad accettare un lavoro nel Banat, una fertile regione della Romania. Clara è appena uscita da una relazione e sta per perdere il lavoro al porto di Bari. Ivo e Clara si incontrano per caso e sembrano capirsi subito. Passano una sola notte assieme prima che Ivo parta, ma questo basta per creare un legame e lasciar loro il desiderio di rincontrarsi. Quando Clara gli fa visita in Romania, i due si innamorano. Ma davvero questo esilio è l’unica strada per la felicità? [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=KSspmKCqgns[/youtube]

 

TROPPO NAPOLETANO
di Gianluca Ansanelli

Il regionalismo assurge a fenomeno nazionale. Prodotto da Alessandro Siani, in collaborazione con Cattleya e Rai Cinema e distribuito dalla 01, il secondo film di Gianluca Ansanelli punta a seguire l’esempio di Song’e Napule – copiandone anche non pochi elementi – e in fin dei conti non sfigura nemmeno troppo. Paradossalmente tra le uscite più interessanti della settimana; il che è tutto dire…

Quando l’ex marito, un popolare cantante neomelodico, perde la vita lanciandosi dal palco per fare stage diving, Debora si preoccupa per suo figlio Ciro di undici anni. Il ragazzino sembra molto turbato, al punto da non mangiare più neanche il ragù domenicale. Angosciatissima la madre lo porta da Tommaso, psicologo dell’infanzia timido e imbranato. Il dottore scoprirà però che a turbare Ciro non è solo la perdita del padre, quanto piuttosto le sue prime inquietudini amorose. I due faranno così un patto: lo psicologo aiuterà il bambino a conquistare la sua amata compagna di classe, mentre lui gli darà una mano per farlo fidanzare con sua madre… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=9uac-VoU62c[/youtube]

 

UNA NOTTE CON LA REGINA
di Julian Jarrold

Controcanto ideale de Il discorso del re, il film di Julian Jarrold tiene un piede nella Storia ma è la versione più classica, frivola e leggera delle fiabe cinematografiche; nessuno, a dirla tutta, ne sentiva la necessità.

8 maggio 1945, Giornata della Vittoria in Europa. Gli Alleati accettano la resa incondizionata dell’esercito nazista e per le strade di Londra esplode la gioia della gente per la fine della guerra. Le due giovani principesse Elizabeth e Margaret Windsor, affascinate da quel brulichio di persone, riescono a strappare al Re e alla Regina il permesso di uscire, a patto che accettino la scorta di due Guardie Reali, che non lascino l’Hotel Ritz e che rientrino a Palazzo entro mezzanotte… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=NDjg36gkMR4[/youtube]

 

GRIMSBY – ATTENTI A QUELL’ALTRO
di Louis Leterrier

Sacha Baron Cohen è il perno di una sfrenata commedia demenziale che flirta senza esclusione di colpi col pulp e col film di spionaggio, ironizzando in maniera sfrontata e dissacrante sugli inglesi, su Daniel Radcliffe, su Donald Trump, sul Medio Oriente, sulle associazioni benefiche… Il risultato finale è però un esplosivo quanto becero calderone improntato a una comicità di situazione di una volgarità abnorme, che strappa solo di rado la risata e non riesce a mordere come dovrebbe, apparendo ben più gratuito e privo di costrutto di operazioni come Borat e Il dittatore.

Un agente segreto appartenente ai Black Ops inglesi è costretto ad allearsi con il fratello hooligan per via di un nuovo, delicato incarico. I due non sono in contatto ormai da tempo, ma la fuga che li attende diventerà un modo per riavvicinarsi… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=dewL4yurSJk[/youtube]

 

IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO
di Cedric Nicolas-Troyan

Il prequel/spin-off di Biancaneve e il cacciatore è perfino più amorfo e privo di mordente del film precedente, e ancor più appiattito sui cliché del fantasy cinematografico contemporaneo. La Biancaneve dei fratelli Grimm, dopo l’allontanamento dalla produzione di Rupert Sanders a seguito del suo flirt con Kristen Stewart, è finita nelle mani dello specialista in effetti speciali Cedric Nicolas-Troyan, qui al suo esordio al timone di una grossa produzione.

Molto tempo prima che la lama di Biancaneve trafiggesse la regina cattiva Ravenna, sua sorella Freya era stata vittima di un terribile tradimento e per questo aveva deciso di lasciare il Reame. Possedendo il dono di poter congelare ogni suo nemico, la giovane Regina dei Ghiacci aveva trascorso decenni in un lontano palazzo innevato, formando una legione di letali cacciatori, tra cui Eric e la guerriera Sara, per scoprire infine che i suoi due prediletti avevano contravvenuto al suo unico dettame: chiudere per sempre il cuore ai sentimenti… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=ZD0yWMcXeB4[/youtube]

 

VICTOR – LA STORIA SEGRETA DEL DOTTOR FRANKENSTEIN
di Paul McGuigan

Ennesimo adattamento del romanzo di Mary Shelley, quella di McGuigan è una versione iper-spettacolare, molto confusa e poco inventiva, al di là del ruolo di rilievo dato al personaggio di Igor. Nulla di nuovo o indispensabile sotto il sole…

Il radicale scienziato Victor Frankenstein e il suo altrettanto brillante protetto Igor Strausman condividono la nobile idea di aiutare l’umanità grazie alla loro pioneristica ricerca dell’immortalità. Ma gli esperimenti di Victor sono andati troppo oltre e la sua ossessione avrà conseguenze terrificanti. Solo Igor potrà riportare indietro il suo amico dal baratro di follia in cui è caduto e salvarlo dalla sua mostruosa creatura… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=IR9DBPKlpp8[/youtube]

 

MISTER CHOCOLAT
di Roschdy Zem

La storia di Rafael Padilla, primo clown di colore nel circo francese, a cavallo tra Ottocento e Novecento; un racconto programmatico e a ben vedere conservatore, senza una reale forza. Cinema imborghesito della peggior specie.

Rafael Padilla, nome d’arte Chocolat, nacque a Cuba intorno al 1860. Dal circo al teatro, dall’anonimato alla fama, il film racconta il suo incredibile destino di primo artista nero in Francia a calcare la scena di un teatro e, con il clown Foottit, a creare un duo comico di successo tra un artista bianco e uno di colore divenuto poi popolare nella Parigi della Belle époque, fino a quando questioni legate al denaro, al gioco d’azzardo e alla discriminazione razziale compromisero l’amicizia e la carriera di Chocolat. Il film racconta la struggente storia vera di un’amicizia unica e profonda in un’epoca di pregiudizi e discriminazioni… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=obpFIet2QHo[/youtube]

 

L’ETÀ D’ORO
di Emanuela Piovano

Ode al cinema che fu, quello dei cineclub e della cinefilia. Ma la Piovano, al di là delle lodevoli intenzioni, racconta questo mondo in modo tanto maldestro da far rimpiangere – se possibile – ancor di più i passati splendori.

Una pasionaria del cinema lotta per tenere in piedi un’arena cinematografica che ha restaurato e che da anni programma quotidianamente i film che più ama. Una passione totalizzante, mal vissuta dal figlio, diverso da lei in tutto… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=YzKB0-RXOy8[/youtube]

 

Questa settimana escono nelle sale anche Il complotto di Chernobyl – The Russian Woodpecker (2014) di Chad Gracia, Che cos’è un Manrico (2015) di Antonio Morabito e Briciole sul mare (2016) di Walter Nestola. Buona visione!

Info
La pagina facebook di Veloce come il vento.
Victor: La storia segreta del Dottor Frankenstein sul sito della Fox.
Il sito ufficiale di Una notte con la regina.

Articoli correlati

  • Notizie

    Uscite in Sala 31 marzo 2016

    Settimana di magra, nonostante il numero spropositato di uscite (ben 14), in cui spicca il documentario sul Duomo di Milano; poi i biopic su Brian Wilson e Jesse Owens, Hitchcock e Truffaut...
  • Notizie

    Uscite in Sala 24 marzo 2016

    Batman e Superman che si ramazzano di legnate, Heidi che corre sui monti, la morte di Pasolini, condomini con difficoltà relazionali. Questo e altro in sala da oggi...
  • Notizie

    Uscite in Sala 17 marzo 2016

    Mentre Luchini e la Ronan si contendono il proscenio a colpi di recitazione, il 18 marzo arriva in sala (chissà quante...) il fluviale e imperdibile Le mille e una notte di Miguel Gomes.
  • Notizie

    Uscite in Sala 10 marzo 2016

    Nella settimana che porta in sala i fratelli Coen, Fausto Brizzi e (con cinque anni di ritardo) Weekend di Andrew Haigh, è da segnalare l'apparizione sugli schermi dell'ultimo parto creativo di Júlio Bressane.
  • Notizie

    uscite-in-sala-03-marzo-2016Uscite in Sala 03 marzo 2016

    Il "cielo in una stanza" di Abrahamson, gli oscuri retaggi liceali di Edgerton, le suffragette e i sanguinari gemelli Kray. Questo e altro in sala da oggi.
  • Notizie

    Uscite in Sala 14 aprile 2016

    Ancora per un giorno il biglietto del cinema costa 3 euro, e le distribuzioni ne approfittano per affollare ulteriormente un panorama già saturo; da citare comunque il nuovo Baumbach e un paio di film italiani indipendenti da non sottovalutare.
  • Notizie

    Uscite in Sala 21 aprile 2016

    Prosegue la cascata di uscite in sala: questa settimana sono addirittura dieci, tra le quali viene naturale consigliare solo la visione dell'ultimo lavoro documentario dei gemelli De Serio.
  • Notizie

    Uscite in sala 28 aprile 2016

    Ancora una settimana sovraffollata di uscite, con ben quattordici nuovi film a sognare (a volte in maniera del tutto improvvida) di dire la propria al botteghino.
  • Notizie

    Uscite in sala 05 maggio 2016

    Dopo settimane di uscite in tono minore, finalmente lo spettatore cinefilo avrà l'imbarazzo della scelta: non solo lo splendido Jia Zhangke e Michel Gondry, infatti, ma anche Mamoru Hosoda, Patricio Guzmán e un sorprendente Roland Emmerich!

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento