Svelata la selezione di Cannes 2016

Svelata la selezione di Cannes 2016

Dardenne, Assayas, Jarmusch, Verhoeven, Mungiu. Il secondo festival dell’era-Lescure conferma in selezione la solita parata di nomi imperdibili, per un concorso che tiene fuori dalla porta italiani e giapponesi.

In ordine rigorosamente alfabetico: Almodóvar, Assayas, Dardenne, Dolan, Dumont, Jarmusch, Loach, Mendoza, Mungiu, Park, Penn, Puiu, Verhoeven, Winding Refn. Basta già l’elenco in cartella stampa per rendersi conto di come l’edizione 2016 del Festival di Cannes, la seconda sotto l’egida di Pierre Lescure, confermi la solita parata di nomi celeberrimi, in grado sì di coniugare l’interesse superficiale per lo “spettacolo” con brandelli – anche corposi – di cinefilia, ma soprattutto di muoversi su terreni certi, posati, solidi e ampiamente controllati. Le posizioni restano dunque sempre le stesse, compresa la necessità di magnificare la Francia agli occhi del mondo: se in concorso i film di produzione transalpina sono quattro (Personal Shopper di Assayas, Ma loute di Dumont, Rester vertical di Alain Guiraudie e Mal de pierres di Nicole Garcia), è anche vero che la francofonia la fa da padrona, considerando anche i fratelli Dardenne (La fille inconnue) e il quebecchese Xavier Dolan, che tenta la corsa alla Palma d’Oro con l’atteso Juste la fin du monde.
Come d’abitudine, dunque, le eventuali sorprese e scommesse sono relegate per lo più in Un certain regard, dove si contano ben sette esordienti e dove la mappatura cinematografica si fa più internazionalista, passando dall’Iran a Singapore, dall’Egitto alla Finlandia.

Anche Italia e Giappone, due tra le cinematografie protagoniste della storia di Cannes (16 palme d’oro – o gran prix nel periodo 1964-74 – in totale, dodici all’Italia e quattro al Giappone), escluse quest’anno dal concorso principale, si “rifanno” con la seconda sezione competitiva, che ospita Pericle il nero di Stefano Mordini, Harmonium di Kōji Fukada e soprattutto After the Storm di Hirokazu Kore-eda. Insomma, Cannes continua a muoversi nel solco della tradizione, iniziando fin d’ora a preparare la montée des marches, in attesa delle star che saliranno le scale che portano all’ingresso del Grand Théâtre Lumière, accompagnate dalle note de Le Carnaval des Animaux di Camille Saint-Saëns.
E se si dovesse scommettere su qualche nome meno noto? In Un certain regard ha trovato spazio Michael Dudok De Wit con La tortue rouge, e tra le Séances spéciales c’è L’ultima spiaggia, diretto a quattro mani da Thanos Anastopoulos e Davide Del Degan. Ah, già, i fuori concorso, quel luogo senza premi in cui si rincorreranno Woody Allen, Steven Spielberg, Rithy Panh, Paul Vecchiali, Albert Serra, Mahamat-Saleh Haroun, Jim Jarmusch (di nuovo!), Jodie Foster e Na Hong-jin. Buone visioni a tutti!

Compétition
Toni Erdmann di Maren Ade
Julieta di Pedro Almodóvar
American Honey di Andrea Arnold
Personal Shopper di Olivier Assayas
La fille inconnue di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne
Juste la fin du monde di Xavier Dolan
Ma loute di Bruno Dumont
Mal de pierres di Nicole Garcia
Rester vertical di Alain Guiraudie
Paterson di Jim Jarmusch
I, Daniel Blake di Ken Loach
Aquarius di Kleber Mendonça Filho
Ma’Rosa di Brillante Mendoza
Bacalaureat di Cristian Mungiu
Loving di Jeff Nichols
Agassi/The Handmaiden di Park Chan-wook
The Last Face di Sean Penn
Sieranevada di Cristi Puiu
Elle di Paul Verhoeven
The Neon Demon di Nicolas Winding Refn

Per il resto della selezione di Un certain regard, Hors compétition, Séances de minuit e Séances spéciales vi rimandiamo alla pagina ufficiale del sito del festival.

Articoli correlati

  • Cannes 2016

    La Quinzaine des réalisateurs 2016

    Pablo Larraín, Anurag Kashyap, Paul Schrader, Marco Bellocchio: come sempre la Quinzaine des réalisateurs si conferma sulla carta come uno degli indispensabili polmoni verdi della Croisette.
  • Festival

    Festival di Cannes 2015 – Bilancio

    Qualche considerazione sulla sessantottesima edizione del Festival di Cannes, consacrata fin dalle prime battute al cinema transalpino. Più dei vincitori e dei vinti, ci interessa il panorama della kermesse, lo sguardo sulle cinematografie nazionali, sui generi, sui nuovi autori...
  • Festival

    Cannes 2015Cannes 2015

    Il Festival di Cannes 2015: le mille luci della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... La sessantottesima edizione, dal 13 al 24 maggio.
  • Festival

    Festival di Cannes 2015Festival di Cannes 2015 – Presentazione

    La sessantottesima edizione del Festival di Cannes: le mille luci e i brillantini della Croisette, la montagna di pellicole da scalare tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine, Semaine... Dal 13 al 24 maggio.
  • Cannes 2015

    Festival di Cannes 2015Cannes 2015 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette accolti da un sole scintillante e da un caldo asfissiante, arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Tra i giganti cinematografici del concorso, le nuove scoperte, la Quinzaine e la Semaine de la critique, ecco a voi il Festival de Cannes 2015!
  • Festival

    Cannes 2015, annunciato il programma

    Poche sorprese nel programma annunciato oggi da Thierry Frémaux. L'Italia, come previsto, sarà rappresentata in concorso da Garrone, Moretti e Sorrentino. Selezionato anche Roberto Minervini in Un certain regard. Mancano però ancora alcuni titoli, che verranno svelati nei prossimi giorni.
  • Festival

    Festival di Cannes 2014Festival di Cannes 2014 – Presentazione

    La sessantasettesima edizione del Festival di Cannes, dal 14 al 25 maggio. Si apre con Grace di Monaco di Olivier Dahan, fuori concorso, e poi la consueta fiumana di pellicole in attesa della Palma d'Oro.
  • Cannes 2014

    La selezione della Quinzaine des Réalisateurs

    La selezione della Quinzaine sfodera titoli fondamentali, come Kaguya-hime no monogatari di Isao Takahata, National Gallery di Frederick Wiseman e la versione restaurata di Non aprite quella porta.
  • Cannes 2014

    Svelata la selezione di Cannes 2014

    Un concorso di prestigio ma abitato quasi esclusivamente da nomi noti, da Assayas a Zvyagintsev. In Un certain regard c'è invece spazio per Lisandro Alonso, Mathieu Amalric e Jessica Hausner...
  • Festival

    Cannes 2016Cannes 2016

    Il Festival di Cannes 2016: la Croisette in bella mostra e la fiumana di pellicole tra concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Quinzaine des Réalisateurs, Semaine de la Critique...
  • Festival

    Festival-di-Cannes-2016Festival di Cannes 2016 – Presentazione

    Al via la 69a edizione del Festival di Cannes: l'apertura ufficiale con l'ultima fatica di Woody Allen, Café Society, quindi la corsa alla Palma, il mercato, una mole inaffrontabile di film... e una macchina (auto)promozionale che sembra non arrestarsi mai.
  • Cannes 2016

    Le Cancre

    di A 86 anni per la prima volta Paul Vecchiali viene selezionato al Festival di Cannes. Le Cancre è l'occasione per incontrare di nuovo il suo cinema, boccata d'aria per cervello e cuore.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento