The Tiger

The Tiger

di

Ambizioso blockbuster sudcoreano e pellicola d’apertura della diciottesima edizione del Far East Film Festival 2016, The Tiger di Park Hoon-jung spreca l’intensa performance di Choi Min-sik, poco supportata da una sceneggiatura ripetitiva, retorica, ridondante. Splendida l’ambientazione, mentre la computer grafica mostra più di una sbavatura.

Gli occhi della tigre

1925. Corea, monte Jirisan. Man-deok è un vecchio cacciatore che vive col figlio sedicenne. Un tempo considerato il miglior cacciatore coreano, si è ritirato dopo che la moglie è morta a causa del “Signore della Montagna”, una maestosa tigre del monte Jirisan. L’ufficiale giapponese Maezono mobilita i suoi soldati quando un drappello di uomini che era a caccia di guerriglieri della resistenza anti-giapponese viene massacrato dall’enorme bestia… [sinossi – catalogo FEFF]

Park Hoon-jung rientra senza dubbio nella lunga lista di nomi da seguire dell’industria cinematografica sudcoreana. Industria che con The Tiger dimostra ancora una volta di avere studiato a fondo la lezione hollywoodiana, assimilandone non solo i pregi ma anche i difetti, limiti fisiologici di un’abnorme macchina da soldi. La narrazione e la retorica debordante di Park, fuori controllo rispetto al precedente e ottimo New World (2013), finisce per fagocitare la sontuosa ambientazione, la performance di Choi Min-sik e le potenzialità di un racconto dall’innegabile afflato epico e metaforico. Mancano totalmente, purtroppo, i chiaroscuri e le sfumature di New World, quella capacità di raccontare e rappresentare la complessità, le contraddizioni, sacrificate sull’altare di una spettacolarità dai contorni (persino) disneyani.

Questo ambizioso blockbuster, scelto come pellicola d’apertura della diciottesima edizione del Far East Film Festival 2016, si allinea alla sovrabbondanza retorica di molti war movie sudcoreani (My Way, Brothers of War – Sotto due bandiere) e alla indisponente pratica di tratteggiare in maniera superficiale e schematica il nemico di turno. In questo caso, come in molti altri per il cinema asiatico, i soliti giapponesi: tanto stupidi quanto disumani, boriosi e impreparati. Macchiette. Sbiaditi rigurgiti propagandistici e nazionalistici, figli più delle logiche da botteghino che di una vera e propria scelta politica – e in controtendenza, ad esempio, con quella larga fetta di cinema sudcoreano autoriale o commerciale che affronta con ammirevole spirito critico spinose questioni storiche e politiche (The Front Line, National Security e The Attorney, giusto per citarne alcuni, meritevoli di un pronto recupero).

Detto delle marionette nipponiche, The Tiger ci offre la possibilità di affrontare due questioni centrali del cinema commerciale sudcoreano, del suo essere industria altamente competitiva. In primis, alcuni tratti ricorrenti dei blockbuster più smaccatamente nazional-popolari: The Tiger, come il campione di retorica & melassa Ode to My Father (2014), eccede sotto ogni aspetto, dalla durata (due ore e venti) alla mattanza dei soldati giapponesi, dai flashback strappalacrime alle sottolineature didascaliche. Lacrime e scene madri. Insomma, grana grossa e gioco facile: Park spiega, ripete, calca la mano tanto sull’umanizzazione della tigre quanto sulla disumanizzazione dei soldati nipponici, inanella finali su finali. Una spettacolarità basilare, da prima serata, che tira in ballo famiglia, patria, onore, spiritualità. Un prodotto, sulla carta, di sicura presa sul grande pubblico.
Come sicura presa ha la caratterizzazione della tigre, di questo quasi sovrannaturale “Signore della Montagna”, realizzato in computer grafica. Anche in questo caso, alcune note dolenti: funzionano i primi e primissimi piani e i campi lunghi, ma le movenze della tigre sono ancora legnose e i pixel non sempre fanno il loro dovere. In questo senso, nonostante una tradizione che prende forma già negli anni Ottanta (Starchaser: La Leggenda Di Orin, 1985) e un’impressionante quantità di animazione in cgi prodotta, la computer grafica sudcoreana non si è ancora allineata agli elevatissimi standard hollywoodiani. Ci arriverà.

Info
La scheda di The Tiger sul sito del FEFF.
Il trailer originale di The Tiger.
  • the-tiger-2015-Park-Hoon-jung-01.jpg
  • the-tiger-2015-Park-Hoon-jung-02.jpg
  • the-tiger-2015-Park-Hoon-jung-03.jpg

Articoli correlati

  • Far East 2016

    Far East 2016 – Presentazione

    Inizia oggi il Far East 2016, diciottesima edizione del festival dedicato al cinema popolare dell'estremo oriente. Ospite d'eccezione Sammo Hung, maestro dell'action hongkonghese.
  • Festival

    Far-East-2016Far East 2016

    Dal 22 al 30 aprile, il Far East 2016, diciottesima edizione del festival dedicato al cinema popolare dell'estremo oriente. Ospite d'eccezione Sammo Hung, maestro dell'action hongkonghese.
  • AltreVisioni

    New World

    di L'opera seconda di Park Hoon-jung, già sceneggiatore di I Saw the Devil e The Unjust, è un film di chiaroscuri, di sfumature, in cui legalità e illegalità si fondono e confondono. Presentato al Far East di Udine.
  • Far East 2016

    The Exclusive: Beat the Devil’s Tattoo

    di Presentato al Far East Film Festival 2016, il sudcoreano The Exclusive: Beat the Devil's Tattoo smonta pezzo per pezzo i meccanismi del mondo dell'informazione televisiva, mescolando sagacemente commedia, thriller, dramma.
  • AltreVisioni

    My-WayMy Way

    di Il coreano Jun-shik e il giapponese Tatsuo si incontrano da bambini, durante gli anni dell'occupazione nipponica in Corea. Diventano delle promesse della maratona e più volte si sfidano, fino a quando non si troveranno sui campi di battaglia...
  • Venezia 2016

    The-Age-of-ShadowsThe Age of Shadows

    di The Age of Shadows è un blockbuster intricato e avvincente, una spy-story che cresce sequenza dopo sequenza, sospinta dal funambolico talento di Kim Jee-woon e dalla magnetica presenza scenica di Song Kang-ho.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento