The World of Us

The World of Us

di

Presentato al Far East 2016, The World of Us è un film ad altezza bambino, capace di raccontare le difficoltà emotive e relazionali dell’infanzia, le dinamiche scolastiche, la distanza tra genitori e figli. Promettente opera prima della regista e sceneggiatrice Yoon Ga-eun, impreziosita dalle performance delle giovanissime protagoniste.

I sospiri del mio cuore

Sun è una bambina di dieci anni che si sente estremamente a disagio a scuola. Le sue compagne, e in particolare Bora, la prima della classe, sono cattive con lei e non c’è nessuna che possa considerare sua amica. Ma poco dopo l’inizio delle vacanze estive le capita di incontrare Jia, una sua coetanea che si è appena trasferita nei quartiere. Jia è brillante e piena di risorse, e le due bambine fanno subito amicizia… [sinossi – catalogo FEFF2016]

La selezione sudcoreana al Far East Film Festival 2016 ci regala un’altra regista e sceneggiatrice da seguire con attenzione. Dopo Roh Deok e il suo thriller giornalistico The Exclusive: Beat the Devil’s Tattoo, è il turno del minimalismo piccino piccino di Yoon Ga-eun, all’opera prima col più che grazioso The World of Us. Un ritratto agrodolce dell’infanzia, di questo universo spesso guardato con superficialità dagli adulti. E dal cinema.
Yoon Ga-eun non incornicia la storia in un congegno narrativo intriso di nostalgia, escamotage ricorrente e spesso assai efficace, ma sceglie di concentrarsi quasi unicamente sulle piccole protagoniste, sul loro punto di vista, lasciando poco spazio al mondo parallelo degli adulti. Insomma, bambine di oggi, e non i ricordi struggenti di ieri.

Ritroviamo nello sguardo di Yoon Ga-eun quell’adesione rara, alquanto preziosa, alla sensibilità dei bambini, alle loro problematiche, a questo mondo spesso invisibile. The World of Us non è un’immersione schulziana, con tanto di esclusione anche fisica di genitori e affini (ci aveva provato Giovanni Veronesi nel lontano 1987 con l’opera prima Maramao), eppure la presenza degli adulti è centellinata, le distanze sono calibrate, quasi fossero microsistemi paralleli. Nelle messa in scena di questa distanza, Yoon è abile a sottolineare le vicendevoli incomprensioni, questa incomunicabilità generazionale che in alcuni casi può scavare dei solchi profondissimi e duraturi.

Il microcosmo di The World of Us non è autosufficiente, eppure Sun, Jia e Bora sembrano costrette a coltivare in solitudine la loro delicata sfera emotiva: le stesse dinamiche conflittuali tra le tre ragazzine, immature ma in costante (e a volte dolorosa) crescita, sono figlie di silenzi, di assenze, di ritualità scimmiottate e mai spiegate, mai metabolizzate. Quella piccola giungla che è la scuola, a volte così crudele, riflette e amplifica la distanza e l’incomunicabilità tra genitori e figli. Yoon Ga-eun cerca di sondare le emozioni delle sue eroine, focalizzandosi su Sun, ma senza dimenticare le debolezze di chi sembra apparentemente più forte, più maturo.
The World of Us entra in punta di piedi nel mondo dell’infanzia, tra quelle pulsioni ancora inspiegabili, ma anche tra le piccole gelosie, ripicche, meschinità. Yoon è interessata non solo ai sorrisi, ai colori e alle ingenuità, ma soprattutto alle ansie, alle insicurezze, alle zone d’ombra che scandiscono la stagione scolastica di Sun, il suo rapporto con Jia e con Bora. Bambine che diventeranno donne, probabilmente madri. Forse consapevoli, come la madre di Sun, personaggio chiave del cinema leggiadro ma non superficiale di Yoon Ga-eun.

The World of Us deve molto alle sue tre stelline Choi Soo-in (Sun), Seol Hye-in (Jia) e Lee Seo-yeon (Bora). Un ottimo esempio di casting e di direzione degli attori. Il resto sono intuizioni narrative (la quasi svagata caratterizzazione del padre di Sun); una regia che cerca di farsi invisibile; un accompagnamento sonoro adeguato, fatto di poche note gentili; un montaggio che prova a catturare i tempi delle vacanze e dalla scuola. I migliori anni della nostra vita?

Info
La scheda di The World of Us sul sito del Far East 2016.
Il trailer originale di The World of Us.
La scheda The World of Us su sito del Kofic.
  • the-world-of-us-2016-Yoon-Ga-eun-01.jpg
  • the-world-of-us-2016-Yoon-Ga-eun-02.jpg
  • the-world-of-us-2016-Yoon-Ga-eun-03.jpg
  • the-world-of-us-2016-Yoon-Ga-eun-04.jpg

Articoli correlati

  • Far East 2016

    The Exclusive: Beat the Devil’s Tattoo

    di Presentato al Far East Film Festival 2016, il sudcoreano The Exclusive: Beat the Devil's Tattoo smonta pezzo per pezzo i meccanismi del mondo dell'informazione televisiva, mescolando sagacemente commedia, thriller, dramma.
  • Far East 2016

    Far East 2016 – Presentazione

    Inizia oggi il Far East 2016, diciottesima edizione del festival dedicato al cinema popolare dell'estremo oriente. Ospite d'eccezione Sammo Hung, maestro dell'action hongkonghese.
  • Festival

    Far-East-2016Far East 2016

    Dal 22 al 30 aprile, il Far East 2016, diciottesima edizione del festival dedicato al cinema popolare dell'estremo oriente. Ospite d'eccezione Sammo Hung, maestro dell'action hongkonghese.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento