Creepy

Titolo di punta del Far East Film Festival 2016 e tra le visioni più illuminanti della Berlinale, Creepy di Kiyoshi Kurosawa ci trascina in fondo a un buco nero, a una voragine che nella vita reale potrebbe aprirsi a un passo da noi, sotto i nostri occhi e il nostro naso. Inquietante, ipnotico, narrativamente spregiudicato.

La voragine

Dopo aver rischiato di essere ucciso da uno psicopatico, l’ispettore Takakura abbandona la polizia e si dedica all’insegnamento della psicologia criminale. Quando l’ex-collega Nogami chiede il suo aiuto per riaprire un vecchio caso, non esita più di tanto: sei anni prima, una famiglia è scomparsa in circostanze misteriose e fino a oggi nessun corpo è stato trovato. Mentre Takakura si inabissa nei meandri nell’indagine, la moglie si presenta ai nuovi vicini della porta accanto: una famiglia apparentemente normale… [sinossi]

Kurīpī. Creepy. Raccapricciante, orripilante, che dà i brividi, che fa accapponare la pelle. Che striscia, strisciante. Dal verbo creep, anche adulare, essere servile.
Il nuovo lungometraggio di Kiyoshi Kurosawa, già alla Berlinale e ora all’Horror Day del Far East 2016, non è esattamente un film dell’orrore. È un creepy movie, una pellicola dai contorni neri e inquietanti che si insinua sottopelle. Non si sobbalza sulla poltrona, non ci si copre gli occhi, eppure ci si tiene distanti, si osserva quasi con sospetto. Perché la dimensione orrorifica di Creepy si espande rapidamente oltre i confini dello schermo. Striscia lentamente verso di noi. Ci avvolge. Ci catapulta in un pozzo senza fondo, nero come la pece.

Creepy è il volto ambiguo, pacioso eppure terribile di Teruyuki Kagawa. È la supponenza del protagonista, l’ex-ispettore Takakura (Hidetoshi Nishijima), così sicuro della propria professionalità e moralità da non vedere oltre il proprio naso, incapace di scorgere l’abisso che lo sta inghiottendo. Creepy è la messa in scena di Kurosawa, compassata, silenziosa, quasi strisciante. La macchina da presa si insinua lentamente nei giardini, nelle case, nelle insospettabili stanze segrete, nell’abisso oscuro. A Kurosawa bastano il vento tra i rami, un’inquadratura fissa, poche note, un volto che si rabbuia impercettibilmente. Una declinazione misuratissima del J-Horror, che dal piano del sovrannaturale, dell’irrazionale, scivola verso una razionalità mostruosa, deformante. Creepy è la fotografia dell’orrore che nella nostra quotidianità non riusciamo (forse non vogliamo) scorgere: distanza, incomunicabilità, indifferenza, alienazione.

Kurosawa si disinteressa delle increspature narrative, trascina i propri personaggi verso l’orrore, li rende schiavi di una fine annunciata e atroce. E si disinteressa anche del mondo circostante, di tutto quello che normalmente ruoterebbe attorno alle case di Takakura e di Nishino. Creepy è un microcosmo a parte, un luogo altro. Una Twilight Zone alimentata dall’indifferenza. Kurosawa non ha bisogno di oliare snodi narrativi, così si concede alcuni passaggi spregiudicati, evidentemente metaforici: è il cortocircuito tra quotidianità e orrore a trascinare il vecchio ispettore Tanimoto nell’antro del diavolo. È la superficialità di chi non (ri)conosce più i suoi vicini.

Creepy riesce a dare corpo al Male, a quella malvagità che cresce e prolifera in un cono d’ombra, che succhia forza ed energia dalla stanca routine matrimoniale di Yasuko, dalle conflittualità adolescenziali di Mio. Kurosawa rielabora, stilizzandoli, alcuni elementi formali del J-Horror per adattarli a una realtà dai contorni luciferini: emblematica l’immagine della grande busta di plastica, del suo effetto sui corpi, della composizione raccapricciante dei capelli e della pelle bianca, morta.

Titolo di punta dell’Horror Day del Far East 2016 e tra le (poche) gemme della kermesse berlinese, Creepy ci trascina in fondo a un buco nero, a una voragine che nella vita reale potrebbe aprirsi a un passo da noi, sotto i nostri occhi e il nostro naso. Inquietante, ipnotico, persino divertente, narrativamente spregiudicato, il film di Kurosawa scandaglia la moltitudine di solitudini quotidiane, la distanza incolmabile tra vicini di casa, di scrivania. È la mutazione della società, l’annullamento dei rapporti interpersonali, a generare il mostro, a generare quel vuoto, quel buco nero. Siamo dentro la voragine, come l’entomologo Niki Jumpei de La donna di sabbia – ma senza passione, amore, prospettive.

Info
Creepy sul sito del Far East.
Il trailer originale di Creepy.
Creepy sul sito della Berlinale
Il sito ufficiale giapponese.
  • creepy-2016-kiyoshi-kurosawa-01.jpg
  • creepy-2016-kiyoshi-kurosawa-02.jpg
  • creepy-2016-kiyoshi-kurosawa-03.jpg
  • creepy-2016-kiyoshi-kurosawa-04.jpg
  • creepy-2016-kiyoshi-kurosawa-05.jpg
  • creepy-2016-kiyoshi-kurosawa-06.jpg
  • creepy-2016-kiyoshi-kurosawa-07.jpg

Articoli correlati

  • Far East 2016

    Far East 2016 – Presentazione

    Inizia oggi il Far East 2016, diciottesima edizione del festival dedicato al cinema popolare dell'estremo oriente. Ospite d'eccezione Sammo Hung, maestro dell'action hongkonghese.
  • Festival

    Far-East-2016Far East 2016

    Dal 22 al 30 aprile, il Far East 2016, diciottesima edizione del festival dedicato al cinema popolare dell'estremo oriente. Ospite d'eccezione Sammo Hung, maestro dell'action hongkonghese.
  • Cannes 2015

    Journey to the Shore

    di Kiyoshi Kurosawa torna alle sue ossessioni principali: l'elaborazione del lutto, il viaggio verso la morte come accettazione della perdita della propria materialità. In Un certain regard a Cannes 2015.
  • Roma 2013

    Seventh Code

    di Una turista giapponese a Vladivostok. Ma è davvero una turista? Kiyoshi Kurosawa firma una piccola gemma.
  • AltreVisioni

    Penance

    di Penance, la versione cinematografica della mini-serie televisiva di Kiyoshi Kurosawa, presentata alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2012.
  • AltreVisioni

    Retribution

    di Il cinema di Kiyoshi Kurosawa torna a interrogarsi sul senso di colpa, e sul castigo a cui l'umanità è eternamente dannata. Alla Mostra di Venezia 2006.
  • Archivio

    Pulse RecensionePulse

    di L'opera più celebre di Kiyoshi Kurosawa, passata fugacemente in sala in Italia nell'estate del 2006. Un thriller ectoplasmatico dai risvolti filosofici.
  • Festival

    Berlinale 2016

    La sessantaseiesima edizione della magmatica kermesse berlinese: l'apertura con i fratelli Coen, i film del concorso, di Forum, di Panorama, di Generation, le splendide sale e la città, la fiumana di gente...
  • Torino 2016

    Daguerrotype

    di Presentato nella sezione Onde del Torino Film Festival, Daguerrotype segna l’approdo francese di Kiyoshi Kurosawa. Una nuova ghost story per il regista nipponico, calata nel contesto europeo; ma ancora una volta i fantasmi di Kurosawa ci parlano della vita, dell’assenza e del lutto e dell’anelito all’immortalità.
  • Far East 2017

    Bluebeard

    di Presentato al Far East 2017, Bluebeard è un thriller geometrico, claustrofobico, ipnotico e particolarmente cinico, cattivo. Un'immersione senza apparente via d'uscita in un incubo sempre più profondo e oscuro.
  • Cannes 2017

    Before We Vanish

    di In Before We Vanish Kiyoshi Kurosawa torna a utilizzare i codici del genere per cercare di raccontare l'umanità, le sue pulsioni, le domande senza risposta che la agitano. In questo caso lo schema è quello dell'invasione aliena, per uno sci-fi contemplativo ma non privo di deflagrazioni improvvise. In Un certain regard a Cannes 2017.
  • Berlinale 2018

    Foreboding RecensioneForeboding

    di Presentato a Panorama Special della Berlinale il nuovo film di Kiyoshi Kurosawa, Foreboding, un ritorno alla tematica dell'invasione aliena e agli ultracorpi, come il precedente Before We Vanish, con cui costituisce un ideale dittico. Il terrore è quantomai domestico, legato ai concetti di amore e famiglia.
  • Locarno 2019

    To the Ends of the Earth recensioneTo the Ends of the Earth

    di Film di chiusura in Piazza Grande del 72esimo Locarno Film Festival, To the Ends of the Earth rappresenta il terzo film di Kiyoshi Kurosawa ambientato fuori dal Giappone, dove l'inquietudine malsana da j-horror si trasferisce nei paesaggi incontaminati, montuosi e lacustri, dell'Uzbekistan.
  • Locarno 2019

    Intervista a Kiyoshi Kurosawa e Atsuko Maeda

    Alla loro terza collaborazione, Kiyoshi Kurosawa e Atsuko Maeda sono i grandi protagonisti della serata finale in Piazza Grande del 72esimo Locarno Film Festival, con lo straordinario film To the Ends of the Earth. Li abbiamo intervistati nella cittadina ticinese.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento