Ghost Messenger

Ghost Messenger

di

Presentato al Future Film Festival 2016, Ghost Messenger di Bong Hue Gu è un lungometraggio che pesca a piene mani tra la produzione nipponica e che mostra tutti i limiti narrativi della sua derivazione da due precedenti OAV. Più che apprezzabile, nonostante gli evidenti debiti estetici, la qualità grafica.

Anime e anime

Kang-lim è un Ghost Messenger, un super agente proveniente dal Mondo dei Morti, un mondo virtuale altamente tecnologizzato che controlla e decide la vita e la morte di ognuno attraverso un cellulare speciale, capace di catturare gli spiriti e digitalizzarli. A causa di un errore si ritrova intrappolato nel suo Soul Phone, che finisce nelle mani di un bambino con uno straordinario potere spirituale, in grado di vedere gli spiriti… [sinossi – programma FFF]

Trascurabile, tuttavia interessante. Selezionato fuori concorso al Future Film Festival 2016, Ghost Messenger di Bong Hue Gu gronda idee e qualità grafica, confermando la crescita esponenziale dell’industria dell’animazione sudcoreana e al tempo stesso i profondi legami artistici e produttivi con l’universo degli anime. Una risorsa, ma anche un limite. Un limite che in Ghost Messenger è enfatizzato dalla natura smaccatamente derivativa, dai debiti estetici e narrativi nei confronti di Mamuru Hosoda (Summer Wars), ma anche di FLCL e persino di Paranoia Agent, quantomeno in qualche virtuale movimento di macchina. Senza contare il sottogenere di riferimento, sempre in bilico tra fantastico e suggestioni tecnologiche, comicità e dramma, Bildungsroman e esseri buffi da collezionare.

Le buone notizie, soprattutto per il sudcoreano Studio Animal, arrivano dal versante grafico-estetico, dalla capacità di replicare lo standard medio-alto nipponico delle serie per il piccolo schermo e per il mercato home video: in Ghost Messenger sono più che apprezzabili il character design, anche nella versione deformed, la fluidità dei movimenti, le scelte cromatiche, la messa in scena. E non mancherebbero, seppur riciclate o con microscopiche varianti, le potenzialità narrative: una declinazione sudcoreana del labile confine tra vivi e morti, tra moderne tecnologie da acchiappafantasmi e folklore sciamanico. Ma la narrazione troppo frammentaria, i personaggi secondari gettati in un grande calderone e alcune parentesi smaccatamente superflue (lo shopping della principessa Bari e il siparietto con la prosperosa e discinta Mago) sono la pesante eredità degli OAV datati 2010 e 2014 che hanno dato vita a Ghost Messenger, lungometraggio buffo con l’afflato da episodio pilota.

L’operazione dello Studio Animal è ovviamente più che comprensibile, quantomeno sul piano commerciale, ma Ghost Messenger resta un prodotto da mercato home video, affossato da ellissi e da meccanismi narrativi poco sensati per un lungometraggio. Nonostante tutti questi limiti, il film di Bong Hue Gu ci ricorda che ad avanzare a ritmo spedito non sono solo la qualità e la produttività dell’industria dell’animazione, ma anche la vivacissima cultura popolare sudcoreana, in tutte le sue declinazioni, dalla K-pop ai manhwa, dalla televisione al cinema. Una crescita esponenziale, artistica e tecnologica. Ghost Messenger ci racconta di uno scontro tra cacciatori di fantasmi e spiriti inquieti, ma in un prossimo futuro la battaglia vera potrebbe essere tra anime e manhwa…

Info
Ghost Messenger sul sito del Future Film Festival 2016.
Ghost Messenger sul sito del Kofic.
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-02.jpg
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-03.jpg
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-04.jpg
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-05.jpg
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-06.jpg
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-07.jpg
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-08.jpg
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-09.jpg
  • Ghost-Messenger-2014-Bong-Hue-Gu-10.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Future-Film-Festival-2016Future Film Festival 2016

    Al Future Film Festival 2016, dal 3 all'8 maggio nelle sale della Cineteca di Bologna, la consueta indigestione di animazione e fantascienza: l'apertura con Miss Hokusai, l'omaggio a Star Trek, la retrospettiva Welcome Aliens, il concorso dei lunghi e dei corti, le follie di mezzanotte...
  • Animazione

    The Fake

    di L'opera seconda del regista e sceneggiatore coreano Yeon Sang-ho. Un thriller teso e disperato, presentato in concorso al Future Film Festival 2014 di Bologna.
  • Animazione

    Padak RecensionePadak

    di Uno sgombro è preso in una rete da pesca e portato nell'acquario di un ristorante di pesce crudo. Appena arrivato nell'acquario, tenta in qualsiasi maniera di scappare...
  • Animazione

    The King of Pigs

    di Compagni ai tempi della scuola, Kyung-min, trentenne uomo d'affari, e Jong-suk, scrittore senza lavoro, si ritrovano dopo quindici anni e ricordano i crudeli compagni di classe...
  • Animazione

    Summer Wars RecensioneSummer Wars

    di Il giovane Kenji accetta con entusiasmo di accompagnare la bella Natsuki, la ragazza dei suoi sogni, a Nagano, nella residenza di famiglia. Ma le cose non andranno come previsto...
  • Animazione

    Life Is Cool

    di Il-kwon, di ritorno in Corea dagli Stati Uniti, viene accolto all'aeroporto da due amici: Tae-young, insegnante di doposcuola frustrato per la sua situazione professionale, e Sung-hoon, che lavora come interprete per un giocatore di pallacanestro afroamericano che gioca nel campionato coreano...
  • Serie

    Paranoia Agent

    di La giovane Sagi Tsukiko, divenuta popolare grazie al pupazzo Maromi, viene aggredita da un misterioso ragazzino, armato di mazza da baseball e con un paio di rollerblade ai piedi...
  • Animazione

    FLCL Furi Kuri RecensioneFLCL – Furi Kuri

    di , , , Un delirio sia narrativo che visivo. Un mix di rock, pop, punk, anime, manga, fantascienza, turbamenti giovanili, doppi sensi, animazione caricaturale, citazioni inaspettate, immagini reali, nostalgia, amore, cataclismi, varchi temporali, eroi spaziali...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento