Uscite in Sala 16 giugno 2016

Uscite in Sala 16 giugno 2016

Finalmente arriva in sala l’ultimo, splendido, film di Richard Linklater, già dato in uscita più di un mese fa e poi rimandato. Con lui, tra gli altri, anche due recuperi dal passato, più o meno recente: Laurence Anyways di Xavier Dolan e soprattutto Playtime di Jacques Tati.

 

TUTTI VOGLIONO QUALCOSA
di Richard Linklater

Si è dovuto attendere più del dovuto (la data di uscita sarebbe dovuta essere il 12 maggio, in un primo momento), ma ne è valsa la pena: Tutti vogliono qualcosa è l’ennesimo gioiello partorito dalla mente di Richard Linklater, ancora una volta interessato a riflettere su un microcosmo, sull’instabilità del crescere e su un’epoca del passato che forse non è mai stata dorata come amiamo ricordare. Da non perdere.

Nel 1980 Jake Bradford si trasferisce al college e prende possesso di un’abitazione insieme ai suoi compagni della squadra di baseball universitaria. Tra cameratismi e qualche conflitto interno al gruppo, tra notti folli alla perenne ricerca di conquiste femminili, Jake inizia un percorso di crescita che lo porterà anche a trovare l’amore… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=Os6Ssu6c5kk[/youtube]

 

LAURENCE ANYWAYS
di Xavier Dolan

Per anni ci si è chiesti perché i film del giovanissimo talento del Canada francofono Xavier Dolan non trovassero degna distribuzione in sala in Italia; dopo Mommy qualcosa si è mosso, ed ecco dunque che la Movies Inspired fa uscire Laurence Anyways, nonostante sia “vecchio” di quattro anni (Juste la fin du monde, che era in concorso a Cannes e si è portato a casa l’ennesimo premio, dovrebbe essere distribuito a dicembre); l’occasione è ghiotta, perché si tratta con ogni probabilità dell’opera più felice e matura di Dolan, quella in cui gli scompensi registici vengono gestiti con maggior cura e attenzione, e l’amore per il melò trova vie d’espressione più armoniose. Le sale in cui troverà ospitalità non sono molte, ma val la pena recuperarlo.

La storia d’amore tra un uomo e una donna si complica fino a diventare impossibile quando lui decide di cambiare sesso… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=iYq6B9W3b2I[/youtube]

 

GLI INVISIBILI
di Oren Moverman

Oren Moverman è un manierista, e il suo ultimo film non fa che confermarlo a ogni singola sequenza. Una sorta di partitura jazzistica newyorkese che affida tutto il suo ritmo alle immagini, al suo attore, al suono realistico e assordante della città. In odor di New Hollywood, pur senza eguagliarne i fasti.

George è un uomo solo e disperato, che ha perso tutto: una casa, un lavoro, gli affetti. Vive come un senzatetto da anni e vaga per le strade di New York senza avere un posto dove andare. Raccoglie il cibo dall’immondizia, chiede l’elemosina, con i pochi spiccioli raccolti si compra da bere. Talvolta riesce a trovare posto nei ricoveri pubblici per i barboni. E proprio in uno di questi stringe amicizia con Dixon, un ex musicista jazz. Questo rapporto umano sembra dargli la speranza per tentare di riallacciare il rapporto con la figlia… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=caTRa3fXGlM[/youtube]

 

CONSPIRACY – LA COSPIRAZIONE
di Shintaro Shimosawa

Legal thriller paramedico, Conspiracy – La cospirazione si muove tra paradossi narrativi e grossolane incongruenze. Con un protagonista, Josh Duhamel, imbambolato, e con Al Pacino e Anthony Hopkins che neppure hanno voglia di gigioneggiare. Se non è un disastro poco ci manca…

Ben Cahill è un giovane e ambizioso avvocato che si ritrova coinvolto in un delicato intrigo di potere tra Arthur Denning,un corrotto manager farmaceutico, e Charles Abrams, uno dei soci del suo studio legale. Quando il caso prende una svolta pericolosa, l’uomo deve cercare di scoprire la verità prima di perdere tutto… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=pYHAgkUn1SM[/youtube]

 

CALCOLO INFINITESIMALE
di Enzo Papetti e Roberto Minini-Meròt

C’è un sottobosco di cinema italiano indipendente che a tratti inquieta per la scarsità di mezzi, d’ispirazione e di professionalità. Appartiene a questo ampio macrogenere il film co-diretto da Enzo Papetti e Roberto Minini-Meròt, che vede degli impacciati Luca Lionello e Stefania Rocca interpretare tre personaggi differenti in tempi diversi, reali o immaginari, in quel di Stromboli. Chiacchiere senza fine, colpi di scena irragionevoli, regia maldestra e persino, a tratti, effetti speciali surreali e grotteschi – come ad esempio dei pesci volanti che galleggiano nell’aere. I due registi vorrebbero forse riflettere sul potere fascinatorio della finzione e perciò giocano con i generi, con il noir in particolare, ma senza crederci davvero. Perché dovremmo credergli noi?

Roberto Pistis vive a Stromboli, isolato dal mondo. Dopo il grande successo e la fama ottenuti in gioventù con il suo primo romanzo e malgrado il suo libro continui ad essere letto e acclamato, di lui, da tempo, non se ne sa più nulla. Valeria Hostis è una giornalista che scrive per le maggiori testate internazionali, decisa a mettersi sulle sue tracce. Lo scova e riesce a prendere appuntamento per quella che ritiene sarà l’intervista dell’anno. Niente è come appare… [sinossi] [vimeo]https://vimeo.com/148610271[/vimeo]

 

LA CASA DELLE ESTATI LONTANE
di Shirel Amitaï

Il cinema francese e quello israeliano si incontrano per un film in cui si vorrebbe raccontare la perdita di verginità di una nazione (l’omicidio di Rabin da parte di un estremista di destra israeliano), ma si finisce quasi subito per perdersi dietro reminiscenze del passato, rapporti familiari, disagi interni borghesi e ben poco interessanti. Molto rumore per nulla, al di là della professionalità delle tre protagoniste.

Israele, 1995. La pace è finalmente tangibile. Nella piccola città di Atlit, Cali ritrova le sue due sorelle, Darel e Asia, per vendere la casaereditata dai genitori. Tra momenti di complicità e incontenibili risate, riaffiorano i dubbi e gli antichi dissapori, ma appaiono anche strani convitati che seminano un’allegra confusione. Il 4 novembre il processo di pace viene annientato, ma le tre sorelle rifiutano di abbandonare la speranza… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=f4WSJOgtT7o[/youtube]

 

MA MA – TUTTO ANDRÀ BENE
di Julio Medem

Un tempo Medem era considerato uno dei talenti emergenti del cinema europeo, un nome su cui contare a occhi chiusi, un visionario alla corte della movida. Ora che quel tempo è trascorso lasciando pallide memorie rimane solo l’esasperato melodramma insistito e grottesco, l’esagerazione priva di reale significato, un gusto per l’eccesso che non trova una propria collocazione e finisce per rinchiudersi in un vicolo cieco. Peccato.

A Magda, giovane madre recentemente abbandonata dal marito, viene diagnosticato un tumore maligno al seno. Proprio il giorno della diagnosi, la donna conosce Arturo, talent scout calcistico che ha appena vissuto la tragica scomparsa dei suoi familiari. L’affetto di Arturo, e il rinnovato legame con suo figlio, aiuteranno Magda ad affrontare questo difficile snodo nella sua vita… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=wZ3tCayq7-U[/youtube]

 

ANGRY BIRDS – IL FILM
di Clay Kaytis e Fergal Reilly

Ispirato all’omonimo videogioco finlandese e prodotto dalla Sony, Angry Birds è il classico tipo di animazione che non si vorrebbe vedere, per il modo in cui si adegua al gusto dei tempi e per come lo cavalca rozzamente, dalla basilare animazione in computer graphic all’ironia che vuole essere insieme infantile e per certi modi ‘adulta’ e che per lunghi tratti appare piuttosto quasi volgare per quanto è insipida. In più anche il setting della storia è per certi versi di retroguardia, perché costruire un personaggio brutto, sporco e cattivo – per poi riabilitarlo nel corso della narrazione – ha fatto in questo campo decisamente il suo tempo, da Shrek a Cattivissimo me.

Finalmente scopriremo perché i famosi pennuti sono così arrabbiati! Un’isola è popolata da volatili quasi tutti felici, anche se incapaci di volare. In questo paradiso, Red, un uccello con problemi di controllo della rabbia, il velocissimo Chuck e l’esplosivo Bomb, sono sempre stati emarginati. Ma quando sull’isola arrivano dei terribili maialini verdi, toccherà a loro dimostrargli di che cosa sono capaci… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=spDTDkTiwuc[/youtube]

 

PLAYTIME
di Jacques Tati

Di fronte a tanti film che sembrano desueti già al momento dell’uscita in sala, rivedere sul grande schermo un film come Playtime serve a certificare il senso di un aggettivo come “immortale”; un capolavoro comico che fa del rigore, dello spigolo, dell’immagine riflessa e dell’utilizzo dello spazio un campo di gioco da sfruttare in ogni modo possibile e immaginabile. Elemento di eversione che fa del grigio la propria cifra cromatica, il cinema di Tati è una meraviglia per gli occhi, da godere nel restauro sul grande schermo. Anche se lo si conosce a memoria.

L’opera più imponente di Tati, girata in 70 mm nel set monumentale Tativille, ritrova un sempre più spaesato Monsieur Hulot insieme a un gruppo di turisti americani nella moderna e tecnologica Parigi. In balia degli eventi, Hulot irrompe e distrugge gli schemi rigidi della società con la grazia e intelligenza proprie del suo umorismo… [sinossi] [youtube]https://www.youtube.com/watch?v=t_DBu8X03cs[/youtube]

 

Nelle sale esce anche la commedia The Boss (2016) di Ben Falcone, con Melissa McCarthy e Kristen Bell. Buona visione!

Info
Il sito ufficiale di Tutti vogliono qualcosa.
Omaggio a Jacques Tati, il sito ufficiale.

Articoli correlati

  • Notizie

    Uscite in Sala 09 giugno 2016

    Si avvicina a grandi passi l'estate, e a parte il recupero da Cannes di The Neon Demon l'attenzione si sposta su due restauri dal glorioso passato, con Jacques Tati e Vincente Minnelli che tornano in sala.
  • Notizie

    Uscite in Sala 01 giugno 2016

    Nella settimana in cui Fiore di Claudio Giovannesi raggiunge tutte le sale italiane (dopo un'uscita mirata per l'esordio), escono anche The Nice Guys e Warcraft...
  • Notizie

    Uscite in Sala 26 maggio 2016

    Abbassato il sipario sul Festival di Cannes, si torna a concentrare l'attenzione sulle uscite in sala, a partire dal prezioso Tangerines e da Fiore di Claudio Giovannesi. Ma è soprattutto la settimana dei restauri di Lab 80 con Gene Tierney!
  • Notizie

    uscite-in-sala-12-maggio-2016Uscite in Sala 12 maggio 2016

    Prende il via il festival di Cannes, e proprio dalla Croisette arriva uno dei titoli più interessanti della settimana, il nuovo film di Jodie Foster. Poi la Salomé di Al Pacino, Pericle il nero e l'horror The Boy...
  • Notizie

    Uscite in sala 05 maggio 2016

    Dopo settimane di uscite in tono minore, finalmente lo spettatore cinefilo avrà l'imbarazzo della scelta: non solo lo splendido Jia Zhangke e Michel Gondry, infatti, ma anche Mamoru Hosoda, Patricio Guzmán e un sorprendente Roland Emmerich!
  • Notizie

    Uscite in Sala 23 giugno 2016

    Le uscite in sala della settimana si segnalano soprattutto perché raggiungono le sale tre gioielli visti negli ultimi anni in giro per festival, i film di Desplechin, Moore e Ruizpalacios...
  • Notizie

    Uscite in Sala 30 giugno 2016

    Con l'estate che procede a passi da gigante, raggiungono le sale film provenienti da aree del mondo solitamente snobbate dalle distribuzioni italiane, come Iran e Giappone.
  • Notizie

    Uscite in Sala 07 luglio 2016

    Bando agli indugi: è la settimana di It Follows, uno dei migliori horror degli ultimi anni. Per il resto ennesimo recupero di un film di Dolan e l'ultimo, finora inedito, Terry Gilliam.
  • Notizie

    Uscite in Sala 14 luglio 2016

    Tra Tarzan e Cell non si sa bene cosa preferire; forse è arrivato davvero il tempo di prendersi una pausa dalle uscite settimanali e dedicarsi a uscite all'aria aperta.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento