Pesaro 2016

Pesaro 2016

Dal 2 al 9 luglio la Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro torna a ospitare le derive più diverse del cinema, confermando l’impressione data lo scorso anno dalla prima edizione diretta da Pedro Armocida; Pesaro 2016, tra classici del passato e schegge di futuro.

La seconda edizione della Mostra del Nuovo cinema di Pesaro diretta da Pedro Armocida, la cinquantaduesima da quando Lino Micciché e Bruno Torri decisero di creare un luogo (“dello spirito”, disse Pasolini) in cui approfondire la conoscenza del nuovo, sembra a prima vista muoversi nella stessa direzione dello scorso anno; a dimostrarlo è la già la preapertura, che ha permesso al pubblico pesarese di incontrare sul grande schermo Rocky di John G. Avildsen, a quaranta anni dalla sua prima apparizione in sala. Nel 2015 fu invece la volta de Lo squalo di Steven Spielberg, dichiarazione di intenti di una direzione che tentava di coniugare l’esprit naturale della Mostra con la necessità di rileggere a sua volta il passato, aprendo lo sguardo anche in direzione di Hollywood.
L’impressione è che Pesaro 2016, sotto l’egida di Armocida e del suo staff, cerchi di allargare la visuale e allo stesso tempo di focalizzare lo sguardo su percorsi paralleli che con troppa facilità sono stati smarriti, o dimenticati. Quindi, se da un lato il grido “Adriaaaaaana!” rimbomba nelle orecchie degli spettatori, e allo stesso tempo si recuperano classici del cinema nostrano come Todo modo di Elio Petri, I compagni di Mario Monicelli, Milano calibro 9 di Fernando Di Leo – in uno specchio riflesso con l’odierna produzione italiana –, dall’altro si omaggia l’arte dell’algerino Tariq Teguia, regista in continua rivoluzione, autore tra gli altri di Inland e Zanj Revolution.

Pesaro 2016 è una creatura mutaforma, che mostra e indaga, riflettendo sulla materia cinematografica e aprendosi sempre al dialogo, alla dialettica. Lo dimostrano le tavole rotonde, ospitate al Centro Arti Visive Pescheria, gli incontri con gli autori, e ancor più la retrospettiva curata da Adriano Aprà (che ne ha lungamente parlato in un’intervista a cura di Alessandro Aniballi e Daria Pomponio) sui cosiddetti “Critofilm”, i film sul cinema… [continua a leggere]

Info
Il sito della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2016.

Articoli correlati

  • Pesaro 2016

    Uscire dall’eremo: “vecchio” e “nuovo” a Pesaro

    La Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro 2016 conferma le impressione ricevute lo scorso anno, dopo la prima edizione diretta da Pedro Armocida. Il tentativo di far dialogare tra loro universi distinti del fare e del pensare il cinema è forse l'unico modo per far sopravvivere uno dei festival storici del panorama nazionale.
  • In Sala

    Les Ogres

    di La cinquantaduesima edizione della Mostra di Pesaro si chiude con la vittoria de Les Ogres, opera seconda di Léa Fehner; un film corale che mescola autobiografismo e una grande capacità di gestire la tensione drammatica.
  • Pesaro 2016

    Con il vento

    di Claudio Romano torna a Pesaro a un anno di distanza da Ananke con un cortometraggio, Con il vento, che porta avanti la riflessione sulla nostalgia di un passato perduto e impossibile da ritrovare.
  • Pesaro 2016

    Chi ha paura del video-teppismo?

    Gli incontri sul video-teppismo strutturati e organizzati da Federico Rossin durante le giornate di Pesaro 2016 pongono un serio interrogativo: perché l'atto di filmare e rileggere l'oggi tenendosi fuori da forme prestabilite mette ancora così paura?
  • Pesaro 2016

    Lo(s)t in Sodom, avanguardie e revisioni a Pesaro

    A Pesaro si torna a discutere sul concetto di “nuovo”, guardando al passato senza alcun timore, tra avanguardie statunitensi e la sezione Satellite.
  • Festival

    Pesaro 2016 – Presentazione

    Dal 2 al 9 luglio Pesaro torna a ospitare le derive più diverse del cinema, confermando l'impressione data lo scorso anno dalla prima edizione diretta da Pedro Armocida; tra classici del passato e schegge di futuro.
  • Interviste

    Intervista ad Adriano Aprà

    Critico, saggista, regista, attore, traduttore di Bazin e di Christian Metz, direttore di festival ed ex conservatore della Cineteca Nazionale: Adriano Aprà è una delle poche figure capaci di attraversare tutto lo scibile del cinema. Lo abbiamo incontrato per parlare con lui delle sue molteplici attività e di come veda la critica cinematografica oggi.
  • In sala

    Per un figlio

    di Arriva nelle sale italiane, dopo essere stato presentato in concorso alla Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro nel 2016, Per un figlio, l'opera d'esordio dell'italiano di origine cingalese Suranga Deshapriya Katugampala.
  • Corti

    Tomba del tuffatore

    di , La rovina del presente e le vestigia di un passato irriconoscibile (e mai conosciuto) sono al centro del viaggio materico e ipnotico in cui vengono condotti gli spettatori dai giovani registi Yan Cheng e Federico Francioni.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento