The Net

The Net

di

Kim Ki-duk torna al Lido di Venezia con The Net, dramma dagli echi kafkiani sulle insanabili frattute tra nord e sud Corea, e sul concetto di “libertà”.

Il compagno Nam

A un pescatore della Corea del Nord si rompe il motore della barca e va alla deriva verso la Corea del Sud. Dopo aver subito brutali interrogatori, viene rispedito indietro. Prima di lasciare la Corea del Sud, ha modo di meditare sul lato oscuro di quella società che contrasta con la sua immagine “sviluppata“. Si rende conto che lo sviluppo economico non si traduce in felicità per tutti. Quando riesce a tornare a casa, è sottoposto a interrogatori simili a quelli del Sud. Preso da profonda pena, si sente intrappolato contro la sua volontà nell’ideologia che divide le due nazioni. [sinossi]

“Indipendentemente dalla volontà, gli esseri umani sono bloccati nell’ideologia politica dei luoghi in cui sono nati”. Queste sono le parole con cui Kim Ki-duk “spiega” il suo nuovo film, The Net (traduzione letterale dell’originale coreano Geumul), presentato alla settantatreesima edizione della Mostra di Venezia nella neonata sezione “Cinema nel Giardino”, inaugurata proprio dal film di Kim – che ha avuto anche l’onore di essere il primo titolo proiettato nella Sala Giardino, un cubo rosso eretto sopra la vergognosa buca che aveva segnato l’immaginario visivo del festival negli ultimi anni. Indipendentemente dalla volontà. Non c’è nulla di volontario nella disavventura che vede protagonista Nam Chul-woo, un pescatore della Corea del Nord che si trova costretto a espatriare in direzione del sud per via di un’avaria a bordo della sua piccola imbarcazione. Non è volontario lo sconfinamento, così come non è volontario il messaggio in codice che a Seul trasmetterà a una compagna/spia, pensando di aver solo riportato alla ragazza le ultime parole del padre moribondo. Una poesia, come la definirà lo stesso Nam agli agenti che lo stanno trattenendo nel Sud, con la speranza di poterlo additare come spia, per poi costringerlo a redimersi e a tradire il Nord, per poterlo quindi utilizzare come arma di propaganda. La stessa propaganda, ça va sans dire, che ha già messo in atto il Nord, accusando di barbarie il governo di Seul e proclamando Nam come eroe del popolo.
In questo bailamme tra il tragico e il ridicolo il pescatore vorrebbe solo essere rilasciato, per potersene tornare con la sua barca a casa, dove lo aspettano la moglie e la figlioletta. Sopra il letto di Nam giganteggia un’immagine raffigurante i leader della Repubblica Popolare Democratica di Corea, Kim Il-sung e Kim Jong-il, a cui il pescatore ha giurato eterna fedeltà. Una fedeltà non priva di naturale sfiducia, la stessa che sembra muovere la regia di Kim Ki-duk, impegnato in una narrazione strutturata in due parti, tra loro speculari e complementari.

A una prima parte (la più lunga e consistente, anche da un punto di vista di senso) che vede Nam catturato come “potenziale spia” nel Sud, interrogato e trattenuto con la violenza – l’unico a mostrarsi compassionevole nei confronti del prigioniero è Oh Jin-woo, la guardia incaricata di non perderlo mai di vista, neanche quando è da solo nella stanza che gli è stata assegnata – fa seguito una seconda parte, dopo il ritorno dell’uomo nella madrepatria, dove l’accoglienza in pompa magna dura meno di un battito di ciglia, sostituita da una nuova prigionia, altrettanto barbarica e insensata.
Il gioco di Kim si fa fin troppo scoperto, con le due Coree messe a confronto evidenziando differenze talmente grandi da provocare le medesime storture. Due sistemi corrotti, in cui non si nutre la minima fiducia verso un popolo sfruttato a proprio uso e consumo, senza più alcuna morale a sorreggere le azioni. Due nazioni che non si reggono più su un’idea, ma solo su un’ideologia difesa con tanta protervia da essere ottusa, idiota, incapace di leggere la verità perché già in partenza detentrice di quella stessa verità. In questa guerra condotta a colpi di propaganda Nam non può che finire schiacciato dall’ingranaggio, pedina sconfitta fin da subito.
Quando un pesce finisce nella rete, dopotutto, non ha alcuna speranza di salvarsi, ed è lo stesso Nam ad ammetterlo, conscio del cul-de-sac in cui è andato a infilarsi. The Net, che Kim mette in scena come se stesse maneggiando un materiale kafkiano, è un film d’idea prima ancora che di contenuto, in cui la forma non può che cedere di fronte alla sostanza. Tutto si fa forse fin troppo semplice, con le sfaccettature della questione ridotte al minimo indispensabile, ma è innegabile la forza della sincerità del regista, così come convincono le interpretazioni di Lee Wong-gun e soprattutto del protagonista, uno splendido Ryoo Seung-bum (gli appassionati di cinema coreano lo ricorderanno in The Berlin File, Arahan e Crying Fist del fratello maggiore Ryoo Seung-wan, ma lo si può ammirare tra gli altri anche in Sympathy for Mr. Vengeance di Park Chan-wook, Doomsday Book di Kim Jee-woon e Yim Pil-sung, e New World di Park Hoon-jun), che dà corpo e voce a Nam, uomo che non si è lasciato obnubilare dall’ideologia nordcoreana ma è riuscito a conservare un’idea. Un’idea socialista, egalitaria, fraterna. Per non lasciarsi corrompere – ma anche per non avere problemi al ritorno in patria – non vuole vedere Seul, la città tentatrice, la città capitalista, la città del benessere apparente. Eppure sarà proprio un giocattolo, un dono per la figlioletta, a contribuire a metterlo nei guai.
Al di là delle “ovvietà” pacifiste (perché un popolo deve essere diviso in due, lacerato fino allo stremo?), The Net coglie nel segno in maniera profonda quando tocca la tematica meno abusata: cosa significa davvero essere “liberi”? Si può chiamare libertà quella di una donna costretta a prostituirsi per non far morire di fame la propria famiglia? Allo stesso modo, come può essere libero un uomo che non ha il permesso neanche di desiderare il possesso? In questo interrogativo si cela il valore reale di The Net, dramma che da un punto di vista estetico si inserisce altrimenti nella fase recente del cinema di Kim, quella che ha fatto seguito al film spartiacque Arirang. Lo sguardo di Kim è tutto in quella frase, in quel “indipendentemente dalla volontà”. Non basta il coraggio o l’idea, in un mondo così martoriato e mostruoso in cui è sufficiente un motore in avaria per distruggere una vita.

Info
The Net sul sito della Biennale.
  • the-net-geumul-2016-kim-ki-duk-01.jpg
  • the-net-geumul-2016-kim-ki-duk-02.jpg
  • the-net-geumul-2016-kim-ki-duk-03.jpg
  • the-net-geumul-2016-kim-ki-duk-04.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2016

    Venezia 2016 - Minuto per minuto...Venezia 2016 – Minuto per minuto

    Dal primo all'ultimo giorno della Mostra di Venezia 2016, tra sale, code, film, colpi di fulmine e ferali delusioni: il consueto appuntamento con il “Minuto per minuto”, cronaca festivaliera dal Lido con aggiornamenti quotidiani, a volte anche notturni o drammaticamente mattinieri...
  • Festival

    Venezia 2016Venezia 2016

    La Mostra del Cinema di Venezia 2016, dalla proiezione di preapertura di Tutti a casa di Comencini al Leone d’oro e alla cerimonia di chiusura: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori...
  • FCAAL 2016

    Stop

    di Presentato al FCAAL 2016, Stop, il nuovo film di Kim Ki-duk, ambientato nel Giappone post-Fukushima. Lo sguardo del regista sudcoreano su quel grande disastro diventa occasione di riflessione sui suoi temi, dalla violenza alla sopraffazione. Ma Kim Ki-duk appare sempre più fiacco dietro la macchina da presa.
  • Venezia 2014

    One on One

    di Torna al Lido, questa volta nelle Giornate degli Autori, Kim Ki-duk, per raccontare una storia di violenza, vendetta e critica sociale. In modo a dir poco confusionario.
  • Venezia 2013

    Moebius

    di Una donna, consumata dall'odio nei confronti del marito per le sue continue infedeltà, vorrebbe vendicarsi su di lui, ma finisce per punire l'incolpevole figlio adolescente, evirandolo...
  • AltreVisioni

    New World

    di L'opera seconda di Park Hoon-jung, già sceneggiatore di I Saw the Devil e The Unjust, è un film di chiaroscuri, di sfumature, in cui legalità e illegalità si fondono e confondono. Presentato al Far East di Udine.
  • AltreVisioni

    The Berlin File

    di L'altalenante Ryo Seung-wan firma una delle sue opere più convincenti, spy thriller teso e privo di compromessi. Presentato al Far East nel 2013.
  • AltreVisioni

    ArirangArirang

    di Sparito dai palcoscenici internazionali, Kim Ki-duk torna con una produzione a bassissimo costo, girata in digitale, con una grammatica cinematografica basilare e mezzi tecnici quasi di fortuna. Presentato al Festival di Cannes 2011.
  • Ca' Foscari Short

    I Saw It

    di I Saw It del sudcoreano Jeong Hae-seong è un revenge movie che sprofonda negli abissi di abiezione di Seul, dove la violenza può esplodere in ogni momento, la polizia ha perso qualsiasi residuo di "utilità" e l'unico modo di sopravvivere è sopraffare il prossimo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento