Los nadie

Los nadie

di

Una sinfonia urbana di volti, corpi, tatuaggi e sudore, un po’ selvatica e molto punk. Con Los Nadie Juan Sebastián Mesa porta alla Settimana Internazionale della Critica, vincendo il premio del pubblico, tenerezze e ruvidezze della gioventù colombiana contemporanea, per un inno ai sogni giovanili e alla libertà.

Dimentichiamoci questa città

Camilo, Mechas, Manu, Ana e Pipa sono cinque amici che vivono quella fase incerta di irrequietezza intensa, stupore, tenerezza inespressa e rabbia manifesta che è tipica della fine dell’adolescenza. Sopravvivono ai confini di una città, Medellin, che al contempo li attrae e li esclude, li attira con le sue promesse ma li respinge con ostilità. Nonostante tutto, desiderano abbracciare la città e lottare contro le sue logiche di paura. Musica, street art e amicizia sono le loro armi di resistenza nella speranza di un rito di passaggio che li sappia trasformare in qualcuno di diverso. [sinossi]

Amicizia, tatuaggi, graffiti, giocoleria, musica a tutto volume, totale entropia perpetua e vigorosa. Con Los nadie Juan Sebastián Mesa fa deflagrare sullo schermo umori, brama di futuro e libertà della gioventù colombiana odierna. Presentato alla Settimana Internazionale della Critica di Venezia 2016, Los nadie (The Nobodies è il titolo internazionale) è girato in un ruvido bianco e nero e accompagnato, quasi fosse un teen-musical punk, dalle musiche coriacee e dalle liriche spavaldamente anticapitaliste della band degli O.D.I.O.

L’esordio del regista colombiano è un percorso urbano a ridosso dei suoi giovani personaggi, penetra all’interno delle loro camere da letto disordinate, li segue nel peregrinare diurno e notturno. Protagonisti sono un gruppo di ragazzi accomunati dalla destrezza nella giocoleria – che praticano ai semafori della caotica città di Medellín – ma, soprattutto, dal desiderio di fuga verso un altrove che, come spesso avviene sul grande schermo, è identificato in un “Sud” dal sentore quasi mitologico, edenico, che sia riconoscibile nell’esotismo archeologico di Machu Picchu o nei vasti spazi dell’Argentina poco importa. Con freschezza di sguardo e sincera affezione per i suoi personaggi (davvero ottimo il lavoro svolto con gli attori, tutti di grande naturalezza), Juan Sebàstain Mesa tratteggia, in questo suo promettente esordio, la sua galleria di ritratti. C’è un giovane tatuatore e chitarrista, la sua fidanzata tenera e ribelle, poi l’amica universitaria, due compagni di giocoleria da strada, c’è chi suona e chi fa graffiti. Tutti sono alla ricerca di un’identità e della maniera migliore per esprimerla al mondo. E tutti progettano un viaggio, geografico, certo, ma anche spirituale, un sentiero percorribile verso l’età adulta.

La macchina da presa sempre mobile e attenta del regista si sofferma sui dettagli, il montaggio rapido cuce insieme i frammenti di questo universo urbano con eleganza, qualche ralenti celebra la gloria (im)peritura di un’età incerta ed esaltante. Ogni singolo elemento, accuratamente selezionato, contribuisce a comporre una sinfonia umana e urbana che serba il sentore del romanticismo decadente di Leos Carax, dell’attaccamento quasi epidermico ai personaggi di John Cassavetes. Tra clavette, diabolo e trapezi sospesi a mezz’aria, la metafora dell’equilibrio precario che regge le vite dei nostri protagonisti si fa strada in maniera evidente, ma mai invasiva né didascalica. Le loro vite sono certo in bilico tra infanzia ed età adulta, ma la loro precarietà è anche acuita da un’amministrazione urbana lasciata al potere locale delle gang, la cui presenza è segnalata attraverso gli echi degli spari che i nostri protagonisti odono più volte in lontananza, preludio all’imminente incarnazione di una minaccia che è quasi un bordone costante e un contrappunto severo ai sogni di libertà e autoaffermazione. Crescere d’altronde non è facile, né qui né altrove, ma l’importante è intraprendere il viaggio.

Info
La scheda de Los nadie sul sito della SIC.
  • los-nadie-2016-juan-sebastian-mesa-06.jpg
  • los-nadie-2016-juan-sebastian-mesa-05.jpg
  • los-nadie-2016-juan-sebastian-mesa-04.jpg
  • los-nadie-2016-juan-sebastian-mesa-03.jpg
  • los-nadie-2016-juan-sebastian-mesa-02.jpg
  • los-nadie-2016-juan-sebastian-mesa-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Venezia 2016Venezia 2016

    La Mostra del Cinema di Venezia 2016, dalla proiezione di preapertura di Tutti a casa di Comencini al Leone d’oro e alla cerimonia di chiusura: film, interviste, premi, il Concorso, Orizzonti, la Settimana della Critica, le Giornate degli Autori...
  • Venezia 2016

    Venezia 2016 – Presentazione

    Presentato a Roma il programma ufficiale di Venezia 2016, settantatreesima edizione della Mostra, la quinta dopo il ritorno di Alberto Barbera in veste di direttore artistico.
  • Venezia 2016

    Settimana-della-Critica-2016-PresentazioneSettimana della Critica 2016 – Presentazione

    Dopo l'edizione del trentennale si riparte da Giona Nazzaro, nuovo delegato generale, e da un gruppo di esordi anarcoidi e furiosi. Il resoconto della presentazione della Settimana della Critica 2016, svoltasi come da tradizione a Roma.
  • Festival

    settimana-della-critica-2016Settimana della Critica 2016

    Dopo l'edizione del trentennale si riparte da Giona Nazzaro, nuovo delegato generale, e da un gruppo di esordi anarcoidi e furiosi. La Settimana della Critica 2016, dal 31 agosto al 10 settembre.
  • Venezia 2016

    Los Nadie vince la Settimana Internazionale della Critica

    Va a Los Nadie di Juan Sebastián Mesa il premio del pubblico della Settimana Internazionale della Critica 2016. Un film che mette in scena tenerezze e ruvidezze della gioventù colombiana contemporanea, per un inno ai sogni giovanili e alla libertà.
  • Venezia 2016

    Intervista a Juan Sebastián Mesa

    Per parlare del suo film e della situazione cinematografica e politica della Colombia abbiamo incontrato Juan Sebastián Mesa, vincitore della Settimana Internazionale della Critica con Los nadie, opera prima del regista colombiano.
  • Venezia 2016

    Intervista a Giona A. Nazzaro

    Al termine dei lavori della Settimana Internazionale della Critica abbiamo intervistato il delegato generale Giona A. Nazzaro, con il quale abbiamo parlato di cinema, democrazia, Rossellini e molto altro… All’intervista ha partecipato con alcuni interventi anche uno dei membri del comitato di selezione, Beatrice Fiorentino.
  • Venezia 2017

    Settimana della Critica 2017 – Presentazione

    Nella cornice della Casa del Cinema a Roma è stato presentato alla stampa il programma della Settimana della Critica 2017, seconda edizione sotto l'egida di Giona Nazzaro, delegato generale. Nove giorni tra sperimentazione, depistaggio e narrazione del reale.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento