Richard Linklater – Dream is Destiny

Richard Linklater – Dream is Destiny

di ,

Un documentario su Richard Linklater che affronta l’intera carriera del regista statunitense, dagli esordi con Slacker fino a Tutti vogliono qualcosa. Didattico e televisivo, nonostante l’affascinante polifonia di voci.

Indipendente a ogni costo

Il film traccia il percorso artistico di uno dei registi americani più innovativi e indipendenti: Richard Linklater. Originario di Houston, Linklater ha sempre preferito restare al di fuori del sistema hollywoodiano e, ancor prima di Boyhood, decide di non lasciare il Texas e di restare a Austin per girare film a basso budget con piccole produzioni locali. La sua capacità di raccontare storie di vita in maniera così onesta e veritiera ha inevitabilmente attirato l’attenzione su di lui e sul suo talento e la calda accoglienza riservata in importanti festival internazionali lo ha portato a essere riconosciuto come uno dei migliori registi contemporanei… [sinossi]

Chi è Richard Linklater, e perché si è parlato così tanto di lui solo ed esclusivamente all’epoca della promozione di Boyhood, con il quale portò a casa premi alla Berlinale e ai Golden Globe, ma mancò l’appuntamento con l’Oscar? La domanda potrebbe apparire banale, ma in realtà nasconde un piccolo ma coriaceo misfatto critico (e produttivo) perpetrato fin dagli esordi del regista nativo di Houston. Quando nel corso degli anni Novanta si gridava al miracolo per la supposta “rivoluzione indie”, microcosmo all’apparenza off-hollywoodiano che servì invece in gran parte alle major per accalappiare nuove fasce di pubblico, alcuni registi, quelli più fieramente distanti dalle regole del mercato, rimanevano in seconda linea, o venivano bellamente ignorati tanto in patria quanto nel resto del mondo. Fu così, con le dovute eccezioni, per Todd Solondz, il primissimo Darren Aronofsky (quello di Π), l’Amir Naderi newyorchese, Craig Baldwin, figli e fratellini dei vari Jim Jarmusch, John Sayles, John Waters, George Armitage, Jon Jost e chi più ne ha più ne metta. In questa cerchia di cineasti rientra anche Richard Linklater, probabilmente anche per una questione meramente geografica. Mentre gli americani indipendenti prendevano d’assalto Los Angeles o New York, epicentri consolidati della produzione cinematografica, Linklater decideva di rimanere a vivere ad Austin, capitale politica e culturale del Texas. Niente trasferta in California o davanti alla Statua della Libertà per Linklater, neanche dopo il (pur sotterraneo) successo ottenuto con Slacker, secondo lungometraggio autoprodotto dopo il quasi completamente sconosciuto, ma non poco affascinante, It’s Impossible to Learn to Plow by Reading Books, diretto in beata solitudine tra il 1987 e il 1988, con il regista impegnato non solo dietro e davanti alla macchina da presa – il film fu girato in super-8 –, ma anche alla fonica, come ricorda uno degli intervistati nel corso del documentario Richard Linklater – Dream is Destiny, diretto a quattro mani da Karen Bernstein e Louis Black e presentato alla Festa del Cinema di Roma prima di una breve sortita in sala prevista a fine ottobre con la Wanted.

Sì, “dream is destiny”, come il primo capitolo su cui si apre Waking Life, summa del pensiero umanista, filosofico e anche cinematografico di Linklater, che passò incompreso e inosservato in concorso alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia nel 2001, mentre al Lido (in una sezione non competitiva) faceva la sua apparizione anche il minuscolo gioiello Tape, prodotto dal progetto InDigEnt, in quegli anni molto attiva, come dimostrano le realizzazioni di Pieces of April di Peter Hedges, Lonesome Jim di Steve Buscemi, Land of Plenty di Wim Wenders e Chelsea Walls di Ethan Hawke. Proprio Hawke, storico sodale di Linklater, è una delle persone scelte per essere intervistate nel documentario di Bernstein e Black: il tentativo, dichiarato fin dalle prime battute, è quello di tracciare un ritratto del regista facendo ricorso a testimonianze ex-novo (tra le quali un’intervista allo stesso Richard Linklater), materiale di repertorio e affidandosi alla cronologia data dalla sua filmografia, che copre oramai trent’anni di vita.
Se Richard Linklater – Dream is Destiny riesce a staccarsi, almeno in parte, dalla piatta realizzazione di un documentario biografico che potrebbe assomigliare in tutto e per tutto a un extra di un dvd è solo grazie alla capacità dell’autore di Dazed and Confused, Suburbia (episodio artistico completamente dimenticato dal documentario, caso unico: difficile che si tratti di una dimenticanza, ma altrettanto arduo comprendere le dinamiche di una simile scelta), Fast Food Nation e Tutti vogliono qualcosa, di raccontare se stesso, i motivi delle sue decisioni artistiche e la prassi che guida quotidianamente il suo sguardo. L’umanità di Linklater è fatta di amori letterari russi (Dostoevskij e Tolstoj su tutti), immersioni nel silenzio della natura, una sfrenata passione per il baseball e la certezza indistruttibile che, tenendosi a debita distanza da Hollywood, magari non si arricchirà ma potrà esprimere tutto quello che vuole senza dover cedere a nessun tipo di compromesso. Puntellato dalle dichiarazioni di colleghi, amici e parenti, Richard Linklater – Dream is Destiny sviluppa il proprio potenziale solo quando a esprimersi è il protagonista assoluto della vicenda, o grazie al materiale d’archivio che permette di cogliere lo spirito di una vera rivoluzione indipendente, lontana dagli studios non solo per via dei chilometri di distanza, ma anche per una concezione del lavoro di gruppo, della costruzione del set e della narrazione. Per questo, con ogni probabilità, i due registi si concentrano soprattutto su Slacker, che rappresentò nel 1991 un punto di svolta all’interno delle asfittiche strutture del cinema americano, perfino quello indie, e Boyhood, che con il suo bizzarro sviluppo produttivo lungo dodici anni è a sua volta un unicum nell’intera storia della settima arte statunitense.

Utile per un primo contatto con Linklater e la sua poetica, Richard Linklater – Dream is Destiny non riesce e forse non può entrare però maggiormente in profondità. Per gli appassionati del regista, il consiglio è allora quello di andare a recuperare l’ammaliante Double Play: James Benning and Richard Linklater, visto tre anni fa a Venezia e nel quale Gabe Klinger fa dialogare e discutere Linklater con uno dei massimi sperimentatori a stelle e strisce, trovando connessioni e punti di contatto insperati e all’apparenza quasi impossibili da pronosticare. Perché Linklater è stata ed è una delle voci più libere del cinema statunitense, e sarebbe davvero un peccato continuare a non coglierne l’unicità, fieramente texana – ma senza alcuna deriva reazionaria o conservatrice –, e l’importanza.

Info
Richard Linklater – Dream is Destiny, il trailer.
Una lunga intervista a Richard Linklater.
  • richard-linklater-dream-is-destiny-2016-01.jpg
  • richard-linklater-dream-is-destiny-2016-02.jpg
  • richard-linklater-dream-is-destiny-2016-03.jpg
  • richard-linklater-dream-is-destiny-2016-04.jpg
  • richard-linklater-dream-is-destiny-2016-05.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    roma-2016Roma 2016

    Torna la kermesse diretta per il secondo anno da Antonio Monda, tra anteprime, retrospettive, documentari, animazione e il consueto "festival nel festival" di Alice nella città.
  • Archivio

    tutti-vogliono-qualcosaTutti vogliono qualcosa

    di Il nuovo film di Richard Linklater torna una volta di più sull'adolescenza, sul passato, su un'età dell'oro che non è mai esistita, se non nel sogno. E forse nemmeno lì.
  • Cult

    La vita è un sogno

    di Il film che nel 1993 consacra (negli Stati Uniti) Richard Linklater come uno dei registi più interessanti del "giovane" cinema hollywoodiano si conferma, a ventitré anni di distanza, uno dei migliori teen-movie degli ultimi decenni.
  • Archivio

    Boyhood RecensioneBoyhood

    di Il cinema di Richard Linklater tocca uno dei suoi vertici artistici. Un coming-of-age tenero e illuminante, la visione più esaltante della Berlinale 2014, finalmente anche nelle sale italiane.
  • Torino 2013

    computer chess,torino film festival,andrew bujalskiComputer Chess

    di Ambientato all'inizio degli anni '80, il film di Andrew Bujalski - figura poco nota da noi, ma esponente cruciale del nuovo cinema americano di stanza ad Austin - è una riflessione divertita e filosofica sulla commistione uomo-scienza con al centro il gioco degli scacchi.
  • Venezia 2013

    Double Play: James Benning and Richard Linklater

    di Chiacchiere tra cineasti: Gabe Klinger riprende gli incontri tra Benning e Linklater. Presentato a Venezia 70 nella sezione Venezia Classici.
  • Archivio

    Before Midnight RecensioneBefore Midnight

    di In Before Midnight ritroviamo Jesse e Céline nove anni dopo il loro rendez-vous parigino, e diciotto anni dopo il primo incontro a Vienna. Sono rimasti insieme e stanno trascorrendo una vacanza in Grecia con le loro figlie...
  • Archivio

    Fast Food Nation

    di Partendo da un best-seller letterario Richard Linklater racconta in Fast Food Nation l'universo capitalista delle catene alimentari. Tra documentario e fiction, un'opera coraggiosa e sottostimata.
  • Archivio

    Before Sunset – Prima del tramonto

    di In Before Sunset Richard Linklater torna a far vivere sullo schermo i personaggi di Celine e Jesse, a nove anni di distanza da Prima dell'alba. Nel ruolo dei protagonisti, ovviamente, Julie Delpy ed Ethan Hawke.
  • Archivio

    School of Rock RecensioneSchool of Rock

    di Dewey Finn è uno squattrinato musicista privo di successo che sogna di diventare un dio del rock. Un giorno, fingendosi il suo coinquilino, ottiene un posto da supplente in una delle più rigide, rinomate e ricche scuole elementari della sua città...
  • Torino 2016

    Porto

    di Il critico e cineasta Gabe Klinger firma una storia d'amore minimale, ambientata in una Porto notturna. Ultimo film interpretato da Anton Yelchin. In concorso al Torino Film Festival.
  • Archivio

    17 anni (e come uscirne vivi) Recensione17 anni (e come uscirne vivi)

    di Con ritmo brillante, l'esordiente Kelly Fremon Craig tira i fili di quella solitudine da corridoio scolastico che ha attanagliato e a volte inghiottito ragazzi e ragazze. L'eterno ritorno dei teen movie. Ottima Hailee Steinfeld.
  • Roma 2017

    Last Flag Flying

    di Last Flag Flying permette a Richard Linklater di aggiungere un tassello alla sua radiografia dell'America sperduta, sconfitta e sempre più fuori dal sistema; un viaggio tragico ma non privo di mesta ironia attraverso un paese che passa di guerra in guerra, mandando a morire i suoi figli.
  • Buone feste!

    Waking Life

    di Waking Life di Richard Linklater fu accolto nel 2001 con un percepibile scetticismo da stampa e addetti ai lavori alla Mostra di Venezia. È ora di porre rimedio, per cercare di comprendere un'operazione artistica e concettuale di rara ambizione. Un'opera/sogno che spezza logiche produttive, e non solo.
  • In sala

    Ci vuole un fisico RecensioneCi vuole un fisico

    di Commedia romantica un po' esile, ma sincera, con protagonisti due post-adolescenti in cerca di amore e autostima, Ci vuole un fisico di Alessandro Tamburini poggia tutto sull'alchimia dei suoi protagonisti: lo stesso Tamburini e Anna Ferraioli Ravel.
  • Cult

    slacker recensioneSlacker

    di Slacker non è solo il titolo che all'inizio degli anni Novanta rese celebre, almeno negli Stati Uniti d'America, il nome di Richard Linklater, ma è anche l'opera più cristallina del panorama indie di quegli anni. Una radiografia di un paese, del Texas e di un'intera generazione.
  • Buone feste!

    suburbia recensioneSuburbia

    di Tratto da una pièce di Eric Bogosian, Suburbia è il quinto lungometraggio da regista di Richard Linklater. Uno sguardo disilluso e partecipe sui destini della cosiddetta "generazione X", mandata al macello all'estero come in patria.
  • In sala

    Che fine ha fatto Bernadette? recensioneChe fine ha fatto Bernadette?

    di Che fine ha fatto Bernadette?, il ventesimo lungometraggio di Richard Linklater, è stato accolto negli Stati Uniti come un flop (con conseguenti pessimi incassi). In realtà appare come un doveroso tassello nella ramificata filmografia di uno dei più completi autori dell'ultimo trentennio.
  • Buone feste!

    It's Impossible to Learn to Plow by Reading Books recensioneIt’s Impossible to Learn to Plow by Reading Books

    di It's Impossible to Learn to Plow by Reading Books è il primo lungometraggio di Richard Linklater. Un esperimento che ricorrendo al minimalismo rifugge qualsiasi sviluppo narrativo canonico, dimostrando al di là del pauperismo produttivo la voglia del cineasta di raccontare il suo Paese.
  • Cult

    me and orson welles recensioneMe and Orson Welles

    di Prendendo ispirazione dal romanzo omonimo di Robert Kaplow, Richard Linklater firma con Me and Orson Welles una regia più opaca del solito, per quanto non manchi una naturalezza espressiva nel tentativo di cogliere la magnificenza della figura di Welles.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento