Doctor Strange

Doctor Strange

di

Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l’immaginario spettatoriale e tutti i media possibili. La regia di Derrickson si mette a servizio della trionfante fiumana di pixel, sovrastruttura abbacinante che non riesce però a compensare i limiti della sceneggiatura e della standardizzante filosofia produttiva marveliana.

Tra Corvo e Ciclope

La vita del neurochirurgo di fama mondiale Stephen Strange cambia per sempre dopo che un terribile incidente automobilistico lo priva dell’uso delle mani. Quando la medicina tradizionale si dimostra incapace di guarirlo, Strange è costretto a cercare una cura in un luogo inaspettato: una misteriosa enclave nota come Kamar-Taj. Scoprirà che non si tratta soltanto di un luogo di guarigione, ma della prima linea di una battaglia contro invisibili forze oscure decise a distruggere la nostra realtà. Presto Strange imparerà a padroneggiare la magia e sarà costretto a scegliere se fare ritorno alla sua vita agiata o abbandonare tutto per difendere il mondo e diventare il più potente stregone vivente… [sinossi]

Le classifiche tornano spesso utili. Prendiamo quella di IGN sui supereroi cartacei a stelle e strisce: Doctor Strange si piazza in trentottesima posizione, tra il Corvo e Ciclope. Non male, anche se non è una prima donna dell’immaginario dei cinecomic e affini. E questo segna un primo punto a favore del Marvel Cinematic Universe, franchise potenzialmente infinito (?) che poggia le proprie solidissime fondamenta su una serialità programmata, mutuata dal piccolo schermo e abilmente perfezionata. Non sembra esserci spazio nella serialità da grande schermo del MCU per salti dello squalo o sindromi di Cunningham. Ma nemmeno per la sindrome di Fonzie. I nuovi supereroi, da Doctor Strange a Pantera Nera, sono infatti tasselli inseriti con estrema cura in un mosaico dai riflessi dorati. Riflessi spesso abbaglianti, visivamente seducenti. E ingannevoli.

Un primo punto a sfavore del Marvel Cinematic Universe. Recuperiamo alcune tavole dello Stregone Supremo di Steve Ditko, in una sorta di viaggio a ritroso nel tempo, tra evoluzioni grafiche e cromatiche, aggiustamenti e ripensamenti del character design e via discorrendo. Non possiamo parlare di libertà creativa, ma quantomeno di salutari rielaborazioni, di differenze di un universo immaginifico comune ma non così ligio alle regole. Alla regola del MCU. Un unismo sui generis che solo James Gunn e Guardiani della Galassia sembrano aver declinato a loro favore. Perché, in fin dei conti, nonostante le caleidoscopiche suggestioni escheriane e le deformazioni à la Dalí, Doctor Strange è una pellicola castrata dalla necessità marveliana di far quadrare il cerchio, di far combaciare il mantello dello stregone col martello di Thor, di servire allo spettatore una pietanza dal gusto immediatamente riconoscibile. La Marvel ci propone una sorta di color correction globale, un mondo (ma anche uno Spazio e un Universo) dai contorni e cromatismi che rispondono prima al franchise e solo in seconda battuta al potere dello Stregone Supremo.

Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l’immaginario spettatoriale e tutti i media possibili. La regia di Derrickson si mette a servizio della trionfante fiumana di pixel, sovrastruttura abbacinante che non riesce però a compensare i limiti della sceneggiatura e della standardizzante filosofia produttiva marveliana. Doctor Strange, in un certo senso, non è poi così distante dal televisivo Dr. Strange, progetto fallimentare datato 1978: entrambi pilot, episodi introduttivi, incompleti, purtroppo frettolosi. Lo scrip di Jon Spaihts, C. Robert Cargill e Derrickson non lascia decantare situazioni e personaggi, spreca malamente il villain affidato a Mads Mikkelsen, si accontenta di seguire sentieri già battuti più e più volte (dall’addestramento in poi).
Svuotato il pur capiente boccale di birra, permane un retrogusto amarognolo. Splendente, ma troppo schematico, divertente a comando, Doctor Strange sembra rinunciare a gran parte delle proprie potenzialità visive e narrative in nome di un fine ultimo (Avengers: Infinity War e oltre…) che rischia però di essere troppo affollato – la mente corre ad Avengers: Age of Ultron.
Godibile, con un utile 3D, produttivamente impeccabile, sorretto da miliardi di pixel ma anche da un cast scelto con raziocinio. Poi la musica finisce, il logo Marvel sfuma e Doctor Strange scivola via, in attesa dei prossimi (super)eroi e delle prossime avventure. In James Gunn We Trust.

Info
Il trailer italiano di Doctor Strange.
Doctor Strange su facebook.
Il sito ufficiale di Doctor Strange.
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-01.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-02.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-03.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-04.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-05.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-06.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-07.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-08.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-09.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-10.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-11.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-12.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-13.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-14.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-15.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-16.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-17.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-18.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-19.jpg
  • Doctor-Strange-2016-Scott-Derrickson-20.jpg

Articoli correlati

  • Roma 2016

    Max Steel

    di Ispirato a una nota serie di action figures, Max Steel di Steward Hendler rappresenta un intrattenimento privo di pretese, che soffre il suo adagiarsi (in modo semplificato) su tutti i topoi del genere supereroistico.
  • In sala

    Suicide Squad

    di Tutto costruito sugli icastici ammiccamenti dei suoi folli personaggi, Suicide Squad è un cinecomic fracassone molto rock, ma il suo è un rock bambino.
  • In sala

    Captain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • Archivio

    Batman-v-Superman-Dawn-of-JusticeBatman v Superman: Dawn of Justice

    di Snyder contrappone i cromatismi e la tutina di Superman alla pesante e ultra-tecnologica armatura di Batman. La fatica e il dolore di Wayne agli inarrivabili poteri kryptoniani. Una sfida impari tra umano e divino, tra chi risale a fatica dall'Inferno e chi è sceso da un ipotetico Paradiso.
  • Archivio

    Deadpool

    di Nel suo approdo sullo schermo, l'antieroe Marvel non tradisce le sue caratteristiche di base: ma il Deadpool cinematografico si affida troppo, in modo quasi esclusivo, ai tratti autoironici e politically incorrect del soggetto.
  • Archivio

    Ant-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    Guardiani della Galassia

    di L’anteprima al Festival di Roma, l’uscita in seicento copie, l’imponente battage pubblicitario: arriva anche nel Bel Paese Guardiani della Galassia, blockbuster targato Marvel, impreziosito dalla scrittura e dalla regia di James Gunn.
  • Archivio

    X-Men: Giorni di un futuro passato

    di Terzo capitolo sugli X-Men diretto da Bryan Singer: un contorto e sostanzialmente riuscito gioco autocitazionista, un sequel di prequel spezzato in due tra il passato (gli anni '70) e il futuro (l'apocalisse).
  • Archivio

    The Amazing Spider-Man 2: Il Potere di Electro

    di Il secondo capitolo della nuova saga dell'Uomo Ragno poggia le proprie fondamenta sulla moltiplicazione delle sequenze spettacolari, sull'impatto visivo. Divertente ma nulla più.
  • Archivio

    Captain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    Thor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    L’uomo d’acciaio

    di Kal-El, giunto sulla Terra da bambino, nasconde la propria identità e i suoi incredibili superpoteri dietro i panni un po' goffi del giovane giornalista Clark Kent...
  • Archivio

    Iron Man 3

    di In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.
  • Archivio

    Il cavaliere oscuro – Il ritorno

    di Sono trascorsi otto anni da quando Batman è svanito nella notte, trasformandosi da eroe a fuggitivo. Prendendosi la colpa della morte del procuratore Dent, il Cavaliere oscuro ha sacrificato tutto ciò per cui che lui e il Commissario Gordon avevano lavorato...
  • Archivio

    The Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Archivio

    Lanterna-VerdeLanterna verde

    di In un universo tanto vasto quanto misterioso, esiste da secoli una élite di forze potenti. Si chiama il Corpo delle Lanterne Verdi. Il suo compito è di proteggere la pace e la giustizia nel cosmo. I suoi membri sono guerrieri che hanno giurato di mantenere l'ordine intergalattico...
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Archivio

    X-Men: L’inizio

    di Film di personaggi, prima ancora che di effetti speciali e scontri coreografici, X-Men: L'inizio è un buon esempio di blockbuster che cerca di offrire puro intrattenimento e momenti di riflessione.
  • Archivio

    Thor

    di Il selvaggio guerriero Thor viene inviato sulla Terra sotto mentite spoglie a causa del suo carattere ribelle. Qui apprenderà il significato del vero eroismo quando dovrà proteggere il pianeta dal feroce nemico Loki...
  • Archivio

    Kick-Ass

    di Arriva nelle sale italiane con un certo ritardo l'ottimo Kick-Ass, sorprendente punto d'incontro tra superhero movie e teen movie, ispirato all'omonimo fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da John Romita Jr...
  • Archivio

    The Green Hornet

    di Progetto dalla natura squisitamente ludica, The Green Hornet strappa più di una risata ma appare quasi completamente privo del consueto genio creativo di Michel Gondry.
  • Archivio

    X-Men – Le origini: Wolverine

    di Prequel e parziale spin-off della saga degli X-Men, questo capitolo Marvel interamente dedicato a Wolverine fa luce sul passato del personaggio interpretato da Hugh Jackman.
  • Archivio

    Watchmen

    di Avventuroso, misterioso e complesso, Watchmen è ambientato in una realtà alternativa del 1985, in America, dove un gruppo di supereroi in costume è parte integrante della realtà sociale quotidiana...
  • Archivio

    The Spirit

    di Denny Colt è un poliziotto assassinato che rinasce misteriosamente nei panni di Spirit, eroe mascherato che combatte la criminalità. Determinato a mantenere al sicuro la sua amata Central City, Spirit insegue i cattivi nell'oscurità e cerca di arrestare il peggiore di tutti, Octopus...
  • Archivio

    Il cavaliere oscuro

    di Un film che rappresenta uno dei connubi più riusciti negli ultimi anni tra spirito autoriale ed esigenze mainstream, capace di evitare compromessi sia con l'aspetto più direttamente introspettivo della vicenda che con quello spettacolare...
  • Archivio

    Hellboy-The-Golden-ArmyHellboy: The Golden Army

    di Con la rottura di un’antica tregua tra l’umanità e i figli originari della Terra, sta per scatenarsi un putiferio. L’anarchico Principe degli inferi Nuada si è stancato di secoli di rispetto e ubbidienza verso il genere umano. Solo Hellboy può fermare il tenebroso sovrano e salvare il mondo...
  • Archivio

    Iron Man

    di Regia anodina ma un protagonista di tutto rispetto caratterizzano la prima sortita sul grande schermo dell'eroe Marvel dall'armatura cromata, e dalle implicazioni etiche non da poco.
  • Archivio

    L’incredibile Hulk

    di Con la regia di Louis Leterrier ed Edward Norton nel ruolo del protagonista, torna il mutante verde della Marvel e questa volta è proprio “incredibile”.
  • In Sala

    Logan – The Wolverine

    di Mangold costruisce una realtà parallela, futuribile, assai distante dai colori sgargianti e dalle spacconate del Marvel Cinematic Universe. Polvere, sangue, carne e sofferenza: l'ultima avventura di Logan è una ballata dolente.
  • In Sala

    Guardiani della Galassia Vol. 2

    di Gunn affronta di petto la questione sequel e trova ancora una volta il giusto equilibrio tra le necessità hollywoodiane e la libertà creativa, tra comicità guascona e dramma eroico, tra fantasy/fantascienza e i nostalgici e citazionisti riferimenti agli anni Ottanta.
  • In sala

    Spider-Man: Homecoming

    di Divertente, leggiadro, impreziosito da un cast selezionato con chirurgica precisione, Spider-Man: Homecoming non riesce a replicare i fasti dei primi anni Duemila, mostrando tutti i limiti della medietas marveliana...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento