L’altro volto della speranza

L’altro volto della speranza

di

Presentato in concorso alla Berlinale il nuovo lavoro di Aki Kaurismäki, L’altro volto della speranza, dedicato a Peter von Bagh. Nella poetica del regista finlandese, tra colori pastello e musica country, e nel suo umanesimo, la storia di un rifugiato siriano e una satira di una società che vede le culture diverse solo come cibo etnico.

Restiamo umani

Due storie che si incrociano. Quella di Khaled, un rifugiato siriano che arriva di nascosto in una nave che porta carbone e chiede asilo senza successo. E quella di Wikström, un venditore all’ingrosso di camicie che, dopo una giocata a poker, decide di cambiare vita e aprire un ristorante. Wikström incontra Khaled, ora clandestino, che dorme dietro il locale. Gli offre cibo, alloggio e un lavoro. E decide di sfruttare il suo aspetto di straniero per convertire il locale in ristorante etnico. [sinossi]

Aki Kaurismäki ci aveva lasciato con un porto, quello di Le Havre, e ora in questo suo nuovo film, L’altro volto della speranza – in concorso alla Berlinale e dedicato alla memoria di Peter von Bagh, e dove ritroviamo in un ruolo cameo la musa del regista Kati Outinen – ci trasporta in un altro porto, quello di Helsinki, ancora un crocevia di persone, merci, culture, esistenze in fuga. L’immagine portuale che apre il film è il richiamo al film precedente, di cui questo vuole essere l’ideale proseguimento, perché l’umanesimo che permea la sensibilità del cineasta finlandese non può non tornare alla grave emergenza europea dei profughi, degli immigrati in fuga da catastrofi umanitarie.

Un mondo lento virato di colori pastello, quello della Finlandia ritratta da Kaurismäki, un cinema che respira come cinema muto e in bianco e nero, pur non essendolo. Dove passano parecchi minuti prima che venga pronunciata la prima parola, dove l’equivalente dell’iris, della luce che circoscrive dettagli nel muto, è l’aurea sgargiante in un contesto grigio attorno alla moglie di Wikström, con i bigodini e un grande cactus in vaso davanti. Oppure il fiore giallo sul tavolino che mette in simmetria i due personaggi seduti. I colori che tornano nei vestiti rutilanti delle immigrate e dei loro cibi che ancora contrastano con la cupezza nordica. O nella tinta scura con cui si presenta Khaled, risultato dell’emergere dal deposito di carbone, giocando così sui colori della pelle e sul razzismo, e riferendosi ancora al film precedente. Khaled tornerà bianco dopo una semplice doccia ma gli atti di razzismo nei suoi confronti non cesseranno. Le dinamiche da cinema muto tornano nella partita a poker, tutta giocata sugli sguardi dei partecipanti, che tutto dicono anche senza una parola. Un mondo surreale alla Jacques Tati, un mondo popolato di persone dallo sguardo spento, che procede con lentezza, che sembra d’altri tempi. E così l’impiegato della questura redige il verbale con una macchina da scrivere antidiluviana, schiacciando un tasto per volta, e sulla scrivania ha un altrettanto antiquato telefono a rotella. Ma il film non è ambientato nel passato come potremmo pensare – il tema che tratta è di stretta attualità – e sul tavolo del poliziotto appare in bella vista anche un moderno portatile. Un mondo che palpita di musica rock artigianale, di gruppi che si esibiscono nei locali dove campeggia il ritratto di Jimi Hendrix, o di quella araba suonata con strumenti tradizionali, musica che nel film o è diegetica o comincia come extradiegetica per poi volgere subito, al primo stacco, a inquadrare la band in concerto. Oppure che fuoriesce dal grande e colorato juke box, altro elemento vintage. Un cinema dove la finzione cinematografica, come spesso nell’opera del regista, è dichiarata o suggerita, come nella scena della scazzottata palesemente simulata.

Un’estetica grottesca in cui Kaurismäki dispiega tutto il suo sarcasmo e il suo spirito corrosivo, per raccontare una società dove la burocrazia e la giustizia non riconoscono il dramma che sta avvenendo ad Aleppo, società dove pullulano gruppi neonazisti, dove le culture straniere valgono solo per la moda esotica dei ristornati etnici trendy – su cui l’ironia del regista è massima nel concepire il piatto fusion, il sushi di aringhe sommerso di wasabi – mentre i forestieri vengono cacciati a pedate. Una Finlandia, e aggiungiamo, un’Europa (Khaled è già incappato negli skinhead in Polonia), incapaci ormai di uno sguardo umano.
L’altro volto della speranza, in concorso alla Berlinale, e dedicato allo storico amico del regista, il grande critico Peter von Bagh, segue due esistenze, due parabole umane, che vagano in parallelo, quelle di Wikström e Khaled, che solo dopo un bel po’ nella narrazione, si incrociano. Ma già in una della prime scene, Kaurismäki li mette nella stessa inquadratura: il loro destino li porterà a incontrarsi. Due solitudini, per diversi motivi, come sottolineano nel dirsi di non avere amici. E che, insieme agli altri lavoratori del ristorante, cagnolino compreso, formeranno una di quelle comunità “bastarde”, di marginali tipiche del cinema del regista. Restiamo umani.

Info
Il trailer de L’altro volto della speranza.
  • the-other-side-of-hope-2017-aki-kaurismaki-toivon-tuolla-puolen-01.jpg
  • the-other-side-of-hope-2017-aki-kaurismaki-toivon-tuolla-puolen-02.jpg
  • the-other-side-of-hope-2017-aki-kaurismaki-toivon-tuolla-puolen-03.jpg
  • the-other-side-of-hope-2017-aki-kaurismaki-toivon-tuolla-puolen-04.jpg
  • the-other-side-of-hope-2017-aki-kaurismaki-toivon-tuolla-puolen-05.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2017

    La 67a edizione: si attendono con entusiasmo le prove degli infallibili Kaurismäki e James Gray; ci si sente già coccolati dal cinema immutabile di Hong Sangsoo; si è pronti a rifugiarsi nella dolente spettacolarità di Logan di James Mangold...
  • Festival

    Berlinale 2017 – Presentazione

    Febbraio, inverno, freddo. A volte con neve. È tempo di tornare a Berlino, di immergersi nella marea di film proposti dalla Berlinale 2017, di percorrere in lungo e in largo Potsdamer Platz. Da oggi a domenica 19.
  • Buone feste!

    Leningrad Cowboys Meet Moses

    di Di nuovo i folli musicisti della tundra incontrano Aki Kaurismäki, per un viaggio a ritroso alla (ri)scoperta dell'Europa. Il muro è crollato, o no?
  • Buone feste!

    Leningrad Cowboys Go America

    di Il primo incontro tra la musica dei Leningrad Cowboys e il cinema Aki Kaurismäki è questo folle road-movie che attraversa il mito americano facendosene beffe.
  • Bologna 2015

    Les Mains sales

    di Il Cinema Ritrovato rende omaggio al suo storico direttore, Peter von Bagh, scomparso di recente, iniziando la retrospettiva a lui dedicata (e il festival) con un’opera rara di Aki Kaurismäki, film televisivo tratto da Sartre.
  • AltreVisioni

    Centro histórico

    di , , , Con la firma di quattro grandi registi (Aki Kaurismäki, Pedro Costa, Víctor Erice e Manoel de Oliveira) si delinea in Centro histórico un ritratto multiforme dell'uomo e del suo rapporto con lo scorrere del tempo, con le sue rivoluzioni, le sue conquiste, le sue piccole e grandi battaglie quotidiane.
  • Archivio

    Miracolo a Le Havre

    di Aki Kaurismäki torna in concorso al Festival di Cannes con un melodramma in bilico tra tragedia e fiaba, in attesa di un miracolo forse non poi così impossibile...
  • DVD

    Ariel

    di Con Ariel Aki Kaurismäki nasconde nella rocambolesca storia di un uomo uno spaccato amaro e crudele della crisi economica nella Finlandia capitalista degli anni Ottanta.
  • DVD

    Calamari Union

    di Il secondo lungometraggio diretto da Aki Kaurismäki è anche il primo di una lunga lista di capolavori. In dvd con la Dolmen.
  • Speciali

    Elegia della fuga – Il cinema di Aki Kaurismäki

    Un viaggio nel cinema di Aki Kaurismäki, tra alienati e band stralunate, luci della sera e nuvole in movimento, miracoli e sogni di fughe impossibili nell'est sovietico. Nel tentativo di penetrare la corazza di un autore fondamentale per il cinema europeo dell'ultimo trentennio.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Gli alien(at)i sono tra noi

    I protagonisti dei film di Aki Kaurismäki, alla ricerca di un posto in cui (soprav)vivere, sono perdenti e proletari, eroi del nuovo mondo, chiusi come tutti nella prigione della società. Ma loro, per lo meno, consapevolmente.
  • Saggi

    Elegia della fuga – L’elegia della fuga

    Il tema della fuga acquista fin dagli esordi una centralità assoluta all'interno della poetica di Aki Kaurismäki. Dai Franck alla ricerca dell'eldorado in Calamari Union fino ai Leningrad Cowboys che vanno e tornano dalla terra dei sogni.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Tra New York e Mosca

    Aki Kaurismäki ha spesso messa in scena, contrapponendoli, il mito americano e quello sovietico, tra ipotesi di fughe verso est e il fascino degli oggetti del Capitale.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Leningrad Cowboys Meet Kaurismäki

    Il momento cruciale dell'intera carriera di Aki Kaurismäki, l'incontro con i Leningrad Cowboys, la peggiore band del pianeta, persa tra standard statunitensi e cori russi.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Rock the Tundra

    Il rock, nel cinema di Aki Kaurismäki, si muove sottopelle, attraversando l'intera filmografia del regista finlandese e penetrando in profondità, là dove è difficile fermarsi davvero ad ascoltare. Un percorso amoroso e vitale, che acquista un senso culturale forte, e dunque inevitabilmente politico.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Matti e i suoi fratelli

    Aki Kaurismäki non è "solo" un grande autore del cinema europeo contemporaneo; nel corso della sua carriera ha avuto la capacità di costruire attorno a sé una factory o, meglio, una famiglia in grado di seguirlo di set in set, senza abbandonarlo mai.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Dedicato a…

    Il cinema di Aki Kaurismäki, pur così riconoscibile e dotato di un immaginario difficile da confondere con altro, non nasce certo dal nulla. Quali sono i riferimenti culturali - cinematografici, certo, ma non solo - del regista finlandese? E in che modo questa comunione d'amorosi sensi prende corpo sullo schermo?
  • Saggi

    Elegia della fuga – Kaurismäki/Jarmusch: come in uno specchio

    Tra Orimattila e Akron, nell'Ohio, corre una distanza di quasi settemila chilometri. Una distanza completamente annullata dall'esperienza autoriale di Kaurismäki e di Jim Jarmusch, che sembrano protesi in un infinito dialogo a distanza tra pellicole.
  • Saggi

    Elegia della fuga – Per un cinema europeo

    Cos'è l'Europa per Aki Kaurismäki? Quale volto e ruolo assume il Vecchio Continente nelle pieghe del cinema del regista finlandese? E in prospettiva quali sono le utopie, se esistono ancora, rintracciabili nel suo sguardo prospettico?
  • Saggi

    Elegia della fuga – La fine (?)

    In quale direzione si muoverà d'ora in avanti il cinema di Aki Kaurismäki? Quale storie lo interesseranno maggiormente, e perché? Anche l'incontro con uno dei più importanti autori europei degli ultimi decenni volge al termine...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento