Visages villages

Visages villages

di ,

Agnès Varda continua il suo personale e ogni volta sorprendente e commovente viaggio nella vita/cinema, stavolta in co-regia con l’artista visuale JR: Visages villages, fuori concorso a Cannes 2017.

Jours de Francinema

Agnès Varda et JR hanno dei punti in comune, in particolare la passione per le immagini e per il modo di fotografare luoghi e persone, soprattutto volti. Agnès ha scelto il cinema. JR ha scelto di creare gallerie di fotografie en plein air. I due si conoscono nel 2015 e decidono di fare un film insieme. [sinossi]

Quando ogni anno a Cannes si viene presi dalla disperazione rispetto al cinema del presente, rispetto alle confusionarie e finto-sperimentali riflessioni sull’immagine che imperano nel contemporaneo (ultima in ordine di tempo Jupiter’s Moon), ecco che ogni volta si trova un’ancora di salvezza. Che non può che venire dalla Nouvelle vague, e da quello che ne è rimasto. Una ‘nuova onda’ che ha l’imperitura caratteristica di essere per l’appunto sempre nuova e spiazzante, molto più di quel che viene presentato come ‘innovativo’.
Sono, queste, riflessioni che è inevitabile fare davanti al nuovo piccolo geniale film di Agnès Varda, presentato fuori concorso qui alla Croisette. Visages villages, che è co-diretto con l’artista visuale JR, è un viaggio malinconico e gioioso lunga la Francia di provincia, la Francia post-novecentesca che ha perduto i suoi tratti distintivi: una miniera abbandonata, un “campo di concentramento” per capre che vengono private di corna, un enorme appezzamento di terreno che viene coltivato da un’unica persona grazie all’ausilio della tecnologia.
È la Francia sparita quella che la Varda e JR, protagonisti assoluti di questo film-saggio cronachistico, intimo e sociale, percorrono e ‘impressionano’ con la videocamera e con la macchinetta fotografica. E di cui poi fanno dono alla popolazione con murales fotografici, che sono il marchio di fabbrica del giovane artista JR.

Ma Visages villages, che nel suo percorso nella Francia dimenticata ricorda – sia pur su un piano diverso – Jours de France di Jérôme Reybaud, presentato alla scorsa edizione della Settimana della Critica, è anche molto altro: è innanzitutto un mélange inestricabile di cinema e vita – come sempre nel cinema della Varda e, più in generale, nella Nouvelle vague – in cui si ragiona sulla vecchiaia, la malattia, la morte, ma anche l’amicizia.
Visages villages – questo gioco di parole puramente godardiano – infatti mette in scena prima di tutto la curiosa amicizia tra l’anziana Varda e il giovane JR (è lui che ha cercato lei e che ha voluto incontrarla), e lo fa con grande ironia: JR prende spesso affettuosamente in giro la Varda, e lei – nel suo ruolo di saggia vecchia/bambina – lo lascia fare.
I due si confrontano costantemente su come procedere nel film, su dove andare a viaggiare, su quali luoghi, volti e foto ragionare, costruendo così un discorso meta-cinematografico allo stesso tempo stratificato e semplice, immediato e ‘abissale’. Una mise en abyme che viene citata dalla stessa Varda, per un discorso concettuale che per l’appunto non si nasconde in simbolismi oscuri ma si palesa nella sua auto-evidenza. E infatti il disvelamento della piena consapevolezza del discorso lo si ha in un momento che è anche il più commovente del film: la Varda insiste per mettere la foto di un suo amico scomparso sulla parete di una vecchia rovina nazista della Seconda Guerra Mondiale, fatta cadere da un promontorio e conficcatasi sulla spiaggia, come un meteorite, un ricordo incancellabile e ‘scomposto’ di un passato doloroso; è lì che chiede che venga fatta questa operazione di mise en abyme (la foto, risalente a cinquant’anni prima dell’amico, tra altre rovine), ed è lì che, amaramente, deve constatare come, soltanto il giorno dopo, l’opera sia sparita, cancellata dalla forza oscura del mare. Le immagini durano per poco, ci dicono Varda/JR, ma durano comunque sempre più dei corpi e della loro caducità. E se poi le immagini muoiono, è il cinema a restare.

Un cinema che viene continuamente citato ed evocato, a partire dalla malattia agli occhi di cui soffre l’ottantanovenne Varda e che per questo deve fare delle iniezioni ai bulbi, secondo una modalità – come ricorda lei stessa – che non può non far venire in mente la celebre scena di Un chien andalou. Ma un cinema che, ancor di più, viene evocato perché la Varda stessa è cinema, vedova di Jacques Demy e amica – un tempo – carissima di Jean-Luc Godard. Così, nel finale lei e JR vanno a trovare l’isolato e burbero maestro, l’autore ormai inaccessibile ai più. Godard non si manifesta ovviamente, ma lascia scritta sul vetro una frase crudele e auto-citazionista (perfettamente nel suo stile) che fa piangere la Varda. Lei impreca contro di lui, ma non può fare a meno di ammirare anche quel gesto feroce: anche quello è cinema. Anche quella è vita…

Info
La scheda di Visages villages sul sito del Festival di Cannes.
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-1.jpg
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-2.jpg
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-3.jpg
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-4.jpg
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-5.jpg
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-6.jpg
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-7.jpg
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-8.jpg
  • visages-villages-2017-agnès-varda-jr-9.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2017 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2017!
  • Festival

    Cannes 2017

    Cannes 2017, come tutte le precedenti edizioni, è una bolla, una magnifica altra dimensione: ci si immerge nel buio delle sale per ore, giorni, settimane. Concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Semaine de la Critique, Quinzaine des Réalisateurs, Cannes Classics...
  • Venezia 2016

    Jours de France

    di Flânerie anti-urbana alla ricerca del ritorno ai 'fondamentali', come la geografia, il paesaggio e l'ortografia, Jours de France - film d'esordio di Jérôme Reybaud - è una riflessione sulla perdita del sé e l'annullamento nell'Altro. In concorso alla Settimana della Critica 2016.
  • Cannes 2017

    Il mio Godard

    di Godard interpretato da Garrel pontifica sulla falsità del recitare, sulla rivoluzione, sugli operai e i contadini, e ovviamente sul cinema. È Il mio Godard di Michel Hazanavicius, sbalestrato e reazionario sguardo sul padre della nouvelle vague. Incredibile ma vero, in concorso a Cannes 2017.
  • Cannes 2017

    Napalm

    di Non più l'Olocausto, ma la Corea del Nord. Claude Lanzmann in Napalm, fuori concorso al Festival di Cannes, cambia radicalmente l'oggetto del suo discorso per costruire una rêverie proustiana e quasi scollacciata: il suo passato amore per un'infermiera nordcoreana.
  • Festival

    Il Cinema Ritrovato 2017

    Dal 24 giugno al 2 luglio. Tra i titoli della 31esima edizione, Johnny Guitar, L'Atalante, Le catene della colpa, Lo squadrone bianco, La corazzata Potemkin, Becoming Cary Grant, Visages Villages...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento