Good Time

Good Time

di ,

Torna il manierismo poetico di Ben e Joshua Safdie con Good Time rocambolesca e incessante avventura urbana tra umane miserie e altruismo, truffe e affetti familiari. In concorso a Cannes 2017.

There’s someone in my head, but it’s not me

Una rapina andata alla malora… Connnie riesce a fuggire ma suo fratello Nick viene arrestato. Mentre Connie cerca di mettere insieme i soldi della cauzione per liberare il fratello, gli si offre un’altra opzione: farlo evadere. Dai bassifondi di New York ha inizio una lunga notte adrenalinica… [sinossi]

Manieristi con l’anima. Sono così i fratelli Ben e Joshua Safdie, paladini del nuovo indie americano, alacri rielaboratori di un immaginario che discende dal cinema anni ’70, cinefili e cinefagi, ma mai distanti dai loro personaggi. Dopo Heaven Knows What, rielaborazione fictionale costruita par calzare a pennello sul reale personaggio di una junkie newyorkese, i due fratelli approdano ora in concorso a Cannes 2017 con Good Time.

Protagonista è uno stralunato e multiforme Robert Pattinson, nei panni di un rapinatore di banche che, dopo l’arresto del suo sodale e fratello Nick, incarnato dallo stesso Ben Safdie, fa di tutto per racimolare il denaro per la cauzione, lanciandosi in una rocambolesca notte newyorkese, tra neon lampeggianti, drugstore, ospedali e appartamenti di sconosciuti. Quasi corpo plastico dedito ad uno slapstick acrobatico, Connie, questo il nome del personaggio incarnato da Pattinson, è energia allo stato puro, gratuita e senza obiettivi, a parte forse ricongiungersi col fratello per fuggire insieme in Virginia. Quanto a quest’ultimo, Nick è l’erede di una lunga serie di personaggi classici della letteratura e del cinema americani, che dal Benjy Compson de L’urlo e il furore di Faulkner, passa per il Lennie Small di Uomini e Topi di Steinbeck e arriva fino al Forrest Gump di Zemeckis. Come loro, Nick è affetto da un ritardo mentale che, come scopriamo nell’iniziale dialogo con un assistente sociale, gli consente di assimilare solo elementi semplici del linguaggio, mentre proverbi e aforismi gli risultano incomprensibili. Proprio come Nick, che non a caso è incarnato da uno due registi, anche Good Time è intermittente, fieramente balbuziente e dadaista, mescola elementi del poliziesco anni ’70 e ’80 con la presa diretta di un cinéma vérité perennemente ondeggiante ed empatico, al fianco e al seguito dei personaggi.

Connie e Nick sono gli ultimi discendenti, consumati, deprivati di ogni idealismo, dei cowboys di frontiera, dei reduci della Dust Bowl, e si ritrovano spiaggiati in una metropoli che li macina e trascina via come un fiume in piena. Si respirano in Good Time echi del Fuori Orario di Scorsese, di Tutto in una notte di Landis, del miglior cinema di Shatzberg e del troppo spesso dimenticato Straight Time (Vigilato speciale) di Ulu Grosbard. “There’s someone in my head, but it’s not me” cantavano i Pink Floyd in Brain Damage, ed è un po’ così il cinema dei Safdie, ha dentro molto altro cinema e relativi autori e ne va fiero, rivendica il suo immaginario, come il suo essere geneticamente già “danneggiato”, ma senza rimpiangere troppo quell’innocenza primigenia che forse non è mai esistita.

Eppure Good Time è un film pieno di rimpianto, che esplode tutto sul finale e prosegue nel corso dei titoli di coda su scena, sovvenzionato dalla splendida ballata cantata da Iggy Pop, mentre si compie sotto i nostri occhi un destino che è più forte e più folle anche dell’irrazionalità. E in questa esplosione drammatica durissima si rivela lo sguardo dei Safdie, critico e privo di speranza nei confronti di un’America che ha perduto il contatto con le proprie radici e preferisce far pascolare i suoi cittadini indicandogli a gran voce dove dirigersi e perché. Ma per fortuna il cinema dei Safdie non rientra in questa forma di omologazione, prosegue la sua ribellione guardando indietro, perché è la memoria l’unica cosa per cui vale la pena di lottare. Per il futuro invece no, al massimo si potrà andare in un altrove qualsiasi – magari la Virginia vagheggiata dai personaggi del film –, ma il futuro non c’è.

Info
Il trailer di Good Time.
La scheda del film sul sito del Festival di Cannes 2017.
  • good-time-2017-joshua-safdie-ben-safdie-01.jpg
  • good-time-2017-joshua-safdie-ben-safdie-02.jpg
  • good-time-2017-joshua-safdie-ben-safdie-03.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2017 – Minuto per minuto

    Approdiamo sulla Croisette e arriva con noi il tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2017!
  • Festival

    Cannes 2017

    Cannes 2017, come tutte le precedenti edizioni, è una bolla, una magnifica altra dimensione: ci si immerge nel buio delle sale per ore, giorni, settimane. Concorso, fuori concorso, Un Certain Regard, Semaine de la Critique, Quinzaine des Réalisateurs, Cannes Classics...
  • Festival

    Festival di Cannes 2017 – Presentazione

    Al via Cannes 2017: dal 17 al 28 maggio, da Les Fantômes d'Ismaël di Desplechin fino alla Palma d'oro. Due settimane di cinema, di mercato, di prospettive. Cannes 70 è l'edizione di Netflix, di Twin Peaks, del piccolo (grande) schermo, del cinema del e nel futuro.
  • Venezia 2014

    Heaven Knows What

    di , Gli enfant prodige del nuovo cinema indie newyorkese Ben e Joshua Safdie portano in Orizzonti a Venezia 2014 una storia di tossicodipendenza e amour fou, disperata e palpitante.
  • In Sala

    Civiltà perduta

    di Gray riconduce idealmente il cinema nella sua Shangri-La, restituendo alla pellicola, allo schermo, al buio e ai miracolosi fasci di luce della sala quella magia che diventava palpabile, che prendeva vita, che resisteva al tempo.
  • Cannes 2017

    You Were Never Really Here

    di Ultimo titolo in concorso a Cannes 2017, You Were Never Really Here rinnova le ambizioni estetiche e narrative di Lynne Ramsay, che scompone ed enfatizza sistematicamente script e immagini per creare un puzzle psicoanalitico, pericolosamente estetizzante.
  • In Sala

    L’infanzia di un capo

    di Opera prima dell'attore statunitense Brady Corbet, ambiziosa e insolita, a tratti straniante, L'infanzia di un capo (The Childhood of a Leader) approda nelle sale italiane due anni dopo la presentazione a Venezia.
  • Festival

    Locarno 2017

    Dal 2 al 12 agosto, la 70esima edizione del Locarno Film Festival, per la quinta volta sotto la guida di Carlo Chatrian. Il concorso, la Piazza Grande, la retrospettiva dedicata a Jacques Tourneur: tutti i nostri articoli.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento