Uscite in sala 08 giugno 2017

Uscite in sala 08 giugno 2017

Non fosse per Sieranevada, l’eccellente film di Cristi Puiu che raggiunge le sale oltre un anno dopo la presenza nel concorso di Cannes, questa settimana sarebbe da riservare a gite fuori porta, grattachecche serali e un po’ di sole in spiaggia. Perché tra mummie, spose israeliane alla ricerca di mariti chassidici e padri arrivisti che riscoprono gli affetti familiari non si sa davvero dove è meglio sbattere la testa…

 

SIERANEVADA
di Cristi Puiu

Lasciate perdere tutto il resto (cinematograficamente parlando): il film di Cristi Puiu non conferma solo la statura autoriale di uno dei grandi nomi del cinema rumeno del terzo millennio, ma è anche uno dei titoli migliori del 2016 – da noi esce a poco più di un anno di distanza dalla proiezione sulla Croisette. Maestria nella messa in scena, con labirintico e asfissiante uso del piano-sequenza, finissima scrittura dei dialoghi e dei grandi interpreti. Si può chiedere di più? Non perdetelo.

Tre giorni dopo l’attentato contro la redazione di Charlie Hebdo e a quaranta dalla morte di suo padre, Lary – 40 anni, medico – va a trascorrere un sabato in seno alla famiglia riunita per commemorare il caro estinto. Ma non tutto andrà come previsto. Costretto ad affrontare le proprie paure e il suo passato e a riconsiderare il posto che occupa all’interno del nucleo familiare, Lary sarà spinto a dire la sua parte di verità… [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

SOGNARE È VIVERE
di Natalie Portman

Non si possono negare alla Portman né le ambizioni nel racconto né la volontà di mettersi in gioco come “autrice” a tutto tondo… Ciò che viene meno, in questo suo esordio come regista, è invece la maturità necessaria per affrontare una materia delicata come quella che prende corpo in scena senza cadere nella retorica, in alcune scelte davvero troppo facili. Resta, nonostante tutto, uno dei pochi film “solo” mediocri della settimana…

All’indomani della Seconda Guerra Mondiale, il giovanissimo Amos cresce a Gerusalemme, dopo che i genitori si sono stabiliti in Palestina per sfuggire alle persecuzioni naziste. Agli entusiasmi del padre Arieh, intellettuale idealista, per il neonato stato di Israele, risponde lo scetticismo della madre Fania, perennemente insoddisfatta e portata ad inventare storie fantastiche che rapiscono da subito il ragazzino… [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

MARIA PER ROMA
di Karen Di Porto

Viene da difendere anche questo piccolo film di Karen Di Porto, che pecca sotto tantissimi punti di vista ma cerca di trovare le proprie coordinate di racconto attraverso un’umanità sincera e non (troppo) standardizzata. Un’opera fragile e ingenua, ma che lascia intravvedere qualche piccolo lampo per il futuro. Chissà…

La giornata, dalle prime ore del mattino alla notte, di Maria, una donna confusa ma al contempo dinamica che insegue la sua carriera di attrice perdendosi però nel quotidiano romano. Un quotidiano che ruota intorno a quella che sembra l’unica fonte di sostentamento della città eterna: il turismo. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

LA MUMMIA
di Alex Kurtzman

Di lampi non se ne vedono invece in questo ipertrofico pastrocchio che vorrebbe riportare in vita (in tutti i sensi) il mito della mummia e sprofonda nelle sabbie mobili di un gigantismo produttivo del tutto privo di senso, e di basi. Maldestro, mal scritto e difficile da digerire. Evitate.

Nick Morton, militare che arrotonda il proprio stipendio rubando e rivedendo antichità sul mercato nero, rinviene casualmente in Iraq un’antica tomba, che sembra essere appartenuta a una principessa dell’antico Egitto. Ciò che l’uomo ignora di aver risvegliato una creatura malvagia, spezzando la maledizione che oltre 2000 anni fa le aveva impedito di gettare il mondo nelle tenebre… [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

QUANDO UN PADRE
di Mark Williams

La melassa rende indigeribile anche questo mélo familiare in cui tutto, ma proprio tutto, è di una prevedibilità ai limiti dell’insopportabile. La storia dello squalo sul lavoro che si pente riscoprendo i valori della famiglia perché uno dei suoi bimbi ha la leucemia è cinema del dolore così squallido, insensato e privo di finezze da lasciare basiti.

Il “cacciatore di teste” Dane Jensen pensa che il modo migliore per prendersi cura della propria famiglia sia guadagnare più denaro possibile. Perciò si lancia anima e corpo nel lavoro, rinunciando alla sua etica in nome del guadagno economico e al tempo di qualità con moglie e figli in nome di una carriera in ascesa. A poco a poco si aliena dal nucleo familiare, incapace di instaurare una connessione emotiva con i figli, fino a quando il maggiore, Ryan, di dieci anni, non si ammala gravemente. Il ribaltamento dei valori che ne consegue getterà Dane in una crisi profonda. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

UN APPUNTAMENTO PER LA SPOSA
di Rama Burshtein

Ancor più preoccupante però il pessimo film della Burshtein, già visto a Venezia lo scorso anno (in Orizzonti!!!) e oggi anche in sala – con parecchi mesi di ritardo dall’uscita prevista… Una commedia sentimentale diretta con sciatteria, scritta senza verve e per di più affossata da uno sguardo conservatore e reazionario che sovrasta ogni dettaglio. Meglio perderlo che trovarlo. Se poi si considera che (parlando di cinema israeliano) una meraviglia come Rabin, the Last Day di Amos Gitai non arriverà probabilmente mai in Italia, ci si chiede quale sia il disegno delle case di distribuzione che dovrebbero difendere la “qualità”…

Il film è la storia di Michal, 32 anni. Dodici anni fa ha abbracciato la fede in Dio e ora sta per sposarsi. Un mese prima del grande evento, durante i preparativi del matrimonio, il futuro sposo le confessa di non essere innamorato di lei. Michal è sconvolta, ma non vuole per nessun motivo tornare alla vita da single, piena di appuntamenti e delusioni. Anzi, vede tutto ciò un’opportunità di cambiamento e crede che sarà aiutata da Dio che è buono e dolce. Ha un mese per mettere alla prova la sua fede e realizzare il suo sogno: “Ho il luogo, il vestito, l’appartamento. Dio mi troverà sicuramente un marito!”. [sinossi] Immagine anteprima YouTube

 

Questa settimana escono anche Due uomini, quattro donne e una mucca depressa (2015) di Anna Di Francisca, Teen Star Academy (2017) di Cristian Scardigno, e da lunedì 12 giugno anche il documentario Chirurgo ribelle (2016) dell’italo-svedese Erik Gandini. Martedì 13 sarà invece la volta di Sword Art Online: Ordinal Scale – The Movie di Tomohiko Ito. Buona visione!

Info
Il sito ufficiale de La mummia.

Articoli correlati

  • Notizie

    Uscite in sala 01 giugno 2017

    Come d'abitudine con i primi caldi la distribuzione cinematografica si prepara alle vacanze; così, accanto agli insipidi blockbuster Wonder Woman e Baywatch, da segnalare solo l'ottimo Une vie di Stéphane Brizé, e l'esordio di Andrea De Sica...
  • Notizie

    Uscite in sala 18 maggio 2017

    Mentre l'attenzione degli addetti ai lavori e degli appassionati è interamente rivolta alla "montée des marches" sulla Croisette, in sala arrivano il nuovo film di Juan Antonio Bayona, il thriller politico Get Out e due degli italiani selezionati proprio a Cannes...
  • Notizie

    Uscite in sala 11 maggio 2017

    La settimana è inevitabilmente focalizzata sui nuovi film di Terrence Malick e Ridley Scott, che come è prevedibile divideranno tanto la critica quanto il pubblico; ma in sala arrivano anche un dramma israeliano sull'elaborazione del lutto e il nuovo film di Francesco Bruni.
  • Notizie

    Uscite in sala 15 giugno 2017

    Il caldo dà alla testa, e a uscirne con le ossa mezze rotte è anche la distribuzione in sala: è tempo solo per il discusso thriller Nerve, il panorama marsigliese di Corniche Kennedy, la rilettura di un romanzo di Nikolai Leskov, e poco poco poco altro.
  • Notizie

    Uscite in sala 29 giugno 2017

    Il "mostro gigante" per eccellenza ritorna in patria e incredibile ma vero arriva addirittura in Italia, anche se solo per tre giorni, a partire da lunedì. Questa è la notizia più importante della settimana, insieme all'uscita de L'infanzia di un capo e ai film di Max Ophüls...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento